Fotocamere consigliate: bridge & superzoom

Le superzoom sul mercato hanno caratteristiche abbastanza simili, tranne qualche eccezione. Obiettivi zoom con escursione estremamente ampia, mirino elettronico e corpo simile alle reflex, anche se in dimensioni ridotte. Consentono di fare buone foto in condizioni di luce favorevoli. Sono di facile uso ed è divertente usarle.
Perchè però una superzoom quando per lo stesso prezzo o per pochi euro in più è possibile acquistare una reflex entry level? In realtà ci sono alcuni motivi per preferire una superzoom per una certa fascia di utenza.
Le superzoom attuali , pur avendo migliorato la loro qualità non possono essere paragonate ancora ad una DSLR per tanti motivi che conosciamo.
L’acquisto di una reflex presuppone però un certo interesse per la fotografia, con la voglia di crescere e migliorarsi. Si può anche incominciare solo con un obiettivo zoom ad ampia escursione e scattare in totale automatismo, ma poi deve venire la voglia di sperimentare qualcosa di più.
Se però non si è esperti di fotografia e si vuole ottenere solo delle buone foto di famiglia, di amici o di viaggio, in buone condizioni di luce, senza porsi troppi problemi e superando i limiti della compattina tascabile da 3x allora una superzoom è la risposta giusta.
Ci sono alcuni fattori a loro favore: prima di tutto hanno l’aspetto di una macchina fotografica “seria” e quasi professionale e questo aumenta il prestigio e la credibilità del fotografo che le usa. Poi consentono riprese con una grande varietà di focali, dal grandangolo al supertele, senza porsi problemi di quale ottica scegliere. Offrono comunque una discreta rapidità di operazione e di scatto, anche se non al livello delle reflex, e una discreta qualità di immagine. Il loro costo non è troppo elevato: una volta acquistata la fotocamera non si devono spendere altri soldi per un corredo di obiettivi. Con uno zoom 24x o 35x, come molte superzoom oggi offrono, si possono affrontare con sufficiente confidenza quasi tutti i tipi di riprese. Sono anche facili da usare: chi non è esperto può usarle in program (questo vale però anche per le reflez) e non è intimorito da tutte le possibilità offerte. Poi facendo esperienza è possibile incomincire ad usarle con impostazioni diverse e se si diventa veramente appassionati di fotografia si potrà fare il passo successivo alla reflex. Rispetto alle compatte offrono numerosi vantaggi: oltre all’ovvia maggior escursione dell’obiettivo, possono esser impugnate meglio e in modo più stabile grazie alla loro forma, simile a quella delle DSLR, inquadrando con il mirino elettronico. Sono quindi molto comode ed utili in viaggio. In condizioni di forte luminosità, ma non solo, è possibile usare il mirino elettronico per vedere bene ciò che si inquadra invece dello schermo a cui costringono le compatte.

Devo infine precisare, per evitare equivoci, che il fatto che una fotocamera sia sconsigliata non significa che sia di cattiva qualità . La valutazione è basata sulle caratteristiche, funzioni e qualità d’immagine offerte in rapporto al prezzo ed alla concorrenza.
Le fotocamere non elencate invece vuol dire che non presentano particolari pregi o caratterisstiche di spicco rispetto alle altre offerte.
Tutti i prezzi indicati sono stati rilevati il 2/11/2010 su siti italiani. Periodicamente cercherò di aggiornarli.

Superzoom – Per chi vuol foto ricordo

Ho analizzato quanto offre il mercato per individuare quali siano le migliori e più consigliabili. Mi sono limitato naturalmente a quelle di ultima generazione, presentate nel corso del 2010. Si tratta di fotocamere con risoluzione elevata, 10-14 Mpx e con zoom da 24 a 35x.
La maggior parte delle superzoom si concentra nella fascia di prezzo da 300 a 400 €. Ci sono però alcune eccezioni sia verso l’alto, con caratteristiche particolari, sia verso il basso.
Non ho considerato in questo articolo le superzoom senza mirino che secondo me fanno parte della categoria delle compatte e che tratterò in uno successivo.
Le caratteristiche importanti da considerare nella scelte sono: escursione focale dello zoom, megapixel, anche se tutte vanno dai 10 ai 14, possibilità di salvare le foto in RAW, funzione video, schermo orientabile, ingombro e peso. Tutto naturalmente rapportato al prezzo. La stabilizzazione non è un problema perchè ce l’hanno tutte, ottica o sul sensore (quella elettronica è invece una presa in giro perchè significa solo che la fotocamera aumenta gli Iso per non far scendere troppo il tempo di scatto). Tutte hanno la possibilità di esposizione automatica, con priorità a tempi o diaframmi e manuale e la possibilità di messa a fuoco manuale.

    
Fotocamere consigliate:

Panasonic Lumix DMC-FZ100

E’ l’ultima superzoom di Panasonic. Ha un sensore CMOS da 14 Mpx, un ottimo obiettivo Leica Vario-Elmarit 24x equivalente ad un 25-600 mm, di elevata qualità, un sistema di stabilizzazione Power O.I.S. di capacità doppia del precedente Mega O.I.S., l’autofocus più veloce della categoria, un elaboratore Venus FHD che velocizza tutte le operazioni e consente una efficace soppressione del rumore, anche questa una delle migliori fra le superzoom, sensibilità fino a 1600 Iso (più un’estensione fino a 6400) in modalità Auto o manuale, possibilità di salvare le foto in formato RAW, molto importante per migliorare la qualità delle foto e una raffica di 10 fg/s. Ha la slitta portaflash per un flash esterno oltre a quello incorporato (abbastanza rara per la categoria). Ha inoltre la possibilità di registrare video Full HD 1080 (1920×1080 pixel) in formato AVCHD che consente risparmio di spazio ed una migliore qualità ,o Mjpeg. Ha inoltre un pulsante video dedicato, uno schermo da 3″ con 460.000 pixel orientabile in tutte le direzioni e dimensioni e peso abbastanza ridotti (124x82x92 mm, 540 grammi). Il suo prezzo è di circa 450 €.
La qualità delle foto è buona fino a 400 Iso, oltre si perdono molti dettagli a causa della riduzione di rumore. Per migliorare le foto alle alte sensibilità è necessario salvare le foto in raw.
In conclusione è una delle scelte più consigliabili.

   
Canon PowerShot SX30 IS

Riprende le caratteristiche della precedente SX20 migliorandole in diversi punti. Monta un sensore CCD da 14 Mpx, un obiettivo zoom 35x equivalente ad un 24-840 mm, il più esteso fra le superzoom, stabilizzatore ottico, una buona velocità dell’autofocus e un buon controllo del rumore alle alte sensibilità. La sensibilità arriva fino a 1600 Iso. La velocità di raffica è però molto bassa, solo 0,6 fg/s, in confronto alle concorrenti con sensore CMOS. Lo schermo da 2,7″ e soli 230.000 pixel è però orientabile in tutte le direzioni, molto comodo per inquadrature da angolazioni inusuali (dal basso, sopra la testa) e per riprese video. Ha la possibilità di riprendere video HD 720p (1280×720 30 fg/s), slitta portaflash per un flash esterno oltre a quello incorporato, un pulsante video dedicato. L’alimentazione è però adesso con una batteria agli ioni di litio dedicata. Le dimensioni sono medie (123x92x108), ma il peso elevato (600 g). Il suo prezzo è di circa 420 €.
La qualità delle foto è buona fino a 400 Iso, oltre come al solito si perdono i dettagli a causa della riduzione di rumore, anche se qualcosa si può recuperare con una leggera maschera di contrasto-
In conclusione un buon compromesso fra le varie caratteristiche molto consigliabile.

   
     

Alternative:

Panasonic Lumix DMC-FZ45

E’ l’ultima erede di una lunga serie di superzoom, fra cui FZ28 e FZ38, sempre posizionate ai primi posti della categoria.
Differisce dalla FZ100 per il sensore CCD invece che CMOS sempre da 14 Mpx. L’obiettivo è lo stesso ottimo Leica Vario-Elmarit 24x equivalente ad un 25-600 mm, di elevata qualità. Lo stabilizzatore Power O.I.S. ha una  capacità doppia del precedente Mega O.I.S., l’autofocus è veloce, la sensibilità arriva fino a 1600 Iso(più un’estensione fino a 6400)) in modalità Auto o manuale: Anche qui c’è la possibilità di salvare le foto in formato RAW, molto importante per migliorare la qualità delle foto, mentre la raffica arriva solo a 1,8 fg/s. Non c’è la slitta portaflash. La registrazione video è HD 720p (1280×720 pixel) in formato AVCHD che consente risparmio di spazio ed una migliore qualità, o Mjpeg. Ha inoltre un pulsante video dedicato, uno schermo da 2,7″ con 230.000 pixel non orientabile. Le dimensioni e il peso abbastanza ridotti (120x80x92 mm, 494 grammi). Il suo prezzo è di circa 330 €.
In conclusione è una scelta consigliabile per chi vuole una buona superzoom senza spendere troppo.

  
Sconsigliate:

Fuji HS10
 
   
La superzoom Fuji sulla carta sembra la fotocamera ideale.
Sensore retroilluminato (per migliorare teoricamente la qualità alle alte sensibilità) da 10 Mpx, obiettivo zoom 30x da 24 a 720 mm equivalente, zoom a comando manuale, schermo da 3″ (solo 230.000 pixel però) orientabile, raffica fino a 10 fg/s, ripresa video Full HD 1080 (1920×1080 pixel) e ad alta velocità fino a 1000 fg/s (a dimensioni ridotte), sensibilità fino a 6400 Iso, possibilità di salvare le foto in raw, slitta per flash esterni, alimentazione con batterie a stilo AA, aspetto e consistenza da reflex (131x91x126 mm, 666 grammi). Costa circa 360 €.
Peccato che la qualità delle foto poi non corrisponda a tanto, con immagini in cui già dalle medie sensibilità il dettaglio è eliminato dalla soppressione di rumore e i contorni troppo esaltati dallo sharpening fino a farle diventare poco piacevoli. Alle alte sensibilità poi i colori sono appiattiti sempre dalla soppressione di rumore che cerca di eliminare le macchie colorate che appaiono salvado e convertendo le foto da raw. Evidentemente il sensore retroilluminato non raggiunge il suo scopo.

  
Nikon Coolpix P100
    
La P100 ha uno zoom con escurione focale 26x equivalente ad un 26-678 mm. Il sensore CMOS retroilluminato ha 10 Mpx e la stabilizzazione è sull’obiettivo.  La sensibilità varia da 100 a 3200 Iso, ma solo in automatico, non la si può regolare manualmente e questo è un grosso limite, visto che se è impostata troppo alta la qualità dell’immagine peggiora.
I filmati sono Full HD (1920×1080 pixel) lo schermo da 3″ con 460.000 pixel è orientabile, molto comodo per inquadrature da angolazioni inusuali (dal basso, sopra la testa) e per riprese video.. Le dimensioni sono contenute (114x83x99) ed il peso medio (481 g). Il prezzo di circa 335 €.
Anche qui il sensore retroilluminato non da grandi benefici

297 pensieri riguardo “Fotocamere consigliate: bridge & superzoom”

  1. Ciao Francesco, quando avrai la possibilità e un pò di tempo, mi farebbe piacere se mi spiegassi ciò che per me è un vero e proprio mistero irrisolto!!! Molto spesso, se non addirittura sempre; telefonini con fotocamere a 5 megapixel o persino 3 megapixel come ad esempio Nokia o Samsung, scattano foto meravigliose e con colori a dir poco fedelissimi ai paesaggi originali. Foto talmente belle e nitide, da superare nettamente immagini scattate da fotocamere compatte di centinaia d’euro con obiettivi sicuramente più grandi e sensori notevolmente maggiori rispetto a quelli infinitesimali dei telefonini. Sembra un’assurdità ma penso che come me, tantissime altre persone si saranno poste questo annoso interrogativo. Ti ringrazio sempre della tua disponibilità, professionalità e solerzia.
    Renato

    "Mi piace"

    1. Renato,
      dubito fortemente della realtà di quanto dici. Se ciò fosse così sarebbe un miracolo e negli ultimi due millenni i miracoli sembra che li abbia fatti uno solo insieme a qualche santo.
      Chi fotografa con un cellulare ovviamente non ha alcuna esperienza fotografica, vede una foto decente (si possono fare) e gli sembra meravigliosa.
      Tecnicamente parlando invece per esaltare i colori, cosa che impressiona il pubblico, non c’è problema, basta esaltare le curve nella conversione raw-jpeg all’interno dell’apparecchio, ed è questo quello che fanno i cellulari e le compatte economiche. Per la nitidezza questa è apparente perchè tutto è a fuoco vista la piccolezza del sensore e la cortissima focale dell’obiettivo. Ma le foto non hanno dettaglio e non reggono ad una seria analisi.
      Ciao, Francesco

      "Mi piace"

      1. Concordo Francesco in tutto.
        Io ho un cellulare della nokia con una fotocamera da 5 megapixel con funzione macro (faccio soprattutto foto a fiori e ad insetti) che a volte uso quando non ho con me la mia macchina fotografica digitale (una Canon Powershot A650 con 12 megapixel).
        Certo, le foto che fa ai primi piani non sono così malvage, però la differenza con le foto fatte con la mia canon, si vede tutta, soprattutto per foto con soggetti un po’ più distanti dei primi piani.
        In questo caso le foto prodotte vedi chiaramente che non sono così nitide a differenza della canon, ma sembrano come se uno le avesse fatte usando lo zoom digitale.
        Inoltre a parità di iso, le foto del cellulare sono un po’ più rumorose.
        Inoltre spesso, tende a sovraesporre l’immagine.
        Ovviamente rispetto al cellulare che avevo prima che faceva foto a 640X480 di pessima qualità, questo che ho adesso al suo confronto è di ottima qualità, ma comunque non siamo ancora al livello delle fotocamere compatte più avanzate.

        "Mi piace"

    2. Ciao Francesco, io faccio gare di windsurf e la mia ragazza vorrebbe una bridge sia per fare foto a me in azione( da circa 50 metri e più) sia per le foto di panorami e piccoli dettagli come insetti fiori ecc.
      Stavo comprando la FZ100 ma uno dei miei fotografi me lo ha sconsigliato dicendo che se la luce non è perfetta non è molto stabile e quindi renderebbe meglio la FZ45( che per me è troppo lenta come tempo di scatto). Ora mi dice che però ne è uscita una della Sony HX100V che può fare al caso mio( tralasciando le convenienze di prezzo…).
      Grazie mille,
      Ciao,
      Andrea

      "Mi piace"

      1. Andrea,
        il fotografo in questione ha fatto bene a sconsigliarti la FZ100, ma ha dato motivazioni assurde ed è evidente che non avendola voleva venderti invece la FZ45 che aveva disponibile.
        Cosa vuol dire “se la luce non è perfetta non è molto stabile “?
        In realtà sia la FZ100 che la FZ45 non sono assolutamente adatte a riprese sportive, specialmente di soggetti in movimento veloce, a causa della lentezza dell’autofocus e operativa. Dal momento in cui si preme il pulsante di scatto a quello in cui viene ripresa la foto passa un tempo tale per cui l’azione è sicuramente cambiata. Nei casi peggiori il soggetto è sfocato. Questo vale anche per la Sony HX100V e per tutte le bridge.
        La fotocamera più adatta è una reflex con un telezoom adeguato. Puoi vedere la Canon 1100D o la Nikon D3100 entrambe con l’obiettivo 18-55 in kit a cui poi aggiungere un 70-300 Tamron. La spesa totale potrebbe essere contenuta in circa 600 €.
        Ciao, Francesco

        "Mi piace"

  2. Ciao Francesco,
    mi ero ripromesso di essere più originale ma è il mio primo posto e non posso proprio esimermi dal farti i complimenti per le competenze e l’esperienza che ci metti altruisticamente a disposizione!
    Ho cominciato a fare foto con una reflex Zenit (di quelle totalmente meccaniche, con l’otturatore ‘a tendina’, dove l’esposizione era una questione di “esperienza”!). Stranamente poi per anni mi sono accontentato di una Canon Powershot A40 mentre, recentemente, mi sono imbattuto nel soggetto più difficile che si possa immaginare, mio figlio di 2 anni, che non sta fermo neanche quando dorme, e mi sono finalmente deciso a passare a qualcosa di più performante. Con l’occasione non mi dispiacerebbe misurarmi ancora con le regolazioni manuali per riprovare l’ebbrezza e la soddisfazione di regolare la profondità di campo o ottenere soggetti fermi e in movimento giocando con i tempi d’esposizione e l’apertura del diaframma: con una di queste macchine (DMC-FZ100, SX30 IS e DMC-FZ45) è possibile ottenere questo risultato o l’unica alternativa è una reflex digitale?

    Grazie 1000!

    "Mi piace"

    1. Giovanni, con la Zenit scommetto che scattavi in bianconero. Questa pellicola è molto tollerante nei confronti dell’esposizione e si potevano compensare con opportuno sviluppo (Rodinal, Ilfosol) anche differenze di due-tre stop senza problemi. Con il colore ed ancor più col digitale questo no è possibile, a meno di salvare in raw e di correggere in fase di conversione l’esposizione. Segui quindi le indicazioni dell’esposimetro usando il Program oppure le modalità A o S ed eventualmente correggile se serve con l’apposito comando. Lascia perdere il manuale e l’esposizione ad occhio: la bravura di un fotografo si misura nel valore della foto che scatta, non nel misurare l’esposizione.
      Per quanto riguarda la tua esigenza di fotografare il figlio sempre in movimento le bridge non sono le più indicate a causa della loro lentezza nella messa a fuoco e nello scatto. Una reflex sarebbe molto meglio. Comunque fra quelle che indichi la FZ100 è la migliore.
      Ciao, Francesco

      "Mi piace"

      1. Grazie per la risposta e per le dritte Francesco.
        Il tuo commento in merito alla lentezza delle Bridge nella messa fuoco e nello scatto (unitamente al prezzo sorprendentemente basso di un’ottima reflex entry-level come la Canon 1000D) hanno tagliato definitivamente la testa al toro!
        D’ora in poi credo che mi rileggerai sul post che gli hai dedicato.

        "Mi piace"

  3. Dopo lunga ricerca, confortato dal tuo giudizio, ho deciso di acquistare una Panasonic Lumix DMC FZ100, ma necessito di una spiegazione circa le sigle dei modelli trovati su internet: EG K, EK, EK UE, EF K…
    Cosa significano queste sigle? Quale modello devo scegliere?
    Come avrai capito sono un neofita e spero tu possa aiutarmi.
    Grazie
    Alberto

    "Mi piace"

    1. Alberto, le varie sigle sono quelle con cui Panasonic identifica i prodotti per le diverse zone geografiche ed il colore delle macchine. E dovrebbe identificare l’Europa e anghe UE dovrebbe riferirsi all’Europa, in particolare all’unione europea. Infatti le macchine per l’unione europea devono essere differenti da quelle del resto del mondo perchè la registrazione video deve essere limitata a meno di 30 minuti continui, per evitare di pagare una tassa sui videoregistratori introdotta dalla beneamata unione per motivi protezionistici ai tempi dei videoregistratori a cassette ed ancora in vigore (sic!).
      K invece identifica il colore nero (black).
      Ciao, Francesco

      "Mi piace"

    1. Giancarlo,
      la Fuji S400 è il top delle bridge Fuji della serie S. Ha un sensore da 14 Mpx, un mirino elettronico, un obiettivo zoom 30x 24-720 mm equivalente stabilizzato, di caratteristiche simili a quello montato sulla HS20EXR, anche se con lo zoom a comando elettrico invece che manuale, e può riprendere video HD a 1280×720 pixel.
      nel complesso è una buona macchina, abbastanza economica per le sue caratteristiche.
      Ciao, Francesco

      "Mi piace"

  4. Grazie Francesco, permettimi di farti un’ulteriore richiesta di chiarimento.
    Il differente tipo di alimentazione adottato dalle varie case produttrici( batterie stilo alcaline o pila al litio) quale differenza comporta in termini di durata e praticità.
    Può essere anche questo un criterio di selezione per l’acquisto?
    Di nuovo grazie e saluti. Giancarlo

    "Mi piace"

    1. Ciao Giancarlo,
      le pile stilo sono facilmente reperibili in qualsiasi negozio e sono standard: tuttavia, a meno di prenderne di qualità ottima come le Sanyo, sono molto inferiori a quelle al litio, che hanno solitamente durata maggiore, sono più compatte e leggere a parità di prestazioni, e mantengono la carica più a lungo.

      "Mi piace"

    2. Giancarlo, le batterie al litio proprietarie hanno una maggiore capacità, quindi garantiscono una maggiore autonomia, e si ricaricano più rapidamente. Sono però costose e se si scaricano è necessario averne un’altra uguale di scorta, da acquistare dal produttore della macchina (altro business!) se si vuole continuare am fotografare.
      Le batterie a stilo AA agli idruri metallici (NiMh) hanno una capacità più ridotta e quindi la macchina avrà un’autonomia minore, ma sono poco costose e reperibili ovunque. In caso di necessità possono poi essere anche sostituite dalle normali pile alcaline usa e getta.
      Sicuramente anche questo è un criterio di scelta, ma non lo metterei ai primi posti.
      Ciao, Francesco

      "Mi piace"

  5. Leggo con interesse articoli e post qui` pubblicati e mi chiedevo se potevi darmi un aiuto nella scelta della fotocamera che voglio acquistare. Fino ad oggi usavo una compatta ma nei tanti viaggi che ho fatto negli ultimi anni, fotografando posti, paesaggi, animali e fiori ho riscoperto la passione per la fotografia. Ora mi appresto all`acquisto di una buona bridge che ritengo ottima per un primo passo importante per migliorare sostanzialmente la qualita` e la varieta` degli scatti. Attualmente sto` valutando la panasonic fz100, da te molto ben valutata e la nikon p500. Considerando che questa nuova fotocamera mi accompagnera per diversi anni e sara` il mio ingresso al mondo delle foto un po` piu` che amatoriali, quale pensi sia meglio o hai altri suggerimenti? Grazie molto.

    "Mi piace"

    1. Gian Luca,
      il mio suggerimento è il solito: piuttosto che spendere 400 € per una bridge che ti da solo un superzoom ma come qualità d’immagine è come una compatta, prendi una reflex base tipo la Canon 1100D o la Nikon D3100 o la Sony A290. Sicuramente ti darà riisultati tecnicamente migliori.
      Comunque fra FZ100 e P500 preferisco la Panasonic.
      Ciao, Francesco

      "Mi piace"

      1. Ero certo della tua risposta. Ho riflettuto su molte delle tue considerazioni in merito. Le mie valutazioni si sono basate sul fatto che per ora la qualita` delle foto che ottengo e che otterro` sono accettabili per le mie esigenze, certo che non sono nemmeno paragonabili alle reflex. La bridge di questo tipo mi permettera` di variegare pero` i miei scatti con miglior grandangolo, molto piu` zoom e via dicendo. Potro` cosi` ritrarre cose che prima non potevo. E prendere maggior confidenza con un uso meno auto e piu` manuale della fotocamera. Sono ovviamente mie valutazioni personali in attesa di vedere se questa passione mi portera` un giorno ad esigere l`eccelenza delle reflex. Grazie per i tuoi suggerimenti e complimenti per questo fantastico sito.

        "Mi piace"

  6. buongiorno Francesco,
    posseggo una CANONE EOS-500 con obiettivo 28/200, vorrei acquistare una CANON SX30/IS l’obiettivo 28/200 è compatibile con tale CANON ?
    La ringrazio e la saluto

    "Mi piace"

    1. Rosy,
      la Canon SX30IS è una macchina ad obiettivo fisso su cui non si possono sostituire gli obiettivi, quindi la risposta è no non è compatibile.
      Ma hai una reflex, anche se a pellicola, e vorresti passare ad una bridge inferiore come qualità?
      Potresti prendere, per utilizzare il tuo obiettivo, una Canon 1100D reflex, ma tieni presente che il 28-200 si comporterebbe come un 45-320 mm perdendo quindi la focale grandangolo.
      Ciao, Francesco

      "Mi piace"

  7. Cari amici, ho da qualche mese acquistato la Panasonic FZ100 e vi da alcune mie impressioni, che sono poi gli stessi commenti di Francesco:
    – ottima l’ottica Leica, anche agli elevati zoom che risultano molto comodi per fotografare da lontano; la modalità grand’angolo non è affatto male.
    – molto buona la stabilizzazione dell’immagine scattata (almeno per me), anche con lo zoom al massimo, anche se con un monopiede forse si ottengono risultati migliori;
    – molto interessante la possibilità di personalizzare completamente ogni scatto che, per uno come me che viene da una compatto, non è poco;
    – ECCEZIONALI I VIDEO FULL HD, a mio avviso la punta di diamante della macchina;
    – punto dolente, già ripetuto più volte da tutti: con poca luce la qualità scade decisamente. Se invece si scatta in pieno sole non siamo ancora al livello di una reflex, però le foto sono veramente ottime;
    – altro punto dolente già emerso: la lunghezza temporale della messa a fuoco non permette di “cogliere l’attimo” di soggetti in movimento, es: uccelli in volo. Io ho rimediato girando brevi filmati che mi soddisfano ugualmente, durante i quali si possono anche scattare foto;

    In sintesi devo dire che, per quello che mi serve, la macchina rispecchia pienamente quelle che sono le mie esigenze (foto di gite, paesaggi, monumenti, animali, ecc), anche se le ridotte dimensioni del sensore non permettono voli pindarici in presenza di poca luce. A dir la verità non ho ancora iniziato a scattare in formato RAW (lo so lo so…potevo iniziare prima). Magari scattando in RAW anche in condizioni di poca luce e sviluppando in PP le foto si ottengono buoni risultati.

    A presto

    Gianni

    "Mi piace"

  8. Gent.mo Francesco posseggo un Olympus e620 con kit di base zuiko 14.42 e 40-150.
    Io per lavoro dovrei fare foto di appartamenti e di stanze e per diletto mi piacciono paesaggi e natura. Volendo acquistare un obbiettivo luminoso che mi permetta di fotografare anche in presenza di poca luce sono indeciso tra zuiko 9-18 (mi attira perchè è leggero anche se meno luminoso)o zuiko 12 – 60 (mi attira per l’estensione ottica che consente di non cambiare obbiettivo) o il grandangolare zuiko 11-22 (che forse visto il costo ha un’estensione limitata).
    Chiedo un consiglio a un vero esperto che ringrazio in anticipo per la risposta.
    Ciao.

    "Mi piace"

    1. Iginio,
      fra gli obiettivi che ti interessano il 9-18 è buono e non troppo costoso (500 €), ma mi sembra poco luminoso per l’uso che vuoi farne. L’11-22 con la luminosità di 2,8-3,5 potrebbe andare bene e ha ancora un costo non eccessivo (700 €). Il 12-60/2,8-4,0 è sicuramente il migliore e potrebbe sostituire anche il 14-42 nell’uso generico. oltretutto ha il motore SWD ad ultrasuoni che rende la messa a fuoco più veloce. Purtropp è anche il più caro, circa 1000 €, e la focale 12 mm (24 mm equivalente) è un po lunga per le foto in interni stretti. La scelta migliore mi sembrerebbe quindi l’11-22.
      Ciao, Francesco

      "Mi piace"

  9. Saluto tutti certo che con la mia vecchia Pentax Spotmatic F mi sono divertito un mondo.
    Ora però mi occorre una macchina che posso portare sempre con me anche quando faccio una passeggiata sportiva (Jogging) e magari mi passa davanti uno scoiattolo e zacchete lo immortalo ecco la Bridge fa al caso mio devo soltanto andare a vederla da vicino toccarla maneggiarla e poi decidere sto aspettando che arrivi questa Canon SX30 ( non è che ne sta già uscendo un’altra più evoluta?).
    Comunque ho maneggiato anche la G12 ed è favolosa per quanto è compatta.
    Ciao a tutti e se avete consigli datemeli

    "Mi piace"

    1. Dino,
      le bridge attirano per la spropositata estensione degli zoom, ma funzionalmente non sono migliori delle compatte. Questo significa buone foto in buone condizione di luce, ma cattiva qualità d’immagine quando la luce è scarsa, scarsa rapidità operativa e di messa a fuoco per cui c’è il rischio che lo scoiattolo scappi prima che la foto sia scattata, ingombro e peso vicino a quello delle reflex base e quindi impossibilità di metterle in tasca per un comodo trasporto. Secondo me sarebbe meglio prendere una reflex o per l’uso che ti interessa una compatta superzoom tipo Canon SX230 o Panasonic TZ20 che almeno sono tascabili ed hanno uno zoom di tutto rispetto.
      Riguardo alla SX30 è stata presentata lo scorso settembre 2010 quindi è probabile che verso fine anno o i primi mesi del prossimo verrà sostituita da un nuovo modello. Nel digitale è così, in particolare per compatte e bridge che sono aggiornate più o meno una volta all’anno, almeno fino ad oggi.
      Ciao, Francesco

      "Mi piace"

  10. Ciao Francesco,ho trovato il tuo sito per caso qualche giorno fa mentre ero in cerca di qualche dritta per acquistare una macchina tipo bridge.Sinceramente sono molto confuso al momento anche in quanto non esperto di fotografia.Qualche anno fa ero possessore di una Fuji S5700 che poi ho venduto.A me sembrava che facesse foto eccezionali,anche se probabilmente non era cosi’.Adesso fra tutti questi paragoni con sensori,pixel,zoom ottici,ecc.,faccio fatica a scegliere la macchina piu’ adatta alle mie esigenze.Diciamo che avrei bisogno di una macchina che mi permetta di fare qualcosa di diverso oltre alle solite foto in famiglia.Io vivo a Londra dove avendo grande disponibilita’ di parchi e riserve mi piacerebbe fare delle foto tipo paesaggio,natura,animali,ecc.Allo stesso tempo avendo mio figlio che gioca a calcio vorrei usare la macchina per fargli qualche foto durante le partite,quindi qualche volta anche in movimento.Alcune di queste foto poi inevitabilmente vanno a finire in cornice quindi avere la possibilita’ di ottenere degli sviluppi medio-grandi senza perdere troppa definizione.Meglio se ci sia la possibilita’ di applicare il flash supplementare,come ho notato su alcune macchine(ovviamente da acquistare a parte,in futuro).Dovendo usare la macchina solo quando se ne presenti l’occasione e non assiduamente non sarei intenzionato sinceramente a spendere troppo,diciamo al massimo intorno a 200£ (circa 240-250 euro).Probabilmente ho chiesto troppo per questo prezzo?Grazie anticipatamente per la risposta e complimenti per il tuo sito.Antimo.

    "Mi piace"

    1. Antimo,
      come certamente saprai visto che vivi a londra c’è un famoso detto anglosassone che dice “there is not free lunch in the world”.
      Con il tuo budget di spesa si può prendere solo una bridge economica. Le più care costano intorno a 400 €. Questo però non è un fattorenegativo perchè le bridge più costose in realtà non offrono molto di più di quelle più economiche e sono surclassate dalle reflex base che hanno costi simili, anche se con obiettivi zoom con escursione focale più ridotta.
      I limiti di tutte le bridge sono la qualità d’immagine scarsa per le foto scattate in condizioni di luce scarsa, usando le sensibilità elevate e la lentezza operativa e dell’autofocus che le rende inadatte alle foto sportive come quelle di calcio. Avrai quindi difficoltà a fare delle foto di tuo figlio che gioca perchè dal momento in cui si preme il pulsante di scatto a quello in cui viene scattata la foto passa un certo tempo (decimi di secondo) sufficiente a far si che la foto non rispecchi quello che avresti voluto fotografare. Ciò vale anche per le foto di animali in movimento.
      Comunque tenendo conto di queste limitazioni la migliore bridge che rientra nei tuoi limiti di budget è la Fuji S4000 con 14 Mpx ed uno zoom equivalente ad un 24-720 stabilizzato. L’unico requisito che non soddisfa è la possibilità di montare un flash esterno. Se vuoi questa possibilità dovresti arrivare ad una panasoni FZ100 o Fuji HS20EXR che però costano sui 400 € e allora come ho detto sarebbe preferibile arrivare ad una reflex base.
      Ciao, Francesco

      "Mi piace"

      1. Ok,grazie ancora per la risposta.Quali sarebbero eventualmente secondo te queste reflex base,intendo sempre qualcosa facile da usare?Grazie.

        "Mi piace"

        1. Antimo,
          le reflex sono facili da usare come le compatte o le bridge, ma offrono possibilità che queste non hanno.
          Fra le reflex base più raccomandabili ed accessibili ci sono le Canon 1100D, Nikon D3100 e Sony A390 reperibili fra i 400 e 500 € con obiettivo 18-55 (27-83 equivalente). Con circa 120 € è poi possibile aggiungere un telezoom Tamron 70-300 (105-450 equivalente) per riprese sportive. Le bridge più costose costano sui 400 € e la qualità delle loro foto e l’usabilità non sono assolutamente paragonabili a queste reflex.
          Quindi la scelta è secondo me fra una bridge economica tipo la Fuji che ti ho segnalato sui 240 € oppure una reflex economica.
          Ciao, Francesco

          "Mi piace"

  11. Niente di particolare da dire. Bravissimo sempre per il tuo sito, le tue risposte, i tuoi articoli. Li leggo con enorme interesse
    Ho giusto cambiato indirizzo mail e non so come fare diversamente :))).
    Ciao

    "Mi piace"

  12. Salve Francesco, innanzitutto complimenti per le informazioni da te messe a disposizione, sono le migliori per come esposte e aggiornate.
    Voglio acquistare una nuova fotocamera, vengo dal mondo delle Ixus, ma prima delle digitali avevo una reflex nikon. Ho seguito anche le ultime premiazioni Tipa che mi hanno confuso un po’ le idee. Sono pronto ad acquistare una bridge, pur comprendendo i limiti e l’effetto marketing che hanno con questo superzoom non del tutto utilizzabile, e quindi ero a scegliere tra le solite,Panasonic FZ45 o 100, nuova Nikon Coolpix P500, Canon SX30 IS. Poi all’uscita dei nuovi premi vedo che tra le compatte superzoom vince la canon SX2130 HS, e da te leggo che poi tra un bridge e una superzoom compatta, poi le caratteristiche sono simili. Detto questo, aggiungo alla mia scelta anche la Canon e le Panasonic TZ20 e TZ18 e gradirei un tuo spassionato consiglio! Non ho problemi di prezzo, vorrei commprare la miglior superzoom oggi esistente.

    "Mi piace"

  13. Ciao Francesco mi unisco ai complimenti fatti dagli altri per il tuo sito e per la tua competenza.
    Vorrei toglierti 10 minuti di tempo per aiutarmi a risolvere un dubbio(che è simile un po’ a tutti gli altri utenti).
    Non sono un fotografo professionista ANZI…diaciamo un amatoriale.
    Posseggo una compatta kodak easy share dual lens (in precedenza avevo ed ho ancora una canon eos 300 a rullino)e vorrei fare un passo in avanti.
    Girando per negozi ho notato che di scelta c’e ne’ …..ed avevo visto queste bridge da te menzionate…..inizialmente ero molto attirato dalla hs 10(ora dalla 20) …poi ho visto la fz100 e anche la canon sx30 ……
    Per curiosita’ ho cercato le recensioni in internet e sei uscito tu…….mi sono letto tutto(sia sulle bridge che sulle reflex) e devo dire che se prima ero indeciso ora sono TOTALMENTE confuso.
    A me occorre una macchina che mi scatti anche con poca luce…ho 2 bimbe piccole e capita molto spesso di fare foto a feste di compleanno ed in piscina…..ed in teatro.
    Con la kodak qualcosina riesco a fare ma devo impostare la macchina con l’opzione paesaggio notturno iso 400(è il massimo che posso mettere) ed ovviamente i soggetti devono rimanere immobili e trattandosi di bambini la cosa è praticamente impossibile.
    Speravo nelle bridge ma leggo che con poca luce non rendono meglio di una compatta.
    Ho avuto modo di maneggiare le 3 bridge ed effettivamente non è che si allontanino di molto come peso dalle reflex……..
    Poi tu opteresti come valida alternativa alle 3 o la canon 1100d o la nicon d3100 giusto???
    Certo che se devo spendere 400€ per una bridge faccio un piccolo sforzo (+ o – 100€) ed acquisto una delle 2 reflex……poi magari uno zummetto migliore me lo regalo per natale……cosi evito di portarmi 2000 cose ;-))
    Grazie per l’attenzione e spero che tu riesca a schiarirmi un po’ di piu’ le idee…….

    "Mi piace"

    1. Massimiliano,
      le bridge non sono certamente adatte per fare foto in poca luce e a teatro, con soggetti in movimento. Serve una reflex base. Le due che indichi, Canon 1100D e Nikon D3100, sono un’ottima scelta con una leggera prefernza per la Nikonper il minor rumore alle alte sensibilità. Puoi prenderle con l’obiettivo in kit 18-55, aggiungendo in seguito un tele 70-300, stabilizzato o meno a secondo di quanto vuoi spendere. in alternativa potresti prenderle subito con un 18-135 o 18-105, anche se probabilmente questi obiettivi non hanno una ocale sufficientemente lunga per le foto di teatro.
      Ciao, Francesco

      "Mi piace"

  14. Grazie per la risposta……..Questa mattina sono andato in un negozio dove ci sono delle offerte interessanti e parlando con il commesso(molto preparato) mi ha consigliato (visto che devo fare solo foto e non filmati) la canon 1000d (399€) con il 18-55…..e anche lui mi ha detto che in futuro potrei comprare un altro obiettivo……..ora mi leggo la tua recenzione su questa macchina…….

    Per il momento ti ringrazio……….ciaooooo!!!!!

    "Mi piace"

  15. .Salve Francesco, ti scrivo di nuovo in quanto non mi è mai arrivata una tua risposta purtroppo!
    innanzitutto complimenti per le informazioni da te messe a disposizione, sono le migliori per come esposte e aggiornate.
    Voglio acquistare una nuova fotocamera, vengo dal mondo delle Ixus, ma prima delle digitali avevo una reflex nikon. Ho seguito anche le ultime premiazioni Tipa che mi hanno confuso un po’ le idee. Sono pronto ad acquistare una bridge, pur comprendendo i limiti e l’effetto marketing che hanno con questo superzoom non del tutto utilizzabile, e quindi ero a scegliere tra le solite,Panasonic FZ45 o 100, nuova Nikon Coolpix P500, Canon SX30 IS. Poi all’uscita dei nuovi premi vedo che tra le compatte superzoom vince la canon SX2130 HS, e da te leggo che poi tra un bridge e una superzoom compatta, poi le caratteristiche sono simili. Detto questo, aggiungo alla mia scelta anche la Canon e le Panasonic TZ20 e TZ18 e gradirei un tuo spassionato consiglio! Non ho problemi di prezzo, vorrei commprare la miglior superzoom oggi esistente.

    "Mi piace"

    1. Luca,
      con tanti commenti qualcuno purtroppo può sfuggire.
      Non esiste la macchina migliore in assoluto in nessuna categoria. Se è migliore o peggiore dipende dalle tue esigenze e da quello che ci vuoi fare.
      Le compatte superzoom e le bridge si equivalgono per qualità d’immagine ma non certo per caratteristiche funzionali.
      Le compatte son piccole e tascabili, le bridge sono poco meno ingombranti di una reflex, quindi non tascabili, però hanno il mirino e zoom ancora più spinti.
      Cosa vuoi fare con la macchina? Che tipo di foto? Ti interessa la portabilità? O preferisci aver un mirino per inquadrare bene anche con molta luce e la possibilità di impugnare la macchina in modo più stabile?
      Da questo può dipendere la scelta fra compatta superzoom e bridge.
      Ciao, Francesco

      "Mi piace"

      1. Buongiorno Francesco e grazie ancora.
        La portabilità è importante per me, anche perchè una bridge alla fine equivale a portart dietro una reflex, e quindi a quel punto al di la del prezzo…
        Ho aspettato prima di decidere i Tipa 2011, poi questa valutazione sulle superzoom mi ha depistato totalmente: non mi aspettavo che mettessero tra le superzoom la Canon SX230hs! Io ho avuto fino ad oggi una ixus 750, e la conosco anche nell’ultima funzione che ha perchè in fin dei conti sono un appassionato, prima delle digitali avevo una reflex nikon.
        Che tipo di foto voglio fare: sicuramente vorrei più grandangolo e difatti il mio dubbio sulla canon sx230hs che sono sicuro che fa foto migliori della mia ixus attuale, è se il 28 rispetto alle bridge è troppo poco o comunque sufficiente, e poi non so se tra le compatte superzoom la sx230hs è veramente la migliore, io sono attratto anche dalle panasonic tz, tu cosa ne pensi?
        Comunque per riassumere, se acquisto una compatta superzoom, in cosa perdo apparte l’estensione dello zoom rispetto ad una bridge? Perdo molta qualità nelle foto?
        Saluti
        Luca

        "Mi piace"

        1. Luca,
          premesso che i riconoscimenti TIPA devono accontetare un po’ tutti, altrimenti addio per i giornalisti ad inviti a presentazioni di novità in giro per il mondo, il riconoscimento alla SX230 non vuol dire che non ci siano alternative valide, come la Panasonic TZ20 che ha un grandangolo equivalente ad un 25 mm. Per grandangoli più corti si deve andare sulle reflex o evil.
          Una compatta superzoom ha di meno rispetto ad una bridge il mirino, secondo me molto comodo e quasi indispensabile per foto di giorno al sole, e un tele un po’ meno esteso. Ha in più che te la porti in tasca.
          La qualità delle foto è sullo stesso livello.
          Ciao, Francesco

          "Mi piace"

          1. 21.Grazie Francesco,
            comunque mi sono informato troppo, tanto che ieri sera stavo per valutare una epl-1 con l’obiettivo 14-150!
            Ho deciso che se non devo comprare una reflex per il momento, vorrei acquistare la migliore superzoom per qualità foto, a prescidere che sia bridge o compatta. Ovviamente a parità prezzo e prestazioni preferirei la più portabile, cosa mi consigli Francesco?
            Ringraziandoti anche per aver scoperto cosa sono le evil!!
            Luca

            "Mi piace"

  16. Gentile Francesco,
    qualche tempo fa desiderando aumentare un pochino il livello delle mie fotografie ho deciso di comperare un nuova macchina fotografica. Temendo di fare un acquisto impegnativo, per poi accantonarlo in seguito allo scemare della nuova passione, ho deciso di provare con una Bridge di buon livello. Pensavo così che avrei potuto mettermi alla prova con la possibilità di regolazioni manuali ,pur avendo ancora la possibilità di usufruire della comoda funzione “Auto”. Così ho deciso per l’acquisto di una “Canon sx30is ” da molti ritenuta un ottimo prodotto. Purtroppo devo dire che sono molto perplesso e per vari aspetti anche deluso. A parte l’incredibile ritardo dell’otturatore che rende quasi impossibile la realizzazione di vere istantanee, la cosa più grave è che non sono ancora riuscito a capire se le regolazioni manuali sono davvero possibili o se la cosiddetta modalità M non sia un vero e proprio bidone. Infatti, in modalità M, mentre la velocità dell’otturatore è regolabile a piacere, invece l’apertura del diaframma è regolabile solo col grandangolo, mentre si riduce fortemente non appena si attiva lo zoom. Così, se si sceglie di regolare il diaframma in modalità AV, è l’otturatore che diventa automatico, mentre in modalità TV si può decidere la velocità dell’otturatore, ma l’apertura del diaframma la sceglie la macchina. Insomma alla fine con questa bridge non solo è impossibile fare foto istantanee ,come invece facevo con la mia vecchia compatta Canon Power Schot A1000IS, ma non si fa alcun passo avanti nella possibilità di elaborazione personale della tecnica. Poiché non escludo totalmente che questi limiti siano invece dovuti alla mia poca dimestichezza con macchina le chiedo se gentilmente può commentare quello che ho scritto e magari consolarmi ragguagliandomi sui possibili vantaggi di questa fotocamera , almeno finchè, come già prevedo, non passerò ad una reflex entry level, che forse per le mie esigenze sarebbe stato un acquisto più adeguato. La ringrazio e ordiali saluti. Enzo A.

    "Mi piace"

    1. Enzo,
      mi dispiace che tu abbia riscontrato tutti i problemi che descrivi, anche se in realtà il tuo commento supporta quanto scrivo nei commenti o nelle e-mail a proposito delle bridge.
      Le bridge sono fotocamere adatte per foto di ricordo di viaggio, o di paesaggio in condizioni di buona luce, cioè di giorno col sole. Infatti con la mia prima digitale, una bridge, molti anni fa ho fatto un ottimo repportage di viaggio in Tunisia, dove c’è molto sole, sempre in esterni. Le foto peggiori sono quelle in cui ho tentato di fotografare con poca luce.
      Ugualmente le bridge non sono adatte per foto di soggetti in movimento a causa della lentezza generale nel reagire alla pressione del pulsante di scatto e nella messa a fuoco che costituzionalmente è più lenta che nelle reflex. Mi meraviglia che la A1000Is si comportasse meglio.
      Per le regolazioni manuali i problemi che riscontri sono dovuti alla ridotta scelta dei diaframmi dell’obiettivo. Lo zoom della SX30IS ha una luminosità di f/2,7 alla focale minima che scende a f/5,8 alla massima. Il diaframma delle bridge, e delle compatte, però non si può chiudere più di f/8 perchè ,a causa del suo piccolissimo diametro, oltre questo valore diventerebbe talmente piccolo da produrre rilevanti fenomeni di diffrazione della luce che distruggerebbero la nitidezza della foto. Quindi alla focale tele l’escusione della regolazione del diaframma è di meno di uno stop, praticamente quasi nulla, mentre a quella grandangolo a 3 stop di escursione..
      I limiti quindi non sono tuoi ma della macchina e di tutte le bridge in generale.
      Ti ricordo comunque che per fare buone foto non è indispensabile ricorrere alle regolazioni manuali. Gli esposimetri delle macchine sono in grado di impostare nella maggior parte dei casi le giuste regolazioni, sta poi al fotografo modificarle se necessario: Di solito conviene usare l’impostazione P (Program) ed eventualmente adeguare il tempo o il diaframma se la machhina lo consente. L’altro parametro si adegua automaticamente. In certi casi, se si vuole la certezza di un tempo o un diaframma fissi conviene scegliere le priorità Tv o Av. Se si vuole una foto più chiara o più scura, cioè una maggiore o minore esposizione, conviene agire sul correttore di esposizione. Operando in manuale si partirebbe comunque dalle indicazioni dell’esposimetro, perdendo solo più tempo che invece potrebbe essere dedicato allo studio del soggetto ed alla scelta dell’inquadratura.
      Ciao, Francesco

      "Mi piace"

      1. Grazie Francesco per avermi risposto. In effetti se prima di acquistare la sx30is avessi scoperto
        il tuo blog e letto i tuoi commenti mi sarei risparmiato soldi (Euro 450+39 di custodia) e una grande incazzatura.
        Il mercato delle fotocamere è diventato così vasto e complesso che un povero neofita dovrebbe fare un corso
        già solo per l’acquisto. Inoltre credo che le grandi marche ci marcino e non tutti i prodotti hanno senso.
        Ti confermo che la A1000is è notevolmente più veloce quando scatto…forse è dovuto al fatto che la sx30is prima di scattare elabora di più (tipo il riconoscimento volti ecc..)? quanto a qualità non vedo grandissime differenze,
        Insomma ho fatto un acquisto davvero inutile.
        Ciao e grazie ancora.

        "Mi piace"

        1. Ciao Enzo,
          se può consolarti, io sono riuscito a comprare la bridge DOPO avere letto i consigli di Francesco. 🙂
          In ogni caso, sembra che il ritardo a cui fai riferimento sia dovuto soprattutto alla messa a fuoco lenta: ricorda che in molte occasioni puoi mettere a fuoco prima, premendo il tasto di scatto a metà, e quindi eliminando parte del ritardo.

          "Mi piace"

        2. Enzo,
          mi dispiace per la tua delusione. Indubbiamente ci confermi che la qualità fotografica di una bridge è la stessa di una compatta economica come la Canon A1000 che per il suo prezzo è invece buona.
          Ciao, Francesco

          "Mi piace"

  17. Domani con molta probabilita’ andro’ ad acquistare la nikon 3100d ………..grazie francesco per le risposte che mi hai dato……..

    "Mi piace"

  18. Ciao Francesco,
    ho bisogno del tuo aiuto, la scelta di una nuova fotocamera digitale compatta non pensavo fosse così complicata! ho utilizzto fino a poco tempo fa una Canon ixus 400 del 2003 che però ha smesso di funzionare. Ero orientato su una compatta, ma la vasta scelta di modelli mi ha messo “ko”. La fine della prossima settimana devo partire e quindi non ho molto tempo per decidere…La userei soprattutto in vacanza, ma da qualche mese sono diventato papà quindi vorrei fotografare anche il mio bimbo. Chiedere consiglio ai negozianti mi ha solo confuso di più, ognuno naturalmente ha spinto per il suo prodotto. Mi sono documentato su internet per capire come leggere una scheda tecnica e fare la scelta più giusta. Da quello che ho capito le compatte hanno un sensore piccolo, tranne qualche modello di fascia alta che arriva a 1/1.63 (ad esempio la panasonic LX5). Pensavo di spendere meno… sulle 300 euro, quindi così mi dovrei accontentare di un sensore da 1/2.3. Ma c’è davvero così tanta differenza su una compatta? nel frattempo ho scoperto che la mia vecchia Canon ha un sensore più grande 1/1.8 (potrebbe convenire ripararla?) Controllando l’apertura focale nel grandangolo e teleobiettivo mi sono orientato sulla Canon ixus 310hs e sulla nikon p300, penso siano le migliori in quella fascia di prezzo; la nikon mi sembra superiore, me lo puoi confermare? Però ha uno zoom ottico 4.2x e forse con un bimbo avrei bisogno di uno zoom più elevato… rimanendo in questa fascia di prezzo ho visto anche la Nikon s9100 e la Canon powershot sx 230hs: hanno uno zoom elevato per una compatta ma nel grandangolo l’apertura focale è rispettivamente 3.1/3.5 quindi sono entrambe meno luminose della p300. Lo so che non si può avere tutto ma adesso come mi oriento?!? Mi hanno consigliato anche una bridge, la panasonic fz45 in offerta a 300 euro dicendomi che è superiore alle altre nominate…ma leggendo la scheda tecnica non mi sembra, sbaglio? la grandezza del sensore è la stessa e i valori dell’apertura focale sono più alti! Forse sbaglio a prendere come parametro di scelta principale l’apertura focale? Ho letto il tuo pensiero sulle bridge ed anch’io penso che se non devo prendere una compatta e spendere qualcosa in più per una bridge allora è meglio una reflex entry level. Un fotografo mi ha detto che se voglio fare delle buone foto, soprattutto al bimbo, o punto ad una compatta di fascia alta (canon g12) o ad una reflex usata. Mi ha proposto una Canon eos d350 (corpo macchina + obiettivo 18-55) per 300 euro, ma ha più di quattro anni e poi c’è da fidarsi sull’usato? Scusami se mi sono dilungato ma questo è stato il mio percorso finora e sono ancora confuso. Mia moglie preferirebbe una compatta, una buona compatta, che poi non escluderebbe in futuro una reflex… Ma vorrei spendere bene questi soldi e mi chiedo se con uno dei modelli che ti ho scritto sarei soddisfatto o mi consigli eventualmente di spendere 100 euro di più per una gamma più alta? o cos’altro? Spero di essere stato chiaro, e che tu mi possa consigliare. Ti ringrazio in anticipo per aver letto il mio lungo commento.
    Andrea

    "Mi piace"

    1. Andrea,
      capisco i tuoi dubbi ed incertezze, non è facile orientarsi nel mondo della fotografia digitale.
      Cominciamo dai concetti base: la qualità di una foto digitale è determinata in primo luogo dalla grandezza del sensore, poi dal numero di pixel e dalla qualità dell’obiettivo.
      La differenza fondamentale nella grandezza del sensore è fra le compatte e bridge da una parte e le reflex e mirrorless dall’altra. Le compatte e bridge hanno un sensore delle dimensioni di pochi mm, circa 5×7. E’ vero che un sensore 1/1,7 è più grande di uno 1/2,3, ma si tratta circa di un mm per lato e questo non fa una grande differenza. Le reflex e le mirrorless hanno dei sensori denominati APS di circa 16×24 mm, o nel caso delle 4/3 di 13×18 mm, quindi molto più grandi di quelli delle compatte. Quindi anche a parità di pixel la loro risoluzione e nitidezza sono maggiori perchè gli obiettivi lavorano meglio sui sensori più grandi a parità di qualità, e poi perchè la qualità degli obiettivi è quasi sempre proporzionale al loro costo e quindi non si può pensare che una macchina il cui costo complessivo è ad esempio 300 € abbia un obiettivo migliore di una reflex per la quale il costo del singolo obiettivo parte dai 200-300 € per arrivare a qualche migliaio. Inoltre i sensori piccoli producono più rumore di quelli grandi quindi se alla sensibilità base di 100 Iso le loro foto sono tutto sommato di buona qualità, Invece quando la luce è scarsa si deve aumentare la sensibiltà Iso, per evitare foto mosse nonostante lo stabilizzatore, e questo peggiora notevolmente la qualità delle foto. Per questo può aiutare la luminosità maggiore degli obiettivi di alcune compatte.
      Per quanto riguarda lo zoom i superteleobiettivi possono servire per fare foto di dettagli luntani o quando non ci si può avvicinare al soggetto, per fotografare senza essere visti o anche per foto sportive (con i limiti di lentezza di autofocus che compatte e bridge hanno in questa situazione). Per foto di viaggi e vacanze e anche per le foto di un bimbo non sonodi grande utilità e se ne può anche fare a meno.
      Fra le macchine che hai elencato sotto i 300 € quindi mi sembra che una scelta valida possa essere la Nikon P300 con il suo obiettivo f/1,8 a 24 mm che però purtroppo diventa 4,9 a 100 mm. La Canon 310HS non ha nessun vantaggio, anzi a 105 mm il suo obiettivo è ancor meno luminoso, 5,8. Le superzoom hanno obiettivi che sono meno luminosi sul grandangolo e più o meno uguali sul tele. Fra queste penso sia meglio la Canon SX230HS che come le precedenti compatte menzionate riprende video Full HD 1920×080 ed ha come loro anche le regolazioni manuali.
      La soluzione migliore sarebbe, come hai pensato, una reflex usata, ma in questo caso se non hai esperienza ti devi fidare del venditore. Forse si potrebbe trovare qualcosa di meglio della Canon 350D, ma mi pare che non hai il tempo di farlo. Quidi la cosa migliore è prendere una compatta per il tuo viaggio, per andare sul sicuro, e cercare una reflex con calma in seguito.
      Ciao, Francesco

      "Mi piace"

  19. Francesco,
    scusami se ho inserito il mio commento quì, ho visto adesso il tuo articolo sulle compatte… ma appena sono capitato sul tuo sito e su questo post, ti ho scritto di getto.
    Ciao,
    Andrea

    "Mi piace"

  20. Grazie Francesco,
    comunque mi sono informato troppo, tanto che ieri sera stavo per valutare una epl-1 con l’obiettivo 14-150!
    Ho deciso che se non devo comprare una reflex per il momento, vorrei acquistare la migliore superzoom per qualità foto, a prescidere che sia bridge o compatta. Ovviamente a parità prezzo e prestazioni preferirei la più portabile, cosa mi consigli Francesco?
    Ringraziandoti anche per aver scoperto cosa sono le evil!!
    Luca

    "Mi piace"

  21. Grazie Francesco per avermi risposto.
    Nel frattempo ho letto su questo forum molti articoli e relativi commenti sulla fotografia digitale. In particolare la mia attenzione si è soffermata sulle Mirrorless (Olympus pen epl1). Ho quindi cercato il rivenditore più vicino e sono andato a vedere questo modello e soprattutto il prezzo…volevo sapere se potevo valutarne l’acquisto rispetto alla compatta a cui avevo pensato e che anche tu poi mi hai consigliato (Nikon p300). Corpo macchina + obiettivo 18-55 ad euro 399 contro le 315 della Nikon p300. Mi chiedo se per 84 euro in più non valga la pena di considerare questo articolo. Certo non avrei la tascabilità di una compatta, ma ne andrei a guadagnare sulla qualità, cosa che ho letto nel tuo sito e che anche il negoziante mi ha ribadito. Oggi non potrei andare oltre il kit base (corpo macchina + obiettivo), quindi al momento non posso comprare un altro accessorio… Mi cosigli comunque l’acquisto? avrei una macchina che anche solo con il kit base mi garantirebbe una migliore qualità rispetto alla compatta della Nikon? L’obbiettivo 18-55 ha una apertura focale 3.5-5.6…quindi devo pensare che è meno luminoso di uno montato su una compatta (es. Nikon p300 F1.8-4.9)?
    Di seguito ti elenco alcuni modelli Mirrorless che ho trovato in offerta, mi aiuteresti in caso nella scelta?
    Samsung nx5 (obiettivo 18-55) euro 359
    Samsung nx10 (obiettivo 18-55) euro 399
    Samsung nx100 (obiettivo 20-50) euro 399 (da ricontrollare)
    Olympus pen epl1 (obiettivo 18-55) euro 399
    Ciao,
    Andrea

    "Mi piace"

    1. Andrea,
      mi poni una scelta difficile e mi carichi di responsabilità.
      Io sarei per la Olympus E-PL1 per la qualità delle foto, lo stabilizzatore incorporato e la scelta e qualità degli obiettivi. Però senza mirino elettronico opzionale perde parte del suo fascino e della sua praticità, per cui questo è un acquisto che dovresti mettere in piano per il futuro per poterla sfruttare appieno.
      Se invece preferisci non spendere ulteriori soldi la Samsung NX5 con mirino elettronico incorporato è sicuramente una buona scelta.
      Ciao, Francesco

      "Mi piace"

  22. Ciao Francesco,
    Non vorrei farti carico della scelta della mia nuova macchina fotografica. Ho scoperto le Mirrorless grazie al tuo sito e avendo i giorni contati, fra poco parto, ed essendo la mia conoscenza sulle fotocamere digitali limitata, credimi ogni tuo consiglio adesso mi risulta prezioso! Fuori ho trovato poca professionalità e scarse informazioni da parte dei rivenditori, non ti ascoltano e basta che ti propongono il loro prodotto e non avendo più tempo di girare…
    Avrei scommesso che mi avresti consigliato la Samsung nx 10 🙂
    Pensavo che solo per montare un sensore APS la Samsung nx10 fosse di gran lunga superiore della Olympus EPL1. Quindi se ho capito bene nonostante il sensore 4:3 l’Olympus la reputi migliore come qualità delle foto e degli obiettivi?
    Aspettando con interesse la tua risposta, Il mio prossimo intervento sarà a questo punto quello di farti partecipe del mio nuovo acquisto!
    Saluti, Andrea

    "Mi piace"

    1. Andrea,
      visto che hai poco tempo ti rispondo subito.
      La Olympus E-PL1 nonostante il sensore un po’ più piccolo della Samsung èpiù o meno allo stesso livello per risoluzione e rumore, questo almeno ho visto dalle mie foto. Aggiungo che il rumore a 3200 Iso della Olympus disturba meno non contenendo macchie di colore come nella Samsung. L’Olympus ha inoltre lo stabilizzatore incorporato e una scelta più ampia di obiettivi, tutti di elevata qualità. L’uni
      co inconveniente è che senza mirino elettronico perde parte della sua attrattiva e piacevolezza d’uso, quindi questo ne fa aumentare il prezzo complessivo, anche se è una spesa che si può posticipare. Al limite se ci sitrova bene con lo schermo si potrebbe evitare, ma non è il mio caso.
      La Samsung invece è completa di mirino e va anche lei bene, è quindi una soluzione definitiva salvo eventuali obiettivi aggiuntivi secondo le tue esigenze fotografiche. Ma di questo ti renderai conto usandola.
      Ciao, Francesco

      "Mi piace"

  23. Ciao, vorrei acquistare la mia prima bridge, in realtà è la prima macchina fotografica in assoluto.
    Ho letto in giro che al momento la Fuji HS20 EXR è la migliore bridge in circolazione.
    Vorrei scattare foto a soggetti da vicino, le classiche foto in posa da vacanza o panorami.
    Che mi consigli?
    Grazie
    Daniele

    "Mi piace"

    1. Daniele,
      non so dove hai letto che la HS20EXR sia la migliore bridge. Il precedente modello HS10 aveva numerosi problemi e la qualità delle foto lasciava a desiderare. La HS20 a me è sembrato che migliorasse un po’ la situazione,ma ho scattato troppe poche foto con questa macchina per affermarlo con certezza. Ho invece letto una prova che non ne parlava molto bene. Quindi secondo me la migliore bridge resta la Panasonic FZ100.
      Ciao, Francesco

      "Mi piace"

  24. Francesco, sono in alto mare nella scelta della mia nuova macchina fotografica!

    Ho deciso che se non devo comprare una reflex per il momento, e capisco che sarebbe la scelta migliore, e neanche una evil, vorrei acquistare la migliore superzoom per qualità foto, a prescidere che sia bridge o compatta. Ovviamente a parità prezzo e prestazioni preferirei la più portabile, cosa mi consigli Francesco?
    Ringraziandoti comunque anche per aver scoperto cosa sono le evil!!
    Luca

    "Mi piace"

    1. Luca,
      se vuoi una superzoom secondo me la scelta più conveniente è la Fuji S4000. Ha lo stesso obiettivo 24-720 equivalente della HS20EXR e costa molto meno (poco più di 200 €), con risultati fotografici analoghi.
      La migliore bridge è comunque la Panasonic FZ100, ma costa molto di più, circa 400 €.
      Ciao, Francesco

      "Mi piace"

  25. Ciao Francesco. Vorrei regalare al mio ragazzo una fotocamera divertente, con un buon zoom, una buona qualità nel riprodurre i dettagli nelle foto sia diurne che notturne (è un perfezionista) e relativamente veloce. L’utilizzo principale è quello di fare foto durante escursioni, vacanze e allo stesso tempo riuscire a fare delle foto più particolari tipo macro, ecc… insomma, cercando di avere la botte piena e il fidanzato ubriaco 🙂 ero tentata fra una Panasonic LX5 e una TZ20. Cosa mi consiglieresti di comprare? Lui ha addocchiato la Bridge Olympus SP 800 UZ ma a me non convince mica tanto. Penso che come prima fotocamera dopo il muletto EXILIM EX Z33 il nostro primo obiettivo oltre alla qualità delle immagini dovrebbe essere la praticità, caratteristica che la Olympus non mi esprime a vederla.
    Prima di passare dalle parole all’acquisto, essendo ignorante in materia volevo una tua opinione. Ovviamente nessuno dei due ha mai fatto corsi di fotografia per cui questo vorrebbe essere il primo approccio alla fotografia intelligente per finalmente riuscire ad avere delle foto quantomeno guardabili.
    Grazie Mille per la tua disponibilità e le tue recensioni davvero utili per chi cerca di barcamenarsi in questa jungla che è il mercato.
    Rosa

    "Mi piace"

    1. Rosa,
      se non sei interessata ad un supertele, ma vuoi una compatta con un ottimo e luminoso obiettivo che permetta di fare foto di buona qualità e anche in condizioni di scarsa luce si comporti meglio di una compatta standard la Panasonic LX5 è la scelta migliore. E’ piccola ed ha uno zoom Leica di escursione limitata ma molto luminoso, f/2,0, e di alta qualità.
      Ciao, Francesco

      "Mi piace"

  26. Francesco, buongiorno.

    vorrei fare un regalo a mia moglie, appassionata amatoriale di fotografia….che si è fissata con l’acquisto di una reflex entry-level che poi secondo me abbandonerà spesso in un cassetto a causa del suo ingombro peso e dimensioni che non si rivelano certo al pari di una compatta che ti porti addietro ovunque senza dover ricorrere a vari obiettivi… stavo quindi pensando, anche per risparmiare qualcosa, di orientarmi sulle bridge che però leggo che mantengono la stessa qualità di foto scattate con una fotocamera digitale compatta classica. vorrei invece fare un minimo salto di qualità. la migliore bridge del momento è sempre la FZ100 della Lumix/Panasonic a tuo avviso? ho letto che in condizioni di scarsa luminosità non scatta foto di grande qualità e nitidezza…. qual è la bridge con il sensore migliore? …o la reflex dalle dimensioni più ridotte con un ottica che permetta un uso “tuttofare” con un buon zoom?

    grazie mille per il tuo blog di pubblica utilità

    "Mi piace"

    1. Alessandro,
      la bridge migliore resta per me la Panasonic FZ100. Un’alternativa decisamente più economica e di qualità adeguata è la Fuji S4000.
      Fra le reflex le più compatte sono le Canon 1100D e Nikon D3100. Il loro costo, con obiettivo standard 18-55, è intorno ai 450-500 €, poco di più della FZ100.
      Se cerchi comunque una macchina compatta ma di qualità e che faccia foto paragonabili alle reflex pensa anche alle evil, per esempio alla Olympus E-PL1.
      Ciao, Francesco

      "Mi piace"

  27. Ciao! Sto per acquistare una superzoom, per la “famiglia”. Ovvero una macchina di facile utilizzo per i miei. Premesso che se voglio far foto serie uso la mia Canon 7D, non mi interessa una macchina con ottiche intercambiabili, e mi sto chiedendo l’utilità del formato raw su una bridge. La Sony qui sopra mi sembrava la scelta migliore, tuttavia anche la famosa Panasonic Lumix FZ100 mi interessa.
    Vorrei un consiglio da chi le ha provate entrambe. Grazie

    "Mi piace"

    1. La HX100V e la FZ100 sono abbastanza simili anche se per me la FZ100 è leggermente superiore.
      Il formato raw è utile anche nelle bridge se si vogliono usare alte sensibilità e controllare la riduzione di rumore che come standard penalizza troppo la nitidezza in tutte le bridge.
      Ciao, Francesco

      "Mi piace"

  28. Buongiorno Francesco.

    Vorrei acquistare una buona macchina ad uso familiare e amatoriale che mia dia buoni risultati soprattutto nel fotografare mio figlio di tre anni .. soggetto per defizinione in movimento!!
    Mi sono state consigliate la Canon SX 30 IS che anche lei consiglia o in alternativa la Nikon P500.
    Altri mi dicono che in realtà per avere davvero buone foto di bambini dovrei decidermi a spendere per una reflex di livello base per velocità di scatto e nitidezza (in effetti foto di mio figlio che corre o gioca fatte da amici con una nikon D90 sono davvero belle e nitide).
    Fino ad ora ho usato una Olympus C765 UZ che avevo imparato ad usare con soddisfazione anche in modalità manuale ma temo un po’ il passaggio alla complessita di una reflex.
    Davvero è un desideri irreallizabile fotografare con soddisfazione i bambin senza una reflex?

    "Mi piace"

    1. Silvia,
      fotografare i bambini senza una reflex non è irrealizzabile, è solo più difficile. I limiti delle bridge sono la lentezza nella messa a fuoco e nello scatto e la resa qualitativa delle foto in luce scarsa alle sensibilità elevate, senza usare il flash. La risoluzione e la brillantezza delle foto sono buone in condizioni di ottima luce, ma perdono se questa cala.
      Per poter riprendere i soggetti in movimento con una buona possibilità di centrare il momento voluto è necessari quindi cercare di mettere a fuoco in anticipo, premendo a metà il pulsante di scatto, e ugualmente cercare di prevedere i loro movimenti per anticipare lo scatto. Con un po’ di allenamento ci si riesce. Con una reflex è più facile in quanto messa la messa a fuoco è molto più veloce e lo scatto praticamente istantaneo. Ugualmente in luce scarsa, per esempio in interni, con una reflex ci si può permettere di scattare anche senza flash, aumentando la sensibilità Iso, con una bridge è quasi obbligatorio usare il flash, che in alcuni casi è anche piacevole, ma in molti rovina l’atmosfera della foto.
      Comunque fra le bridge ti consiglio la Panasonic FZ100 o se vuoi spendere molto meno per provare come ti ci trovi le Fuji S3300 o S4000.
      Ciao, Francesco

      "Mi piace"

  29. Caro Francesco, ti ho scritto in passato e in base alle mie esigenze mi hai consigliato la Lumix X5 oppure la Nikon P7000. Per favore a quando la tua recensione sulla Nikon ? Hai anche provato l’aggiuntivo di 21 mm ? Ho letto commenti favorevoli. Le mie foto comprendono ritratti dedicati, paesaggi cercando di catturare il “momento” più favorevole e le macro. Ho finora utilizzato qualche compatta come la Nikon 640 e precedentemente Leica R e M con vari obiettivi prevalentemente con dia.
    Inoltre, avendo molte belle dia desidererei riprodurle in digitale, ti chiedo un consiglio per farlo io senza spendere un capitale. E’ indispensabile una reflex come la D5000 (anche usata se in buono stato)o la nuova D5100 con un impegno finanziario superiore? Ritengo lo schermo ruotabile quasi indispensabile per le macro e per la riproduzione in proprio della dia. Il mio negozio, molto professionale, mi ha sconsigliato la riproduzione per l’impossibilità di gestire le dominanti. Complimenti per la professionalità e per l’obiettività dei tuoi commenti che giudico imparziali e molto chiari, ed è per questo che ci tengo ad avere da te una risposta esauriente e schietta come tua abitudine. Cordiali saluti.
    luciano_dg@hotmail.it

    "Mi piace"

  30. ciao, leggo troppo tardi il tuo blog, ieri ho acquistato una FZ100, e mi sembra che non soddisfi le mie esigenze di far foto a soggetti in movimento e anche in condizioni di scarsa luminosità (teatro o palco)
    cosa ne pensi di una mirrorless? magari se in negozio ce l’hanno potrei tentare di chiedere una sostituzione entro la settimana di acquisto…..
    grazie se mi risponderai in tempo e complimenti per il blog
    ortensia

    "Mi piace"

    1. Ortensia,
      effettivamente per fare foto a soggetti in movimento il luce scarsa, come in teatro, le bridge non sono molto adatte.
      l’ideale sarebbe uba reflex con un adeguato teleobiettivo, adattissima per questo genere di foto, tranne che per il rumore allo scatto, maggiore che nelle mirrorless e bridge. Non so se questo sarebbe tollerato nell’ambiente dove scatterai.
      Fra le reflex potresti vedere di farti cambiere la FZ100 con una Sony A290 o A390 con l’obiettivo 18-55 in kit a cui potresti aggiungere un Tamron 70-300 (costo circa 130 €) che usufruirebbe anche della stabilizzazione che nelle Sony è nel corpo. In alternativa anche una Canon 1100D o una Nikon D3100 con 18-55 più lo stesso 70-300 andrebbero bene.
      Fra le mirrorless, per rimanere in casa Panasonic, potresti prendere una G2 con 14-42 a cui aggiungere un Panasonic 45-200 stabilizzato che però costa più del Tamron (circa 300 €) per cui alla fine spenderesti uguale o di più di una reflex.
      Ciao, Francesco

      "Mi piace"

  31. Ciao Francesco,il 14/7 scorso ho chiesto il tuo parere sulla possibilità di duplicare le mie dia più interessanti (e sono molte) con una digitale. Ho provato ad usare la Nikon P7000, ma non sono riuscito a regolare bene le dominanti.Con una reflex con lo schermo movibile e con un macro otterrei sicuramente risultati più interessanti?. Potrebbe essere una Nikon D5000. Mi avvalgo di una scatola autocostruita con vetri perpex opportunamente posizionati che riflettono la luce di una lampada fluorescente. Con l’analogico la riproduzione di dia era ottima!! Il mio negoziante mi ha sconsigliato: a suo parere non riuscirei a dosare le dominanti. Potrei accontentarmi di ottenere una riproduzione un pò più scadente, ma non di troppo. Non posso sostenere la spesa per la riproduzione professionale di un laboratorio. Cosa mi consigli?

    "Mi piace"

    1. Luciano,
      non capisco! In postproduzione in digitale puoi dare alle foto il colore che vuoi e quindi controllare e eliminare qualsiasi dominante molto meglio che con la pellicola. Evidentemente non ci hai mai provato e nemmeno il tuo negoziante. Non riesco inoltre a capire perchè con la pellicola le cose vanno bene e col digitale no.
      Non credo proprio che uno schermo orientabile e un obiettivo macro possano cambiare i risultati. La D5000 invece potrebbe sicuramente offrire una riproduzione migliore con maggior risoluzione, in particolare con un buon obiettivo macro.
      Il problema della acquisizione delle dia in digitale è invece quello del tempo. Col tuo metodo puoi acquisire poche dia. Con uno scanner dedicato con alimentazione manuale qualcuna in più e non avresti i problemi che lamenti. Con uno scanner in grado di accettare i caricatori standard o circolarei, come i Reflecta, potresti acquisirne moltissime in modo automatico.
      Ciao, Francesco

      "Mi piace"

  32. ciao francesco, sono molto interessato all’acquisto di una foticamera fuji s4000, in quanto credo che per le mie esigenze sia perfetta, girando però sui vari siti di vendita di fotocamere ho trovato una Olympus SP-800 UZ a 223 euro con ben il 41% di sconto….. cosa mi puoi co nsigliare? è una buona macchina o la fuji rimane superiore. grazie ciao gabriele

    "Mi piace"

    1. Gabriele,
      la Fuji S4000 ha in più della Olympus SP800 il mirino elettronico, molto utile per le inquadrature di giorno in esterni e per impugnare correttamente la macchina, l’obiettivo che parte da una focale grandangolare 24 mm invece di 28, più utile della focale più lunga da 840 mm invece di 720 della Olympus, uno schermo con risoluzione doppia (460.000 pixel contro 230.000), la possibilità di regolazione manuale e l’alimentazione con batterie ricaricabili a stilo AA meno costose di quelle proprietarie al litio e reperibili ovunque. E’ quindi sicuramente più consigliabile dellla Olympus.
      Ciao, Francesco

      "Mi piace"

  33. Ciao Francesco. Ho 20 anni e vorrei avvicinarmi al mondo della fotografia. Sono intenzionato a comprare una macchinetta bridge per iniziare e, leggendo i vari commenti, vedo che secondo il tuo parere la fz 100 è la migliore. Dato che non è proprio economica, vorrei sapere se c’è molta differenza tecnica con la fz45 o se in realtà non sono poi così diverse. Ho anche visto che la panasonic ha lanciato un nuovo modello, la fz 48. Vorrei un tuo parere. Grazie in anticipo. Luca

    "Mi piace"

  34. Ciao Francesco, vorrei comprare una nuova macchina fotografica (ora possiedo la canon powerschot A540 4x). Mi piace molto fare fotografie anche se non sono un’esperta, ma dato che lo faccio soprattutto durante i viaggi, vorrei una macchina maneggevole, non troppo pesante e con superzoom (dovrei andare in Africa, quidi per me è un fattore di primaria importanza, anni fa in Tanzania con la mia compattina non riuscivo a fotografare gli animali lontani). Non voglio quindi portarmi dietro una valigia (cioè portarmi più obittivi). So bene che non c’è paragone, per qualità d’immagine, con la reflex, ma sono orientata verso la lumix FZ100 o la canon SX30 IS. Per l’uso che ne devo fare (nei viaggi appunto) mi sembrava la scelta ottimale, ma poi leggendo i tuoi consigli e i vari commenti mi sono sorti molti dubbi. Dato che non vorrei superare la cifra di 400 al massimo 500 euro sai consigliarmi una reflex con un unico obittivo che corrisponda almeno a un 15x ed abbia anche il grandangolo (tipo 18- 200 dico bene?)…utopia? Se ciò non fosse possibile, e me lo immagino, cosa mi cosigli tra la lumix Fz100 e una qualsiasi compatta con superzoom come ad esempio la, da te citata, Fuji S4000 (dato che costa la metà!) che differenza c’è tra le due? Quale fa foto qualitativamente migliori?
    Grazie.
    Alice la confusa 🙂

    "Mi piace"

    1. Alice,
      il tuo viaggio e le possibilità di fotografare che ti offrirà meritano il meglio.
      Le bridge (o superzoom) attirano molto per la spropositata escursione focale dei loro obiettivi, ma deludono sia per la qualità fotografica se appena si supera la sensibilità di 200 Iso, sia per la velocità operativa con una messa a fuoco lenta e un ritardo di scatto percepibile. Le conseguenze sono che è difficile riuscire a fare foto di buona qualità alla massima focale perchè, a causa della scarsa luminosità dell’obiettivo, o c’è veramente tanta luce o si è costretti ad alzare la sensibilità con un peggioramento qualitativo o a scattare con un tempo troppo lungo ottenendo foto mosse. Il secondo problema, la lentezza, fa sì invece che fra il momento in cui si preme il pulsante di scatto e quello in cui viene scattata la foto passa del tempo e l’animale che si voleva riprendere è già scappato.
      Non capisco poi perchè molti quando pensano alla reflex credano che ci si debbano portare dietro valigiate di obiettivi. I professionisti e i più esperti si portano solo gli obiettivi che servono per le foto che faranno, di solito non più di due, ma in molti casi potrebbe essere uno solo.
      Per tornare alla tua richiesta di consiglio secondo me la soluzione migliore è quella di una reflex base. Queste reflex sono piccole e compatte, poco più di una bridge, ma con una qualità fotografica enormemente superiore e costano poco di più. L’unico obiettivo 15x per reflex è il Tamron 18-270 PZD, ma il suo prezzo da solo esaurirebbe il tuo budget e inoltre non mi sembra la soluzione migliore per te.
      Invece ti suggerirei una Canon 1000D che si trova ancora in offerta con obiettivi Canon 18-55 e 75-300 a circa 500 €. Il 18-55 andrebbe bene per le foto generiche in quasi tutte le circostanze, il 75-300 (equivalente ad un 120-480) per le foto di animali a distanza. Il fatto che non sia stabilizzato è ininfluente perchè per riprendere gli animali si devono usare tempi di scatto brevi che consentono anche di non avere foto mosse. Se vuoi qualcosa di più aggiornato (la 1000D è comunque ottima e molto meglio di qualsiasi bridge) puoi considerare la Canon 1100D o la Nikon D3100, entrambe con il 18-55 stabilizzato offerto in kit a circa 500 € più un Tamron 70-300 Di LD Macro, ottimo obiettivo, a circa 130 €.
      Se infine decidi per una bridge prendi la FZ100 (spenderai comunque quasi quanto la reflex) che ha anche la messa a fuoco manuale, a differneza della S4000, che potrebbe essere utile se quella automatica fosse troppo lenta.
      Ciao, Francesco

      "Mi piace"

    1. Alice, Francesco ti ha dato un eccellente consiglio!!!
      Io avevo una panasonic bridge fz28 e un mio caro amico la 1000d canon

      io mi impegnavo come un animale per fare belle foto, lui invece scattava quasi a caso con l’obiettivo standard (il 18-55 che prenderesti anche tu)

      Beh, le foto piu’ belle e nitide le faceva sempre lui…. devo ammettere che non c’e’ paragone fra una bridge e una reflex base… stanno proprio su pianeti diversi

      se trovi il kit che ti ha detto francesco (1000d + 18-55 + 70-300) stai a cavallo!

      "Mi piace"

  35. Ciao Francesco, scusa se ancora sono qui a rompere con i miei dubbi, ma visto che ho deciso di seguire i tuoi consigli, vorrei cercare di fare la scelta migliore per il mio budget.
    Sto optando per la canon 1100D e ho trovato un obittivo canon 75-300 USM usato a 84 euro senza garanzia ed uno (sempre 75-300 non so però se sia USM) usato a 145 euro con garanzia 3 anni. Mi è stato detto che questo è meglio del tamron 70-300 Di Ld Macro che tu mi avevi consigliato, è così? Inoltre ho cercato di capire quanto possa ingrandie un 75-300mm e ho letto che corrisponde a un 4x, ma allora ingrandisce quanto la mia compatta pawershot A540 4x ??? Perdona la mia ignoranza! Rileggendo poi le tue recensioni ho visto che scrivi che la canon 1100D non regge il confronto con la Nikon D3100, ricomincio daccapo? Quali tele mi consigli per questa Nikon?
    Grazie
    Alice, sempre più confusa

    "Mi piace"

    1. Alice,
      per i tuoi dubbi sulla focale e sull’ingrandimento degli obiettivi ti ha già risposto Simone.
      Ti confermo che per le foto da un veicolo ad animali in movimento è necessario scattare con tempi veloci 1/1000 o ancora più breve. Alcuni tele zoom stabilizzati come alcunii Nikon VR hanno anche una posizione dello stabilizzatore (A = Active)adatta a scattare da veicoli in movimento, ma se non si usano tempi veloci questo serve relativamente a poco.
      Ti ho suggerito la Canon 1000D perchè si trova in offerta con il 18-55 e il 75-300. La 1100d è un gradino superiore e la D3100 è migliore di questa alle alte sensibilità. I costi aumentano in proporzione ed io avevo anche tenuto conto dei limiti di budget.
      Infine fra il Canon 75-300 e il Tamron 70-300 Di LD non ci sono differenze significative. Se vuoi una differenza qualitativa soprattutto per la velocità di messa a fuoco ed efficacia della stabilizzazione, oltre che per la resa ottica, dovresti orientarti sul Nikon 70-300 VR, che però da solo costa 500 €, abbinandolo ad una D3100. Una buona scelta di compromesso potrebbe essere il Nikon 55-300 VR stabilizzato, inferiore al 70-300 ma che costa poco più di 300 €.
      Ciao, Francesco

      "Mi piace"

  36. …. Scusa, un’altra cosa: un 55-300mm mi permetterebbe forse di non cambiare obiettivo durante il safari? Costa tanto di più rispetto a un 75-300? Se questi obiettivi non sono stabilizzati le foto fatte mentre la jeep è in movimento vengono mosse? (immagino di sì!)…
    Ancora grazie
    Alice

    "Mi piace"

  37. Ciao Alice,
    provo a risponderti su stabilizzazione, focali e zoom, mentre lascio a Francesco il resto.

    La stabilizzazione contrasta il mosso causato dalle vibrazioni della macchina fotografica quando riprendi soggetti statici: per foto sportive (o safari), o in generale quando tu o il soggetto siete in movimento, l’unico modo per non ottenere foto mosse è quello di utilizzare tempi di otturazione molto ridotti (1/500, 1/1000 di secondo).

    La focale di un obiettivo indica il campo visuale che proietta sull’obiettivo. Come standard si fa riferimento alla focale riferita alle pellicole analogiche da 36mm: per esempio, in questo formato una focale di circa 50mm abbraccia un campo uguale a quello dell’occhio umano, e viene quindi chiamata “normale”. Una focale inferiore a 50mm abbraccia un campo più ampio dell’occhio umano, e viene chiamata grandangolo, mentre una focale superiore a 50mm abbraccia un campo più ristretto e viene chiamata tele.

    Per ottenere la focale equivalente a 35mm, devi moltiplicare per 1,6 i valori indicati sugli obiettivi per la Canon 1000d (quindi un 18-55 equivale ad un 28-88mm, da un moderato grandangolo a un moderato tele) oppure devi moltiplicare per 1,5 i valori indicati sugli obiettivi per la Nikon D3100 (quindi un 18-55 equivale ad un 27-83mm). Si può dire inoltre che gli obiettivi 18-55 sono degli zoom 3X, perché il rapporto tra la focale massima e la focale minima è pari a 55/18=3. Ma questo non significa che ingrandisce tre volte il soggetto perché, rispetto all’occhio umano, rimpicciolisce un poco alla focale più corta, e ingrandisce un poco a quella più lunga.

    Un obiettivo 75-300 su Canon 1000d corrisponde ad una focale equivalente di 120-480mm, quindi da circa 2,5 volte a 10 volte maggiore dell’occhio umano.

    Invece, quando si dice che un obiettivo 75-300 è uno zoom 4X, non si dice nulla riguardo all’ingrandimento, ma si dice soltanto che il rapporto tra la focale massima e la minima è uguale a 300/75=4. Questo fatto presenta alcune conseguenze. Ti fornisce una scelta di inquadrature più flessibile rispetto ad un obiettivo fisso, nel quale non puoi variare la focale e sei costretta a spostarti fisicamente o a cambiare obiettivo, ma meno flessibile rispetto ad uno zoom 11X (come un 18-200 che in un unico obiettivo copre le focali di un 18-55 e di un 55-200). La flessibilità tuttavia si paga con la qualità: ci sono limiti fisici (e, ahimè, matematici) nella costruzione di uno zoom esteso, che degradano la qualità dell’immagine.

    Lo zoom 4X della Canon A540 ha una focale equivalente che varia dai 35 ai 140mm.

    In ogni caso non preoccuparti: non sei da sola e sembra che la confusione sia quasi voluta dai costruttori!

    Francesco, ti chiedo se posso migliorare questo intervento e inserirlo in una voce apposita nel blog, perché queste domande si ripetono abbastanza di frequente.

    Simone

    "Mi piace"

    1. Simone,
      non ho nulla da aggiungere alla tua ottima spiegazione. Per gli altri dubbi risponderò io ad Alice.
      La tua idea di inserire queste spiegazioni ed altre come argomento fisso nel blog mi sembra buona e vedrò di svilupparla, anche se ora in ferie non dedico molto tempo a scrivere.
      Ciao, Francesco

      "Mi piace"

  38. ciao Francesco, è il primo pot che scrivo su questo sito, devo farti i complimenti perchè è davvero ben fatto e molto utile sopratutto per chi ha la passione per la foto ma ancora ha dei dubbi…..cmq la mia domanda è questa:volevo comprarmi una bridge che potesse fare delle buone foto al buoi e facesse dei buoni video,mi servirebbe per riprendere concerti notturni quindi mi servirebbe sia che abbia un buono zoom sia che riesca a fare riprese video e foto con poca luce, e sopratutto che abbia degli scatti un po veloci…esiste o è solo un utopia per me?spero in una risposta
    grazie mille e ancora compimenti

    "Mi piace"

  39. ciao francesco,
    per iniziare ti faccio i complimenti per le risposte che hai dato molto utili a tutti!!
    avevo da farti una domanda io ho sempre avuto una macchina ditale compatta di quelle classiche, volevo cambiare modo di fotografare e fare foto anche più belle….che macchina mi conviene comprare??? una reflex o un bridge?? che mi consigli???
    fiducioso in una tua risposta

    "Mi piace"

    1. Comprati una reflex indubbiamente

      le bridge sono delle fotocamere compatte con uno zoom molto potente.
      La qualità delle foto fra compatte e bridge è quasi identica

      "Mi piace"

    2. segui il consiglio di albert e fatti una reflex entry level, la compatta la potrai sempre usare

      scegli tu il budget, ma con 5-600 euro puoi iniziare a guardare canon 1100d, nikon d3100, pentax k-r, sony slt a35 e altri modelli più o meno equivalenti, vai a vederle e poi vediamo di raffrontare le 2 che più ti piacciono

      "Mi piace"

    3. Tommaso,
      indubbiamente se vuoi migliorare la qualità delle foto prendi una reflex. Le bridge, come dice Alberto, sono solo delle compatte con zoom più potenti e mirino elettronico.
      Fra le reflex base disponibili puoi scegliere una Canon 1100D con zoom 18-135 o una Nikon D3100 con 18-105.
      Ciao, Francesco

      "Mi piace"

    4. Ciao Tommaso,
      qualche mese fa avevo lo stesso dubbio e poi ho scelto per una bridge perchè mi sembrava meno “impegnativa” e più “abbordabile”… Oggi sono abbastanza deluso dalle foto che sono molto simili alla mia vecchia compatta (ovviamente ci metto anche del mio…) e sto pensando ad una reflex base.
      Ciao
      Ale

      "Mi piace"

  40. Ciao Francesco,
    vorrei un consiglio, provengo da una canon g5, che ha purtroppo reso l’anima al Signore.
    Mi sto guardando in giro, e sono attratto da queste superzoom.
    Fotografo principalmente in montagna, faccio scialpinismo in inverno.
    La Canon l’ho usata nelle condizioni climatiche e sottoposta a strapazzi più estremi.
    Secondo te queste fotocamere sono un po’ troppo delicate per l’uso che ne faccio io?
    Quale secondo te può essere la + robusta?
    Non dico che deve resistere a urti violenti, ma nemmeno che mi si blocchi se la temperatura va sotto i 5°
    Meglio tornare alla serie g che sono un blocco di ferro, oppure mi accontento di una compattina?
    grazie

    "Mi piace"

    1. Mauro,
      le superzoom attraggono per l’escursione spropositata dei loro obiettivi, ma per la qualità fotografica sono solo delle compatte con mirino elettronico (non sempre) e zoom molto esteso. Come ingombro inoltre non sono molto meno delle reflex.
      La scelta migliore è sempre una reflex tropicalizzata con uno zoom tipo 18-200 o 18-270, ma capisco che portarsela dietro durante lo sci alpinismo potrebbe essere difficile (io non me la porto facendo sci in pista).
      Ti consiglio quindi di continuare con una compatta tipo quella che hai. Se ti sei trovato bene con Canon potresti prendere la G12, da 10 Mpx, zoom 28-140, mirino ottico e schermo orientabile. Se vuoi un tele più spinto potresti considerare la nuova Nikon P7100, molto simile alla G12, con 10 Mpx, zoom 28-200, mirino ottico e schermo orientabile. Sono entrambe costruite in metallo e robuste almeno quanto la G5. Inoltre sono leggermente più piccole e leggere. Inoltre hanno una qualità d’immagine meigliore della media delle compatte e bridge grazie ai loro sensori un po’ più grandi e retroilluminati ed ai loro obiettivi di qualità.
      Ciao, Francesco

      "Mi piace"

  41. Buongiorno Francesco…
    avrei una domanda da farti…fatta premessa che sono un novellino della Fotografia, avrei intenzione di acquistare una Bridge, in quanto durante l’estate con una semplice compatta abbiamo avuto numerosi problemi nello scattare foto al buio, problema risolto solo dopo aver acquistato un cavalletto e dopo aver posizionato i soggetti a modi “belle statuine”…quindi ti lascio immaginare.
    Facendo un po’ di studio su blog vari il migliore compromesso sembrerebbe la Fujifilm finepix s4000.
    Ti sarei grato se mi dessi conferma sul prodotto o se lo ritieni opportuno farmi convergere verso un altro.
    In atesa di riscontro ti saluto cordialmente e ti faccio i più sinceri complimenti per il sito.
    Luca

    "Mi piace"

    1. Luca,
      purtroppo con una bridge avresti gli stessi problemi ch hai con la compatta. I sensori delle bridge sono gli stessi delle compatte, cioè molto piccoli, e la loro resa in scarse condizioni di luce è scarsa.
      Se vuoi migliorare le soluzioni sono due:
      – una reflex base, tipo la Canon 1100D o la Nikon D3100 con obiettivo in kit 18-55 o 18-105(135)
      – una mirrorless tipo la Olympus E-PL2 o Panasonic G2 o GF2 con obiettivo in kit 14-42
      Ciao, Francesco

      "Mi piace"

  42. Ciao Francesco!!
    Ho trovato questo articolo per caso e l’ho trovato molto utile!! Ho letto tutti i commenti per cercare qualche situazione simile alla mia, ne ho trovati alcuni ma ho ancora dei dubbi.
    Situazione: devo regalare una macchina fotografica ai miei genitori, cerco qualcosa di non particolarmente complesso (intendo per settaggi o impostazioni) ma nemmeno troppo semplificato, insomma con un certo margine di personalizzazione dei parametri di scatto. Verrebbero scattate immagini per lo più ‘famigliari’ o di paesaggi, senza troppo movimento e diciamo sempre abbastanza illuminate a meno di non essere in casa al chiuso. Il limite è purtroppo il budget: 250€ max.
    Ora ho letto alcuni consigli in questo articolo/commenti e anche da altre parti:
    Fuji s4000/s3500 (che starebbero nel budget)
    Lumix DMC FZ45 (appena superiore al budget)
    Nikon L120
    Le due consigliate da te nell’articolo purtroppo sono un po’ troppo fuori budget

    Ho preso in considerazione anche di prendere una compatta, ma il superzoom e alcuni settaggi manuali delle bridge attirano un po’…
    Te cosa mi consigli??
    Grazie

    "Mi piace"

    1. Claudio,
      se il budget è quello che hai indicato ti consiglio la Fuji S4000 o la Panasonic FZ45. La Nikon L120 la escluderei in quanto non ha il mirino.
      Se puoi spendere qualche cosa in più una buona scelta sarebbe una mirrorless Micro 4/3 come la Olympus E-PL1 o la Pansaonic GF2, ma si arriva a 350 €.
      Ciao, Francesco

      "Mi piace"

  43. ciao Francesco, è il primo pot che scrivo su questo sito, devo farti i complimenti perchè è davvero ben fatto e molto utile sopratutto per chi ha la passione per la foto ma ancora ha dei dubbi…..cmq la mia domanda è questa:volevo comprarmi una bridge che potesse fare delle buone foto al buoi e facesse dei buoni video,mi servirebbe per riprendere concerti notturni quindi mi servirebbe sia che abbia un buono zoom sia che riesca a fare riprese video e foto con poca luce, e sopratutto che abbia degli scatti un po veloci…esiste o è solo un utopia per me?spero in una risposta
    grazie mille e ancora compimenti

    "Mi piace"

    1. Enrico,
      purtroppo le bridge non hanno una buona resa in situazioni di luce scarsa e non sono veloci nella messa a fuoco e nello scatto.
      L’unica soluzione le tue richieste è una reflex base, Canon 1100D o Nikon D3100, con uno zoom Taron 18-270 VC o PZD.
      Ciao, Francesco

      "Mi piace"

  44. mi sembra di averlo già visto questo post : )

    comq mi spiace ma non esiste una bridge così…. Al limite al buio può fare filmati decenti, almeno… La mia fz28 pana li fa buoni. Ma le foto al buio e voloci fanno pena in qualsiasi bridge.

    Devi prenderti una reflex se vuoi fare ottime foto al buio più un obiettivo luminoso… Ancor più se vuoi una messa fuoco veloce e tempi rapidi di scatto evitando il mosso il più possibile.

    Le bridge hanno troppo ritardo.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.