Fotocamere consigliate – Superzoom

Avevo scritto nel dicembre scorso un articolo sulle superzoom. Oggi lo riprendo aggiornandolo con le più recenti novità e con alcune indicazioni riguardo a quelle che secondo me sono le più consigliabili.
In realtà tutte le superzoom sul mercato hanno caratteristiche abbastanza simili, tranne qualche eccezione. Tutte consentono di fare belle foto: rivedo ancora con piacere le foto fatte con una superzoom, da soli 5 mpx, durante un viaggio qualche anno fa. Anzi in quella occasione ho potuto anche girare dei brevi filmati, inseriti poi in un DVD insieme alle foto, cosa che non ho più potuto fare con le successive DSLR. Infatti solo da un anno ciò è consentito anche con queste. Se si è consapevoli delle loro limitazioni alle alte sensibilità possono dare molte soddisfazioni.

Perchè una superzoom quando per lo stesso prezzo o per pochi euro in più è possibile acquistare una reflex entry level? In realtà ci sono molti motivi per preferire una superzoom per una certa fascia di utenza.
Le superzoom attuali hanno raggiunto buoni livelli di qualità. Non possono essere paragonate ancora ad una DSLR per tanti motivi che conosciamo, ma a patto che chi le usa conosca le maggiori potenzialità della reflex e sia in grado di sfruttarle. Una reflex comporta il fatto che si utilizzino più obiettivi adatti alle diverse situazioni di ripresa. Quindi si deve essere a conoscenza delle tecniche fotografiche e disposti ad investire in un corredo di obiettivi intercambabili. Se però non si è esperti di fotografia e si vuole ottenere solo delle buone foto di famiglia, di amici o di viaggio, senza porsi troppi problemi e superando i limiti della compattina tascabile da 3x allora una superzoom è la risposta giusta.
Ci sono molti fattori a loro favore: prima di tutto hanno l’aspetto di una macchina fotografica “seria” e quasi professionale e questo aumenta il prestigio e la credibilità del fotografo che le usa. Poi consentono riprese con una grande varietà di focali, dal grandangolo al supertele, senza porsi problemi di quale ottica scegliere e senza portarsi in giro un corredo di obiettivi pesante e ingombrante. Offrono comunque una buona rapidità di operazione e di scatto (qualcuna superiore alla migliore reflex) e una buona qualità di immagine. Il loro costo è limitato: una volta acquistata la fotocamera non si devono spendere altri soldi per un corredo di obiettivi. Con uno zoom 20 o 24x, come molte superzoom oggi offrono, si possono affrontare con sufficiente confidenza quasi tutti i tipi di riprese. Sono anche facili da usare: chi non è esperto può usarle in program (questo vale però anche per le reflez) e non è intimorito da tutte le possibilità offerte. Poi facendo esperienza è possibile incomincire ad usarle con impostazioni diverse e se si diventa veramente appassionati di fotografia si potrà fare il passo successivo alla reflex. Rispetto alle compatte offrono numerosi vantaggi: oltre all’ovvia maggior escursione dell’obiettivo, possono esser impugnate meglio e in modo più stabile grazie alla loro forma, simile a quella delle DSLR. Consentono anche di effettuare riprese di avvenimenti sportivi con discreta qualità e velocità, cosa impossibile per una compatta tascabile e sono molto comode ed utili in viaggio. In condizioni di forte luminosità, ma non solo, è possibile usare il mirino elettronico per vedere bene ciò che si inquadra. E infine è divertentissimo giocare con lo zoom ed inquadrare dettagli e particolari lontani che non si riuscirebbe mai a fotografare con una compatta e nemmeno con una reflex se non si dipone degli obiettivi adatti spesso molto costosi (quanto costa un 500 mm?).
Devo poi precisare, per evitare equivoci, che il fatto che una fotocamera sia sconsigliata non significa che sia di cattiva qualità o che non produca buone fotografie. La valutazione è basata sulle caratteristiche e funzioni offerte in rapporto al prezzo ed alla concorrenza.
Le fotocamere non elencate invece vuol dire che non presentano particolari pregi o caratterisstiche di spicco rispetto alle altre offerte.
Tutti i prezzi indicati sono stati rilevati il 21/9/09 su siti italiani o quando i prodotti non erano ancora disponibili da noi su siti tedeschi. Periodicamente cercherò di aggiornarli.

Superzoom – Per chi vuol fotografare senza troppi problemi

Ho analizzto quanto offre il mercato per individuare quali siano le migliori e più consigliabili. Mi sono limitato naturalmente a quelle di ultima generazione, presentate nel corso del 2009. Si tratta di fotocamere con risoluzione elevata, 9-12 Mpx, tranne un’eccezione, e con zoom da 14 a 26x.
La maggior parte delle superzoom si concentra nella fascia di prezzo da 300 a 400 €. Ci sono però alcune eccezioni sia verso l’alto, con caratteristiche particolari, sia verso il basso.
Non ho considerato in questo articolo le superzoom senza mirino che secondo me fanno parte della categoria delle compatte e che tratterò in uno successivo.
Le caratteristiche importanti da considerare nella scelte sono: escursione focale dello zoom, megapixel, anche se tutte, salvo un’eccezione, vanno dai 9 ai 12, possibilità di salvare le foto in RAW, funzione video, schermo orientabile, alimentazione, ingombro e peso. Tutto naturalmente rapportato al prezzo. La stabilizzazione non è un problema perchè ce l’hanno tutte, ottica o sul sensore (quella elettronica è invece una presa in giro perchè significa solo che la fotocamera aumenta gli Iso per non far scendere troppo il tempo di scatto). Alcune però hanno delle caratteristiche particolari che le distinguono dal gruppo. Tutte hanno la possibilità di esposizione automatica, con priorità a tempi o diaframmi e manuale e la possibilità di messa a fuoco manuale.

Fotocamere consigliate:

PanaFZ38_slant_450Panasonic Lumix DMC-FZ38 (FZ35 in USA)
E’ l’ultima superzoom di Panasonic. Ha un sensore CCD da 12 Mpx, un ottimo obiettivo Leica Vario-Elmarit 18x equivalente ad un 27-486, che parte quindi da un medio grandangolo, di elevata qualità, un sistema di stabilizzazione Power O.I.S. di capacità doppia del precedente Mega O.I.S., l’autofocus più veloce della categoria, un elaboratore Venus HD che velocizza tutte le operazioni e consente una efficace soppressione del rumore, anche questa la migliore fra le superzoom, sensibilità fino a 6400 Iso in modalità Auto, possibilità di salvare le foto in formato RAW, una raffica di 2,3 fg/s e la possibilità di registrare video HD 720p (1280×720, 30 fg/s) in formato AVCHD che consente risparmio di spazio ed una migliore qualità. Ha inoltre un pulsante video dedicato, uno schermo da 2,7″ e dimensioni e peso abbastanza ridotti (118x76x89, 397 g). Il suo prezzo è di circa 360 €.
In conclusione è una delle scelte più consigliabili.

Z980_FF_250x200Kodak EasyShare Z980
La Kodak è molto nota per le pellicole e le carte fotografiche, un po’ meno per le fotocamere. Attualmente però vanta una linea di macchine digitali molto interessante e quallche anno fa è stata una delle prime, insieme a Canon, a produrre reflex digitali fullframe.
La Z980 è una superzoom sorprendente, praticamente ha tutto o quasi si possa desiderare da una fotocamera di questo tipo ed è venduta ad un prezzo molto contenuto. Le sue caratteristiche sono: sensore CCD da 12 Mpx, obiettivo zoom 24x equivalente a un 26-624, quindi grandangolo abbastanza spinto e tele molto lungo, stabilizzazione sul sensore, sensibilità fino a 3200 Iso, possibilità di salvare le foto in formato RAW,impugnatura aggiuntiva con pulsante di scatto per inquadrature verticali, ottima velocità di scatto, riprese video HD 720p (1280×720 30 fg/s), slitta portaflash per un flash esterno oltre a quello incorporato (abbastanza rara per la categoria), schermo da 3″ e alimentazione con 4 pile a Stilo AA o ricaricabili. Le dimensioni sono medie (124x91x105) e così il peso (445 g). Il suo prezzo è di circa 270 € il che la rende la più conveniente fra le superzoom per il rapporto qualità/prezzo.

canon-powershot-sx1-isCanon PowerShot SX1 IS
E’ la superzoom top di Canon. E’ stata presentata nel settembre 2008, ma ha subito un importante aggiornamento firmware che ha aggiunto la possibilità di salvare le foto anche in RAW. Ha un sensore CMOS da 10 Mpx, un obiettivo zoom 20x equivalente ad un 28-560 mm, stabilizzatore ottico, una buona velocità dell’autofocus e un buon controllo del rumore alle alte sensibilità. Può salvare le foto anche in formato RAW e ha la possibilità di riprendere video HD 1080p (1920×1080 30 fg/s). Ha la slitta portaflash per un flash esterno oltre a quello incorporato (abbastanza rara per la categoria), schermo da 2,5″ orientabile, molto comodo per inquadrature da angolazioni inusuali (dal basso, sopra la testa) e per riprese video, un pulsante video dedicato e l’alimentazione con 4 pile a Stilo AA o ricaricabili. Le dimensioni sono medie (124x88x87), ma il peso elevato (615 g). Il suo prezzo è di circa 480 €. Il suo grosso vantaggio, oltre alla buona qualità d’immagine, vicina a quella della panasonic, è la ripresa video Full HD abbinata allo schermo orientabile che consente un’ottima flessibilità e che ne fa una fotocamera ibrida, adatta a foto e video, inferiore solo alla Panasonic GH1, ma che costa solo un terzo di questa.

Alternative:

S200EXR_1_LFuji Finepix S200EXR
E’ una superzoom che si distingue dal resto del gruppo per il suo particolare sensore. Si tratta di un Fuji Super CCD EXR;illustrato nell’articolo dedicato alla F200EXR. Il sensore ha dimensioni più grandi delle concorrenti, 1/1,6″ (7.78 x 5.83 mm, 0.45 cm²), invece di 1/2.3 ” (6.16 x 4.62 mm, 0.28 cm²) delle altre. Ha 12 Mpx e può lavorare in tre modalità: Fine Capture Technology” (alta risoluzione) con 12 Mpx, “Pixel Fusion Technology” (alta sensibilità e basso rumore) in cui accoppia 2 pixel per ottenerne uno più grande, quindi come risultato fornisce un output da 6 Mpx, and “Dual Capture Technology” (ampia gamma dinamica) in cui espone contemporaneamente 6 Mpx per le luci e 6 Mpx per le ombre per ottenere una foto ad alta dinamica. L’obiettivo è uno zoom 14,5x equivalente ad un 30,5-436 mm (poco grandangolare, peccato) stabilizzato otticamente, la sensibilità arriva a 3200 Iso e può salvare le foto in RAW. Lo schermo è da 2,7″, la velocità di raffica arriva a 3 fg/s come una reflex base. Ha la slitta portaflash per un flash esterno oltre a quello incorporato (abbastanza rara per la categoria). Il comando dello zoom è manuale. La ripresa video solo VGA (640×480). L’ingombro è elevato (133x94x1459 ed anche il peso (865). Il tutto ne fa una superzoom molto simile per aspetto ad una reflex. Il suo prezzo è circa 450 €. E’ quindi una superzoom particolare per chi cerca una buona qualità di immagine in situazioni difficili (anche se non ci si possono aspettare miracoli da un piccolo sensore anche con tecnologia EXR) ed è disposto a spendere un po’ di più e a portarsi dietro una fotocamera più pesante ed ingombrante.
 
hx1_mainSony Cyber-shot DSC-HX1
La HX1 è l’ultima di una lunga serie di superzoom e riporta Sony sui livelli delle prime H1 e H5 che aveva un po’ perso con i successivi modelli.Ha un nuovo sensore Exmor CMOS da 9 Mpx, un obiettivo zoom 20x equivalente ad un 28 a560 mm con stabilizzazione sull’otticaa. E’ in grado di scattare fino a 10 fg/s grazie ad un otturatore meccanico. La sensibilità massima arriva fino a 3200 Iso. l’autofocus è veloce e la qualità d’immagine ottima, anche se il rumore alle alte sensibilità è solo nella media. Può riprendere video HD 1080p (1920×1080 30 fg/s). Lo schermo è da 3″ orientabile, molto comodo per inquadrature da angolazioni inusuali (dal basso, sopra la testa). Offre inoltre una funzione “panorama” per connettere insieme più foto, sia in orizzontale che in verticale, ed ottenere una foto panoramica e una funzione per ottenere, dalla sovrapposizione di più scatti una foto con basso rumore in condizioni di luce scarsa. Usa schede di memoria Memory Stck, una particolarità di Sony. Il suo prezzo è di circa 440 €. E’ quindi una superzoom un po’ più cara delle altre, ma che offre funzioni, raffica, foto panoramiche e con basso rumore in scarsa luce che possono essere interessanti. Inoltre è particolarmente adatta alle riprese video, come la Canon SX1.

sx20is-439x400Canon PowerShot SX20 IS
Riprende le caratteristiche della precedente SX10 migliorandole in diversi punti. Monta un sensore CCD da 12 Mpx, un obiettivo zoom 20x equivalente ad un 28-560 mm, stabilizzatore ottico, una buona velocità dell’autofocus e un buon controllo del rumore alle alte sensibilità anche se non al livello delle migliori, la possibilità di riprendere video HD 720p (1280×720 30 fg/s), slitta portaflash per un flash esterno oltre a quello incorporato (abbastanza rara per la categoria), schermo da 2,5″ orientabile, molto comodo per inquadrature da angolazioni inusuali (dal basso, sopra la testa) e per riprese video, un pulsante video dedicato e l’alimentazione con 4 pile a Stilo AA o ricaricabili. Le dimensioni sono medie (124x88x87), ma il peso elevato (600 g). Il suo prezzo è di circa 380 €. In conclusione un buon compromesso fra le varie caratteristiche ad un prezzo medio, ma se non fosse per lo schermo orientabile la Kodak la surclasserebbe.

finepix_s2000hd-frontFuji Finepix S2000HD
La S2000Hd è stata presentata più di un anno fa, ma mantiene la sua competitività anche oggi. Ha un sensore CCD da 10 Mpx, un obiettivo zoom 14,8x equivalente ad un 28 a 414 mm, stabilizzazione sul sensore, uno schermo da 2,7″, possibilità di riprese video HD 720p (1280×720 30 fg/s), alimentazione con 4 pile a Stilo AA o ricaricabili. Le dimensioni sono contenute (111x79x76) mentre il peso è medio(426 g). Il prezzo è il più ridotto del gruppo, circa 215 €.

Sconsigliate:

COOLPIX_P90_1_LNikon Coolpix P90
La P90 ha uno zoom con escurione focale 24x equivalente ad un 26-624 mm. Il sensore ha 12 Mpx e la stabilizzazione sull’obiettivo. La caratteristica particolare è lo schermo da 3″ orientabile, molto comodo per inquadrature da angolazioni inusuali (dal basso, sopra la testa) e per riprese video
Le altre caratteristiche sono nella media. I filmati possono essere solo VGA (640×480), le schede di memoria SD. Le dimensioni sono contenute (114x83x99) ed il peso medio (460 g). Il prezzo di circa 330 € e l’assenza del video HD e del RAW la rendono meno competitiva della Kodak.

ZYFRONT-LGOlympus SP 590UZ
La SP590 ha uno zoom con escurione focale 26x equivalente ad un 26-676 mm, come la Kodak. Il sensore ha 12 Mpx e la stabilizzazione sul sensore. Le altre caratteristiche sono nella media, con in particolare la possibilità di ripresa a 10 fg/s, ma solo a 3 Mpx. I filmati possono essere solo VGA (640×480), le schede di memoria xD e finalmente (per Olympus) anche SD e l’alimentazione è con 4 pile a Stilo AA o ricaricabili. Le dimensioni sono contenute (110x90x91) ed il peso medio (435 g). Il prezzo di circa 330 € e l’assenza del video HD e del RAW la rendono meno competitiva della Kodak.

nda_pentax_pmaPentax X70
La X70 ha uno zoom con escurione focale 24x equivalente ad un 26-624 mm. Il sensore ha 12 Mpx e la stabilizzazione sul sensore. Lo schermo è fisso da 2,7″. Le altre caratteristiche sono sullo standard medio, l’unica di spicco è che può riprendere video HD 720p (1280×720 30 fg/s). Le schede di memoria sono SD. Le dimensioni sono contenute (110x83x90) ed il peso medio (410 g). Il prezzo di circa 350 €  e l’assenza del RAW la rendono meno competitiva rispetto alla Kodak.

Infine elenco due fotocamere molto particolari di cui ho parlato in un precedente articolo e che è opportuno prendere in considerazione se servono le loro particolari caratteristiche di velocità:

Casio EX-F1
Casio EX-F1

Casio Exilim Pro Ex-F1
La Casio EX-F1 è una superzoom con obiettivo 12x, da 36 a 432 mm equivalenti, quindi non molto spinto in confronto ai 20 e 26x delle concorrenti. Le sue particolarità sono però il fatto di avere un sensore CMOS di dimensioni relativamente grandi 1/1.8 con le misure di 7,18×5,32 mm contro i sensori 1/2,3 equivalenti a 6.16 x 4.62 mm mm delle concorrenti. Inoltre il sensore ha “solo” 6 Mpx, il che si traduce in una densità di pixel inferiore in rapporto a quelli più piccoli con più Mpx. Ciò vuol dire che il rumore alle alte sensibilità è inferiore a quello delle concorrenti, pur non potendo essere paragonato a quello di una reflex APS. La caratteristica più importante di questo sensore è però la sua velocità che arriva fino a 60 fg/s alla risoluzione di 6 Mpx per le foto e da 60 fg/s in qualità full HD a 1920×1080 pixel e fino a 1200 fg/sec alla risoluzione ridotta di 336×96 pixel per il video. Inoltre anche con il flash la F1 è in grado di scattare una raffica di 20 fotogrammi alla velocità di 7 fg/sec. Lo zoom ha una escursione focale equivalente che varia fra 36 e 432 mm, un po’ inferiore a quella di alcune concorrenti soprattutto nella direzione grandangolare. La sensibilità varia da 100 a 1600 Iso. La stabilizzazione è meccanica sul sensore ed è inoltre disponibile una funzione di stabilizzazione elettronica che combina più immagini per ricavarne una più nitida. Il display è da 2.8′  quindi nella media. La messa a fuoco prevede anche il tracciamento dei soggetti in movimento e la luce ausiliaria. Le immagini possono essere salvate in RAW. L’ingombro è medio (128x80x130), ma il peso è elevato (671 g), come il suo prezzo circa 700 €. E’ una superzoom specialistica che può essere molto utile per le riprese video ad alta velocità ad esempio sportive (sci, tennis, baseball, ecc.) per evidenziare i movimenti degli atleti.

Casio EX-FH20
Casio EX-FH20

Casio Exilim EX-FH20
la EX-F20 è la sorellina minore della Ex-F1. Ha però un sensore con più pixel anche se più piccolo, 1/2.3 (6.16 x 4.62 mm) quindi con più rumore, e 9 Mpx con una capacità di raffica di 40 fg/sec a 7 Mpx, e 30 fg/sec a 8 Mpx. La velocità video arriva fino a 1000 fg/sec alla risoluzione di 224×56, ma si possono effettuare riprese HD720 (1280×720) a 30 fg/sec. Col flash si arriva a 5 fg/sec per 10 foto. Lo zoom è un 20x da 26 a 520 mm equivalenti. E’ presente lo stabilizzatore meccanico d’immagine sul sensore e la funzione elettronica di stabilizzazione che combina più immagini come sulla F1. Lo schermo è da 3, l’alimentazione è fornita da 4 batterie AA ricaricabili. Il prezzo è di circa 360 €. Si tratta quindi di una fotocamera ancora più interessante della F1 e venduta finalmente ad un prezzo concorrenziale.

105 pensieri riguardo “Fotocamere consigliate – Superzoom”

  1. ciao..
    volevo acquistare una macchina fotografica con un ottimo zoom dato che ad ottobre vedro gli u2 a romaa….ed oltrettutto è una mia grandissima passione!
    cosa mi consigli??? te lo chiedo perche nei concerti ovviamente devi fotografare un soggetto in movimento e cn una luce sempre differente….
    spero di ricevere risposta…

    "Mi piace"

    1. Vanessa, per risponderti con precisione dovrei sapere qual è la tua esperienza fotografica ed il tuo budget.
      Comunque per fotografare ai concerti, presumo lontano dal palco, è necessario un buon tele, ma anche una macchina con una buona resa alle alte sensibilità in quanto non si può contare sugli stabilizzatori per scattare con tempi lenti perchè i concertisti si muovono e quindi non verrebbero nitidi.
      Le macchine più indicate sono quindi le reflex con un adeguato telezoom. Fra queste ti posso indicare la Olympus E-450 che costa con il 14-32 circa 400 € a cui dovresti aggiungere altri 400 e per il telezoom 70-300 (focale equivalente 140-600). Con questo dovresti poter avvicinare abbastanza gli U2. In alternativa c’è la Canon 1000D con in kit il 18-55 e il 70-300 (focale equivalente 112-480) un po meno lungo come tele ma pur sempre ragguardevole. Costa circa 550 €,
      Se vuoi limitare la spesa puoi prendere anche una bridge come la Fuji HS10 che ha uno zoom equivalente ad un 24-720, il più lungo disponibile e costa circa 400 €, ma la qualità delle foto nelle condizioni di un concerto (poca luce) sarà inferiore alle reflex.
      Ciao, Francesco

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.