Sony RX10 III

RX10 III_right_shiftSony ha presentato oggi un nuovo modello della serie di bridge”premium” RX10, la RX10 III. La nuova fotocamera eredita dalla RX10 II il sensore da 1″ (13,2×8,8 mm) Exmor RS retroilluminato BSI-CMOS “stacked”, cioè a strati, da 20 Mpx con una memoria DRAM incorporata per aumentare la velocità di lettura del segnale e migliorare il rapporto segnale/rumore, e l’elaboratore d’immagine Bionz X. Si differenzia per l’obiettivo, sempre uno zoom Zeiss in questo caso di focale 8,8-220 mm equivalente ad un 24-600 mm f/2,4-4,0. Il mirino e tutto il resto del copro macchina sono uguali alla RX10 II tranne lo spostamento di qalche pulsante e le dimensioni e peso superiori.
La RX10 III, come la II, è in grado di riprendere video 4K di qualità professionale ed effettuare riprese ad alta velocità, in formato Full HD, fino a 1000 fg/s per una riproduzione rallentata fino a 40x. L’autofocus pur essendo a rilevamento di contrasto è veloce e reattivo con un ritardo di 0,09 sec (in condizioni ottimali) per la messa a fuoco.
La nuova RX10 III si differenzia dal modello II unicamente per l’obiettivo che dal precedente 24-200 f/2,8 (a luminosità costante) passa ad un 24-60 mm f/2,4-4,0. Questo viene incontro certamente a coloro che cercano una bridge con un’ampia escursione focale, anche se già la RX10 II (di cui pubblicherò la prova entro qualche giorno) ha uno zoom con focali adeguate alla maggior parte degli utilizzi. Naturalmente uno zoom con escursione così ampia per il formato 1″ non poteva mantenere una luminosità costante di f/2,8 per motivi di dimensioni e di costi. Si pensi infatti che la Panasonic FZ300 che ha uno zoom equivalente ad un 25-600 f/2,8, ma su un sensore molto più piccolo (6,17×4,55 mm di superficie 1/4 di quello della RX10 II e III), ha dimensioni e pesi analoghi alla RX10 II come si può vedere nelle foto.

Sony RX10 II - Panasonic FZ300
Sony RX10 II – Panasonic FZ300
Sony RX10 II - Panasonic FZ300
Sony RX10 II – Panasonic FZ300

La RX10 III quindi mantiene la stessa estetica della II con dimensioni leggermente maggiori del corpo ed una sporgenza sensibilmente superiore dell’obiettivo.

Sony RX10 II - RX10 III
Sony RX10 II – RX10 III
Sony RX10 II - RX10 III
Sony RX10 II – RX10 III

Questo se non altro ha consentito a Sony di montare due ghiere separate per zoom e messa a fuoco.
Fortunatamente poi Sony, o meglio Zeiss, è riuscita a non ridurre troppo la luminosità dello zoom che anzi in posizione grandangolo è più luminoso di quello della RX10 II e in posizione tele ha una luminosità ragguardevole per la focale equivalente.
Del sensore Exmor RS darò una descrizione nella prossima prova della RX10 II, ma anticipo che le sue prestazioni sono notevoli.
Anche tutte le altre caratteristiche delle RX10 II e III sono notevoli, a cominciare dalla qualità d’immagine anche alle alte sensibilità, la chiarezza e nitidezza del mirino, la buona velocità dell’autofocus, la ripresa video 4K e le ottime doti di velocità che le consentono riprese fino a 1000 (mille) fg/s in Full HD per un effetto moviola rallentato fino a 40x. Può anche scattare foto a pieno formato, in 16:9, mentre si effettuano riprese video senza interrompere la ripresa.

La RX10 III sarà disponibile da aprile al prezzo di 1.600 €.

Riporto il comunicato stampa Sony (in inglese).

__________________________________________________________________

Sony

See beyond the Bridge…. and further still

Sony – mar 29, 2016 17:00 CEST

Sony launches RX10 III with newly-developed extended super-telephoto zoom lens covering a huge 24-600mm[i]

  • Featuring newly developed ZEISS® Vario-Sonnar T* 24-600mmF2.4-4 large-aperture high-magnification zoom lens
  • High-fidelity capture of image detail and fast readout with 20.1MP[ii] 1.0-type stacked CMOS sensor with DRAM chip and BIONZ X processor
  • 4K recording[iii] with full pixel readout and no pixel binning and extensive video functions including S-Gamut/S-Log2 for compatibility with professional movie editing workflow
  • Ultra telephoto super slow motion recording at up to 1000fps[iv]
  • Fast Intelligent AF achieves 0.09-second[v] fast autofocus to capture decisive moments

Sony today introduced the latest addition to the award winning line of RX Cyber-shot cameras, the new RX10 III (DSC-RX10M3). Featuring a newly-developed extended 25x super-telephoto zoom lens with an incredible focal range of 24-600mm and silent shutter capability, it is designed for demanding photographers and videographers who want to shoot fast moving, far away subjects such as sports events, concerts or wild animals. It is able to reproduce high-quality content at a variety of focal lengths and camera settings that would require more than three, large lenses for an interchangeable-lens camera user.

The combination of the 20.1MPi 1.0-type stacked sensor, bright zoom lens and BIONZ X processor ensures the highest image quality throughout the whole focal range, whether shooting stills or video at up to 4K quality. Furthermore, by pairing the convenience of an ultra-telephoto lens with an innovative stacked CMOS image sensor, the RX10 III delivers new imaging experiences such as super slow motion video capture at up to 1000 fps all the way up close at ultra-telephoto range. It benefits from an extremely accurate AF that focuses in just 0.09v seconds and all of this is packaged in a premium body that combines practicality and rugged good looks.

Lens advantages

The jewel in the crown of the RX10 III is the newly developed ZEISS® Vario-Sonnar T* lens. Covering a huge 24-600mm (25x Optical magnification)[vi] focal range, the RX10 III is ideal in a range of different shooting conditions, from wide angle scenery shots to ultra-telephoto images of sports events or wild birds, all in one compact package. The large-aperture lens (F2.4-4.0) maximises the ability of the 1.0-type large sensor to achieve high image quality and beautiful bokeh, even in the ultra-telephoto region.

Newly designed optics include eight ED glass elements including one super ED glass element, and two ED aspherical lenses[vii]. All of these elements work together to compensate for chromatic aberration that often afflicts telephoto lenses and results in high-contrast and ultra-sharp image quality from corner to corner across the entire zoom range. The newly developed optical design contains the sophisticated advanced aspherical (AA) lens and delivers excellent imaging performance while keeping the lens unit itself small. Additionally, with a minimum focusing distance of 72cm at a fully extended 600mm(0.49x maximum magnification), the new lens is capable of producing amazingly detailed tele-macro images. The ZEISS® T* Coating minimises flare and ghosting that often affects image quality in adverse lighting conditions and delivers faithful colour reproduction and clear image expression.

The aperture unit has nine blades that are designed to create a near-perfect circle in the F2.4 to F11 aperture range which enables soft, beautiful bokeh expression. The Optical SteadyShotTM algorithm has been optimised for the lens design of the RX10 III and delivers up to 4.5 stops[viii] image stabilisation for outstanding protection against camera shake, even when shooting from the hand in ultra-telephoto or low-light conditions.

Premium Speed and Response Times

The RX10 III features a 1.0-type stacked CMOS sensor with DRAM chip which is back-illuminated to allow it to collect light more efficiently. Combined with the BIONZ X image processing engine, the RX10 III achieves a wide sensitivity range of ISO 64[ix] – ISO 12800, with low noise, even at high sensitivity settings. It employs a stacked structure that places the high-speed signal processing circuit on a different layer from the pixel area, significantly expanding the signal processing circuit and achieving astonishing high-speed processing. The DRAM chip at the rear of the sensor temporarily stores and allows readout of large volumes of signal data which can be processed without delay, enabling super slow motion recording at up to 1000fps.iii This is especially beneficial when capturing dynamic footage from a long distance, such as stadium based sports events where close access to the subjects is impossible but impactful, high quality footage is required. The accelerated readout of data from the image sensor also delivers a major reduction in image distortion of fast-moving subjects such as tennis players or animals on the move.

With shutter speeds as fast as 1/32000 second, the electronic shutter performs comparably to mechanical shutters that don’t distort images. Moreover, the electronic shutter can operate silently, so you can shoot recitals, wildlife and other sensitive subjects without disrupting the scene. Continuous shooting is possible at up to 14fps[x] which enables the photographer to capture moments of fleeting beauty or facial expressions. In addition, the RX10 III offers accurate tracking during continuous shooting with AF at up to 5fps.

The combination of the premium performance characteristics of the RX10 III and its extended zoom capabilities open up a whole new world of imaging experiences.

High Quality 4Kiii Movie Recording

The RX10 III records video in 4K[xi] quality at a high bit rate[xii] in the highly efficient XAVC S format with full pixel readout and no pixel binning. This means that it captures approximately 1.7x more information than is required for 4K movie output and this oversampling effect enhances image detail as it minimises moiré and jaggies. The newly developed lens means that the camera can shoot high-quality 4K movies between 24-600mm, enabling huge flexibility in the types of shooting situations that can be captured. Furthermore, the inclusion of a high-speed front-end LSI assists the BIONZ X high-speed image processing engine in significantly reducing the rolling shutter phenomenon that can often distort how fast-moving subjects appear in 4K movies.

To enable compatibility with a professional video workflow, the RX10 III supports a variety of movie functions that are typically found on professional video cameras. The functions include Picture Profile, S-Gamut/S-Log2, Gamma Display Assist, enhanced Zebra function, clean HDMI output, TC/UB, REC Control, Dual REC, and Marker function.

High speed autofocus

The RX10 III features the Fast Intelligent AF system that has attracted praise amongst RX10 II and RX100 IV users, with the spatial object detection algorithm fully optimised for the RX10 III. This allows the camera to predict the point of focus by detecting the subject even before the shutter button is pressed halfway. Once the shutter button is pressed halfway down, the camera focuses on the subject without delay, delivering a very smooth AF performance in just 0.09 seconds.iv

New innovations

The RX10 III features a number of other upgrades compared to the current RX10 models. These include triple lens rings for focus, zoom and aperture, each operable on the side of the lens for smooth operation. The handgrip shape has been optimised for the new high-magnification large-aperture lens, particularly to enhance grip security when holding the camera at eye level. A new Focus Hold button on the lens barrel allows the focus distance to be locked when it pressed and can also be assigned as a custom function button. A new soft carrying case, LCJ-RXJ, will also be available for the new camera.

Full technical details of the RX10 III can be seen here and it will be available in Europe from April priced at approximately €1600.

A variety of exclusive stories and exciting new content shot with the new RX10 III will be posted directly at the global Sony Photo Gallery and the Sony Camera Channel on YouTube.

For more information, please contact your local PR manager or:

David Edwards, Corporate Communications, Sony Europe

+44 (0)1932 817022 / david.edwards@eu.sony.com

[i]35mm equivalent

[ii]Approximate effective megapixels

[iii]A class 10 or higher SDHC/SDXC memory card is required for movie recording in XAVC S format. UHS-I (U3) SDHC/SDXC card is required for 100Mbps recording

[iv]In PAL mode. 960fps in NTSC mode. NTSC and PAL are switchable in the menu system

[v]CIPA standard, internal measurement, at 24mm (Wide) (35mm equivalent), EV8.2, Program Auto, AF area: Centre, with NTSC mode

[vi]35mm equivalent

[vii]11 surfaces, including one AA lens

[viii]CIPA-standard, pitch/yaw directions, at 600mm(35mm equivalent)

[ix]When expanded. For still shooting only

[x]In Speed-priority Continuous shooting mode. Exposure and focus fixed in first frame

[xi]QFHD: 3840 x 2160

[xii]Up to 100Mbps

__________________________________________________________________________

RX10 III_right_shift

RX10 III

RX10 III_flash

RX10 III_rear

RX10 III_tilt_up

RX10 III_top_close

RX10 III_top_tele

RX10 III_right_side_tele

RX10 III_phantomc

 

Annunci

26 pensieri riguardo “Sony RX10 III”

      1. A me piace, quando ne ho occasione, scattare fotografie ad avvenimenti spirtivi (sport motoristici ed invernali) oppure anche ad animali in zone naturalistiche, occasioni nelle quali non è possibile avvicinarsi all’azione;la ffocale raggiungibile da questa 3 sarebbe sufficientemente adeguata, a mio parere siamo a livelli superiori rispetto ad una Nikon D5300 con un 16-300 se non per una resa a valori ISO elevati compensati però dalla ben maggiore luminositàdell’obiettivo della RX10, anche se Sony non ha voluto troppo calcare la mano non dotandola di un AF simile a quello di una A6000. Grossa per grossa la trovo estremamente versatile, però se non interessano focali lunghe la cersione 2 può essere preferibile, anche se poi bon è che quà puoi aggiungere un obiettivo al corredo. Ciao Francesco, attendo la prova!

        Mi piace

        1. Diego,
          nelle situazioni che descrivi la RX10 III è preferibile alla II, ma in generale no. Infatti la II con il suo f/2,8 a 200 mm ha un diaframma equivalente migliore di una APS con un 18-200 f/3,5-5,6, invece la III ha un obiettivo che dalla massima apertura f/2,4 alla minima focale, arriva rapidamente a f/4,0 già a 100 mm e da questo punto in poi è in svantaggio rispetto ad un’APS.
          Ciao, Francesco

          Mi piace

          1. Francamente speravo in qualcosa di meglio, perlomeno 2/3 di stop fino ai 100 ed 1/3 di stop fino ai 200mm, invece stando cosi le cose allora non posso che concordare con te, la versione 3 è più specializzata e meno versatile di ciò che pensassi senza conoscere il diagramma di luminosità dell’obiettivo. Grazie Francesco.

            Mi piace

  1. Senza conoscere il diagramma di luminosità dell’obiettivo credevo in qualcosa di meglio, così invece la versione 3 risulta essere più specialistica e meno versatile di ciò che pensassi, grazie Francesco.

    Mi piace

  2. Di fatto dai 70 mm in poi si scatta con uno stop ISO in più sulla 3 rispetto la 2, vantaggio non da poco visto che con poca luce i 3200 ISO si raggiungono abbastanza rapidamente scattando a mano libera. Senza contare le probabili migliori prestazioni dell’obiettivo con minor fattore moltiplicativo tra le due Sony. Considerando anche i prezzi allora mi sà che una buona scelta potrebbe essere abbinare una Sony RX 100 3 ad una Panasonic FZ1000. Grazie delle informazioni Francesco.

    Mi piace

  3. Sì ma avete visto il prezzo? Non so a quale tipo di pubblico sia indirizzata ma non credo per il turista medio. A quel prezzo si prende una semipro reflex o mirrorless

    Mi piace

    1. Michele,
      è vero quello che dici riguardo ai prezzi delle RX10 II e III, ma dal confronto che pubblicherò presto nel test si potrà vedere che queste fotocamere sono concorrenziali con reflex e mirrorless anche per le prestazioni.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

    2. A mio parere queste sono macchine di nicchia che verranno vendute in pochi esemplari che abbinato al fatto del puntare molto sulla qualità (ed un buon obiettivo ha comunque un costo non proprio irrisorio) fà salire (anche troppo però) il prezzo. Una persona che non ha esigenze particolari oppure anche uno che vuole un attrezzo che gli consenta di fare foto di buona qualità (per le belle foto il discorso entra molto anche nelle capacità ed abilità personali) si prende una EOS 1200D con un 18-200 e con meno di 500€ ne trova piena soddisfazione.

      Mi piace

  4. Certo ci sono continui colpi di scena e capovolgimenti di fronte, prima fotografia voleva dire reflex, poi sono uscite le mirrorless, poi le compatte premium con sensori più grandi delle punta e scatta, ora le bridge premium, fino a ieri le bridge erano bistrattate per non essere ne carne ne pesce, sembra una partita di tennis e noi siamo gli spettatori che guardiamo da una parte e dall’altra, troppa offerta può essere un bene ma anche un male, sopratutto per il portafogli!!

    Mi piace

  5. Diego infatti ho visto foto fatte con la 1200d che non hanno nulla da invidiare a foto fatte con macchine molto più costose, per cui mi chiedo cosa vogliamo da una fotocamera? che faccia foto di buona qualità, nel senso da te spiegato, che poi sappia fare pure il caffè a me non interessa, e il caffè a 1500 euro mi pare caro

    Mi piace

    1. Una foto bella che cattura può ben esultare dall’attrezzatura, attrezzatura che si è molto variegata ed evoluta per assecondare le esigenze e soddisfare i fotografi; vedere su una buona carta od un buon display uno scatto realizzato con una macchina dotata di un obiettivo di ottima qualità è molto più piacevole di una fatta con un obiettivo mediocre, seguire un’azione sportiva con una macchina che fotografa 10 fotogrammi al secondo offre molte più probabilità di ottenere un buono scatto cogliendo il momento clou rispetto ad una che lavora al massimo a 3, avere un AF rapido e preciso da più possibilità di non perdere una foto e via dicendo. Ovvio che questi ausili hanno un costo ed ognuno valuta se il gioco valga la somma richiesta. Le case creano ciò che il mercato chiede o, meno spesso, che desidera. Oggi poter disporre di strumenti quali ad esempio una RX100 ( grande qualità in estrema portabilità ad esempio) è una gran fortuna.

      Mi piace

  6. Molto molto interessante, ma forse un po troppo ingombrante? Insomma non sarebbe stato meglio per Sony fare un upgrade con uno zoom meno spinto ed una luminosità maggiore? Magari un 24-400 equivalente con f2.8 costante

    Mi piace

  7. Francesco una cortesia, nella prossima pubblicazione fai anche un raffronto al volo tra la RX II e la FZ 1000…..sono curioso cosa farà la Panasonic a breve per aggironare la FZ
    Ciao

    Mi piace

  8. ho visto una comparativa fra questa macchina e la sony a6000, il punteggio generale è simile, 84 per la bridge e 80 per la a6000 però per quanto riguarda la qualità di immagine l’a6000 prevale con un punteggio di 82 a 70. sai per caso che significa questo punteggio e da cosa si ricava? la differenza di QI si nota nella pratica?

    Mi piace

    1. Michele,
      non ho la minima idea di cosa significhino questi punteggi anche percè non so da dove vengono e le motivazioni per cui sono stati dati.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

    1. Michele,
      ho dato un breve sguardo al confronto di cui hai allegato il link. Devo dire che accanto ad alcune indicazioni corrette ci sono altre cose veramente assurde, cos ache mi fa pensare ad un confronto redatto, su dati anche giusti e presi non si sa dove, da un operatore piuttosto inesperto e dilettantesco.
      Come si fa ad esempio a dire che il mirino della A6000 è 7,5 volte più grande di quello della RX10 II? Per la A6000 è indicato l’ingrandimento corretto 0,7x, mentre per la RX10 II viene indicato 0,26x, dato sbagliato perchè quello reale è 0,7x. Basta poi guardare nei mirini per accorgersi che l’ingrandimento è lo stesso e se si è molto attenti anche per accorgersi che quello della RX10 II ha una risoluzione maggiore, 2,36 Mpx contro 1,44 di quello della A6000. Le indicazioni su qualità d’immagine, rumore e gamma dinamica sono abbastanza in linea con quanto da me rilevato. Mi chiedo ancora come si possa dire che la A6000 è più piccola, leggera e meno costosa confrontando i dati del suo solo corpo macchina con la RX10 II che comprende anche l’obiettivo. Si sarebbero dovuvi indicare i dati di un insieme corpo + obiettivo, possibilmente uno zoom con escursione focale paragonabile. Anche per l’otturatore non viene considerato il fatto che la RX10 II ha anche un otturatore elettronico che arriva ad 1/32000 mentre la A6000 lo ha solo meccanico. Comica poi la scheda dei punteggi in cui non si assegnano punti per gli obiettivi alla A6000 perchè non ce l’ha….Ma si è reso conto il tizio che è una fotocamera ad obiettivi intercambiabili e che per funzionare deve essere dotata di un obiettivo? E che il corredo Sony E comprende almeno 20 obiettivi dal supergrandangolo al supertele? Bah!
      Insomma sembra che chi ha redatto questo confronto abbia copiato un po’ di caratteristiche e misurazioni dalla rete, in alcuni casi senza rendersi nemmeno bene conto di cosa significano, e le abbia messe insieme per pubblicarle. Ciò è confortato anche dal fatto che non pubblica nessuna foto originale (fatta da luo/loro) delle macchine confrontate ne foto scattate con queste. In compenso è pieno di pubblicità, un bel modo per incassare soldi rimanendo comodamente seduti davanti al pc, mentre io vado in giro a fare foto e faccio misure nel mio studio.
      Meglio evitare certi siti e certi confronti!
      Ciao, Francesco

      Mi piace

      1. Si infatti in questo come in molti altri test di altri siti tipo cameradecision la comparativa è un po farlocca e magari assegna punteggi alti per caratteristiche trascurabili come la tropicalizzazione il wi fi ecc o magari assegna un punteggio alto per il peso minore dovuto alla assenza dell’obiettivo, basta ignorare questi dati, io infatti ero interessato alla parte relativa a Qi , Gamma dinamica e profondità colore che per la a6000 risultano superiori alla rx10, ma non so se nella realtà questo vantaggio è visibile. Cmq attendo il confronto con la canon che farai, se ti è possibile potresti farlo anche con la lumix fz1000?

        Mi piace

        1. Michele,
          è evidente che il rapporto segnale/rumore e la gamma dinamica della Sony A6000 sono migliori di quelle della RX10 II per il sensore più grande, anche se quello della RX10 II ha una tecnologia più avanzata che in parte riduce le distanze. Quello che ho evidenziato nella mia prova è che per ottenere questo vantaggio è necessario usare obiettivi di adeguata luminosità. La RX10 II ha un 24-200 equivalente f/2,8, se uso un’APS con un obiettivo zoom che copre le stesse focali, ad esempio un 18-135 (equivalente per l’APS ad un 27-203 mm) avrò disponibile un’ottica con luminosità f/3,5-5,6 e quindi scatterò in grandangolo con una sensibilità Iso superiore del 50 % e in tele con una sensibilità quattro volte maggiore, es. 800 contro 3200 Iso. Questo annulla il vantaggio dell’APS.
          Il confronto con la FZ1000 lo puoi fare tu stesso scaricando le foto dai due test pubblicati.
          Ciao, Francesco

          Mi piace

          1. ah ok, ma oltre alla differenza di iso a cui si può scattare, per quanto riguarda la resa dei dettagli non cambia nulla tra due sensori di grandezza diversa?

            Mi piace

            1. Michele,
              la resa dei dettagli dipende da molti fattori, il numero di pixel, la presenza del filtro antialias, la qualità dell’obiettivo. Nell’ipotesi che i pixel siano gli stessi o quasi in teoria un sensore di dimensioni maggiori dovrebbe garantire una maggiore nitidezza perchè gli obiettivi funzionano meglio se le frequenze spaziali da riprodurre sono inferiori. Questo vale per gli obiettivi adatti ad un formato, come il fullframe, usati su uno inferiore come l’APS. Si deve però considerare che un obiettivo specifico per un sensore di piccole dimensioni è progettato per un’area di copertura inferiore e quindi può avere una qualità adatta ad esso e di conseguenza una buona resa anche su un formato piccolo. Di solito non succede per motivi di costo perchè questi obiettivi sono montati su fotocamere economiche. Nel caso però delle fotocamere con sensore da 1″, e in particolare per la RX10 e RX10 II, gli obiettivi sono di buona qualità visto il prezzo abbastanza alto di queste macchine.
              Dalle misure effettuate risulta che la A6000, con lo zoom Zeiss 16-70/4,0 (un obiettivo di alta qualità) ha una risoluzione superiore alla RX10 II, anche questa con uno Zeiss progettato appositamente per il sensore, ma c’è da notare che la A6000 ha 24 Mpx contro 20 della RX10. Rispetto allemigliori Micro 4/3 provate invece non c’è praticamente differenza anche perchè queste hanno solo 16 Mpx.
              In conclusione se la fotocamera con sensore più grande ha un obiettivo di qualità può avere un dettaglio maggiore, ma questo dipende anche dal numero di pixel.
              Ciao, Francesco

              Mi piace

  9. sto guardando le foto che hai fatto nella sezione confronto rumore, in particolare la fx1000 sony a6000 e fuji xt1, e quella che mi hai impressionato di più è la fuji, già a 200 iso il dettaglio è ottimo mentre le altre due i contorni sembrano già un po sfocati.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...