Panasonic FZ72: test

DSC04386sLa FZ72 è una delle fotocamere più recenti della serie di bridge della Panasonic che ha una lunga tradizione nella produzione di fotocamere bridge di qualità. Attualmente questa è una delle bridge con la più ampia estensione focale dello zoom e l’unica con un obiettivo che parte dalla focale equivalente di 20 mm.
La FZ72 è una tradizionale bridge, con la forma di una reflex anche se un po’ più piccola, il mirino elettronico e lo zoom a comando elettrico. E’ stata inoltre la prima ad avere uno zoom 60x che va da 20 a 1200 mm equivalenti, anche se ora non ha più il record della maggiore escursione. Il sensore è un classico CMOS da 1/2,3″ con 16 Mpx. Lo schermo da 3″ è fisso con 460.000 pixel.

La FZ72 si presenta simile a una reflex per l’aspetto e per le sue dimensioni. La sua attrattiva principale è come detto lo zoom con l’elevata escursione focale di 60x, dalla focale 20 mm equivalente fino alla spettacolare 1200 mm equivalente, focale difficilmente disponibile anche per le migliori reflex. Questa ampia escursione interessa a molti e può essere utile per riprese in cui col tele si schiacciano i piani dei soggetti oppure per riprendere dettagli irraggiungibili, mentre con il grandangolo, unco fra le bridge, si possono riprendere interni stretti o fare foto con prospettive esagerate.
Le principali caratteristiche della FZ72 sono:

– sensore CMOS di formato 1/2,3″ (6,17×4,55 mm) con 16 Mpx
– processore d’immagine Venus
– corpo simile ad una reflex rifinito in plastica opaca
– obiettivo zoom a comando elettrico 60x 3,58-215 mm (equivalente ad un 20-1200 mm) f/2,8-5,9
– stabilizzazione ottica
– mirino elettronico con copertura del 100 % e 202.000 pixel
– schermo da 3″ e 460.000 pixel
– autofocus rilevamento di contrasto con 23 punti AF selezionabili automaticamente o manualmente
– modalità di esposizione completamente automatica, Program, a priorità, manuale e con scene predisposte
– sensibilità automatica o manuale da 100 a 3200 Iso estendibile a 6400
– otturatore con tempi da 8 secondi ad 1/2000
– disponibilità di scene ed effetti creativi
– flash integrato apribile a richiesta
– ripresa video Full HD a 1920×1080 pixel a 60/50/30/25 fg/s in formato AVCHD o MP4 con codec H264 e audio stereo
– velocità di raffica 9 fg/s
– usa schede SD/SDHC/SDXC
– batteria agli ioni di litio per 400 scatti
– dimensioni 130x97x118 mm
– peso 605 grammi

La Panasonic FZ72 costa circa 280 €

DSC04386s

_________________________________________________________

Descrizione & uso
Prestazioni
Galleria
Conclusioni

_________________________________________________________

Successiva ==>

Advertisements

103 pensieri su “Panasonic FZ72: test”

  1. ciao, scusa ma e’ normale che girandola per inserire la scheda si sente qualcosa che si muove all’interno?? non so tipo lo zoom che ha gioco nella sua guida, al negozio chiaramente mi hanno detto che è normale ma tuttele altre panasonoc z 200 fz 40 ecc che ho trovato negli altri centri commerciali non lo fanno…. che paese di merda e di ladri. quella che ti vendono e’ sempre l’ultima e quella in esposizione, la mia aveva un graffio sotto e mancava il lacceto del copri obbbiettivo, on line non compro piu’ tra telefoni e consol, tutto quello che ho comprato on line era difettoso e lho dovuto rimandare indietro !!!! solo qua da noi ste cose!!!!

    Mi piace

    1. Riccardo,
      non credo che sia normale che girando una fotocamera per inserire scheda o batteria si senta un rumore di movimento all’interno. A me con le tante fotocamere che ho provato non è mai successo. Insisti col negoziante per un controllo o mandala direttamente alla Panasonic Italia se puoi.
      Per gli acquisti online però sei stato particolarmente sfortunato. A me gli oggetti sono arrivati sempre in perfetto stato e solo una volta ho dovuto protestare perchè i manuali erano solo in tedesco, ma la filiale italiana della casa, Canon, me li ha subito spediti in italiano.
      In genere però per le fotocamere è meglio acquistare in negozio, dove si vede l’oggetto prima di comprarlo e dove si ha un riferimento sicuro per qualsiasi problema.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  2. Ciao ragazzi, vorrei anche io acquistare questa macchina. Sono indeciso con la canon sx60hs che però mi sembra non abbia la funzione panorama. Non so quale delle due poi garantisca più qualità di immagine. Voi che dite?

    Mi piace

    1. giaky,
      la Canon SX60HS non ha la funzione panorama. Entrambe però hanno una qualità d’immagine appena discreta in ottime condizioni di luce e se non si spinge lo zoom oltre la focale equivalente di300 mm circa. In poca luce o alle massime focali zoom la qualità d’immagine è molto scarsa.
      Di solito non consiglio l’acquisto di queste bridge a meno che qualcuno, consapevole dei loro limiti, non ne voglia una per divertirsi a giocare ogni tanto con focali tele iperboliche, ma abbia un’altra macchina qualitativamente migliore per le foto serie.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

      1. Complimenti alla Canon!
        Al posto di migliorare quello che poteva essere un discreto prodotto, lo ha peggiorato, guardando solo l’aumento dello zoom!

        Mi piace

          1. Almeno però la Panasonic, ha fatto anche la fz1000 con sensore ben più grande, cosa che nessun altro produttore ha fatto.
            Ma di quanto l’hanno peggiorata la qualità sulla Canon SX60HS rispetto alla Canon SX50HS?

            Mi piace

            1. La SX60HS è peggiorata per il rapporto sgnale/rumore che stanamente a 100 Iso è migliore di quello della SX50HS, ma aumentando la sensibilità peggiora notevolmente. Infatti si ferma a 3200 Iso, mentre la SX50 arriva a 6400. Inoltre è praticamente impossibile controllarlo con la riduzione di rumore di Canon DPP, mentre con la SX50 si riusciva a farlo; devo fare ancora qualche prova con Ligtroom, ma questa è una fotocamera che i suoi utenti useranno prevalentemente in jpeg. In jpeg invece le foto sono inusabili da 800 Iso e sembra che un vetro smerigliato vi cali sopra rendendole prive di qualsiasi dettaglio.
              Anche l’obiettivo è peggiorato nella resa alla massima focale che è abbastanza scarsa, mentre quello della SX50 era discreto. Ha il vantaggio però del grandangolo 21 mm.
              Tutto questo non significa che con la SX60 non si possano fare buone foto, come vedrai dalla galleria quando pubblicherò la prova, ma bisogna essere ben consci dei suoi limiti.
              Ciao, Francesco

              Mi piace

  3. Il peggior acquisto della mia vita…. il 90% delle foto vendono sfocate anche in modalita’ automatica, ho fatto delle foto testo con la mia vecchia compatta da 69 euro, non cè paragone, è un peccato che non posso postare le foto !!!! il mirino ha la messa a fuoco visiva con una rotellina manuale che non centra nulla con il focus della porcheria che ho comprato. questo bidone va bene per i maniaci sessuali che devono spiare i vicini con lo zoom per quello è fantastica, per il resto una grandissima delusione, colpa mia le bridge andrebbero tolte dal commercio, solo reflex che chi vuole fare foto sul serio, altrimenti le compatte sono comode e fanno foto ottime !!!!

    (Chiaramente è una opignone personale)

    Mi piace

    1. Richard,
      sei sicuro che le foto siano sfocate? Non è che sono mosse e con ridotta risoluzione perchè hai usato lo zoom verso lle massime focali? Con una focale equivalente di 1200 mm è necessario scattare con tempi di scatto veloci, in teoria almeno 1/1200, ma contando sullo stabilizzatore si può scendere ad 1/500 e con un po’ di fortuna e abilità ad 1/250. Inoltre come tutti gli obiettivi di questo tipo anche quello della FZ72 scade molto come qualità alla massima focale. Se poi metti in conto che per un soggetto lontano influisce anche l’atmosfera con il suo movimento e foschia a rendere meno nitide le foto è difficile ottenere foto con elevata nitidezza alle massime focali.
      La FZ72 però mette a fuoco correttamente come ho riscontrato nella mia prova e come puoi verificare nella relativa galleria “Panasonic FZ72: galleria“.
      In quanto al confronto con altre fotocamere questo va fatto a parità di pixel, altrimenti quella con meno sembra sempre migliore perchè le sue foto sono meno ingrandite. Hai ridimensionato le foto della FZ72 per renderle uguali come Mpx a quelle della tua compattina?
      La rotellina vicino al mirino a cui ti riferisci serve alla correzione diottrica dell’oculare e non c’entra nulla con la messa a fuoco. Forse è meglio che tu ti legga il manuale di istruzioni e poi con pazienza impari ad usare la FZ72 sfruttandone i lati positivi, che ha, e cercando di convivere con alcuni limiti di tutte le bridge, invece di ipulsivamente rifiutarla.
      Ricordati che fare belle foto non dipende dalla macchina, ma dal fotografo e che anche con la FZ72 se ne possono fare.
      Ciao, Francesco

      P.S.: è ovvio che quando una persona scrive o parla espima le sue opinioni, non c’è bisogno di specificarlo. Questa cattiva abitidine è data dalla aggressività che spesso si ricontra in rete, ma anche negli altri media. Allora le persone tranquilleo insicure si rifugiano dietro affermazioni “ma è solo la mia opinione”.

      P.S. 2: se vuoi mandarmi delle foto fallo via e-mail, magari con Wetransfer.

      Mi piace

  4. Ciao Francesco, gran bel post!
    Mi sono “convinto” a comprare la macchina fotografica in questione anche “grazie” alla tua recensione.

    Vorrei chiederti un paio di cose, anzi tre:
    1. esiste un manuale più completo rispetto a quello che si trova all’interno della scatola? Sono mere istruzioni da libretto d’istruzioni di un’automobile.
    2. Non sono riuscito a capire come dimensionare l’esposizione manualmente. Se volessi un’esposizione di 20 secondi, come faccio?
    3. Esiste una modalità per aprire l’otturatore, mantenere quindi l’esposizione per poi terminarla a comando? Un controller in modo da non dover toccare la macchinetta fotografica!

    Ciao e grazie,
    Luigi

    Mi piace

    1. Luigi,
      mi fa piacere che tu ti sia convento a comprare la FZ72 grazie al mio test, anche se in realtà questa fotocamera non mi ha convinto molto e la considero buona prevalentemente peril video.
      Rispondo alle tue domande:
      1) puoi trovare il manuale completo all’indirizzo http://panasonic.eu/Downloads/it_IT/popup.html
      2) il tempo più lungo di scatto impostabile sulla FZ72 è 8 secondi. Puoi trovare le istruzioni per come impostarlo in manuale a pag. 110 del manuale
      3) la funzione che ti interessa si chiama “posa T”. La FZ72 non dispone di questo tipo di posa e nemmeno di un telecomando esterno accessorio e nemmeno di wi-fi per comandarla attraverso uno smartphone.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  5. Ciao Francesco, appena comprata la fz72 per il prezzo competitivo di 190 euro in una nota catena di informatica, consapevole dei suoi limiti ma per uscite domenicali senza impegno va più che bene, non ho capito una cosa in fatto di ripresa fotografica, ma i video si possono impostare a 60 fotogrammi al secondo e se si come.
    Grazie Paolo

    Mi piace

    1. Paolo,
      la FZ72 può registrare video, secondo lo standard PAL, in formato AVCHD a 1920×1080 pixel 50i, cioè 50 fg/s interallacciati, oppure a 1280×720 pixel 50p, cioè con fotogrammi non interallacciati. In formato MP4 registra in tutte le dimensioni a 25p.
      I 60 fg/s sono per lo standard NTSC.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  6. Salve Francesco,
    da qualche giorno sto utilizzando la fotocamera Lumix FZ72 e sono rimasto estasiato dal rapporto qualità/prezzo che, a mio avviso, è senza eguali.

    Per completezza riporto di seguito alcune caratteristiche peculiari, da Lei tralasciate in fase di recensione:

    – Scatta foto in JPG, RAW e JPG+RAW
    – Zoom ottico extra 120x (1200mm – 2400mm)
    – Zoom digitale sino a 300x alla massima risoluzione (16MPX / 12MPX)
    (Nota: impostando la risoluzione più bassa [2MPX con foto in Full HD], si può ottenere uno zoom ottico extra di ben 270x e digitale di 675x)
    – Si possono scattare foto durante le riprese video
    – Modalità foto panoramica e 3D
    – Microfono con modalità “Zoom”
    – Dispone di una porta HDMI e MiniUSB
    – Selezionando la modalità “SNC – Cielo Stellato” è possibile impostare lo shutter a 30 o 60 secondi e fotografare la Via Lattea!

    Mi piace

    1. Lothar,
      alcune delle caratteristiche che hai elencato sono indicate nel mio test, come la possibilità di salvare le foto in raw. Anzi le foto presentate nella pagina delle prestazioni sono proprio dei jpeg convertiti da raw come chiaramente detto. Anche la possibilità di scattare foto durante le riprese video è chiaramente citata, come l’esistenza di un’uscita HDMI e di una presa USB di cui è pubblicata anche una foto. Ugualmente è descritta la funzione Panorama. Il microfono zoom non mi sembra una grande cosa in quanto riprendendo con una focale di 1200 mm equivalente i due microfoni incorporati difficilmente possono registrare un suono di livello adeguato. Ovviamente manca anche una descrizione dettagliata di tutte le scene disponibili, descritte con precisione nel manuale utente per cui mi sembra inutile farne un duplicato.
      Per quanto riguarda lo zoom ti confermo che lo zoom ottico è 60x e va da una focale di 3,58 mm ad una di 215 mm equivalenti a 20 e 1200 mm. L’Extended Zoom è una funzione di zoom digitale come pure l’i.Zoom. Queste funzioni combinate insieme consentono, per la precisione, un effetto zoom fino a 675x con una risoluzione di 3 Mpx. Sono però una presa in giro perchè lo stesso effetto è possibile registrando una foto a pieno formato ed al massimo dello zoom e ritagliandola sul pc per ottenere la stessa inquadratura. In ogni caso la qualità delle foto, già non eccelsa, peggiora nettamente e le foto non sono adatte nemmeno per una pubblicazione su web. Ma poi che ci si deve fare con rapporti di zoom di 200x e più? Fotografare senza essere visti??
      Ciao, Francesco

      Mi piace

      1. Come Lei mi ha giustamente sottolineato, ho menzionato alcune caratteristiche che erano già presenti nella recensione, come la porta HDMI. Tuttavia, nella Sua recensione ho trovato un’imprecisazione, ecco quale: lo shutter non ha un tempo massimo di “soli” 8 secondi, come Lei ha scritto, ma si estende sino ad un massimo di ben 60 secondi. Selezionando la modalità “SNC – Cielo Stellato”, infatti, si possono scegliere tre opzioni “nascoste” per lo shutter: 15, 30 e 60 secondi.

        Inoltre, ci tengo a dire che non è vero che con la funzione “Optical Extra Zoom” la qualità peggiora drasticamente, come da Lei asserito.
        La qualità peggiora in modo evidente soltanto attivando lo zoom digitale, mentre le posso assicurare che utilizzando lo zoom ottico extra, sino ad un massimo di 800 ISO e, in alcuni casi, anche 1600 ISO, la qualità rimane pressoché invariata, soprattutto alla luce del Sole. Tra l’altro, le faccio notare che il Suo ragionamento riguardante il crop dell’immagine per simulare lo zoom ottico extra, può funzionare per le foto ma non se si utilizza la funzione video, a meno di non zoomare in post produzione, ma se lo zoom si può estendere durante la ripresa è molto più semplice, soprattutto se non si ha la possibilità di montare il video.

        In fine, mi permetta di dissentire su quanto da Lei espresso riguardo lo zoom troppo “spinto” che, a Suo dire, servirebbe al massimo per fotografare di nascosto. Deve sapere, ad esempio, che per chi si occupa di astronomia, a livello amatoriale, avere una fotocamera con una lunghezza focale massima di 1200mm o 2400mm equivale ad avere un pratico telescopio con tutte le soddisfazioni che ne derivano: fotografare i crateri della Luna o addirittura distinguere gli anelli di Saturno, il tutto con una piccola fotocamera da poche centinaia di Euro, per un neofita astronomo non ha prezzo, mi creda!

        Comunque, La ringrazio per la Sua recensione, l’ho trovata molto utile e completa. La lascio con un paio di video che fanno capire ed ammirare l’utilità di avere a disposizione una Super-Zoom.

        Un saluto,
        Lothar

        Mi piace

        1. Lothar,
          ti leggo ingiustificatamente polemico e non capisco perchè.
          Confermo quanto ho scritto nel test e nella precedente risposta: lo zoom ottico è un 60x da 3,58 a 215 mm (20-1200 mm eq.) il resto è elaborazione digitale. Riguardo alla qualità delle foto usando le estensioni digitali posso dire solo che ciascuno ha il suo livello di accettazione di qualità e per me le foto alla massima focale dello zoom, senza ingrandimento digitale, sono già molto scarse anche in ottima luce.
          Per le riprese video invece la perdita di qualità è minore, ma c’è, perchè i fotogrammi Full HD sono da 2 Mpx, quindi molto inferiori alla risoluzione del sensore. Resta da vedere se riprendere un video con una focale equivalente di 2000 o più mm senza usare un robusto treppiede (di costo forse superiore alla FZ72) raggiunga qualche altro risultato oltre a far venire il mal di mare agli spettatori.
          Confermo che i tempi di scatto impostabili vanno da 8 secondi a 1/2000, come anche riportato a pag. 109 del manuale di istruzioni. Se poi alcune modalità scena prevedono tempi di scatto più lunghi questo non vuol dire che questi possano essere usati liberamente per altri tipi di foto e quindi non possono essere considerati disponibili.
          Per la fotografia astronomica, di cui so “qualcosa” visto che ho in famiglia un’astronoma professionista, posso solo dirti che è molto meglio usare un telescopio economico con attaccata una reflex base piuttosto che la FZ72. Ho provato a fotografare la Luna con questa macchina con risultati pessimi; è venuta meglio con una reflex APS base ed un 300 mm. Gli anelli di Saturno te li sogni!
          Infine ho eliminato i due link a Youtube in quanto non pertinenti (è evidente che non sono fatti con la FZ72) e non ammessi sul mio blog.
          Ciao, Francesco

          Mi piace

          1. Le ribadisco che i tempi di esposizione della Lumix FZ72 variano da 1/2000 a 60 secondi. L’unica differenza sta nel fatto che, per una scelta degli sviluppatori, i tempi di 15, 30 e 60 secondi sono stati posizionati all’interno della modalità scena “Cielo stellato”. Pertanto, dire che la FZ72 ha un tempo di esposizione massimo di “soli” 8s non è corretto, perché ciò porterebbe il lettore a credere che la fotocamera non sia adatta a svolgere importanti funzioni, come fotografare la via Lattea, per la quale è necessario uno shutter di almeno 30s e la FZ72, invece, può farlo, in quanto ha uno shutter che può essere settato addirittura a 60s.

            Riguardo alla Sua affermazione <>, Le assicuro che con alcune Bridge di ultima generazione è possibile fotografare Saturno distinguendo i suoi anelli, anche se non con la qualità di un telescopio professionale, ovviamente.

            In ultimo, mi sfugge la logica con la quale Lei asserisce che i due video da me inseriti nel post precedente non fossero girati con la FZ72.
            Credo che Lei sia caduto in errore per via del fatto che nel titolo dei video è riportata la dicitura FZ70 invece di FZ72. Ebbene, deve sapere che la FZ70 non è altro che la FZ72 venduta al di fuori dell’Europa e per questo nominata con una sigla diversa.

            Un saluto,
            Lothar

            Mi piace

            1. Lothar,
              mi credi così stupido e ignorante da non sapere, dopo 8 anni che conduco un blog fotografico e molti di più che mi interesso di fotografia, da non sapere che le Panasonic FZ72 e FZ70 sono la stessa macchina?
              Se poi pensi di saperne più dei tecnici Panasonic che hanno redatto il manuale della FZ72 ed hanno scritto esplicitamente che i tempi di scatto vanno da 8 secondi ad 1/2000 scrivi a loro per fare rilevare l’errore. Io non sono riuscito ad impostare, i priorità di tempi o in manuale tempi più lunghi e poco importa che la FZ72 scatti con tempi più lunghi in un’impostazione scena che non è usabile per scopi diversi da quelli per cui è nata, anche perchè la maggior parte dei fotografi non è interessata a fotografare la Via Lattea.
              Insisti poi a inserire link di filmati Youtube, che come ti ho già scritto non accetto sul mio blog, per cui sono costretto ad inserirti nella lista di coloro i cui commenti devono essere autorizzati prima della pubblicazione.
              Ho visto comunque i due filmati e devo dire che sono abbastanza penosi. Hai mai visto una vera foto astronomica fatta con un telescopio?
              Infine credo che sia opportuno chiudere qui questa polemica che non porta a nulla.
              Ciao, Francesco

              Mi piace

  7. Ciao Francesco,
    sono indeciso tra l’acquisto della Panasonic FZ72 e SONY HX400,
    non considerando che la HX400 ha wi-fi e gps che non mi interessano, mi sapresti dare un consiglio?
    quali sono i vantaggi della sony visto la differenza di prezzo?
    grazie

    Mi piace

    1. Vincenzo,
      premetto che non consiglio mai questo tipo di bridge con sensore piccolo e zoom con amplissima escursione a causa della scarsissima qualità d’immagine se non si fotografa in condizioni ottimali, esterni con sole o comunque buona luce e zoom non oltre la focale equivalente di 200-300 mm. Ti sconsiglio pertanto sia l’una che l’altra. La Sony comunque costa di più per il sensore migliore, lo schermo orientabile, l’otturatore con una gamma di tempi più estesa, il Wi-FI ed il GPS.
      In alternativa, se non vuoi arrivare ad uno dei modelli consigliati nel mio articolo sulle bridge, puoi prendere la Panasonic Lumix FZ200 che ha uno zoom 25-600 mm equivalente, ma che mantiene la luminosità massima di f/2,8 fino alla massima focale. Questo è un vantaggio per le riprese con lo zoom alle focali più alte specialmente in poca luce.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  8. Buonasera, premetto subito che ho letto con attenzione tutto il test. Premetto anche che non sono assolutamente un esperto di fotografia. Le fotografie che faccio al max le stampo in formato 10×15,13×18 etc. Il mio budget è , ahimè, modesto e credo rimarrà tale nei prossimi mesi… In futuro potrei effettuare foto più creative ed interessanti ma comunque andranno sempre su un sito internet (non mi serve quindi andare extra budget ovviamente). Vorrei sapere due cose se possibile (anzi la ringrazio comunque):
    1- Mi conferma che ad iso 800 le foto in condizioni di luce scarsa sono comunque accettabili e alzando i parametri comunque per web e stampe piccole vanno bene uguale?
    2- Se la differenza di prezzo di circa 120 euro tra questa Panasonic e la Nikon Coolpix p610 (so che sono molto simili) è giustificata da una maggiore qualità di quest’ultima considerando che wifi,gps etc non mi interessano?
    Grazie

    Mi piace

    1. Francesco,
      le bridge in generale possono dare risultati validi in buone condizioni di luce e limitandosi ad usare gli zoom fino a focali medie, 200-300 mm equivalenti. Quando la luce è scarsa la qualità d’immagine peggiora a causa del rumore prodotto dai piccoli sensori di cui sono, salvo eccezioni, dotate. Lo stesso avviene quando si usano gli zoom alle focali più alte 800-1000 e più mm equivalenti.
      La Panasonic FZ72 comunque può fornire risultati accettabili fino a 800 Iso e sicuramente buoni per una pubblicazione web in formato ridotto.
      La Nikon P610 ha un sensore migliore di quello della FZ72 in quanto è retroilluminato, cosa che dovrebbe migliorare il rapporto segnale rumore. Questo però è compensato a favore della FZ72 dalla maggiore luminosità dell’obiettivo f/2.8-5,9 contr f/3,3-6,5 della P610 che compensa il vantaggio ottenuto da quest’ultima col sensore. Inoltre l’escursione focale dello zoom della Panasonic, 20-1200 mm equivalenti, è più utile e vantaggiosa di quella della Nikon, 24-1440 mm, in quanto è molto più grande la differenza di angolo di campo abbracciata da un 20 mm rispetto ad un 24 mm (nonostante la differenza in lunghezza focale sia esigua) di quanto sia la differenza di angolo abbracciato e di ingrandimento fra un 1200 e un 1440 mm. Con un 20 mm si possono ottenere riprese di interni spettacolari e prospettive spinte molto interessanti, mentre la scarsa qualità di questi zoom, e la loro scarsa luminosità, con conseguente uso di tempi troppo lunghi per la focale che sono causa di mosso, limita molto l’uso a queste focali. Inoltre fra 1200 e 1440 mm la differenza di ingrandimento è minima (24 contro 28,5x). L’unico vantaggio della P610 rispetto alla FZ72 è lo schermo orientabile, utile per riprese dal basso o dall’alto o per quelle video, oltre al Wi-Fi ed al GPS. Se questi non ti interessano allora la P610 non vale la differenza di prezzo in più.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

    2. Con 300€ puoi trovare la Panasonic FZ200, che con il suo obiettivo f2,8 costante consente di mantenere ben più bassa la sensibilità ISO e giocare pure un poco con lo sfuocato utilizzando lunghe focali. Una veloce ricerca su trovaprezzi ti fà vedere una serie di rivenditori, io ho avuto un paio di esperienze positive con Youtronic. Ciao.

      Mi piace

  9. ciao,
    ho provato la funzione panorama, molto divertente ma mi domandavo come poter unire la prima e l’ultima foto per poi utilizzare il panorama in un software 360 come panotour.
    Ho fatto alcuni panorami ma la macchina a quanto pare non riconosce l’attacco per creare una panoramica in unica soluzione. A questo punto è un’opzione che serve solo in parte.
    Meglio fare immagini singole e utilizzare un software tipo autostitch o photoshop per unire le foto.
    Suggerimenti?
    Ciao e grazie
    Emi

    Mi piace

    1. Emi,
      la Panasonic FZ72 consente di effettuare una ripresa panoramica effettuando un giro completo in 8 secondi, come riportato a pag. 121 del manuale di istruzioni. Non c’è quindi necessità di scattare più foto ed unirle a posteriori.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  10. Ciao a tutti, ho notato che le panasonic a differenza di altre marche costano meno, confrontando a pari livello di zoom, grandezza sensore, diaframma. c’è qualcosa in cui sono da meno, o secondo voi sono al pari delle altre marche?

    Mi piace

    1. Marco,
      non so su quali modelli basi la tua affermazione, ma non è sempre così. I prezzi delle fotocamere inoltre sono variabili. Dal momento della presentazione rimangono stabili per un certo periodo, poi man mano che si avvicina il momento della sostituzione scendono e diventano molto più convenienti. La FZ72 è sul mercato già da un paio di anni e quindi è logico che il suo prezzo sia sceso rispetto alla sua presentazione, anche se in realtà non è detto che venga sostituita o semplicemente messa fuori produzione, visto che questo tipo di bridge non incontra più i favori del mercato.
      Comunque le Panasonic in generale sono al livello della concorrenza ed eccellono in particolare per la ripresa video per la quale la maggior parte ormai offre il 4K.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

      1. si, probabilmente non ho ancora una visione d’insieme. è da poco che sto studiando i dettagli tecnici delle fotocamere, e ci sono un sacco di cose da tenere in considerazione. Una cosa però che ho notato è che per esempio la sony a parità di sensore, zoom e prezzo, offre un obiettivo con maggiore apertura, partendo da f 2.8, rispetto ai 3,4 della canon o nikon. Però effettivamente dovrei valutare tutto l’insieme nei dettagli, e per adesso mi è un po difficile, anche perchè questa differenza l’ho notata in un negozio, dove tengono esposte le specifiche non complete e che cambiano in base alla fotocamera. Diciamo che mettono esposto quello che gli conviene far vedere. a forza di fare confronti ci sto uscendo di testa 🙂

        Mi piace

          1. Per farti un sunto di quello che sto notando e vorrei chiarire… l’ideale per me sarebbe una compatta. ma purtroppo vedo che o hanno tanto zoom ma un sensore piccolo oppure viceversa sensore grande e zoom massimo 4x. eventualmente posso valutare una bridge. ho visto che c’è qualche modello con sensore da 1 ed uno zoom discreto. tipo la canon g3x e la lumix fz1000. Nella fz1000 sul sito non dichiara il sensore retroilluminato mentre la canon si ed ha anche più zoom. Però purtroppo la canon non ha il mirino e per me questo è motivo di bocciatura. Vorrei farti una domanda per vedere se ho capito una cosa. Se una macchina a pari sensore e caratteristiche ha un’apertura maggiore, come a f 2.8 rispetto una che ne ha per esempio 4, oltre che ad avere foto più luminose al buio, teoricamente dovrebbe avere anche una migliore qualità di immagine e meno sgranature nelle foto di giorno, giusto?

            Mi piace

            1. Se cerchi una macchina con dimensioni tutto sommato piccole ed una qualità d’immagine discreta potresti valutare la Olympus Stylus 1, che nonostante un sensore piccolo se la cava abbastanza bene fino ad 800 ISO, oppure se vuoi più zoom pur perdendo qualcosa in resa oltre i 400 ISO rispetto alla Stylus 1 c’è la Panaonic FZ300; altrimenti come bridge o Sony RX10 che però ha zoom limitato oppure Panasonic FZ1000 che con la funzione Intelligent Zoom arriva senza significative perdite di qualità a 800mm equivalenti di lunghezza focale. Con un valore di f più basso guadagni in ristrettezza di profondità di campo rendendo più possibile giocare con lo sfocato dello sfondo ed in caso di bassa luce mantieni una sensibilità ISO più bassa non perdendo così in resa qualitativa. Ciao.

              Mi piace

                1. Dimenticavo la Panasonic TZ100, più compatta della FZ1000 ma sempre con mirino però a discapito della luminosità dell’ottica che da f2,8-4 passa a 2,8-5,6.

                  Mi piace

            2. Marco,
              prima di tutto chiariamo i concetti sulla luminosità dell’obiettivo. Un obiettivo più luminoso, ad esempio f/2,8 invece che f/4,0 o f/5,6, consente di fotografare in condizioni di luce scarsa con tempi di scatto più veloci, evitando il mosso, o con sensibilità Iso inferiori, con una migliore qualità d’immagine, rispetto ad uno meno luminoso. Inoltre consente di restringere la profondità di campo per sfocare lo sfondo risppetto al soggetto principale, anche se questo effetto con fotocamere con sensore piccolo è molto poco visibile. Quando la luce è buona e si chiude il diaframma non c’è nessuna differenza fra obiettivi più o meno luminosi se non quella intrinseca della qualità dell’obiettivo. Di solito, per obiettivi per fullframe, quelli meno luminosi sono di migliore qualità.
              Riguardo alle tue esigenze per una fotocamera considera innazitutto se avere uno zoom ad amplissima escursione sia una vera esigenza o non derivi soltatnto dall’idea, che hanno molti, che avere un’escursione focale più ampia possibile consenta di affrontare tutte le situazioni e fare fotografie migliori. Per la maggior parte delle foto un supertele non servae: si usa solo per foto sportive (stadi, campi di atletica, F1, Moto GP, ecc.), per foto naturalistiche di animali in libertà che non si vogliono o possono avvicinare o di uccelli e … per fotografare senza essere visti! Poi se si ha un supertele chiaramente lo si sfrutta per fotografare dettagli lontani, anche se nella maggior parte dei casi si potrebbe ottenere lo stesso risultato avvicinandosi.
              Concordo con te comunque nello scartare le fotocamere senza mirino. Fra le nuove bridge più interessanti considera oltre alle Nikon DL 25-500 e Panasonic FZ1000, anche la Sony RX10 II. Ha un sensore da 1 Exmor RS retroilluminato con tecnologia a strati e circuiti di lettura del segnale e memorizzazione sotto lo strato dei pixel che minimizza il rumore e rende la lettura più veloce. I risultati sono notevoli, come sto verificando in prova. Ha uno zoom 24-200 mm equivalente, più che adeguato per tutte le esigenze eccetto per quanto detto prima, a luminosità costante f/2,8 il che la rende competitiva per qualità d’immagine alle focali più elevate, anche con le APS con zoom 18-135/3,5-5,6. L’autofocus è veloce e preciso e la ripresa video è 4K.
              Ciao, Francesco

              Mi piace

              1. Bene grazie. Si, uno zoom potente mi affascina molto, per il fatto di poter osservare e fotografare distanze lontane. Poi il motivo principale è che prediligo fotografare gli animali. Oggi ho fotografato il viso di un gatto accucciato sopra un muraglione in pietra. Se mi fossi avvicinato sarebbe scappato. Ho anche fotografato un merlo su un ramo molto distante, grazie ad uno zoom 20x.

                Mi piace

                1. Adesso ho una canon sx10 is, e volevo migliorare la qualità dell’immagine e se possibile anche qualcosina sullo zoom. Essendo un modello vecchio, non ha il sensore retroilluminato e non so quanto le bridge attuali con lo stesso sensore da 1/1,3 ma retroilluminato siano meglio. In questi giorni mi dedicherò ad informarmi a riguardo. Per cui l’idea è di puntare ad un sensore da 1 o comunque superiore al 1/1.3

                  Mi piace

                  1. Marco,
                    i sensori retroilluminati migliorano il rapporto segnale/rumore alle alte sensibilità di circa 1/2 stop, ma non ci si può aspettare miracoli con i sensori piccoli. Se vuoi migliorare la qualità d’immagine delle tue foto senza arrivare ad una reflex o ad una mirrorless l’unica possibilità è orientarsi su una delle nuove bridge con sensore da 1″ (13,2×8,8 mm), superiore come dimensioni a quello da 1/2,3″ (non 1/1,3″, 6,17×4,55 mm) della tua SX10, anche se dovrai rinunciare a qualche mm di zoom.
                    La scelta è limitata alla nuova Nikon DL 24-500 con 21 Mpx, uno zoom 24-500 mm equivalente f/2,8-5,6 e prezzo di circa 1050 € e la Panasonic FZ1000 con 20 Mpx, zoom 25-400 mm equivalente f/2,8-4,0 e prezzo di 800 €. C’è anche un equivalente modello Leica V-Lux Typ 114 che offre una leggera migliore qualità d’immagine e la licenza per Adobe Lightroom a 995 €.
                    Ti segnalo anche la Panasonic FZ300 che ha un sensore da 1/2,3, ma BSI-CMOS retroilluminato, da 12 Mpx, zoom equivalente ad un 25-600 mm f/2,8 costante e costa 550 €.
                    Tutte le Panasonic hanno un autofocus con tecnologia esclusiva DFD che consente, anche se l’AF è a rilevamento di contrasto, di essere veloce quasi quanto quello delle reflex a rilevamento di fase, riprendono video 4K e anche foto 4K a 30 fg/s. La Nikon DL ha un autofocus ibrido a rilevamento di fase e contrasto molto veloce e ugualmente riprende video 4K.
                    Ciao, Francesco

                    Mi piace

                    1. Grazie Francesco, mi hai aiutato ad avere un quadro della situazione. Oggi ho anche visto la nuova LUMIX DMC-TZ100 una compatta a sensore da 1, che se pur avendo solo 10x zoom, mi sembra riesca a raggiungere distanze notevoli grazie all’intelligent zoom senza grosse perdite. Avrei la versatilità di una compatta ed un’immagine migliore, mantenendo però l’ stesso zoom di adesso. Mi prendo il tempo per valutare il tutto, tanto l’acquisto non è immediato. Ho tempo di valutare ed eventualmente aspettare nuove uscite. Grazie ciao

                      Mi piace

  11. io sono molto interessato alla nikon DL24-500, aspetto una recensione, se le prestazioni saranno convincenti ci faccio un pensiero, altrimenti opterò direttamente per una mirorlress, pazienza per il telezoom, lo acquisterò in seguito, ma alla qualità di immagine e agli alti iso non voglio più rinunciare (vedi vecchia compattina samsung)

    Mi piace

    1. Francesco lo zoom non serve solo per foto sportiva o naturalistica o dettagli lontani o per “spiare di nascosto” ma a molto altro, ad esempio se devi fotografare una nave in lontananza non credo che puoi camminare sulle acque o se devi fotografare su una montagna una cosa sulla montagna nella valle opposta non puoi volare e uno zoom, di una compatta o anche di una bridge, ti consente di arrivare dove solo un obiettivo da migliaia di euro e da 10kg può arrivare (e ti pare poco?). concordo che le bridge o le travelzoom sono un compromesso, ma mi da fastidio quando si critica o si giudica l’uso degli zoom, io ci vedo più vantaggi che limiti ed è meglio averlo che portarsi dietro solo un fisso o un 16-50, che fai poi, perdi tanti scatti o usi il crop?

      Mi piace

      1. Carlo,
        io mi riferivo a generi di fotografia, professionale o amatoriale, per i quali servono tele e telezoom, poi ognuno li usa per quel che vuole.
        Tu dici “se devi fotografare una nave in lontananza” o “se devi fotografare su una montagna una cosa sulla montagna nella valle opposta”. Cosa vuol dire devi? Che lo fai per professione e che un cliente ti ha commissionato queste foto? Allora sei d’accordo con me che gli zoom servono professionalemente per portare a casa il lavoro, anche se non credo che un professionista userebbe una FZ72 per il suo lavoro.
        Altrimenti vuol dire che “vuoi” fare queste foto, nessuno ti obbliga a fotografare una nave lontana o al di là di una valle, è una tua scelta rispettabilissima, ognuno fotografa quello che vuole come vuole e con il mezzo che vuoe. E’ da vedere però che risultati si ottengono con zoom così spinti e sensori così piccoli, fino ad ora non ne ho trovato uno soddisfacente, ma questo dipende anche dall’uso che si vuol fare delle foto e da come ed in che condizioni su usa la macchina; per la pubblicazione su web in piccole dimensioni, ad esempio, vanno certamente bene.
        Quanto al discorso di “perdere tanti scatti” se non si ha lo zoom non ha alcun senso. Se si esce per fotografare ci si porta la fotocamera e l’obiettivo o gli obiettivi adatti al genere di foto e di ripresa che si vuole fare e si fa quella, non si va in giro a caso fotografando questo e quest’altro come capita, azionando lo zoom senza magari spostarsi dal punto di ripresa per modificare composizione e prospettiva, sperando di ottenere qualche buona foto.
        In viaggio ad esempio consiglio uno zoom con escursione abbastanza ampia e un grndangolo moderato luminoso per ridurre al minimo le cose da portare con se. Per altri generi e situazioni di ripresa si useranno gli obiettivi specifici e più adatti per ciò che si vuol fare. Non si va mai in giro con un intero corredo dal supergrandangolo al supertele e agli zoom, si perderebbe più tempo a scegliere l’obiettivo che a scegliere il soggetto, curare la luce, la composizione e l’inquadratura. La superzoom può, in alcuni casi essere, divertente per le inquadrature da lontano, ma ciò non vuol dire che queste siano buone foto.
        Comunque ripeto per imparare a comporre ed inquadrare meglio e per divertirsi di più è meglio usare un obiettivo a focale fissa. Provare per credere.
        Ciao, Francesco

        Mi piace

        1. si io mi riferivo a foto in viaggio dove non puoi sapere cosa ti capiterà di vedere e lo zoom per me è un potente alleato, ovvio che se esco “solo” per fare foto mi porto il corredo completo, ma il discorso se lo faccio per professione o per passione comunque non c’entra nulla

          Mi piace

          1. Carlo,
            c’entra, c’entra. Se fotografi per te e non per un cliente puoi fotografare quello che ti piace, come ti piace. Altrimenti devi fotografare quello che vuole il cliente, come lo vuole. E’ molto, molto diverso.
            Chi fotografa per se è molto più libero di esprimersi.
            Riguardo al corredo non mi sono evidentemente spiegato bene: non si porta mai il corredo completo, ma solo quello che serve per la sessione fotografica interessata. Anche per il viaggio non si va in giro fotografando quel che capita, ma ci si fa un’idea prima di cosa si vuole fotografare e si porta ciò che serve. Il consiglio di uno zoom ad ampia escursione e di un grandangolo luminoso è molto generico.
            Ciao, Francesco

            Mi piace

    1. Alessandro,
      io non consiglierei nessuna delle due e in generale nessuna bridge con sensore piccolo da 1/2,3″ e zoom 50x e più. Eventualmente le uniche da prendere in considerazione potrebbero essere la Panasonic FZ300, o il modello precedente meno caro, ma ancora disponibile, FZ200. Questo perchè entrambe hanno uno zoom con luminosità costante f/2,8 che aiuta quando la luce è meno che ottimale, anche se meno spinto equivalendo ad un 25-600 mm. In ogni caso fra la P530 e la FZ72 preferisco quest’ultima.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  12. Salve,
    sono alla ricerca di una fotocamera per mia figlia alle prime armi con la fotografia. Avevo individuato la Panasonic FZ72 (quanto aveva il mirino) per le sue necessità rispetto alla Canon SX530 hs. Successivamente leggendo i vari commenti ho notato che il sensore è piccolo (1/2,3″ peraltro per entrambe le macchine) e poiché oltre all’uso hobbistico per esterno vorremmo fare delle foto in movimento/video di allenamenti e partite di basket (lei è una giocatrice come mio figlio ) all’interno di palestre o palazzetti talvolta poco illuminati. Mi chiedevo se queste o quali altre macchine hanno una “buona” resa fotografica negli interni per foto in movimento senza l’uso di flash e video. Ovviamente andremo a ridurre parte dello zoom per avere una minore rumorosità della foto. Il budget a disposizione purtroppo è limitato a circa 250 €. Consigli??? In alternativa alle bridge, quali potrebbero essere delle valide macchine compatte?
    Grazie per l’attenzione e complimenti per il lavoro di recensione!
    Walter

    Mi piace

    1. Walter,
      tutte le bridge con zoom ad amplissima escursione, come la Panasonic FZ72, hanno sensori piccoli da 1/2,3″ (6,17×4,55 mm) perchè non è possibile realizzare a costi e con dimensioni e pesi ragionevoli zoom di questo tipo che coprano la superficie di sensori più grandi. Ci sono alcune bridge con sensori più grandi, da 1″, ma con obiettivi con escursione più ridotta e con prezzi molto al di fuori dal tuo preventivo.
      La FZ72 che ho provato non mi ha fatto una grande impressione per la parte fotografica, anche se ha alcuni pregi come lo zoom che parte da una focale molto ridotta, 20 mm, utile in interni e per prospettive non convenzionale. La ripresa video invece è buona.
      Per fare foto anche in interni, e di soggetti in movimento, ti consiglio piuttosto un’altra bridge, sempre Panasonic, la FZ200. Ha sempre un sensore da 1/2,3″, ma migliore di quello della FZ72 in quanto retroilluminato (BSI-CMOS) con 12 Mpx e, cosa fondamentale, ha uno zoom 24x 25-600 mm equivalenti a luminosità costante f/2,8. Questo fa una grande differenza con la FZ72 che alla focale equivalente di 600 mm è f/5,6. Cioò vuol dire che con la FZ200 si può scattare, a parità di luce e quindi di esposizione, con una sensibilità Iso che è 1/4 di quella a cui si dovrebbe scattare con la FZ72, ad esempio 400 Iso invece di 1600, con notevoli vantaggi per la qualità d’immagine dovuti al minor rumore. In alternativa si può scattare alla stessa sensibilità, ma con un tempo più rapido, sempre 1/4, di quello della FZ72, ad esempio 1/250 invece di 1/60, in modo da poter riprendere i soggetti in movimento evitando il mosso. La focale massima di 600 mm è più che adeguata a riprese in interni come palestre e palazzetti. Infine la FZ200 è anche un po’ più piccola della FZ72. Il suo prezzo però è un po’ più alto e si può trovare in rete a poco meno di 300 €.
      Se vuoi un’alternativa compatta l’unica che posso consigliarti è sempre una Panasonic, la LF1. E’ molto piccola, dotata di mirino, con un sensore da 1/1,7″ (7,44×5,58 mm) e 12 Mpx, uno zoom 7,1x 28-200 mm equivalente f/2,0-5,9, luminoso in grandangolo, ma non in tele. Costa sui 250-260 €.
      Tutte le Panasonic hanno comunque ottime capacità di ripresa video.
      Infine tieni presente che se non punti ad avere necessariamente un teleobiettivo potente, una reflex APS (23,5×15,6 mm) con uno zoom 3x 18-55 (equivalente ad un 29-88 mm) come la Canon EOS 1200D costa circa 300 € e risolverebbe i problemi di ripresa in condizioni di luce scarsa. Anche le reflex compresa la 1200D possono riprendere video.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

      1. Grazie Francesco per le info !!!
        Dopo una settimana di gestazione e innumerevoli visualizzazioni e confronti sul web, ci stiamo orientando per una reflex, aumentando ovviamente il budget (quasi raddoppiato sigh!!!), al fine di ottenere una buona soluzione soprattutto in funzione delle foto sportive in movimento e di luminosità (palestre), individuando quali possibili acquisiti la Canon 1200d da te indicata – tra l’altro è uscita la nuova 1300d – (questa l’offerta: CANON EOS 1200D + 18-55mm IS STM + 55-250mm IS STM – MANUALE IN ITALIANO a € 470) oppure la Nikon d3300 (questa l’offerta: NIKON D3300 + NIKON 18-55mm VR II + NIKON 55-200mm VR II – MANUALE IN ITALIANO a € 490). Come valuti ? Altre possibili soluzioni ?
        Ultimo dubbio gli obiettivi: al 18-55 di “ordinanza” pensavo di affiancare il 55-250 per la Canon e il 55-200 per la Nikon per avere una buona focale senza esagerare con lo zoom, quali dovrebbero consentire una buona inquadratura delle azioni e duttilità di campo per foto/video.
        Ogni commento sarà ben accetto.
        Grazie e ancora compliments per il sito e le notizie nei commenti!
        Walter

        Mi piace

        1. Ciao Walter, io per 20€ non avrei dubbi e mi orienterei sulla Nikon D3300, progetto più recente e prestante della Canon EOS1200d che utilizza sensore, processore ed AF un pò vecchi; dove si trova quest’offerta? Comunque per farti un’idea potresti leggere i test della Canon EOS 100D, della Nikon D3200 e della Nikon D5300.

          Mi piace

            1. Walter,
              le due offerte sembrano molto convenienti, ma tieni presente che si tratta di materiale d’importazione parallela, con la garanzia del venditore e non dell’importatore italiano ufficiale. da questo punto di vista sarebbe preferibile la Canon in quanto, come filiale della casa madre fanno meno storie per assistere il materiale non distribuito da loro. Nital, l’importatore di Nikon, è un po’ più rigida.Inoltre ho letto opinioni discordanti su Galaxia. Secondo me ci sono fornitori che offrono prezzi analoghi o di poco superiori, ma sicuramente affidabili come Newpixel24 e Fotodigit.
              Come fotocamera la Nikon D3300 è leggermente preferibile per il suo sensore da 24 Mpx superiore ormai a quello Canon da 18 Mpx. Gli autofocus invece hanno prestazioni analoghe. La scelta degli obiettivi va bene e un 55-250 o 55-300 è essere adatto per le riprese sportive.
              Ciao, Francesco

              Mi piace

              1. Grazie Francesco per la disponibilità prestata.
                Alla fine abbiamo sfondato alla grande il budget acquistando la Nikon d3300 con zoom Nikkor 18-140mm a Euro 579…. nel negozio praticamente sottocasa… con la garanzia Nikon 4 anni. La differenza del prezzo con quanto offerto in internet era di qualche euro che ovviamente abbiamo optato per la soluzione “casalinga” anche per avere un valido interlocutore in caso di problemi.
                Adesso proviamo questa bellezza…. che si presenta molto intrigante.
                Saluti, Walter

                Mi piace

  13. salve buongiorno ho acquistato una fotocamera panasonic lumix fz1000, solo alla consegna ho notato che nel menu’ non porta la lingua in italiano x ora mi devo accontentare solo in inglese. La cosa che volevo chiedere esiste modo da inserire un update osd x il menu in italiano grazie anticipatamente.

    Mi piace

    1. Antonio,
      da chi l’hai comprata? Non è certo distribuita da Fowa distributore ufficiale di Panasonic in Italia, ma evidentemente è un esemplare d’importazione. Comunque ti è andata bene, so di qualcuno che si è fatto acquistare una fotocamera in Giappone e se l’è ritrovata con i menu solo in giapponese.
      La cosa migliore a questo punto è accontentarsi dell’inglese che è facilmente comprensibile. Altrimenti ci sono due soluzioni:
      1) rivolgersi a Fowa che fornisce l’assistenza per le fotocamere Panasonic in Italia, ma è probabile che ti facciano pagare l’intervento per l’installazione del nuovo software.
      2) trovare un hacker che sia in grado di crackare la fotocamera con il rischio però che poi non funzioni più.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

      1. salve francesco la panasonic lumix fz 1000 lo acquistata su egloab central italia e non ci ho fatto caso a prendere quella con la sigla EG il solo problema e la lingua poi il resto tutto ok garanzia 24 mesi, x contattare fowa come bisogna fare

        Mi piace

  14. Salve ,ero interessato all’acquisto della fz 72 e nel cercare notizie a riguardo ho trovato il suo blog,ben fatto ed esaustivo nello specifico della fz72,ora apprifittando della sua cortesia Le chiedo mi conviene optare per la sony HX400V,che mi sembra molto meglio della FZ72
    Grazie per una sua risposta.

    Mi piace

    1. Pippo,
      la Sony HX400V ha in più della Panasonic FZ72 il wi-fi ed il ricevitore GPS, entrambe le cose poco importanti dal punto di vista fotografico. La FZ72 ha invece uno zoom che parte dalla focale equivalente di 20 mm utile per riprese in piccoli ambienti e per ottenere foto con prospettiva esasperata, quindi fotograficamente è migliore.
      Nessuna delle due è però molto soddisfacente dal punto di vista fotografico per qualità d’immagine, complessivamente abbastanza scarsa.
      Se vuoi una bridge abbastanza economica l’unica scelta è la Panasonic FZ300 che grazie al suo obiettivo 25-600 mm equivalente di alta e costante luminosità f/2,8 garantisce una qualità d’immagine leggermente migliore.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

      1. Salve, premetto che sono un neofita in fatto di foto e le uniche macchine avute sono la nikon 3100 (2002) e la Panasonic tz5 (2008) adesso vorrei una nuova macchina e sono molto interessato a questa.
        Tra commenti negativi e positivi io ho fatto i mie ragionamenti che mi spingono a preferirei questo modello.
        1 Ormai tutte le compatte/bridge abbordabili usano sensori 1/2.3 (come la mia vecchia tz5) per cui quello che possono fare a focali basse è quasi identico e la fz72 non credo sia peggio di altre.
        2 avere uno zoom può far comodo
        3 i tempi di esposizione nella modalità stelle fanno comodo e il motivo lo spiego al punto 4.
        4 le foto a 3mp sono di fatto a 135x senza perdita di qualità (non è vero che se faccio un Crop a piena risoluzione ottengo lo stesso risultato perché la macchina settata a 3mp usa 4pixel per uno e di fatto spalma la luce su tutto il sensore e interpola, i pixel vengono generati da algoritmi come fa Nokia con il pureview che ha dimostrato le sue qualità) e con i tempi di esposizione alti si possono fare ottime foto astronomiche.
        5 ha la ghiera filettata il che vuol dire poter montare accessori come i teleobiettivi 1.7x o anche 2.2x così da portare la focale a 132x a 16mp o 297x a 3mp, ma anche fisheye da 0.4, filtri polarizzati, paraluce.

        Poi ovvio che difetti li ha ma nella media delle bridge ha molte qualità in più.

        Mi piace

        1. Maurizio,
          si vede che sei un neofita!
          Una fotocamera che ha rumore anche alla sensibilità minima di 100 Iso e il cui obiettivo non è usabile per la scarsa qualità già a focali equivalenti di 200-300 mm non va presa neanche in considerazione. Gli unici pregi della Panasonic FZ72 sono la focale minima equivalente ad un grandangolo di 20 mm e la buona ripresa video. Del ritaglio a 3 Mpx in macchina per fingere uno zoom 135x te ne fai poco perchè anche col pixel binning la qualità dell’obiettivo e la sua risoluzione non aumentano e quindi equivale comunque ad un ritaglio su pc. Non oso pensare alla qualità, già pessima con il solo obiettivo alla massima focale, con gli aggiuntivi ottici. Ma poi che te ne fai di una focale equivalente di circa 6000 mm con tutti i problemi di vibrazioni e mosso che può comportare se non montata su un supporto solido come una roccia? Mah? devi fare riprese astronomiche? Compra un telescopio, è meglio.
          Comunque ognuno si diverte come vuole e chi si accontenta…
          Ciao, Francesco

          Mi piace

    1. Giulia,
      cosa intendi per “effetto sfuocato”‘ Forse lo sfondo sfuocato dietro un soggetto a fuoco, cioè una ridotta profondità di campo?
      Con le fotocamere con sensore piccolo da 1/2,3” (6,17×4,55 mm) come la Panasonic FZ72 questo effetto è praticamente impossibile da ottenere.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  15. Certo sono di sicuro un neofita ma a questo punto chiedo un consiglio.
    La fz72 si trova a 205€ e non ho voglia di spendere molto di più e non ho trovato di meglio con questi soldi.
    A me interesserebbe poter montare dei filtri e il paraluce il resto non mi interessa veramente.
    Non prenderò mai una reflex perchè mi conosco e non la sfrutterei, non sono per niente appassionato di fotografia e al max devo riprendere i bimbi o le vacanze, stampo al max 15×20 (solitamente 13×18) ma anche le foto fatte con il cellulare vengono bene con queste dimensioni.
    A suo tempo spesi 399 per la tz5 sfruttata 0, adesso la cambio perchè non funziona più il flash e perchè vorrei uno zoom migliore del suo ottimo 10x leica.
    Che consigli per quella cifra?
    Grazie anticipatamente….

    Mi piace

    1. Maurizio,
      per fotografare non è necessario prendere una reflex, ci sono tante alternative. Quella che hai scelto non è la migliore anche rimanendo in casa Panasonic. Montare i filtri non è una priorità per il digitale in quanto tranne il polarizzatore non servono a nulla. Per il paraluce se guardi bene quello della FZ72 è fatto in modo tale, per non vignettare con l’obiettivo alla minima focale, che protegge ben poco dai riflessi, anche se indubbiamente è utile. Quello che non va della FZ72 è il rumore visibile anche alla minima sensibilità e la qualità dell’obiettivo che ha un tracollo sopra la focale equivalente di 200 mm.
      Rimanendo in ambito Panasonic ti consiglierei come bridge la FZ200 che va sicuramente meglio dalla FZ72 anche per il suo obiettivo di qualità migliore e con apertura costante f/2,8, utilissima quando si scatta in tele, oppure la LF-1, compatta con un sensore un po’ più grande, uno zoom 28-200 equivalente, luminoso alla minima focale f/1,8, e un mirino olettronico. Costano entrambe un po’ di più, ma sono migliori. Oggi si spende tanto per smartphone, ne vedo in giro costosi in mano a tutti, e invece mi meraviglia che per le foto, che documentano anche la nostra vita, si vuole risparmiare.
      Comunque la migliore macchina è quella che soddisfa il fotografo quindi non ti dico altro.
      Buone foto.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  16. Grazie Francesco, alla fine ho letto troppo e troppo e ho deciso di prendere una reflex, entry level ma reflex, la 1300D.
    Non essendo tipo da buttar soldi in cellulari o cavolate tecnologiche inutili mi sono detto spendo bene e fine….
    Nel tempo mi prenderò ulteriori ottiche, primo fra tutti il 55-250 (88-400 equivalente) stabilizzato, sempre entry level ma decente.

    ps la decisione finale mi è venuta usando ancora la fz5 e il cellulare e confrontando le foto fatte (praticamente identiche) e quindi basta sensori da 1/2.3″…..

    Mi piace

    1. Maurizio,
      hai fatto bene. Oggi le reflex base sono fra le fotocamere più convenienti e l’unico motivo per cercare altro è quello di avere una fotocamera tascabile.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  17. Egregio Signor FRANCESCO,

    io sono un vecchio pensionato 83enne in possesso di 2 macchine fotografiche digitali, una Nikon reflex D5200 ben supportata da parecchi obiettivi ed una Nikon Coolpix P500. Sono fortemente attratto dalla Panasonic Lumix DMC-FZ72. Tra l’altro, sono anche in attesa che i prezzi calino per acquistare una Nikon D7200.

    Abbia pazienza di sopportare un vecchi amante della fotografia sicuramente parecchio bizzarro.

    Io mi entusiasmo facilmente e raggiungo il massimo del piacere quando (purtroppo non molto spesso) riesco a fare delle belle foto con una macchina fotografica che in termine di paragone con l’automobilismo potrebbe essere lcome una FIAT 500 (la vecchia e non la nuova).

    Detto ciò gradirei possibilmente un suo stimato e cortese giudizio: vale la pena di spendere questi 200 euro circa o andare a fare una bella cena a base di pesce ?

    Le invio un saluto sincero per il riconoscimento della sua professionale disponibilità nell’aiutare tutti coloro che vogliono dissetarsi bevendo nella sua fonte di scienza e sapienza.

    In attesa di una stimatissima risposta, cordialità.

    Gen. Marcello Lugari (ROMA-Lido di Ostia-)

    Mi piace

    1. Marcello,
      ti ringrazio dei complimenti e ti do del tu perchè da 20 anni da qundo uso la rete in questo ambiente si è sempre usato così per motivi di semplicità.
      Qualunque macchina fotografica può fare belle foto se dietro c’è un fotografo capace di usarla, sfruttando le sue qualità e cercando di minimizzare i suoi difetti. Le bridge con sensore piccolo e zoom ad elevata escursione focale, come la FZ72, sono attualmente un po’ in ribasso perchè hanno deluso molti per la loro qualità d’immagine in molte circostanze non entusiasmante. A causa proprio del sensore piccolo e degli zoom direi esagerati la qualità delle foto fatte in poca luce o alla massima focale tele è quasi sempre scadente e la Panasonic FZ72 non fa eccezione. Ciò non toglie che usate in modo corretto e consapevole queste fotocamere non possano dare delle soddisfazioni. Basta guardare alcune delle foto pubblicate nella relativa galleria per rendersene conto. L’importante è non scattare in cattive condizioni di luce e non pretendere troppo dallo zoom alla massima focale. La FZ72 ha inoltre il pregio di avere uno zoom con una focale minima particolarmente ridotta, equivalente ad un 20 mm sul formato fullframe, che consente di sfruttarla in ambienti stretti e di scattare con prospettive molto esasperate e grandangolari che in alcuni casi possono portare a buoni risultati. Oltre a questa ne ho provate altre e, consapevole dei loro limiti, sono sempre riuscito a ricavarne qualche buona foto. La possibilità di avere uno zoom con lunghezza focale molto elevata è inoltre divertente e da la possibilità anche di cogliere alcune scene o dettagli che altrimenti sarebbero preclusi. Infine la FZ72, come tutte le Panasonic, ha un’ottima funzione di ripresa video e può essere sfruttata molto bene anche per questo riservando la reflex alle foto di qualità.
      In conclusione per il prezzo che costa e in aggiunta ad una reflex è una scelta consigliabilissima, anche se l’alternativa di una cena di pesce potrebbe essere allettante.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

      1. Pregiatissimo Signor FRANCESCO,
        grazie sinceramente per la sua corretta analisi che fa con competenza una valutazione super partes veramente professionale.
        Io visto che, tra l’altro, la Panasonic produce un’appetibile fotocamera la Lumix DMC-FZ300 che costa un pò di più della FZ72. Che ne pensa ? mi dia per favore un suo spassionato parere. Grazie.
        Gen. Marcello Lugari

        Mi piace

        1. Marcello,
          ho provato la Panasonic FZ300 poco tempo fa e devo dire che è molto meglio della FZ72. Ciò è dovuto al sensore che ha meno pixel (12 invece di 16), ma una tecnologia migliore, infatti è del tipo cosiddetto retroilluminato, BSI-CMOS, mentre la FZ72 ha un CMOS, e sopratutto all’obiettivo di qualità migliore, con un’escursione più limitata, ma sempre ampia, 24x equivalente ad un 25-600 mm e una luminosità costante f/2,8 che agevola molto quando la luce non è ottimale. Anche la messa a fuoco è più veloce grazie alla tecnologia Panasonic DFD. Il mirino è molto superiore con 1.440.000 punti invece che 202.000, l’otturatore meccanico/elettronico va da 60 secondi a 1/16000 invece che da 8 a 1/2000, la stabilizzazione a “5 assi” è più efficiente e la raffica arriva a 12 fg/s invece che a 9. Anche la ripresa video è molto migliore, infatti oltre al Full HD, 1920×1080 pixel, riprende in 4K a 3840×2160 pixel. Infine dispone di connessione Wi-Fi e NFC. Il corpo poi è molto meglio costruito e rifinito.
          Insomma tutta un’altra macchina, ma a questo corrisponde un prezzo più che doppio.
          Ciao, Francesco

          Mi piace

  18. Buongiorno Francesco. Volevo chiederti da possessore della Fz-72 se era consigliato il passaggio alla Nikon P900? Parlo soprattutto per la qualità dell’immagine non solo per il maggior zoom.
    Inoltre se è vero che la Panasonic ha un grandangolo da 20 raro per una bridge ed anche per una reflex, ciò mi causa lo spiacevole inconveniete nelle foto spesso “panoramiche” appaiono un pò “storte”. Spero di essere riuscito a spiegarmi. Grazie. e Saluti

    Mi piace

    1. Gianni,
      per migliorare la qualità d’immagine rispetto alla Panasonic FZ72 devi prendere una fotocamera con sensore più grande. La Nikon P900 ha un sensore delle stesse dimensioni della FZ72, 1/2,3″ (6,17×4,55 mm) sempre con 16 Mpx ed ha solo uno zoom con maggiore escursione,, 83,3x, 24-2000 mm equivalente. Perde così anche uno dei pochi pregi della FZ72, cioè la focale minima equivalente ad un 20 mm. Questa, che da come scrivi consideri più un difetto, consente di riprendere in spazi angusti e di fotografare con prospettive particolari, in alcuni casi esagerate, ma spesso interessanti. Le foto che definisci “storte” in realtà sono così per motivi prospettici. Se vuoi evitarlo basta che aumenti un po’ la focale dello zoom, sui 28-30 mm e la deformazione prospettica scomparirà. Tornando alla Nikon P900 l’uso di una focale equivalente a 2000 mm con una luminosità ridotta, f/6,5, pone problemi quasi insormontabili per evitare il mosso se non si fotografa in esterni con ottima luce, ipotizzando poi che la qualità dell’obiettivo sia adeguata, cosa di cui dubito fortemente come ho constatato sempre in zoom con ampia escursione focale.
      Se vuoi migliorare ti consiglio quindi una bridge con sensore più grande, anche se con zoom con minore escursione focale come la Panasonic FZ1000 o le Sony RX10 e RX10 II, oppure di passare direttamente ad una mirrorless o ad una reflex.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

        1. Ciao, mi permetto un consiglio: se vuoi rimanere entro il budget che sia simile al costo della Nikon P900 rimanendo nel settore bridge potresti calzatura la Panaonic FZ300 (circa 500€) oppure la sua meno recente versione FZ200 od in alternativa la Olympus Stylus 1 che però ha una minor escursione focale lato teleobiettivo pur essendo notevolmente più piccola. Altrimenti intorno ai 650€ la Panasonic FZ1000 che come qualità d’immagine supera tutte quelle macchine che ho citato.

          Mi piace

            1. Con la FZ1000 potresti utilizzare la funzione zoom intelligente che ti consente, pur pagando qualcosa in termini qualitativi, di arrivare ad una focale equivalente di 800mm al formato 35mm, avendo comunque una netta maggior qualità rispetto alle bridge con sensori piccoli nella loro massima possibilità. Se proprio volessi rimanere in una spesa più contenuta mi sembra che la miglior scelta sia la FZ300, a mio avviso le superzoom molto spinte non riescono a fornire una qualità d’immagine decente a focali lunghe.

              Mi piace

              1. Ho testato lo Zoom intelligente sulla Panasonic ma non è il massimo, solo di poco migliore di quello digitale. Concordo sulla qualità delle superzoom spinte, però mi domandavo se ad es. queste Superzoom montassero sensori decenti oppure più grandi non ne guadagnerebbero di commerciabilità? Poi però non vendono più le Reflex. Ad es. la Sony DSC-H400 con 20,1 Mpx ma sensore uguale?

                Mi piace

                1. Nessun pasto è gratis, per avere una miglior qualità d’immagine bisogna avere sensori più grandi accoppiati ad obiettivi di buon livello e la faccenda si fa via via più costosa. Un sensore piccolo può offrire in buone condizioni di luce una qualità accettabile, nelle superzoom da poche centinaia di € gli obiettivi sono assai mediocri e questa accoppiata produce risultati di basso livello. Non è un caso che attrezzatura in grado di ottenere un capello spaccato in 4 costi assai tanto, mentre invece attrezzatura che ti mostra 1 capello quando invece sono 8 è un pò una sorta di giocattolo. Poi ovvio che più un’ottica deve coprire un’ampia escursione focale e meno riesce a fare al meglio ciò che invece uno zoom 3-4x o un’ottica fissa riescono ad offrire.

                  Mi piace

                2. Gianni,
                  se si usassero sensori più grandi una fotocamera con uno zoom equivalente 24-1200 mm, ad esempio, sarebbe irrealizzabile per motivi di dimensioni, peso, ottici e costo.
                  Guarda questo confronto: a sinistra fullframe (36×24 mm) con uno zoom “solo” 300-800 mm, poi APS (23×15 mm) con 150-600 mm (225-900 equivalente), poi Micro 4/3 (17,3×13 mm) con 100-400 mm (200-800 equivalente), poi Panasonic FZ2000 con sensore da 1″ (13,2×8,8 mm) con 24-480 equivalente e invine FZ72 con sensore da 1/2,3″ (6,17×4,55 mm) con 20-1200 mm equivalente.
                  Non c’è bisogno di inventarsi dietrologie sulla mancata vendita delle reflex per capire perchè le bridge non potranno mai avere sensori grandi come le reflex o le mirrorless. Quelle che insidiano le reflex, anche se per adesso ancora con poco successo nel professionale, sono le mirrorless.
                  Ciao, Francesco

                  Mi piace

                  1. A vedere questo confronto mi viene ancor più rammarico per la scellerata scelta di Nikon di, di fatto, cestinare il sistema 1, a mio avviso il più innovativo sistema mirrorless. Tra la Panaonic GH4 con il 100-400 ed una reflex APS-C con il 150-600 la differenza non è poi così tanto grande.

                    Mi piace

                    1. Diego,
                      hai ragione, se Nikon avesse creduto di più nel sistema 1 e lo avesse sviluppato avrebbe ottenuto ottimi risultati di qualità e di vendita, almeno fra i fotoamatori.
                      Ciao, Francesco

                      Mi piace

                    2. Diego,
                      guarda quest’altro confronto: Nikon 1 V2 sensore da 1″ e 70-300 (190-810 eq.), Panasonic GH4 e 100-400 (200-800 eq.), Canon 80D e 150-600 (225-900 eq.) e Canon 5D IV e 300-800.
                      Con la velocità di autofocus e raffica che hanno le Nikon 1 sarebbe per molti una soluzione interessantissima.
                      Ciao, Francesco

                      Mi piace

                    3. Nikon aveva il futuro tra le mani, una soluzione che per prima e poi unica aveva scelto e percorso; quando è venuta la seconda generazione di obiettivi (6,7-13 , 10-100 , 70-300 , 32 f1,2) sarebbe bastato dare una degna erede alla V1 e non quell’obbrobrio di V3 con il mirino optional ed il quadro sarebbe stato quasi completo, quasi perché poi Nikon avrebbe potuto presentare una terza generazione di obiettivi composta da zoom più luminosi ed un paio di fissi incluso un macro per chiudere il cerchio, materiale che a quanto dicono i rumors sarebbe già stato quasi pronto… ma probabilmente una forte guerriglia interna nata dal settore reflex ha distrutto tutto, a mio parere il sistema 1 avrebbe potuto fortemente ridimensionare le reflex serie D3xxx e D5xxx, cosa che poi ha comunque fatto il mercato ed ora i bilanci Nikon sono più disastrosi che mai. Il punto è anche un altro: chi come me ha dato fiducia a Nikon ed ha speso soldi sul sistema 1 e si vede oggi tradito avrà molte più remore nell’acquistare una reflex della casa giallonera o peggio un suo futuro sistema mirrorless se e quando verrà presentato. La 1 j5 aveva fatto venire una grande acquolina alla bocca per una eccezionale V e invece Nikon ha stoppata tutto, credo che se domani i giapponesi stupissero presentando e vendendo questa nuova V con gli ultimi sensori Sony stacked, spremendoli al meglio come sa fare,ad un prezzo ragionevole la cosa potrebbe avere notevole successo, tanto oramai le reflex base si vendono perlopiù a saldo e ci sono ancora tante D3200 invendute che invece preferiscono prenderci per i fondelli con le novità tipo D3400. Il sensore da 1 pollice oggi si presta ad un’ottima versatilità per i fotoamatori, bridge, compatte top, mirrorless. Scusami Francesco, ma quando si parla di Nikon 1 mi lascio andare 😉 , ciao.

                      Mi piace

                    4. Diego,
                      nella risposta a Bariom faccio una possibile ipotesi sull’abbandono del sistema 1 da parte di Nikon.
                      Comunque Nikon mi è diventata abbastanza antipatica negli ultimi tempi, anche se prima comunque non potevo definirla simpatica. Troppe arie di supriorità, troppa spocchia nelle sue persone, sembra che solo loro sappiano fare fotocamere. Ho letto che Ken Rockwell, il famoso fotografo e blogger americano, più o meno pensa los tesso di Nikon, quindi evidentemente è un atteggiamento aziendale.
                      Anche per ottenere le fotocamere in prova è necessario pregarli e ripregarli, insistere più volte e sembra che concedano chissa cosa quando è solo pubblicità gratuita per loro. E’ significativo che quest’anno mi abbiano mandato solo la S9900, una compatta insignificante, mentre non sono riuscito ad avere D810, D500, D7200 e D5500 che avevo chiesto ripetutamente. Quindi se scrivo poco di Nikon sapete il perchè.
                      Nikon però conta su due fattori per vendere: un’organizzazione commerciale capillare ed efficiente ed il nome. Finchè gli basterà…
                      Ciao, Francesco

                      Mi piace

              2. Diego,
                lascia perdere gli zoom digitali che intelligenti non sono mai. Quello che si può fare con lo zoom “intelligente” si può fare anche meglio sul computer.
                Ciao, Francesco

                Mi piace

          1. Diego,
            le Panasonic FZ300 e FZ200 hanno un sensore 1/2,3″ come la FZ72 e quindi non migliorano significativamente la qualità d’immagine anche se hanno un obiettivo migliore. L’Olympus Stylus 1 non è più in produzione. L’unica scelta valida in alternativa alla Nikon P900, che sconsiglio decisamente, è la Panasonic FZ1000 oppure ancora meglio la Sony RX10.
            Ciao, Francesco

            Mi piace

            1. Ciao Francesco, sono d’accordo con te, ho risposto a Gianni basandomi sul fatto di aver inteso che ha necessità di una macchina con zoom ad elevata escursione ed ha escluso le reflex perché troppo costose, ne deduco, forse erroneamente, che il budget sia intorno ai 500€ e dunque a queste condizioni cosa potergli consigliare che possa esser più attinente alle sue necessità? Altrimenti con più o meno la cifra della FZ1000 gli si potrebbe consigliare una Canon EOS 100D solo corpo o una Nikon D3200 solo corpo a cui accoppiare un Tamron 18-270 o un Sigma 18-250 ma se reflex non ne vuole e un 400mm pare essere insufficiente bisogna scendere a compromessi; la FZ1000 ha 20MPx ed un ritaglio dell’immagine o zoom “intelligente” producono meno danni rispetto ad un sensore da 1/2,3 con 12 MPx, sulla mia Fuji X30 mi capita di aver necessità dell’utilizzo di questa funzione ed a mio avviso preferisco utilizzare questo piuttosto che il mio KZoom a 220mm eq o peggio la Sony WX a pari focale, apparecchi che montano entrambi il sensore da 1/2,3. Ovvio che se ho con me la Nikon 1 utilizzo quella che è ancor meglio (sensore più grande ed obiettivi a mio parere migliori). Ciao.

              Mi piace

              1. Il budget non è un problema ma considero la Reflex una macchina per chi intende di fotografia e ha tempo da perderci. La mia intenzione comunque è stare in quel rate di spesa, anche se la Nikon P900 si trova sotto le 500€. Ho la Panasonic da molto tempo ( credo due anni), volevo ritornare in Nikon dopo che sono passato dalla P510. .
                Dopo le parole di Francesco rifletterò maggiormente se perdere quel grandangolo per un zoom 83x.

                Mi piace

  19. @Francesco e @Diego, io ho ancora la mia V1 (con i due obbiettivi kit) da cui faccio fatica a separarmi nonostante sia passato ad una Sony A6000…
    L’ho data in mano a due dei miei figli (figlio – figlia) perché lasciando le loro bridge, prendano la mano con qualcosa di più soddisfacente e “propedeutico”.

    Ma che voi sappiate o ipotizziate, perché questo abbandono da parte di Nikon di questo modello (che ha visto si un breve sviluppo, ma in una direzione che non mi convinceva molto…)?

    Mi piace

    1. Bariom,
      non mi è chiaro perchè Nikon abbia abbandonato la serie 1, che era stata concepita proprio per differenziarsi dalle reflex e non dare loro fastidio, proprio nel momento in cui le fotocamere con sensore da 1″ si stanno affermando come un buon compromesso fra qualità, dimensioni e prezzo per i fotoamatori. Quasi tutti hanno infatti ormai abbandonato il settore delle compatte con sensore piccolo ormai ucciso dagli smartphone e si concentrano su fotocamere di migliore qualità, guarda caso con sensore da 1″, mentre Nikon ancora insiste con le compatte e le bridge superzoom. Significativo poi il fatto che alla Photokina erano presenti queste fotocamere mentre erano assenti le promesse e mai viste DL con sensore da 1″. Che Nikon abbia qualche problema per la fornitura di questi sensori?
      Ciao, Francesco

      Mi piace

      1. Da ciò che ho letto c’era anche da aspettare del tempo dopo la scadenza del contratto con Aptina che ha fornito i sensori fino alla V3 e J4, poi la j5 avrebbe dovuto essere l’anti pasto per la nuova V, anche una sorta di test per verificare quanto risultasse gradito ed efficace il passaggio ai sensori da 20 MPx Sony, poi il terremoto che ha stoppato anche la produzione dei sensori ed ha portato a ritardi pure per la D500; uscire oggi con quelle DL sarebbe a mio avviso assurdo, oramai Sony con le ultime RX10 e 100 le ha superate. Magari è anche il fatto che il sensore da 1 pollice è utilizzato sempre più per compatte e bridge e forse Nikon lo vede sminuito come sistema fotografico a lenti intercambiabili. Comunque il fatto che l’attuale livello prestazionionale di questi sensori uniti ad AF e prestazioni in raffica impressionanti possa assai intaccare il settore reflex non professionali a mio avviso fa parte dei motivi, probabilmente Nikon ha molto più margine su queste… Però se ne vendono più poche, dunque perché rinunciare al sistema fotografico più innovativo degli ultimi anni che avrebbe portato sempre più soldi in cassa??!

        Mi piace

        1. Giusto la DL 18-50 a prezzo ragionevole (e con mirino) potrebbe essere ancora appetibile. Ma cavoli, che presentino le ottiche delle DL 18-50 e 24-85 con baionetta 1!!! Secondo me né venderebbero un buon numero, tale da convincerli che la serie 1 è da resuscitare.

          Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...