Olympus OM-D E-M5 II: test

DSC05143Olympus è diventata famosa negli anni 70 per le sue reflex OM. La OM1 capostipite della famiglia ha stupito alla sua presentazione il mondo dei fotografi per le sue ridotte dimensioni a confronto con le quelle massicce dellereflex dell’epoca, Canon F1 e Nikon F2 in primo luogo, per la sua qualità e quella degli obiettivi. Il suo grande successo ha rivoluzionato il mondo della fotografia
In questi ultimi anni Olympus ha rinnovato la sua tradizione con una nuova serie di fotocamere di alta classe che si richiama esplicitamente a questa tradizione: la serie infatti si chiama OM-D, il cui primo modello è stato la E-M5 provata a fine 2012. A inizio 2015 la E-M5 è stata rinnovata con la versione II protagonista di questa prova.

La OM-D E-M5 II usa tecnologie aggiornatissime e già sperimentate nella  nella E-M5, la configurazione mirrorless, il sensore Micro 4/3 e il mirino elettronico ulteriormente perfezionate. Il sensore è sempre da 16 Mpx, ma l’elaboratore d’immagine TruePIC VII è ulteriormente migliorato. Così pure il mirino elettronico ora da 2,36 Mpx e con un ingrandimento di 1,48x, come la E-M1. Questo insieme al corpo interamente metallico a prova di spuzzi e polvere, al sistema di stabilizzazione estremamente efficace e ai comandi esterni abbondanti ne fanno uno strumento  che si pone in concorrenza  con le migliori reflex APS grazie anche alla qualità degli obiettivi ed alla vastità del corredo Micro 4/3.
E’ il momento quindi di verificare se la qualità della E-M5 II II sia all’altezza di quella delle sue blasonate concorrenti reflex, visto che si colloca nella fascia di prezzo delle APS di classe alta.

Guardando la E-M5 II non si può non pensare alle reflex OM. L’estetica è volutamente simile ed anche le dimensioni cono vicine, la E-M5 II II è solo un po meno sviluppata in spessore. Le dimensioni sono quindi contenute, ma la fotocamera ha un aspetto robusto e professionale. Il peso è ridotto e il confronto con uan reflex fa risaltare ancora di più questi aspetti.

Le sue principali caratteristiche sono:

– sensore Micro 4/3 Live MOS da 16,1 Mpx
– processore d’immagine TruePic VII
– corpo in lega di magnesio protetto da polvere ed acqua
– innesto obiettivi Micro 4/3
– mirino elettronico con 2,36 Mpx, ingrandimento di 1,48x (074x reali) e frequenza di refresh di 120 fg/s
– schermo da 3″ con funzione touch con 1.037.000 pixel totalmente orientabile
– autofocus a rilevamento contrasto con 81 punti AF selezionabili automaticamente o manualmente
– stabilizzatore d’immagine a “5 assi” sul sensore
– modalità di esposizione completamente automatica, Program, a priorità, manuale e con scene predisposte
– sensibilità automatica o manuale da 100 a 25.600 Iso
– otturatore con tempi da 60 secondi ad 1/16000
– disponibilità di Art Filter
– ripresa video Full HD a 1920×1080 pixel 60/50, 30/25p e 24pp in formato H.264 o Mpeg-4 con audio stereo
– velocità di raffica fino a 10 fg/s
– Sistema di pulizia del sensore a vibrazione ultra sonica
– flash esterno fornito con la macchina
– dimensioni 124x85x45 mm
– peso 469 grammi

La OM-D E-M5 II II costa circa 980 € solo corpo, 1.160 € in kit con lo zoom elettrico 12-50 mm (24-100 mm equivalente) f/3,5-6,3 e 1.600 € in kit con lo zoom Pro 12-40 mm (24-80 mm equivalente) f/2,8.

__________________________________________________________________

DSC05143

DSC05144

_________________________________________________________

Descrizione & uso
Prestazioni
Galleria
Conclusioni
_________________________________________________________
Successiva   ==>

Annunci

3 pensieri su “Olympus OM-D E-M5 II: test”

  1. Se non ho capito male, con l’aggiornamento ai modelli OM-D E-M5 II e OM-D E-M10 II ha comportato che ormai le differenze fra i due modelli non sono più così rilevanti per un fotoamatore. Volevo però chiederti un’altra cosa: è possibile impostare la fotocamera in modo da utilizzarla come una manuale o una priorità di diaframma, abilitando la ghiera dietro il pulsante di scatta come ghiera dei tempi?
    grazie

    Mi piace

    1. Alessandro,
      le Olympus OM-D possono funzionare in Program, priorità tempi o diaframmi e manuale come tutte le reflex e le mirrorless e come descritto nelle mia prove. Le ghiere anteriore e posteriore sono personalizzabili nella funzione svolta.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...