Nikon D600 : nuove impressioni

Nikon_D600_02Ho già pubblicato alcune impressioni della D600 derivate da quello che avevo potuto provare durante la Photokina dello scorso settembre.
Ora pubblico nuove foto scattate durante il Nikon day organizzato la scorsa settimana presso il negozio romano Ottica Universitaria. La D600 è attualmente la più economica (si fa per dire!) fullframe sul mercato con un prezzo inferiore ai 2000 €. Nonostante ciò ha un sensore con un numero di pixel, 24 Mpx, superato soltanto dalla sorella maggiore D800. Già dai primi scatti effettuati aveva rivelato una notevole qualità d’immagine. Il corpo, simile per dimensioni e comandi alla D7000, è abbastanza compatto per una reflex fullframe e non eccessivamente pesante.
Il prezzo, la qualità e le dimensioni ne fanno quindi una fotocamera di estermo interesse ed una candidata per l’aggiornamento di chi già possiede una reflex Nikon come la D90, la D300 o la D7000.
Ricordo le pincipali caratteristiche della D600:

– sensore di dimensioni fullframe (24×36 mm) CMOS con 24,3 Mpx
– elaboratore d’immagine Expeed 3
– innesto per obiettivi Nikon F. Accetta anche gli obiettivi DX con risoluzione ridotta.
– corpo in lega di magnesio sigillato contro polvere ed acqua
– otturatore collaudato per 150.000 scatti
– nuovo sistema autofocus con 39 punti AF di cui 9 a croce e con funzione di inseguimento del soggetto
– schermo da 3,2? con 921.000 pixel
– mirino con copertura del 100 % e ingrandimento 0,7x
– supporto raw a 14 bit
– sensibilità da 100 a 6400 Iso espandibile da 50 a 25600
– otturatore con tempi da 30 secondi ad 1/4000
– velocità di raffica di 5,5 fg/s
– funzione HDR e intervallometro
– disponibilità di livella elettronica
– riprende video Full HD a 1920×1080 pixel 24p, 25p o 30p con audio mono e possibilità di controllo manuale
– possibilità di duplicare l’immagine live view e i video su un monitor esterno con l’uscita HDMI
– ingresso per microfono stereo e uscita per cuffia
– supporta l’adattatore WU-1b Wireless Adapter per il collegamento a smartphone per scaricare immagini e per il controllo remoto
– doppio alloggiamento per schede di memoria SD
– batteria agli ioni di litio EN-EL15 per 900 scatti per carica
– impugnatura portabatteria opzionale per una batteria addizionale o sei batterie a stilo AA
– dimensioni 141x113x82 mm
– peso 760 grammi

Costa circa 1800 € solo corpo, 2300 € con il 24-85/3,5-4,5 VR, 2700 € con il 28-300/3,5-5,6 VR e 2800 € con il 24-120/4,0 VR.
La D600 non differisce molto dalla D7000. Il corpo è di pochi mm più largo, ma mantiene lo stesso aspetto. Il pentaprisma, che alloggia anche il flash a differenza delle fullframe concorrenti, è appena più rilevato. I comandi sono simili a quelli della D7000. In più è stato aggiunto il blocco della ghiera delle modalità (molto utile), che per essere spostata richiede la pressione di un pulsante al suo centro, ed è stato scambiato il pulsante per l’impostazione Iso, ora il più in basso a sinistra, con quello per il bilanciamento del bianco. Chissà forse vogliono vedere se i fotografi sono abbastanza svegli per accorgersene!
Il mirino è grande e luminoso, con una copertura del 100 % ed un ingrandimento reale di 0,7x. Sicuramente migliore di quello delle reflex APS. Il corpo ha un peso simile o poco superiore alla D7000, decisamente inferiore alla D800, anche se è costruito con la parte posteriore e la calotta in lega di magnesio e solo il frontale in policarbonato. E’ comunque sigillato contro polvere ed acqua. L’autofocus, lo stesso della D7000, è efficace e veloce, anche se in questa reflex di formato fullframe copre solo la parte centrale del fotogramma. La sua regolazione avviene, secondo lo standard attuale Nikon, con un pulsante ed una leva coassiale alla base sinistra del bocchettone di innesto obiettivo. La sensibilità varia da 100 a 6400 Iso, con possibile estensione a 25.600.

Le foto presentate sono state scattate durante la sessione di scatto prevista nel Nikon day con gli obiettivi Nikon 24-120/4,0 VR e 70-300/4,5-5,6 VR. La macchina è stata impostata in Program e bilanciamento del bianco automatico. La messa a fuoco sugli occhi della modella, per quanto possibile visto che si muoveva abbastanza (sic!). Ho scattato salvando sia in jpeg che raw, ma pubblico solo la versione derivante dal raw. Le foto sono state convertite con Nikon Capture NX 2.3.12. La conversione è avvenuta con la riduzione di rumore azzerata.

Le foto sono estremamente nitide e brillanti con un’eccellente nitidezza anche alle altissime sensibilità fino a 25600 Iso. Il bilanciamento del bianco e l’esposizione sono state sempre corrette. La messa a fuoco quasi sempre precisa. Le foto scattate a 800 e sopra tutto a 400 Iso presentano un po’ di micromosso per i tempi di scatto troppo lunghi resi necessari dall’illuminazione non abbondante. Ciò però depone a favore del sistema di stabilizzazione VR degli obiettivi Nikon che mi ha permesso di scattare una foto abbastanza nitida con una focale di 300 mm e un tempo di scatto di 1/25 (foto N° 2).
Dal punto di vista rumore questo si comincia ad intravedere, nelle parti più scure in ombra, a 3200 Iso, ma è finissimo in forma di puntini scuri e non da alcun fastidio. A 6400 Iso aumenta appena, ma rimane confinato alle parti più scure o molto uniformi e non danneggia minimamente le foto. Anche a 12.800 Iso aumenta poco e si trova solo nelle parti scure dell’immagine; la nitidezza rimane elevata. A 25.600 Iso aumenta ancora, anche se non eccessivamente e pur essendo visibile anche in parti delle foto più chiare ed illuminate non è eccessivo considerata la risoluzione; è stupefacente la nitidezza che rimane alta anche a questa sensibilità.
A confronto con la Nikon D5200 con sensore di formato APS sempre da 24 Mpx si ha un guadagno di almeno uno stop nel rapporto segnale/rumore alle alte sensibilità.

In conclusione la D600 si rivela un’ottima reflex con una guadagno reale di qualità d’immagine rispetto alle APS e con un corpo ben costruito, ma di dimensioni e peso non eccessivi. E’ quindi un miglioramento per tutti i possessori di reflex Nikon APS di fascia media (D90, D300, D7000) e solo il prezzo e l’eventuale necessità di acquistare nuovi obiettivi può far riflettere sull’aggiornamento.

Altre foto sono presentate nell’articolo “Nikon D600: impressioni“.

Annunci

48 pensieri su “Nikon D600 : nuove impressioni”

    1. Luigi,
      se si monta un obiettivo DX sulla D600 questa si commuta automaticamente per il funzionamento DX utilizzando solo la parte centrale del sensore con una superficie (24×16 mm) equivalente a 10 Mpx. Nel mirino compaiono delle fascie scure che delimitano l’area coperta dal sensore in questa modalità. Gli obiettivi si comportano come sulle reflex DX, quindi un 18-200 equivarrà ad un 27-300 mm. Questa modalità di funzionamento è necessaria perchè gli obiettivi DX hanno un cerchio di copertura inferiore agli FX e quindi gli angoli del fotogramma in FX sarebbero neri.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

    1. Pietro,
      per adesso non ho visto nessuna comunicazione di Nikon.
      Parlando con alcuni fotografi che hanno acquistato la D600 nessuno ha riscontrato il problema. I tecnici Nikon mi hanno confermato che si è trattato di qualche caso isolato gonfiato molto dalla propagazione in rete.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  1. Ciao Francesco!
    Io ho una D3100. Vorrei cambiare fotocamera in un futuro ben prossimo.
    Nn sto investendo in obiettivi x le DX xchè ho l’intenzione di prendere la D600. Secondo te è un salto troppo lungo, passare da una DX new entry ad una FX?
    Attendo tua risposta!

    Mi piace

    1. Beatrice,
      dal punto di vista della qualità d’immagine passare da una DX ad una FX è un salto importante. Dal punto di vista dell’uso della macchina in pratica non c’è nessuna differenza se non il peso maggiore e il mirino più grande e luminoso.
      Dal punto di vista dei risultati fotografici la FX non aiuta a fare foto più belle ed interessanti della DX, questo dipende solo da te.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

      1. Caro Francesco,

        Grazie della tua risposta veloce e precisa (come al solito).
        Io penso che per fare belle foto, servono l’occhio del fotografo, la tecnica e poi, la fotocamera.
        Ho ancora molto da imparare sulla tecnica.
        Il cambio avverrà sicuramente, ma tra qualche anno. Per ora, mi accontento della mia D3100 con l’obiettivo 18-105 mm.

        Ti auguro buone feste e tanti scatti! 🙂

        Mi piace

  2. ciao Francesco.

    ho proprio oggi iniziato a scattare in nef con la d 5100 ; in reatà ho scattato in raw + jpeg fine.
    Il problema è che quando vado a vedere le foto sul display della reflex, mi appare solo una foto in jpeg, mentre in basso a destra del display mi appare la scritta raw+jpeg;inoltre il numero progressivo decresce solo di una foto, e non di. due come invece pensavo( una in jpeg e l’altra in raw).
    se invece scatto solo in modalità raw va tutto bene, nel senso che vedo la singola foto scattata in raw;
    sbaglio in qualche impostazione?non dovrei avere due foto in sequenza da visualizzare?

    Mi piace

    1. Elio,
      la fotocamera salva sulla scheda due file con lo stesso nome e un suffisso diverso .jpg e .nef. per il software della macchina però sono la stessa foto e te ne fa vedere solo una. Anche il contatore foto segnerà solo +1. Quando scaricherai le foto sul pc vedrai i due file.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  3. ciao francesco,

    a livello di qualità di video, la d 600 migliora le prestazioni audio e video della d 5100( di cui sono possessore)? se la risposta è si, sapresti dirmi in cosa e di quanto è migliorata?
    Mi piace molto fare foto, ma non disdico i video di situazioni particolari che mi portano a ritenere che, oltre allo scattare l’attimo, è opportuno immortalare anche per pochi minuti ciò che sta accadendo; per cui pensavo che invece di comprare la d 600 più una videocamera da 500 euro circa magari la sola d 600 potrebbe essermi utile per entrambi le funzioni.

    Grazie

    Mi piace

    1. Antonio,
      la D600 migliora le riprese video solo per il fatto di avere un sensore fullframe, quindi più grande di quello APS della D5100. Ppuò quindi controllare meglio la profondità di campo, sfruttare completamente gli angoli di ripresa degli obiettivi ed avere una migliore qualità.
      Per la parte video vera e propria le caratteristiche come velocità, autofocus, possibilità fi regolazione, sono simili.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  4. ciao Francesco,
    scusa se ti riscrivo in quest’altra pagina; volevo chiederti:quale accoppiata in termini di qualità, conviene tra d 600 +24-120 f 4 e d600+28-300?
    Tra i due obiettivi ci sta tanta differenza in termini di qualità?Il 24-120 potrebbe essere usato per interni e come tuttofare( limitato).

    grazie mille per il tuo splendido blog.

    Mi piace

    1. Davide,
      ho provato solo il 24-120/4,0, ma non il 28-300. Stando a quello che ha scritto a suao tempo Ken Rockwell la differenza tra i due è solo che il 28-300 … arriva fino a 300 mm, mentre l’altro si ferma a 120. Secondo lui la qualità e la nitidezza sono le stesse.
      Il 24-120 può essere certamente usato in interni vista la ridotta lunghezza focale minima a meno che non serva maggiore luminosità e anche come zoom tuttofare o da viaggio può andare bene. Io personalmente però preferirei il 28-300 per la sua maggiore flessibilità, anche se mi sto accorgendo che la maggior parte delle foto che scatto sono riprese con focali grandangolari.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  5. ciao Francesco,
    come grandangolo per nikon (pensando passare al full frame nel giro di un anno spero) ritieni che sia migliore il 16-35 o il sigma 12-24?
    Sono possessore di una dx nikon, e uso l’obiettivo 18-105 venduto in kit; diciamo che delle volte mi manca sia il tele, (mi servirebbero i 200 mm che credo siano piu che sufficiente), ma anche un po il grandangolo; delle volte faccio foto panoramiche per poi incollarle con dei programmi.
    Il dubbio che mi pongo, è se i 4 mm in meno che il sigma garantisce siano tanti da potermi tornare utili in determinate situazioni paesaggistiche, o invece privilegiare il 16- 35mm che sarebbe un pò piu versatile per uso anche interno, credo.Tue opinioni in merito sempre gradite.
    Grazie

    Mi piace

    1. Giancarlo,
      i 4 mm in meno del Sigma 12-24 rispetto al Nikon 16-35 fanno una grande differenza. In termini di angolo di campo abbracciato il 12-24 su FX copre un angolo (sulla diagonale del formato) variabile da 122 a 84 gradi, il 16-35 un angolo da 107 a 63 gradi. Sul formato DX il 12-24 copre un angolo da 100 a 61, il 16-35 da 84 a 44. Come vedi usando gli angoli di campo (sarebbe il modo corretto di dare le caratteristiche degli obiettivi che eviterebbe la “focale equivalente”) si vede che pochi mm fanno una bella differenza. Il 16-35 in formato DX va dal grandangolo medio al normale, mentre il 12-24 va dal grandangolo spinto al grandangolo moderato. Il 16-35 poi è molto vicino alla prima parte della gamma focale del tuo 18-105.
      In conclusione se cerchi uno zoom grandangolare che si adatto anche per FX la scelta migliore è il Sigma 12-24.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  6. Ciao Francesco,

    noto che l’oculare della d 800 è rotondo, a differenza della d 600? è solo una questione di estetica o cambia qualcosa anche nell’utilizzo o nella meccanica ?

    grazie

    Mi piace

    1. Adolfo,
      la differenza di forma tra i due oculari è perchè su quello della D800, rotondo, possono essere montati accessori professionali quali lenti di correzione diottrica, un mirino ingranditore ed uno angolare.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  7. ciao,

    scusate se faccio una domanda non tecnica.
    Ieri sono andato in una grande catena di negozi commerciali, e ho preso in mano la d 600 e la d 800,che bella sensazione.

    La domanda è: il prezzo proposto qui era di 1999,90 euro; piu o meno prezzo uguale anche su altri siti che garantiscono la garanzia nital; ci sono dei siti con garanzia nital che danno un prezzo inferiore, ma che siano affidabili?
    Delle volte leggo che la reflex viene venduta con garanzia italia, è lo stesso della garanzia nital?
    Il problema è che non capisco come mai tra un negozio on line ed un altro si passa dai 1610 a 2000 euro.potete darmi delle delucidazioni in merito?

    grazie

    Mi piace

    1. Antonio,
      le fotocamere di pregio, specialmente le Nikon, si trovano di solito in vendita con due livelli di prezzo diversi. Quelle con la garanzia italiana hanno un prezzo più alto di quelle con la garanzia internazionale o europea. La differenza comporta un diverso trattamento a secondo della marche e della politica dei distributori nazionali. Ricordo che per legge il responsabile della garanzia è il venditore, cioè il negozio.
      Nel caso di distribuzione diretta da parte della casa (ad esempio Canon, Sony) di solito non ci sono troppi problemi e la garanzia europea viene riconosciuta senza particolari difficoltà. Nel caso di altri distributori, diversi dalla casa madre (es Nital, ma anche altri) questi offrono in alcuni casi una garanzia più estesa di quella dovuta per legge di 2 anni (Nital offre quattro anni). Nel caso di garanzia europea ovviamente questa non è così estesa e anche se viene riconosciuta di solito le riparazioni di queste macchine vanno in coda a quelle delle macchine con garanzia italiana.
      Nei pochi casi in cui la garanzia europea è di un solo anno oppure non viene riconosciuta dall’importatore italiano, il venditore deve farsene carico. I siti più seri come Pixmania lo fanno.
      Quindi prima di comprare online si deve valutare il tipo di garanzia offerto e l’affidabilità del venditore, tenendo presente che prezzi troppo bassi sono sempre l’indice di qualcosa che non va.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  8. ciao francesco,
    sono possessore di una d 3100 con obiettivo 18-105.

    Gia al tempo dell’acquisto ero sceso con me stesso al compromesso della d 3100, altrimenti forse avrei puntato dritto dritto alla d 7000; ora però dopo aver fatto un pò di pratica, credo sia giunto il momento di sostituirla, non tanto per i nuovi 24 mpx che stanno invadendo il mercato, quanto per avere un corpo piu performante, nonchè piu punti di messa a fuoco.
    Ciò che volevo chiederti è questo:premesso che difficilmente riuscirò a raggiungere economicamente la d 600,( con obiettivi poi direi che è quasi impossbile) e puntando alla d 7100, pensi che sia più giusto un passaggio graduale :d 3100 poi d 7100 e fra 3 anni full frame, o invece il passaggio dal dx all’fx non è tanto traumatico o deleterio per chi come me tuttosommato fotografa da poco tempo?

    Ammetto anche che leggo spesso che la d 600 ha il problema della polvere nel sensore, nonchè la beffa dei pochi punti AF su un sensore tanto grande?Cosa sai di queste due” problematiche”, cosa ne pensi?
    Da profano mi sembra che le specifiche della d 7100 siano il top, e quando penso al dx mi sembra che anche in futuro più tanto non si potrà aggiungere; invece se guardo la d 600 immagino che fra tre anni con la sua sostituzione nikon provvederà a colmare ” le falle” che appositamente ha lasciato( altrimenti tutti avrebbero comprato d 600 e non d 800 penso).
    Mi piacerebbe sentire la tua opinione in proposito per indirizzarmi sull’acquisto più idoneo .

    a risentirci

    Mi piace

    1. Francesco (!?),
      sia la Nikon D7100 sia la D600 sono ottime reflex. La scelta secondo me è anche in funzione dei costi e di quanto e come si usa la macchina. Se si prediligono le foto a luce ambiente (poca) la D600 sarebbe preferibile, anche se pure la D7100 se la dovrebbe cavare abbastanza bene.
      Non pensare però che poichè la D7100 oggi e il massimo per il formato DX non sarà sostituita fra due anni o poco più. Lo stesso avverrà con la D600. Per questa Nikon ha ammesso qualche tempo fa che alcuni esemplari hanno avuto qualche problema di polvere o di macchie sul filtro antialias http://nikonrumors.com/2013/02/22/nikon-issues-official-statement-on-the-d6000-dustoil-issue.aspx/.
      Raccomanda di seguire le istruzioni del manuale per pulire il sensore e in caso di rivolgersi ad un loro centro di assistenza.
      I 39 punti AF dislocati nella parte centrale del fotogramma non sono un problema a meno che non si fotografino soggetti in movimento che possono spostarsi verso i bordi dell’immagine. Per soggetti statici un punto AF centrale sarebbe sufficiente.
      Passare alla D600 dalla D3100 non è un salto traumatico, semmai il contrario. Si può apprezzare quanto sia più comodo e facile fotografare con una fotocamera che ha tutti i comandi diretti e consente di regolarla con l’occhio al mirino, con un mirino più grande e luminoso e con una migliore qualità d’immagine. Anche la D7100 comunque ha tutte queste qualità. Usarle quindi non è diverso da usare la D3100, semmai si fa meno ricorso ai menu ed allo schermo posteriore.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

    2. Ciao Francesco (quello che ha aperto il post), credo che oltre a pensare di cambiare corpo sia opportuno immaginare se hai uno stile di foto particolare che ti richieda anche di aggiungere ottiche al tuo corredo, penso a dei grandangoli o a dei fissi o a dei telezoom, il tutto per permetterti di fare foto che ora non fai.
      Non è che un corpo fa migliori foto, le foto le fa il fotografo, e ho visto bene con i miei occhi cosa voglia dire fotografare 20 cm più avanti verso la luce e risparmiare 2 stop di iso oppure tenere tempi lenti per cercare attimi lenti a concerti, preferendo pochi scatti buoni a 800 iso piuttosto di tanti a 3200.
      Inoltre ti consiglio di provare una FF prima di comprarla, ci vuole molta passione per armarsi di un peso del genere.
      Siccome parli di budget io ti consiglierei di immaginare quanto vuoi spendere all’anno per questo hobby, se rispondi “massimo mille euro” allora ti conviene restare sull’ Aps-c dove comunque farai belle foto. La fotografia resta un hobby e non una malattia compulsiva ad averlo più grande degli altri 🙂

      Mi piace

  9. ciao a tutti, Francesco o Christian,
    volevo un consiglio e un confronto con voi esperti del settore:decidendo di comprare una d 7100, e sapendo che nel mio modo di fotografare( provendo da una d 5100 con kit 18-105) mi manca, rispetto alla focale 18-105 sia in grandangolo che il tele, vorrei chiedere:
    in termini di grandangolo, conviene il nikon 10-24 o sigma 12-24?
    Chiedo questo per sapere sia se avete informazioni circa tale confronto( costano all’incirca uguale ) e se la differenza è importante;
    sia per sapere se conviene secondo voi comprare gia adesso il sigma chè essendo per Fx mi consentirebbe di potermi cominciare a creare un corredo per pieno formato, a cui credo da qui a qualche anno passerò.

    Adesso con il photoshow di milano finalmente si avranno delle recensioni in toto su d 7100?

    complimenti per il blog

    Mi piace

    1. Marco,
      il Nikon 10-24 mm è migliore del Sigma 12-24, anche se non di molto. Entrambi sono buoni obiettivi e non ti deluderebbero. Con il Nikon c’è però anche il vantaggio della minore lunghezza focale (2 mm a queste focali fanno una grande differenza). Certo però che se prevedi di passare prima o poi al fullframe l’acquisto del 12-24 Sigma potrebbe essere più conveniente.
      Per il test della D7100 credo che il Photoshow di Milano sia ininfluente. Io non ci sono andato, ma comunque forse avrei potuto solo fare qualche scatto di fortuna, come avviene in queste mostre. I test in rete penso appariranno presto. Il mio ci sarà appena Nikon mi manderà la macchina, spero presto.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  10. Ciao Francesco,
    anche io ( ma forse siamo in molti) come Marco ( vedi ultima domanda a cui hai risposto) sono indeciso se comprare obiettivi fx su corpo dx in modo tale da avere già degli obiettivi in caso di passaggio a fx;
    penso pure però che se il nikon 10-24 è il migliore( in termini di qualità e perchè piu grandangolare rispetto al sigma 12-24) e non si saprà quando e se si passerà al mondo fx, valga la pena acquistare per dx ,e poi quando sarà il momento si vedrà il da farsi;anche perchè con la d600 e similari, probabilmente tutte le case produttrici aggiorneranno i loro obiettivi per fx, rendendo in un paio di anni molto appetibile il mercato full frame( anche usato magari) e migliorando la qualità degli stessi.
    Cosa ne pensi? Tu Francesco, dall’alto della tua esperienza sulla tua d 7000( mi sembra tu abbia quella) quale obiettivi compreresti su d 7000 o 7100?

    Mi piace

    1. Marco,
      secondo me se si prevede di comprare a breve una fullframe è inutile porsi il problema e quindi comprare subito obiettivi per questo formato, altrimenti se questo avverrà fra tre o quattro anni conviene scegliere gli obiettivi giusti per il formato. Il problema si pone però solo per grandangoli e zoom ad ampia escursione perchè gli obiettivi fissi ad alta luminosità ed i tele o telezoom coprono tutti, salvo eccezioni, il formato fullframe.
      Se si cerca un grandagolo per DX se si vuole qualcosa con focale veramente corta è necessario prendere un obiettivo per questo formato in quanto quelli per fullframe sono disponibili fino a 14 mm (21 o 22 eq.) con focale fissa e 12-24 (19-36 o 19-38 eq.) per gli zoom. Per DX invece si può arrivare a 8-16 mm (12-24 eq.) ed è questo che mi piacerebbe, se continuerò con il DX, cosa non scontata.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  11. Ciao Francesco,

    dopo tutto questo uscire sul mercato di reflex, secondo te, su quale varrebbe la pena lanciarsi, sia per entrare sul mondo dx che in quello fx?
    Tu cosa consiglieresti e cosa invece compreresti per soddisfare le tue esigente fotografiche?
    Continuerai in pratica con d 7000 aggiungendo un grandangolo( che mi sembra ti manchi, ti ho studiato bene…:)) o la cambieresti con d 7100 con degli obiettivi di alta gamma( vedi sigma o nikon 70-200 f 2,8 o anche il nikon 70-400 f 4); o invece opteresti direttamente per il pieno formato( e in tal caso che obiettivi ci abbineresti)?
    Lo so che è un pò farmi i fatti tuoi, ma è anche un modo di valutare che tipo di ragionamento fa un esperto in materia.
    Quanto a me, credo per maggio giugno( al massimo) deciderò di vendere la mia d 5100,mantenermi magari il 18-105 (o sostituirlo con il 18-200) e in più abbinarci un nikon 70-300 e un sigma 10-20.
    Aspetterò i primi comportamenti sul campo della d 7100 e confronti con la d 600 e poi si vedrà..
    Grazie per il bel blog che hai fondato.

    Mi piace

    1. Ernesto,
      è difficile rispondere alle tue domande.
      La scelta fra formato DX e FX dipende dalle proprie esigenze di qualità, da cosa e quanto si fotografa, da quali obiettivi già si possiedono e ovviamente da quanto si può spendere.
      Con una fotocamera DX come la D7000 e ancora meglio la D7100 si fanno ottime foto dal punto di vista della qualità tecnica e per molti non c’è necessità di migliorare. Poi ci sono quelli che non si accontentano e vogliono avere il massimo della qualità, oppure quelli che vorrebbero usare ottiche a focale fissa di qualità e di grande apertura e non le trovano per fullframe e infine quelli che vorrebbero un mirino più grande e luminoso. Questi potrebbero prendere in considerazione una fullframe.
      Io personalmente non so cosa farò. Se dovessi cambiare macchina vorrei passare al fullframe in modo da avere il massimo per le foto a luce ambiente che spesso faccio e che con il Dx presentano ancora qualche problema. La mia candidata però sarebbe più la D800 che la D600 in quanto come sto constatando con le mie prove più pixel sono sempre meglio che meno. In questo caso non avrei difficoltà a vendere la D7000 con il 18-200 VR se decidessi di farlo, mentre dovrei prendere uno zoom di corta focale e tenere il 35/1,8 che funziona anche con il formato FX, seppure con un po’ di vignettatura, quasi totalmente correggibile. Ho anche un 70300 VR che andrebbe benissimo. Eventualmente potrei prendere un 28-300 VR e vendere anche il 70-300.
      Il problema è che ormai scatto molto poco con le mie macchine e molto di più con quelle che provo per cui per adesso non ho deciso nulla.
      Ciao,

      Mi piace

  12. ciao Francesco,

    scusa se ti riscrivo,ma sto lavorando( non pensare a male, fino adesso si è lavorato tanto, è solo un pò di pausa.. :).
    Ritornando al discorso d 7100 o d 600, ritieni che in ogni caso investire su ottimi obiettivi compensi la differenza di dimensione del sensore che esiste tra dx e fx?
    cioè , mi spiego meglio: fare foto con d 7100 e sigma 70-200 f 2,8, darà una immagine più nitida, con meno vignettatura, meno distorsione etc rispetto alla stessa foto scattata con d 600 più nikon 28-300 (nella stessa focale ovviamete e alle stesse condizioni).
    L’obiettivo ottimo insomma può colmare in qualche modo la lacuna tra i due formati?

    grazie di nuovo

    Mi piace

    1. Ernesto,
      tutti gli obiettivi con copertura FX e quindi compatibili con il DX funzionano meglio col formato pieno. Questo perchè col fullframe lavorano a frequenze spaziali più basse alle quali la loro MTF è maggiore. Quindi a parità di obiettivo l’immagine FX sarà sempre migliore della DX. Se si usano obiettivi FX di qualità inferiore la differenza sarà meno evidente, ma questo non potrà mai compensare la differenza di formato.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  13. Ciao Francesco,

    1) usando la fullframe prevalentemente( o quasi) con formato jpeg, si viene a perdere il vantaggio in termini di qualità di immagine rispetto al formato Dx? In tal cosa consiglieresti sempre fx ( d 600 attualmente) oppure a quel punto visto che non si sfrutta al massimo la potenzialità conviene rimanere in Dx?

    2 )In merito agli obiettivi sigma, ti risulta che le prestazioni possano variare da un modello all’altro perchè vi sono “copie più fortunate” di altre?(diciamo cosi) ?

    Mi piace

    1. Andrea,
      il formato FX è sempre migliore del DX anche usando il jpeg.
      Gli obiettivi Sigma sono generalmente di notevole qualità ed i prezzi ormai solo leggermente inferiori agli originali sono dovuti al maggiore numero di esemplari prodotti. Non conosco i dettagli dei controlli di qualità Sigma, ma come per ogni prodotto industriale questi hanno delle tolleranze per cui ci possono essere esemplari non perfettamente uguali (ma non solo per Sigma, per tutti), ma tutti entro le tolleranze previste. L’idea dell’esistenza di “copie fortunate” ed altre meno deriva probabilmente da quanto succedeva molti anni fa, ai primi tempi della diffusione degli obiettivi universali, quando i loro produttori per contenere al massimo i costi e spingerli sul mercato risparmiavano anche sui controlli qualità riducendoli al minimo.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  14. Ciao Francesco,

    per chi come me è appassionato più dei tele che dei grandangoli, ritieni che il fattore crop delle Dx( d 7100) possa essere più congeniale rispetto alla Fx ( d 600)che invece garantiscono maggiore grandangolo?

    Sono in attesa di recensioni della d7100( che non trovo ancora) e confronti con la d 600, che di sicuro sarà migliore, ma ho paura possa in qualche modo limitare il mio modo di fotografare orientato verso ampie escursioni e caccia fotografica, in virtù anche dei suoi punti Af un pò limitati( almeno dicono tutti cosi).
    In effetti vedendo un pò di immagini del mirino con i 39 punti af su Fx, sembra che siano un pò pochini, anche perchè la nikon non ha pensato o non ha voluto pensare che su Fx con sensore e mirino più grandi si va a coprire la parte centrale, e al confronto con i 51 punti della d 800 un pò di differenza ci sta.
    pensi che possa essere determinante per birthwatching e similari?

    Mi piace

    1. Giovanni,
      indubbiamente 51 punti AF sono meglio di 39 per l’inseguimento dei soggetti in movimento, anche se non si possono definire “pochini” i punti della D600. Per tutti gli altri usi la differenza è assolutamente irrilevante. Certamente se un soggetto va fuori dalla portata dei punti AF la macchina non potrà più inseguirlo nella messa a fuoco. Questo può accadere più facilmente nella D600, e anche nella D800 rispetto alla D7100, ma si deve anche tenere conto che di solito quando si riprende un animale, un uccello in volo, si cerca di tenerlo sempre al centro del mirino.
      Altrettanto senza dubbi la qualità d’immagine della D600 è migliore di quella della D7100, sopratutto alle alte sensibilità.
      A vantaggio della D7100 c’è il fatto che potresti avere un equipaggiamento più leggero e meno costoso a parità di focale tele equivalente.
      Valuta tu quindi quale sia la più conveniente per l’uso che ne vuoi fare.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  15. ciao Francesco,

    sto cercando delle recensioni sul sigma 12-24.
    Noto tuttavia che in alcune immagini dei modelli venduti vi è la linea dorata verso la fine dell’obiettivo, in altri no.
    Mi è sembrato di capire che ci siano due versioni, una Ex(professionale)e l’altra è un aggiornamento.
    Ne sai qualcosa? quale conviene acquistare?Onestamente anche esteticamente il primo modello è più bello( anche l’occhio vuole la sua parte:))

    grazie

    Mi piace

    1. Antonio,
      ci sono due versioni del Sigma 12-24 mm.
      Il primo del 2005 è il 12-24mm f/4.5-5.6 EX DG Aspherical HSM con la linea dorata , il secondo del 2011 il 12-24mm f/4.5-5.6 II DG HSM completamente nero. Del primo si trova un test su SLRGear effettuato nel 2009 su una Canon 20D, perciò veramente poco attendibile. Del secondo, che dovrebbe essere migliore e che è attualmente l’unico in catalogo, non ho trovato test per su Nikon, ma un unico test su Canon 5D su Photozone, quindi non completamente rapportabile a quanto si potrebbe ottenere su una Nikon D600 (è esplicitamente scritto come avvertenza per i test su questo sito), in cui l’obiettivo viene valutato abbastanza bene.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  16. Salve ,
    giungo su questo blog per caso, cercando informazioni su acquisti di una seconda reflex( possessore della d 5100).
    Faccio i complimenti al titolare(Francesco?) per la bravura e la semplicita di risposta nonostante l’argomento fotografia sia molto tecnico; inoltre l’impronta data al blog è molto più orientata al “facciamo foto” piuttosto che a dire che senza un nikon 70-200 f 2,8 è impossibile immortalare eventi.

    Volevo chiedervi:

    ma è possibile che su alcuni siti (www.9cento.it tanto per citarne uno conosciuto, ma anche altri facilmente reperibili su trova prezzi piuttosto che twenga o amazon )che si dicono sia affidabili e seri, la differenza di prezzo tra garanzia nital e import sia notevole, del tipo:D 600 import Euro 1590,00 e e D 600 garanzia nital Euro1950,00? Non sono troppi 300-400 euro su duemila per usufruire di tale assistenza torinese?

    Sempre il sito 9cento.it ( di cui ho sentito parlare bene )sottolinea l’annosa vicenda( anche qui letta su forum) della difficoltà di riconoscere assistenza reflex di importazione europea( Nikon);
    riporto quanto si dice:”Ricordiamo che la mancata assistenza delle ditte elencate( nital etc), per qualsivoglia motivo, è da imputarsi esclusivamente alle assistenze in questione, le quali, nel non riconoscere il 1° anno di garanzia sui prodotti import agiscono decisamente contro la specifica normativa di legge, e pertanto sono perseguibili legalmente.
    N.B. Il problema del riconoscimento del primo anno di garanzia in Italia, sui prodotti import, riguarda solo prodotti che in Italia hanno importatori terzi ( Es. Nikon-Nital / Olympus-Polyphoto ), purtroppo queste ditte spesso ostacolano il cliente rifiutando l’intervento, o trattenendo il prodotto da riparare per tempi decisamente lunghi.
    A fronte di questa prospettiva, suggeriamo ai clienti di non farsi intimorire dall’arroganza di queste prese di posizione , il rifiuto del riconoscimento del primo anno di garanzia è illegale, e questi signori lo sanno bene, pertanto minacciate azioni dal giudice di pace se necessario, ma fate valere i vostri diritti!
    Resta ben Inteso che comunque il prodotto resta ugualmente protetto dai due anni di garanzia riconosciuti dall’importatore europeo”.

    Detto questo, mi chiedo:
    1) La notevole differenza di prezzo (circa 400 euro) solo per avere la garanzia nital( semmai dovesse servire)non indica poca serietà da parte della Nikon che con “l’intimidazione” di non assistere i clienti import esercita un vero e proprio” mobbing” sulla clientela?
    2) Sono vere le voci che effettivamente dicono che la Nital risponde picche per reflex import?
    In effetti anche io sarei tentato di acquistare una d600 a 1600 euro, ma la paura di incappare nella giungla suddetta mi lascia perplesso, poi magari non ne avrò mai bisogno, ma se dovesse succedere?Che ne pensate?Insomma nital si o nital no?

    Grazie e scusate la lungaggine.

    Mi piace

    1. Valentino,
      premetto che non ho dovuto mai sperimentare l’efficienza della garanzia Nital o di altri perchè fortunatamente non ho avuto problemi con le mie fotocamere.
      Per quello che so gli importatori italiani devono fornire assistenza a tutte le fotocamere della marca, indipendentemente da dove sono state acquistate, secondo le normative della relativa garanzia internazionale, che è di un anno. Quelle acquistate in Europa invece sono coperte da una garanzia di 2 anni. Ciò copre il cliente che potrebbe spostarsi per lavoro o per viaggio in un paese diverso da quello di acquisto e li avere bisogno di assistenza.
      In alcuni casi però gli importatori italiani offrono una garanzia più ampia di quella internazionale ed europea sia per la copertura che per la durata. In questi casi le estensioni sono ovviamente riconosciute solo a chi ha acquistato la fotocamera tramite loro. Riguardo alla velocità ed alla priorità con cui vengono effettuate le riparazioni, non so dirti se ciò che afferma 9cento sia vero, ma mi sembrerebbe normale e naturale che ciascuno privilegi i propri clienti piuttosto che quelli di altri. Nel caso non si sia soddisfatti dell’assistenza dell’importatore italiano per un prodotto con garanzia europea ci si può sempre rivolgere al centro di assistenza internazionale dell’organizzazione europea o di altro paese da cui è stata importata la fotocamera, eventualmente tramite il venditore che per legge è responsabile della garanzia.
      Non direi quindi che si possa definire “mobbing” il fatto che gli importatori tendano a privilegiare i loro clienti. Anche per i prezzi si deve considerare che un’organizzazione di vendita ed assistenza capillare costa, mentre chi importa, legalmente e pagando l’IVA e le dovute imposte, e vende alcune fotocamere, senza doversi preoccupare poi di organizzare un’assistenza efficiente, ha costi inferiori.
      Entrambe le modalità di vendita sono legittime, poi ciascuno può fare le sue valutazioni sulla diversa convenienza dell’una e dell’altra.
      Se però i prezzi sono troppo inferiori a quelli delle organizzazioni ufficiali si deve allora dubitare della regolarità di importazione del materiale venduto.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  17. Buonasera, posseggo una Nikon F801S con gli obiettivi Nikkor AIS 20/3.5, 50/1.4, 55/2.8 AFD 28/70 3.5-4.5 ed altri e sarei tentato ad acquistare la F600 solo se tutti gli obiettivi sono compatibili (messa a fuoco assistita, automatismi ecc). E’ vero, come dicono alcuni che gli obiettivi dell’era analogica, soprattutto grandangoli, possono dare problemi se usati con il digitale? Oppure è una bufala? Grazie. Mario

    Mi piace

    1. Mario,
      qui puoi trovare indicazioni sulla compatibilità della D600 con gli obiettivi Nikkor.
      I tuoi obiettivi Ais dovrebbero poter funzionare con priorità ai diaframmi o in manuale se sono senza CPU, altrimenti anche in automatismo. Gli AF-D possono funzionare in autofocus.
      Il fenomeno di cui hai sentito parlare, consistente sostanzialmente in un calo di luce ai bordi dei sensori analogici, a causa dell’eccessiva inclinazione dei raggi di luce, quasi esclusivamente coi grandangoli, esiste e può portare ad una maggiore vignettatura, ma è stato esaltato e pubblicizzato molto dai produttori di obiettivi con l’evidente intento di far cambiare i vecchi obiettivi con altri nuovi.
      In realtà, tranne qualche eccezione, i vecchi obiettivi funzionano benissimo anche con gli attuali sensori.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  18. Ciao Francesco,

    sono uscite le recensioni sulla d 7100 su Dpreview;

    non sono un attento conoscitore del mondo reflex, sono un possessore della d 5100.
    Devo dire che mi aspettavo un pò di più: l’assenza del filtro è praticamente ininfluente sulla risoluzione delle immagini; il rumore e gamma dinamica sono praticamente identiche alla d 5200 e nettamente inferiori alla d 600( differenze che si notano ad occhio nudo rispetto ala d 600 anche ad iso non troppo alti);
    la modalità crop alla fine è una strategia commerciale, altro non è che un llusione di avere uno zoom piu potente ma che fa perdere qualità di immagine;

    Ne ho dedotto:1) per chi è possessore della d 7000 non sò quanto valga la pena effettuare l’aggiornamento;

    2) la d 600 e quindi il sensore full frame è tutt’altra cosa rispetto al dx, nette sono le differenze delle immagini profonde.

    Cosa ne pensi?
    io ho aspettato tanto pensando che fosse un netto miglioramento rispetto a d 3200 e d 5200 e che potesse collocarsi si al disotto della d 600, ma non con tutta questa differenza;
    Sono considerazioni sbagliate quelle che faccio?A questo punto meglio direttamnete la d 600, anche se lo sporco del sensore tanto pubblicizzato in internet e i 39 punti af mi lasciano un pò titubante, insieme al fatto che piu che un amante dei paesaggi sono appassionato di dettagli e quindi focali un pò piu spinte…

    ciao e grazie

    Mi piace

    1. Mario,
      la maggior parte delle considerazioni che fai sono corrette, ma potevano essere fatte senza leggere le prove.
      Il sensore della D7100 è un APS da 24 Mpx come quello della D5200 e simile a quello della D3200, quindi la qualità d’immagine non può che essere simile. La differenza fatta dall’assenza del filtro antialias può essere percepibile solo in foto contenenti dettagli molto fini e se si usa un obiettivo di alta qualità, altrimenti è ben difficile notarla.
      La D600 è superiore per il suo sensore con un’area circa 2,5 volte più grande di quella dei sensori APS. Ciò le consente di sfruttare meglio gli obiettivi con una maggiore impressione di nitidezza e di avere un rapporto segnale/rumore migliore di almeno uno stop ed anche qualcosa in più.
      Secondo me a chi ha una D7000 non conviene molto fare l’aggiornamento, ma se vuole cambiare passare direttamente alla D600. Chi ha una D3100 o una D5100 o modelli precedenti invece avrà dei notevoli vantaggi, per la qualità d’immagine, ma soprattutto per le caratteristiche del corpo macchina, molto superiori nella serie D7x00.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  19. ciao Francesco,

    in tempo di magra economica, pensavo di acquistare una d 7100 con 18-200 o d 600 con 28-300, e risparmiare qualcosina;

    Premesso che sul sito nital dell’usato si potrebbero anche trovare delle buone occasioni, ma l’idea dell’usato non tanto mi alletta, volevo chiederti: acquistare su siti quali il fotoamatore o fotodigit (che ho visto anche tu citi spesso, per cui ritengo affidabili,) reflex non con garanzia nital ma nikon con estensione longeva ( come dice il fotoamatore), potrebbe essere una buona mossa in modo tale che credo qualora ci dovessero essere problemi ci si potrebbe comunque appoggiare a dei negozi fisici e di una certa serietà?o ritieni che garanzia nital sia sempre la migliore alternativa?

    grazie

    Mi piace

    1. Alfonso,
      se la differenza non è elevata la garanzia Nital consente, in caso di rivendita, di ottenere una valutazione migliore. Inoltre nel malaugurato caso di problemi i tempi di riparazione dovrebbero essere inferiori, ma questo non l’ho sperimentato perchè fortunatamente non ne ho avuto bisogno.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  20. ciao Francesco,

    credi che per chi è amante di foto in buone condizioni di luce e di animali, (non necessariamnte ghepardi che corrono a 100 all’ora), la d7100 fino ad iso 800 o 1600 possa competere con la d 600? o anche in tal caso risoluzione e colori delle foto sono inferiori?

    Il fattore crop insito nel dx è efficace nelle foto di dettagli, o un obiettivo montato su fx consente poi di compensare in post produzione la mancanza del crop, in termini di risoluzione,dettagli colori etc?

    una curiosità: un 28-300 montato su dx credi sia migliore di un 18-300 montato sullo stesso corpodx( pur sapendo di perdere la focale del grandango? Ti chiedo questo perchè pensavo col tempo di acquistare sia un un corpo fx che dx, per cui magari potevo usare il 28-300 su dx per avere il fattore crop ( e quindi per foto di animali e dettagli architettonici), e poi un 12-24 sigma su corpo fx in modo da avere un vero ultragrandangolo, che ne pensi?

    ciao e grazie

    Mi piace

    1. Raffaelem
      fino a 800 Iso non ci sono differenze apprezzabili fra la D7100 e la D600 se non nella profondità di campo e un minimo nel dettaglio e gamma dinamica, ma gli obiettivi rendono di più sul formato FX quindi le foto danno una maggiore impressione di nitidezza. Oltre incomincia ad esserci differenza nel rumore che nella D7100 anche se pochissimo si può cominciare a vedere a 1600 Iso, nella D600 solo a 3200. Aumentando la sensibilità la differenza aumenta. L’autofocus è buono in entrambe e l’unica dfferenza si può apprezzare con soggetti posti lateralmente non coperti dai punti AF della D600.
      Se si ritaglia una foto FX (D600) per renderla uguale nell’inquadratura ad una DX (D7100) il ritaglio conterrà meno pixel quindi dovrebbe avere minore dettaglio visto che per DX e FX si usano gli stessi obiettivi tele.
      Infine i Nikon 28-300 e 18-300 differiscono pochissimo per schema ottico, hanno lo stesso numero di lenti e solo il cerchio di copertura varia, più grande per quello FX, non credo quindi che ci sia differenza apprezzabile di resa ad usare l’uno o l’altro su DX. Lo svantaggio di usare un 28-300 è che manca di un grandangolo, vanificando in parte lo scopo di uno zoom ad ampia escursione che è quello di non essere mai costretti a cambiare obiettivo. Il Sigma 12-24 è invece una buona scelta anche per il formato DX.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

    2. Raffaele se devi fotografare animali, considera anche i diaframmi, un’ottica abbastanza luminosa può compensare diversi stop di ISO (o meglio riservare gli stop di ISO all’aumento della velocità di scatto). Senza consigliarti un’ottica come il sigma 120-300 f2,8 che costa decisamente, non lontano dal tuo budget ci sarebbe un sigma 70-200 f2,8 con moltiplicatore 1,4x arriveresti a un 280 f4. In alternativa senza spendere troppo, se abbini alla d7100 un suo 18-105 e da parte prendi un 70-300 nikon o tamron, avresti un’ottica tele riutilizzabile anche in FullFrame. Al sigma 12-24 sto pensando anche io, prima o poi… 🙂

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...