Nikon D7000: test

La D7000 è la più importante novità Nikon di quest’anno. Con le sue avanzate caratteristiche ridefinisce l’offerta Nikon nel settore reflex APS. Più che una sostituta della D90 è il modello di punta della categoria. Infatti pur avendo un prezzo inferiore alla D300s le sue caratteristiche la pongono sopra quest’ultima, sia per la qualità d’immagine sia per le caratteristiche ergonomiche e di costruzione. Se si vuole qualcosa di più si deve passare al fullframe, con la D700, che pur di ottima qualità, manca di alcune caratteristiche della D7000 come la ripresa video (presente invece sulla D3s) e con una risoluzione minore.
A questo punto l’interesse è vedere come la D7000 si comporta nella realtà e se mantiene le sue promesse di qualità.

La D7000 ha un corpo macchina di dimensioni medie. E’ consistente e robusto, ma non esagerato e il suo peso, pur non trascurabile, non è eccessivo. Le finiture sono ottime e lo schema dei comandi secondo lo standard Nikon, molto comodo ed ergonomico

Le caratteristiche principali della nuova Nikon D7000 sono:

– sensore formato APS CMOS da 16,2 Mpx
– corpo in lega di magnesio protetto contro polvere e umidità
– possibilità di montare tutti gli obiettivi Nikon con fattore di conversione focale di 1,5; possibilità di usare vecchi obiettivi Ai, non CPU, registrandone 9, in priorità dei diaframmi o in manuale (come D300s/D3s/D3x)
– motore Af incorporato nel corpo
– nuovo elaboratore di immagine Expeed 2
– mirino pentaprisma con copertura del 100 % e ingrandimento dichiarato di 0,94 (reale di 0,63x)
– schermo LCD da 3′ e 921.000 pixel
– funzione live-view con AF a rilevamento di contrasto ad inseguimento del soggetto, modalità scene  e riconoscimento dei volti
– tempi di otturazione da 30 sec a 1/8000; otturatore collaudato per 150.000 scatti
– sensibilità da 100 a 6400 Iso espandibile fino a 25600
– possibilità di salvare in raw a 12 o 14 bit anche con compressione senza perdita
– nuovo sensore RGB da 2016 pixel per un’accurata misurazione dell’esposizione e controllo dei flash
– nuovo sistema di messa a fuoco AF a 39 punti di cui 9 a croce Mulicam 4800DX
– velocità di raffica 6 fg/s
– rilascio rapido dell’otturatore per ridurre il rumore dello specchio
– numerosi effetti speciali e possibilità di ritocco direttamente in macchina quali correzione occhi rossi, ritocco rapido e numerosi effetti filtro
– ripresa video Full HD a 1920×1080 pixel (24 o 30 fg/s) con audio stereo
– autofocus continuo AF-F durante la ripresa video e possibilità di controllare l’esposizione
– ingresso per microfono stereo
– uscita HDMI
– possibilità di salvare immagini durante la ripresa video
– pulsante unico per live view e video
– pulsante per live view e per riprese video dedicato
– registrazione video con codec H.264
– livella elettronica incorporata
– intervallometro
– D-Lighting attivo consente di conservare automaticamente i particolari in condizioni di alte-luci oppure ombre
– doppio sistema di riduzione della polvere integrato
– nuovo tipo di batteria agli ioni di litio EN-EL15 per 1050 scatti
– impugnatura portabatterie MB-D11 opzionale per una seconda EN-EL15 o 6 batterie AA
– dimensioni 132x105x77 mm
– peso 780 grammi
Le sue caratteristiche più innovative sono il corpo in metallo, il nuovo sistema autofocus a 39 punti che garantisce migliore velocità e precisione e il video, finalmente Full HD con la funzione AF che consente di mantenere a fuoco il soggetto sia in modalità live-view che nelle riprese video. Ciò consente di effettuare riprese video sempre a fuoco con maggiore facilità.

Successiva

_____________________________________________________________________________________________

Descrizione e comandi

Uso in pratica

Foto di test jpeg

Foto di test raw

Foto di test raw formato A2

Foto di esempio jpeg

Foto di esempio raw

Foto di test con 35/1,8 e 18-200 VR

Picture Control, stabilizzazione e AF

Conclusioni

_____________________________________________________________________________________________

Le foto originali convertite da raw sono disponibili sul mio account Flickr all’indirizzo

http://www.flickr.com/photos/francescoc/sets/72157624933699839/

 

Annunci

92 pensieri su “Nikon D7000: test”

  1. Ho letto recentemente che i sensori AF a croce di alcune fotocamere (eos7D?) si comportino in maniera differente a seconda dell’obiettivo utilizzato, se di grande apertura focale questi siano a croce, se obiettivi si scarsa apertura si comportino invece come sensori normali e il solo sensore centrale utilizzi la funzione a croce.
    Che tu sappia accade anche nella D7000 questo?

    Mi piace

  2. indubbiamete è una gran bella macchina, specialmente adesso che è calata non poco di prezzo (su LINA24 fanno dei prezzi vantaggiosissimi)
    ho due dubbi però:
    il video a 24 fps in full comporta problemi per il nostro standard PAL (25fps)?
    la raffica apre che dia alcuni problemi di buffer anche in JPEG, se puoi dirci qualcosa di piu in merito,
    grazie

    Mi piace

  3. sarà vero? non lo so
    si è fatto un gran parlare della robustezza del corpo della d7000 perchè in lega di magnesio…..ma a quanto pare di magnesio non ce ne è gran che
    http://www.clickblog.it/post/10580/nikon-d7000-smontata-e-vista-allinterno
    in questo crash test http://www.youtube.com/watch?v=D1tTBncIsm8

    invece il tipo asiatico (noto nikonista)a messo a confronto la resistenza di una D90 con una 550 (test pretestuoso in quanto due fotocamere di range diverso poiche la D90 è superiore a mio giudizio come qualità costruttiva) eppure alla fine le due fotocamere funzionavano ancora ed com mia sospresa la D90 si è aperta in due come una vecchia reflex a rullino, la 550 è rimasta un blocco unico
    tanto per dire che si fa un gran parlare della plasticosità della canon 60d…….
    IO SONO UNO CHE NON COMPRA MAI A SCATOLA CHIUSA ED ALLORA HO SOLO VOGLIA DI CAPIRE
    SALUTI

    Mi piace

  4. Non fraintedermi Francesco, lungi da me iniziare una falsa diatriba tra Canon e Nikon di cui sinceramente non me ne frega nulla, ho soltanto voluto porre l’accento sul fatto che si fa cattiva informazione oltre che in TV, anche nei siti Web e purtroppo anche da parte dei venditori.
    Io mi chiedo: ci propinano a tutto gas il fatto che la d7000 ha un corpo il lega di magnesio e poi ……puff (potrebbe anche non essere vero il video postato pero ti mette il dubbio); poi 6 fps incredibile – fantastico – si pero solo per tre secondi, adesso ho capito pure perche i video in hd non li fa a 50 fps perche il buffer è troppo piccolo. Insomma se vengo da te e ti stacco 1000 euro che sono soldi e non noccioline vorrei un pochino di trasparenza in piu e non le solite baggianate da marketing.
    POI OGUNO DEVE RAGIONARE CON LA PROPRIA TESTA.
    Insomma io spesso quando compro qualcosa ne so piu (ma molto di piu) del venditore, proprio perche non mi piace pigliare fregature, tutto qua.
    Salutoni e buon lavoro

    Mi piace

    1. Carlo non ti sei nemmeno accorto che nel video dove un giapponese maltratta le reflex in modo assurdo non sono mostrate la Canon 550D e la D90, ma la 400D e la D70!!!!!!!!
      Cioè due vecchi modelli che valgono poco e che si potevano sacrificare. Certo poi quello non è il modo di usare la reflex.
      “POI OGUNO DEVE RAGIONARE CON LA PROPRIA TESTA”.
      Per sapere quali erano le parti del corpo in lega di magnesio della D7000 non c’era bisogno di smontarla (conoscevo il video). Bastava guardare quanto pubblicato al suo annuncio da DPReview ( http://www.dpreview.com/news/1009/10091515nikond7000.asp) ed altri per vedere che la struttura, la parte posteriore e quella superiore sono in magnesio. I rivestimenti frontali no. Tutte le altre reflex di questa categoria hanno solo il telaio con la camera dello specchio in metallo e tutto il resto in plastica, le Canon fino alla 60D (ottima reflex) compresa. solo le professionali sono totalmente in metallo. Quindi di che fregatura parli? Io non difendo ne Canon ne Nikon che considero entrambe ottime pur con caratteristiche in alcuni casi diverse.
      La D7000 non è una fregatura! se leggi tutte le prove in rete, compresa la mia della Canon D60 (aggiornerò il test della D7000, al momento non avevo potuto effettuare le prove di raffica e video), quando ho parlato della raffica della D7000 ho detto chiaramente che il buffer era piccolo. Ma a meno di esigenze molto particolari una raffica di 10 secondi non serve. Il corpo è veramente in magnesio (lo è si sente quando ce l’hai tra le mani) rende la fotocamera più resistente e stabile alle piccole sollecitazioni, oltre a consentire una maggiore protezione da polvere ed umidità. Non è prevista certo una caduta. I risultati fotografici sono eccellenti ed è stata proclamata da tutti la migliore APS. Poi se pensi che sia una fregatura ci sono altre scelte, ma TUTTE hanno pregi e difetti.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

      1. Bene, vedi quante cose si imparano da persone che ne sanno piu di te.
        Mi sembra che lo scopo del blog stia riuscendo perfettamente.
        Aspetto gli aggiornamenti ulteriori e se avro ancora dei dubbi stai certo che continuerò a romperti le scatole.
        Saluti

        Mi piace

  5. Mannaggia a te
    mi stai quasi convincendo ad acquistare la d7000 con il 18-200
    ho visto la recensione di cameralabs ed a dire il vero la qualità costruttiva c’è, quella ottica un po meno, forse il 18-105 sarebbe leggermente meglio a livello ottico pero avere 100 mm in piu per fare ritratti da lontano…..sono utili.
    Aspetto la tua rencensione sui video: il fuoco non mi preoccupa (si lavora a f11 ed a iso un pochino piu alti, il sensore della d7000 te lo permette)
    i 50 fps alla fine non servono ( e poi ci vorrebbe una memory molto costosa senza contare che rallenty nei video non ne ho mai fatti)
    1 24 fps a 1920 dovrebbe essere tipo uno standard?? (pero ne pal ne ntsc…quindi?)
    boh aspetto
    saluti
    ps: molte ben fatti gli articoli sul digitale, compliments

    Mi piace

    1. Carlo, in attesa del mio aggiornamento nel test della D7000 puoi leggere quanto ho scritto in quello della Canon 60D che ho confrontato proprio con la D7000 per raffica e video.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  6. APPROFITTO ANCHE PER CHIDERTI ALTRE DUE COSE:
    HO VISTO CHE ALCUNI SITI DI VENDITA ON LINE METTONO PER IL 18-200 NIKON QUESTA SIGLA
    NIKKOR AF-S 18-200/3,5-5,6 VR II G ED DX
    ALTRI OMETTONO LE LETTERE ED
    VUOLE DIRE QUALCOSA IN PARTICOLARE??
    INOLTRE IL 18-135 NIKON CHE TUTTO SOMMATO NON SAREBBE NEMMENO MALE IN QUANTO A QUALITA OTTICA MA CHE TU SAPPIA è ANCORA IN VENDITA?

    Mi piace

    1. Carlo, la denominazione ufficiale sul sito Nital per il 18-200 é “AF-S DX VR Zoom-Nikkor 18-200mm f/3.5-5.6G IF-ED”. l’omissine di qualche lettera penso che voglia dire semplicemente che qualcuno si è sbagliato a scrivere o ha volutamente abbreviato una sigla così lunga.
      Il 18-135 non è gran che come obiettivo, inferiore al 18-200, e non è stabilizzato, ma è ancora in catalogo sul sito Nital. Non si trovi spesso nei negozi, soppiantato dal 18-105 stabilizzato.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

      1. sai che il 18-105 non sarebbe nemmeno tanto male:
        1 il prezzo è molto conveniente
        2 la risoluzione a detta di DOX anche meglio del 18-200 e praticamente la stessa del 16-85
        3 perdi in lunghezza focale…..quello si
        mi puoi dare un giudizio veloce sull’ottica, sai com’è diffido sempre se un produttore ti fa pagare poco una cosa che funziona bene, meglio fidarsi da chi l’ha provata sul campo
        grazie e saluti

        Mi piace

        1. Carlo, il 18-105 è stato provato dal centro Studi di Progresso Fotografico, il più esperto e migliore centro di prove ottiche italiano, con un’esperienza ultrasecolare. Loro lo hanno valutato fra buono e ottimo a livello ottico e molto simile al 16-85. La differenza fra i due è che il 18-105 ha una costruzione economica, totalmente in plastica, compreso l’innesto, mentre il 16-85 è costruito meglio, con innesto in metallo. Questo spiega la differenza di prezzo. Se l’obiettivo non deve essere cambiato spesso non ci sono controindicazioni.
          Il 18-200 è inferiore ad entrambi e non potrebbe essere che così vista l’escursione focale doppia.
          Le prove di questi obiettivi sono pubblicate sul numero 9 di Progresso Fotografico Serie Oro, che forse può essere ancora richiesto come arretrato. L’indirizzo internet è http://www.fotografia.it
          Ciao, Francesco

          Mi piace

          1. grazie Francesco
            ho trovato questa cosa sul web (è un confronto tra i due), se la prova fatta da questo tizio è vera la differenza si vede anche ad occhio nudo ma non è cosi rilevante.
            http://dslr-video.com/blogmag/?p=592

            sai cosa pensavo?
            sarebbe interessante fare una prova con il 18-105 ossia fare una foto a 105 mm e tagliare la foto sul pc fino ad un’ipotetico 200 mm e poi confrontare la differenza con una foto fatta dal 18-200 a 200 mm (stesso soggetto ovvio)
            lo faro con la mia bridge e ti faro sapere

            Mi piace

            1. Carlo, il tizio non specifica le condizioni in cui sono state fatte le foto, sensibilità, se jpeg o raw, ecc. Oltretutto le foto sono state fatte con macchine differenti, D90 per il 18-105 e D300 per il 18-200 e sappiamo che la D90 è migliore della d300 per qualità d’immagine. Se sono jpeg diretti oltretutto le professionali Nikon come la D300 tendono a renderli in modo molto neutro e con uno sharpening basso, la D90 invece è più orientata all’amatore e quindi esalta un po’ di più il tutto. Si dovrebbe sapere poi quale picture Control è stato applicato. Le foto possono cambiare moltissimo in funzione di questo. Se sono raw poi potrei farti vedere che la stessa foto posso farla apparire in almeno 100 modi diversi.
              In conclusione non do molta affidabilità alla prova.
              Comunque è vero che il 18-105 è superiore al 18-200 fino a 105 mm però, poi non più! Si potrebbe fare una prova ritagliando ed ingrandendo una foto fatta a 105 mm per vedere se è migliore di quella fatta a 200, ma credo che se non si usa una bassa sensibilità, tipo 100 iso, i risultati siano scontati, con la foto del 200 migliore.
              Ciao, Francesco

              Mi piace

              1. si hai ragione, io ho fatto una prova molto veloce con una bridge (FZ 28) scattando a 100mm e 200mm equivalenti lo stesso soggetto, stessa esposizione (flash) insomma tutto uguale, poi ho fatto un crop sul pc e mantenendo le foto alla stessa dimensione non ho notato divergenze particolari, poi ingrandendo di molto allora si, la foto scattata a 200 mm è piu nitida di quella scattata a 100 mm e poi croppata, ma la cosa strana è che la differenza è un po la stessa che si nota tra un’ottica di buona qualità ed un ottica di qualità leggermete piu bassa (un po come il 18-105 ed il 18-200). Dico tutto questo perche spesso mi sono trovato in questa condizione, ossia di avere delle focali spinte ma di non adoperarle a fondo. Io provengo dall’analogico (canon A1, 24 mm 2.8, 100-300 5.6, 50 1.8, duplicatori di focale, stampa bn e colori con lupo m3 ed m3 color, flash speedlight…..ecc.ecc) poi da alcuni anni fotografo in digitale perche la comodità è immensa (un paio di compatte oltre la panasonic fz 28)ed ho notato che salvo per applicazioni molto particolari oltre i 150/200 mm full frame per intenderci non si va mai (a meno che non fai foto naturalistiche e sportive che non è il mio caso), ecco perchè mi sorgeva questo dubbio: perche acquistare un 18-200 con nitidezza inferiore al 18-105 se poi la stessa foto fatta con il 18-105 croppata sul pc potrebbe darti approssimativamente lo stesso risultato di una fatta con il 18-200????
                La differenza di spesa non è poco e con i soldi che uno risparmia potrebbe acquistare un bel MD 11 o un bel flash; se poi uno avesse proprio bisogno di una focale estesa potrebbe sempre acquistare nel tempo un 70/300.
                Avevo anche l’idea di acquistare il 16/85 ma a 16 mm distorce troppo (equivalente del 24mm)quelo che voglio dire è che a volte questi obiettivi alle focali estreme danno dei risultati diciamo discreti e si resta delusi.
                Grazie sempre per le risposte ed il confronto che credo sia utile per tutti.

                Mi piace

          2. ciao francesco
            dato che sono possessore di una d7000 con appunto il 18-105
            vorrei anche passare ad un 70-300 …che mi consigli? magari restando su nikkor
            grazie
            ciao,luca

            Mi piace

  7. Ieri ho avuto occasione di provare sia la nikon d7000 con il 18-200 che che la canon 60d con il 18-200 (solo scattare e tenere in mano nulla piu)
    confermo tutto quello che è stato scritto nei test da Francesco

    Mi piace

  8. ciao francesco
    ho un paio di domande rigurado la tua bellissima nikon.

    Volevo sapere se abbassando la risoluzione delle foto, per esempio da 16 mpx a 10mpx, è possibile aumentare la velocità della raffica in fase di scatto o il numero di foto scattate in sequenza.

    Oppure se la raffica può essere aumentata sfruttando il doppio slot per le SD. Per esempio dicendo alla macchina di scrivere sullo slot 1 le foto “dispari” e sullo slot 2 le foto “pari”….smistando in questo modo il flusso di dati da registrare.
    Non so se mi sono spiegato bene.

    Ciao e grazie!

    Mi piace

    1. è la stessa domanda che mi sono fatto io,
      sulle istruzioni che ho visto in rete dice che in M size JPEG possa scattare fino a 100 fotogrammi
      con il doppio slot non risolvi in qualto il problema sta nel buffer e credo che l’info elettronica arrivi prima al buffer e poi alle cards

      Mi piace

    2. Alberto,
      per la prima domanda, se diminuendo la dimensione delle foto si possa aumentare la velocità di raffica la risposta è no perché questa dipende anche da dispositivi meccanici, specchio e motore. 6 fg/s sono comunque una buona velocità. Semmai si potrebbe aumentare la durata della raffica che a piena risoluzione è di circa 22 jpeg, visto che il limite è il buffer di memoria.
      Non è possibile invece assegnare le foto alternativamente alle due schede (proponi una specie di Raid 0). Anche se fosse possibile non si risolverebbe il problema della durata della raffica perché il limite è il buffer che non farebbe in tempo comunque a svuotarsi.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  9. ciao francesco è un pò che non ci sentiamo ,ho seguito il tuo consiglio e acquistato una D7000, ora ne vorrei un’altro su un buon macro che non costi un’occhio della testa quali mi consigli? grazie

    Mi piace

    1. Massimo, complimenti ed auguri per la nuova D7000.
      gli obiettivi macro purtroppo non costano poco. Uno dei più indicati per la D7000 è il Nikon AF-S DX 85/3,5 VR che costa sui 500 €. Il Tamron 60/2,0 Di Macro è più luminoso m non stabilizzato e costa poco di meno, sui 450 €.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  10. salve a tutti, faccio foto naturalistiche e della D7000 mi interessa un dettaglio importante a questo scopo: lo scatto silenzioso. Non è ben descritto il meccaniscmo e sopratutto l’efficienza, quanto effettivamente sia silenzioso in condizioni delicate (appostamenti con animali selvatici). Qualcuno ha informazioni in merito? La macchina mi sembra un ottimo compromesso tra costo e qualità, come qualcuno ha detto, non esiste la macchina perfetta…
    Grazie, a presto
    Maurizio

    Mi piace

    1. Maurizio,
      la D7000 può essere impostata nella modalità Q (scatto silenzioso) con la ghiera di regolazione dei modi di scatto. In questo modo viene abolito prima di tutto i segnale acustico della corretta messa a fuoco, se impostato. Poi quando si preme il pulsante di scatto lo specchio si alza e viene esaguita l’esposizione, ma lo specchio non ritorna in posizione e il mirino rimane oscurato fino a che non si rilascia il pulsante. In questo modo il rumore è ridotto e diviso in due parti. Il sistema è abbastanza efficace e riduce il rumore di scatto, ma non lo elimina del tutto, per cui è un po’ improprio chiamarlo “Scatto silenzioso” come fa Nikon.
      Ti confermo invece che la D7000 è eccellente fra le APS per il dettaglio nelle foto, per l’AF veloce e preciso e per l’ottimo rapporto segnale/rumore alle alte sensibilità.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  11. era ciò che immaginavo, ciò comporta che hai una sola possibilità di scatto, dopodichè il selvatico ti sgama e fugge. Ho visto le caratteristiche e letto molto in giro, pensavo di dotarla di questi obiettivi:
    – AF-S DX NIKKOR 16-85mm f/3.5-5.6G ED VR
    – AF-S NIKKOR 70-200mm f/2.8G ED VR II
    Zoom
    – Tamron SP 272E macro – 90 mm – F/2.8
    Sacrificando un paio di stop, pensavo di usare un teleconverter 2X per le situazioni più complesse, ottenendo così un’ottica equivalente ad un 600 f/5,6.
    Ho trovato anche questo obiettivo:
    Nikon 80-200mm f/2.8D ED AF Zoom-Nikkor
    Ha un prezzo molto interessante, sopratutto in USA, ma non mi risulta essere un VR, pertanto preferisco investire qualcosa ma avere il grande vantaggio dello stabilizzatore, sopratutto con focali lunghe.
    Qualche commento/suggerimento/obiezione?
    Grazie a tutti
    Maurizio

    Mi piace

    1. Maurizio, in linea di massima non ho obiezioni se non che la qualità delle foto con il duplicatore degrada molto. Perchè invece non un Sigma 120-400 o 150-500. Sono stabilizzati ed alla massima focale hanno la stessa apertura 5,6 che avrebbe il 70-200/2,8 col duplicatore.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  12. Si, l’unico problema è il peso, è sempre un obiettivo in più…che pesa circa 2 kg!
    Però l’ieda è buona…cercherò di valutare la cosa. Interessante il 150-500 ma senz’altro il 70-200 è insostituibile, sia per qualità che come ottica.

    Mi piace

  13. Ho acquistato la d 7000. L’ unico dubbio che ho è dovuto al fatto che il mio rivenditore mi ha detto che non legge cards di classe superiore a 6 (es. 10). Ha provato in negozio ed in effetti non la leggeva. Ti risulta?
    Grazie e complimenti per il blog.
    p.s. problema video: copiato file sul pc lo riproduce a scatti mentre sul monitor della d 7000 è ok….come mai?
    ciao e grazie ancora

    Mi piace

    1. anch’io sono un nuovissimo possessore della d7000 e l’ho dotata di una sandisk extreme pro da 16 gb classe 10 45 MB/s e funziona alla grande…
      p.s. per francesco: complimenti per il blog e grazie per avermi convinto con il tuo test sulla d7000 all’acquisto!!

      Mi piace

    2. Fabrizio,
      la D7000 supporta schede SDHC e SDXC UHS-I (Ultra Hight Speed mode I), vedi pag. 319, che è uno standard per queste schede che prevede una velocità massima di trasferimento fino a 104 Mb/s, quadruplicando il massimo del precedente standard di 25 Mb/s. Sono disponibili numerose schede di questo tipo Classe 1 UHS di vari produttori come Sandisk, Kingston ed altri. Queste schede sono almeno 6 volte più veloci di quelle in classe 10. Mi meraviglia quindi che il rivenditore faccia un’affermazione del genere e che la scheda classe 10 non funzioni.
      Non è che voleva convincerti a comprare qualche altra cosa insinuandoti qualche dubbio e ti ha dato una scheda difettosa o formattata per qualche altra fotocamera e che quindi la D7000 non poteva leggere???
      Se il video è riprodotto a scatti il fatto dipende dal pc. o l’hardware è inadeguato, CPU o scheda video, e quindi non ha la potenza necessaria per riprodurre fluidamente un video Full HD, o il software che usi per riprodurlo non è adatto.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

      1. quindi è importante formattare la scheda una volta inserita nella macchina, prima del primo utilizzo? forse è proprio per questo che non la leggeva…eppure il tipo del negozio è considerato bene e si servono da lui moltissimi professionisti (photo & bazar di Moie di Maiolati, AN).
        Comunque grazie per i consigli, oggi compero una scheda seria. Ciao.

        Mi piace

        1. Fabrizio,
          si certo la scheda va formattata prima del primo utilizzo. Può darsi che chi ti ha detto la cosa non lo sapesse.
          Ciao, Francesco

          Mi piace

  14. Domanda ai più esperti, ho la d7000, sto facendo alcune prove, in particolare voglio provare a far funzionare i 39 sensori tutti assieme, ma quando setto la macchina, mettendola in posizione P con AF-C (autofocus continuo) se pigio il pulsante di scatto a meta corsa nel mirino vedo solo un punto che si illumina… se setto la macchina in automatico, quando pigio il pulsante di scatto a metà corsa vedo più punti che si illuminano nel mirino, ovviamente cambiando inquadratura cambia anche il numero di punti che si illuminano.
    C’è qualcosa che non va o è normale?
    Nello schema del manuale dove trovo i settaggi per utilizzare i 39 punti leggo:
    Area AF dinamica a 39 punti*
    C’è l’asterisco, all’asterisco leggo:
    Solamente il punto AF attivo è visualizzato nel mirino, i rimanenti punti AF forniscono informazioni per facilitare le operazioni di messa a fuoco.
    L’ultima affermazione non mi è chiarissima.

    In buona sostanza non posso settare tutti i 39 punti attivi?

    Ringrazio fin d’ora chi avrà la pazienza di rispondermi 🙂

    Mi piace

    1. Mario,
      la D7000 puo funzionare con tre modalità di messa a fuoco:
      1) AF-S messa a fuoco singola per soggetti statici che si blocca quando viene premuto a metà il pulsante di scatto.
      2) AF-C per soggetti in movimento. La fotocamera mette a fuoco continuamente quando il pulsante di scatto è premuto a metà, attivando la messa afuoco preditiva se il soggetto si muove.
      3) AF-A la fotocamera seleziona automaticamente fra AF-S e AF-C a secondo se il soggetto si muove o meno.

      I punti e l’area di messa a fuoco possono essere selezionati nei seguenti modi.
      1) area AF Auto. la fotocamera individua il soggetto e seleziona i punti AF più adatti
      2) AF singolo: si seleziona il punto AF fra i 39 disponibili e la fotocamera mette a fuoco solo su quel punto
      3) AF ad area dinamica: si seleziona il punto AF e la fotocamera se è nei modi di messa a fuoco AF-A o AF-C usa i punti vicini per mettere a fuoco se il soggetto si muove brevemente dal punto selezionato. I punti usati variano a secondo dell’area selezionata:
      a) area dinamica a 9 punti per soggetti che si muovono in modo prevedibile (auto da corsa secondo il manuale ?!)
      b) area dinamica a 21 punti per soggetti che si muovono in modo imprevedibile (giocatori di calcio ?!)
      c) area dinamica a 39 punti per soggetti che si muovono rapidamente e difficili da inquadrare (uccelli in volo ?!)
      4) Tracking 3D: in questa modalità si seleziona il punto AF e, se si è in AF-A o AF-C, la fotocamera seguirà il soggetto in movimento selezionando altri punti AF. E’ adatta per inquadrare soggetti che si muovono rapidamente da un lato ad un altro dell’inquadratura (tennisti ?!).

      In pratica io di solito lascio la fotocamera in AF-A e Area AF Auto, a meno che non voglia selezionare un preciso punto di messa a fuoco e in questo caso uso generalmente quello centrale.
      Non è possibile selezionare tutti insieme i 39 punti, ma non avrebbe molto senso.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  15. Ciao Francesco,
    Utilissimo e pieno di osservazioni interessanti il tuo Blog.
    Volevo sapere se avessi notizie sulla D800, la cui uscita è stata più volte annunciata e rinviata…pare a ottobre, salvo inconvenienti. Prometteva di essere lo stato dell’arte…
    Interessante l’articolo sullo Zeiss 85/1.4, ho cercato in internet informazioni sul Samyang 85/1,4 trovando quasi sempre impressioni incoraggianti. L’hai per caso provato di persona? la differenza di prezzo è abissale, si trova addirittura sotto i 300 euro…perciò la domanda sorge spontanea: perchè gli altri sono così costosi?

    Mi piace

    1. Maurizio,
      non ho notizie recenti sulla reflex che dovrebbe sostituire la Nikon D700 e che forse potrebbe chiamarsi D800. Il terremoto in Giappone che ha colpito particolarmente gli stabilimenti Nikon di Sendai dove si producono le fullframe potrebbe ritardare la sua presentazione. Ottobre potrebbe anche essere una data plausibile ma siamo in attesa di conferme.
      Non ho provato il Samyang 85/1,4, ho letto soltanto la prova di DXMark che lo classifica molto bene e vicino allo Zeiss ed al Nikon. La differenza di prezzo può essere spiegata con i materiali usati, il livello di costruzione, le tolleranze ed i controlli in produzione, il minor costo del lavoro in Corea piuttosto che in Giappone o in Germania, ma anche con il fatto che con Nikon e Zeiss si paga anche il nome e la fama.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  16. Ciao Francesco,
    domanda lampo, sto scegliendo la prima reflex..considerando che te hai idea del confronto tra le due macchine (mi interessano anche foto a scarsa luce), mi consigli nikon d3100 con 18-105 VR nuova a 650 euro circa , oppure nikon d90 con 18-105 VR a 630 euro circa ma usata..dubbi amletici..Grazie

    Mi piace

    1. Tommaso,
      la D90 usata con il 18-105 a 630 € mi sembra cara. Nuova si trova a circa 800 compresa una scheda da 4 Gb. Un prezzo giusto non dovrebbe superare i 500 €. Alle condizioni che proponi è meglio la D3100 nuova a 650 €.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  17. Caro francesco,
    ho letto delle schede ultrarapide SDXC UHS-I (Ultra Hight Speed mode I), supportate dalla D7000; cercando un po’ in giro mi pare di capire che vengano definite SDXC solo le schede con capacità superiori a 32Gb. Esistono pertanto schede di minore capacità ma analogamente veloci che però si chiamano SDHC. Quancosa mi è sfuggito? di norma preferisco avere schede di memoria non troppo grandi (4 o 8 Gb) perchè in caso di infortunio della scheda, rischio di perdere meno dati…
    Pertanto la domanda: quale scheda veloce di queste dimensioni per la D7000?

    Mi piace

    1. Maurizio,
      anche io seguo il tuo criterio e non uso schede troppo grandi per evitare il pericolo di perdita o danneggiamento (mi è successo che si staccasse una volta il piccolo cursore che imposta la protezione e la scheda non si poteva più scrivere).
      Le uniche schede UHS-1 che ho visto disponibili sul mercato sono le SanDisk Extreme Pro SDHC UHS-1 nei tagli da 8, 16 e 32 Gb con un prezzo rispettivamente di 32, 62 e 114 €. Mi sembra che quella da 8 Gb sia il compromesso migliore.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  18. ciao Francesco,

    ritieni che possa convenire l’acquisto della nikon d 90 con 18/105 vr con 6000 scatti? la si può considerare migliore della nikon d 3100 o canon eos 550d ?o conviene una nikon d 3100 usata con 18/55 e 55/250( se non sbaglio) a 600 euro?

    Ti ringrazio per la risposta

    Mi piace

    1. Sebastiano,
      la D90 con 6.000 scatti a che prezzo? Non è migliore delle 550D e D3100.
      Al prezzo di 600 € si trova la D3100 con 18-55 e 55-300 nuova.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  19. oggi ho ordinato il nikkor 10-24…. Un grandangolo che mi é costato un rene ahahahah. Nital ovviamente.
    Non vedo l’ora di averlo fra le mani
    Se non erro anche tu francesco ne possiedi uno…. Mi confermi la sua bontà?

    Un’ultima cosa… Allora le schede sd classe 10 sono ta ritenersi ormai superate x una camera come la d7000? Anche le sdhc quindi?
    Se ho capito bene conviene orientarsi sulle sdxc da 8 gb….x ottenere prestazioni senza sborsare una fortuna e ridurre i rischi di perdita dati. Sbaglio?

    Ciao a presto

    Mi piace

    1. Ciao Alberto,
      le SD classe 10 sono SDHC. Le SDXC sono quelle da 64 Gbytes o superiori. Le memorie più veloci, per quanto ne so, sono le Sandisk da 30 o da 45 MB/s, che si trovano nel taglio da 8, 16 o 32 Gbytes.

      La scelta del taglio più piccolo è giustificata dall’esigenza di distribuire le foto su diversi supporti, per non perderle tutte nel caso in cui una scheda si danneggi.

      Francesco è più esperto, ma credo che il Nikkor 10-24 sia il migliore tra i grandangoli. Rispetto al rene, dipende in che stato era il rene.

      Simone

      Mi piace

  20. ahahahahha ciao Simone.
    Bella la battuta, in effetti ci sta tutta…. Il 10-24 nikkor costicchia (almeno per le mie tasche) però ci tenevo ad avere un bel grandangolo.
    Forse perché con le nostre bridge questo é un tipo di focale che non ci é mai stato permesso usare.

    Alla fine ho fatto come te. Ho comprato un corpo reflex d5100!

    Mi piaceva molto anche la 600d o la 60d canon…. Ma volendo il meglio sul mercato in quanto a sensore e volendo capricciosamente anche lo schermo girevole ho optato per la d5100.
    Credo che mi durerà almeno un paio di anni e nel frattempo se dovrò spendere qualcosa lo farò sulle ottiche che sono eterne o quasi.

    Certo però che nikon ha dei prezzi….. Il 10-22 usm di canon costa 200 euro in meno.
    Comq ha proprio ragione francesco,
    Canon ha un parco ottiche pieno zeppo di lenti non ultrasoniche, mentre nikon al contrario le ha quasi tutte.
    Vabbé ormai è fatta…. Sono in famiglia nikon. : )

    Mi piace

  21. Buongiorno a tutti e sopratutto a Francesco,
    ho letto la prova del Centro Studi progresso fotografico della nikon D7000, ma non mi è chiaro il significato dell”insufficiente controllo della profondità di campo in live view”, risultato tra i difetti.
    Conosco bene il concetto di profondità di campo in fotografia, ma non ho mai usato un live view e per questo non riesco a immaginarmi in termini pratici cosa ciò comporta. Peraltro il test sulla canon 60D non ha questa annotazione.
    Vi sarei grato se mi aiutaste, dato che sto valutando l’acquisto della nikon.
    Grazie anticipatamente per le vostre risposte
    saluti
    Francesco

    Mi piace

    1. Francesco,
      l’osservazione di Progresso Fotografico vuol dire semplicemente che in live view il pulsante per il controllo della profondità di campo (situato alla destra del bocchettone innesto obiettivi), che chiude il diaframma all’effettivo valore selezionato per controllare nel mirino la profondità di campo, non funziona. Cioè in live view non si può chiudere il diaframma all’effettivo valore per controllare effettivamente la profondità di campo. E’ un problema minore ma correttamente Progresso Fotografico lo segnala.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  22. Grazie Francesco per la risposta rapida e chiara. Vorrei porti un’altra questione sulla quale non riesco a valutare. Dato che ho intenzione di fare anche foto “sportive” in montagna durante escursioni sciistiche, mi pongo il dubbio se le condizioni atmosferiche quali una temperatura di diversi gradi sotto zero debba prevedere una macchina con corpo in lega (come la d7000) o viceversa anche i corpi in plastica e privi di guarnizioni vanno bene, in tal caso sarei orientato a prendere la d5100 che si confa’ meglio alle mie capacita fotografiche.
    Grazie anticipatamente per le vs risposte e un saluto a tutti i fotoamatori di questo blog.
    Francesco

    Mi piace

    1. Francesco,
      per foto “sportive” si intende di solito le foto di sport di movimento.
      Nel tuo caso parlerei di foto in condizioni climatiche avverse. Si deve distinguere però il caso della bassa temperatura, ma con atmosfera ascitta, e quello con umidità, pioggia e neve.
      nel caso di freddo secco il problema sono le batterie che perdono di capacità a temperature molto basse (-10 o meno). In questo caso non c’è differenza fra un corpo in plastica ed uno metallico protetto da infiltrazioni. In entrambi i casi si deve cercare di tenere le batterie o meglio tutta la macchina al caldo, possibilmente sotto la giacca a vento o in alternativa con apposite borse termiche. Per questo motivo io quando scio porto solo una compatta.
      Nel caso di umidità, pioggia o neve un corpo protetto da infiltrazioni sicuramente è migliore. di solito queste macchine sono quelle di gamma più alta e sono anche costruite in metallo. Anche gli obiettivi però devono essere protetti ed in questo caso si deve ricorrere a quelli professionali, salvo nel caso di Pentax che con la k-5 e alcuni obiettivi di prezzo accessibile offre un sistema protetto da polvere ed acqua accessibile. Si deve comunque proteggere la fotocamera dal freddo, quando non in uso, come detto prima.
      Ti ricordo però che una protezione molto semplice da pioggia, neve, ecc, si può ottenere inserendo la macchina in un sacchetto di plastica trasparente fissato all’obiettivo con un filtro UV e all’oculare con la sua cornicetta.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  23. Ciao Francesco,
    da questo mio ultimo post, al quale hai egregiamente risposto come al solito, che, ordinata la nikon D7000 (con il 18-105 in kit e spero di prendere presto anche il bel 35 f/1.8), non riesco ad averla!
    Il rivenditore mi dice che il problema è che l’ho chiesta con garanzia due anni, piuttosto che quella da tre e probabilmente il distributore tedesco non le riceve dal Giappone, dove avrebbero problemi causati dall’ultimo disgraziato incidente. Ciò che non comprendo è che mi dice che invece ordinandola con la 3 anni, si avrebbe subito.
    Mi piacerebbe capirci di più, sapere se qualcun’altro ha lo stesso problema e se non fosse il caso oramai di aspettare il 2012, casomai nikon presentasse già un nuovo modello superiore. Sono infatti ben cosciente che la tecnologia digitale evolve rapidissima e “invecchia” presto e mi pare la macchina sia uscita nel 2010.
    Grazie anticipatamente per la risposta e buon lavoro.
    francesco

    Mi piace

  24. Buonasera a tutti i lettori,
    non tenete conto del post sopra, n. 26.
    E’ solo colpa del titolare di un negozio fotografico, evidentemente non degno della categoria. Scusate per aver perso il vostro tempo nel leggerlo.
    Grazie
    francesco

    Mi piace

    1. la garanzia 2 anni è quella offerta da nikon europa e molto probabilmente arriva dalla Germania, mentre nital offre 3 anni e quindi trattasi di merci presenti in magazzini diversi…

      Mi piace

  25. Ciao a tutti amici appassionati e professionisti. Mi consigliate un sito dove posso acquistare con la partita iva macchine e obiettivi a buon prezzo? Naturalmente con Nital Card. Grazie

    Mi piace

  26. ciao Francesco,

    ma per acquistare con p.iva si deve dimostrare che si è fotografi o basta qualsiasi partita iva da professionista?

    Ritieni che convenga il risparmio che si ha tramite p.iva o invece la perdita di garanzia nel tempo tutto sommato sia meno vantaggiosa del risparmio che si ha?

    Mi piace

    1. Giovanni,
      non sono molto esperto di questioni fiscali.
      Penso che per acquistare con partita IVA basti questa, non si dovrebbe dimostrare di essere fotografi.
      Per la convenienza è meglio che ti informi presso un commercialista.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

    1. Massimo,
      il Tamron 70-200/2,8 Di LD IF Macro e il Sigma 70-200/2,8 APO EX DGMacro HSM sono entrambi buoni e stanno sui 700 €. Se ne vuoi uno stabilizzato c’è il Sigma 70-200/2,8 APO EX DG OS HSM che costa sui 1200 €.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  27. salve a tutti,

    mi chiedevo se ipotizzando una nuova d 600 questa possa avere delle caratteristiche migliori rispetto alla d700, (visto che uscirà dopo vari anni dalla d 700),o sarà inferiore a questa e si crerà una scala d 600- d 700- d800?

    Ipotizzando la sostituta della d 7000, pensate che la vera differenza sia solo sul passaggio da 16 mpx a 24 come è stato fatto con la d 3200?Se dovesse essere così si può pensare ad un miglioramento tale da giustificarne l’acquisto , o magari diventerebbe solo uno specchietto per le allodole e allora sarebbe più consigliabile comprare una d 7000 e spendere in obiettivi?

    Mi piace

    1. Mariapina,
      credo che quando sarà presentata la D600 la D700 uscirà di produzione. Non avrebbe senso tenere ancora in listino un modello così che non offre tante caratteristiche ormai date per scontate nelle fullframe, come il video, e con un sensore da soli 12 Mpx, ormai obsoleto. Tre fullframe in listino, D4, D800 e futura D600 sono già tante.
      Per la futura sostituta della D7000 ancora non si sa nulla quindi è molto difficile fare ipotesi.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  28. Ciao Francesco,

    ci sono novità circa nuovi obiettivi sigma o tamron o nikon ad apertura f 4?

    Ho una d 5100 e vorrei spendere un po di soldi per farmi un buon corredo( al momento ho 18/105 vr); stavo pensando ad un 17/50 tamron vc f 2,8 e sigma 70/200 os HSM f 2,8; Sono degli ottimi obiettivi?
    Sai se ci sono già i sostituti di questi obiettivi a breve termine? non vorrei spendere questi soldi per poi avere a breve degli obiettivi migliorati.
    Inoltre se decidessi di passare a fx (magari d 600 se uscirà), li posso utilizzare sia su dx he su fx? Cioè anche il tamron è per fx oltre che il sigma?
    Come tuttofare hai testato il nuovo sigma 18/200?

    Mi piace

    1. Giulio,
      non ti preoccupare. L’evoluzione degli obiettivi è molto più lenta di quella delle macchine digitali e un buon obiettivo è un investimento che dura nel tempo.
      Per il momento non ci sono notizie sulla sostituzione di questi obiettivi o su novità, ma vedremo sicuramente qualche nuovo obiettivo in Photokina.
      Se hai però di orientari in futuro su una fullframe, come la eventuale D600, il Tamron 17-50/2,8 VC non va bene perchè è un obiettivo solo DX. Il Sigma 70-200/2,8 OS HSM è invece per fullframe.
      Non ho provato personalemente il nuovo Sigma 18-200, ma ho letto affidabili prove e risulta inferiore sia al Nikon 18-200 VR sia al Tamron 18-270 PZD.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  29. Ciao Francesco, complimenti per il tuo blog, che seguo sempre con molto piacere:)
    Finalmente ho preso la Nikon D7000 con il 18-200 di ultima generazione, ma dopo i vari settaggi e regolazioni sto constatando un problemino di messa a fuoco, soprattutto se devo fotografare tante persone .. per esempio, riprendendo una tavolata, disposta ad “U” o su piani diversi, non mette a fuoco tutti i soggetti, perchè ne lascia sfuocati alcuni. Risolvo questa cosa solo tenendo lo zoom dai 18 ai 50mm, oppure aprendo il diaframma (risolvendo un pochino), ma perdendo la profondità di campo.
    Avrei la possibilità di vendere il solo corpo della reflex per una D90 nuova e riuscirei anche a prendere un obiettivo fisso, della quale mi hanno parlato bene e dove non avrei questo tipo di problemi
    Volevo sentire il tuo parere, visto che sei possessore della D7000, oltre ai numerosi test che hai fatto con altre macchine fotografiche. Secondo te, valutando entrambe con un obiettivo tuttofare 18-200, avrei la stessa resa o c’è differenza? E dove? Con quale macchina avrei definizione e messa a fuoco intuitiva?
    Capisco l’utilizzo di una semi-professionale per svariati motivi, ma se sbaglio le foto di famiglia, rimpiango la mia entry-level!
    Grazie della tua disponibilità:)

    Mi piace

    1. Elisabetta,
      le compatte hanno un’estesissima profondità di campo, quindi quasi tutto risulta sempre a fuoco.
      Con le reflex non è così. Il loro sensore più grande comporta anche un diaframma con un foro di maggior diametro, a parità di luminosità cioè di f/ impostato. Cio vuol dire una minore profondità di campo. la profondità di campo poi diminuisce man mano che si va verso focali tele, quindi a 18 mm è più ampia che a 200 mm. Questo è il motivo per cui non tutti i soggetti risultano a fuoco.
      Non riesco a capire come tu possa migliorare la siutazione APRENDO il diaframma. Forse volevi dire chiudendo il diaframma. Infatti man mano che si chiude il diaframma, cioè si usano valori f/ più alti la profondità di campo aumenta. Questo però comporta o di diminuire il tempo di scatto con il rischio di mosso, o di aumentare la sensibilità Iso per mantenere lo stesso tempo di scatto, o di usare il flash.
      Non riesco nemmeno a capire perchè la D90 si dovrebbe comportare meglio della D7000. ha un sensore delle stesse dimensioni (APS9, solo con 12 Mpx invece di 16, quindi si comporterà esattamente nello stesso modo. Con un obiettivo fisso avresti gli stessi problemi, anzi visto che gli obiettivi fissi hanno di solito una maggiore luminosità, cioè una maggiore apertura di diaframma, i problemi di ridotta profondità di campo potrebbero essere maggiori. Quindi non buttare i tuoi soldi
      Devi imparare a controllare la profondità di campo ed a usarla in modo creativo per dare risalto ai soggetti rispetto allo sfondo.
      Permettere a fuoco poi, se vuoi essere sicura di mettere a fuoco il tuo soggetto scegli di usare il punto AF centrale, invece di lasciare scegliere alla macchina in automatico, puntalo sul soggetto, metti a fuoco premendo a metà il pulsante di scatto e poi, senza rilasciare il pulsante, ricomponi l’inquadratura.
      Cosa intendi infine per definizione e messa a fuoco intuitiva?
      ciao, Francesco

      Mi piace

      1. Grazie Francesco del tuo preziosissimo aiuto, forse sono stata un po’ confusionaria .. la reflex che avevo prima era una Canon 450D ed è stata infallibile, soprattutto riguardo la messa a fuoco. Mi sono avvicinata a Nikon per i colori e la definizione che si avvicinano al mio modo di osservare il mondo e mi trovo benissimo, probabilmente una macchina entry-level è più intuitiva e si adatta facilmente alle situazioni, mentre una semi-professionale richiede più accortezze. I dubbi mi erano venuti dopo vari consigli di altri possessori Nikon, ma alla fine ho capito che devo solo imparare ad usarla bene e gestire meglio i diaframmi.
        Il problema non è come comporre l’inquadratura o puntare su un soggetto e poi muoversi, ma quando di soggetti ce ne sono tanti su piani diversi (esempio uno davanti all’altro, in scaletta, o semplicemente una coppia), succede che la macchina mette a fuoco un viso solo o se c’è un gruppo di persone, solo alcune di queste. Tranne se non spingo troppo lo zoom. In caso, per quelle occasioni, devo impostare la funzione “riconoscimento dei visi”?
        Scusa per le domande che potrai trovare banali, fotografo da qualche anno anche con buoni risultati, ma con il cambio mi sembra di essere regredita fotograficamente! Cercherò di entrare in simbiosi con il mio bolide nuovo .. che ormai fa parte del mio braccio!

        Mi piace

  30. ciao Francesco,

    oggi mi sono trovato a fare un escursione in una caverna con una cascata.
    Visto che è la seconda volta che mi succede di trovarmi in ambienti umidi, direi bagnati, visto che anche tempo fa ho scattato foto sotto la neve e mentre nevicava ti chiedo:La mia d 5100 non è tropicalizzata, ma a dire il vero seppure si sia bagnata completamente non mi ha dato nessun problema; il problema succede però all’obbiettivo che dopo un pò si appanna la lente e ovviamente la macchina non riesce a mettere a fuoco come dovrebbe, o non mi consentiva proprio di fare foto.
    Mi chiedevo: c’è un modo per evitare la condensazione sulle lenti? i corpi e gli obiettivi tropicalizzati oltre ad essere resistenti agli agenti atmosferici, garantiscono questo? nell’ambito nikon come faccio a vedere quali sono gli obiettivi water resistent?
    Un domani volendo cambiare reflex e passando alla d 7100 o d 600 queste sarebbero ropicalizzate? o le pentax sono migliori in tale ambito?

    ti ringrazio

    Mi piace

    1. Ivan,
      ti è andata bene con la D5100, ma stai attento. La protezione migliore e più economica per una macchina in situazioni di umidità, schizzi e pioggia, è quella di inserirla in un sacchetto di nailon trasparente da tenere fissato all’obiettivo tramite un filtro o il paraluce. E’ la soluzione che i fotografi hanno sempre usato prima che i produttori inventassero le macchine “tropicalizzate” e funzionava tanto bene che qualcuno l’ha pure commercializzata.
      Non credo però che si possa evitare la condensazione sulle lenti dovuta alla differenza di temperatura. Esistono dei liquidi che dovrebbero evitarla, ma non so se possano danneggiare le lenti. La tropicalizzazione non evita certamente il fenomeno.
      Riguardo alle ipotetiche D7100 e D600 aspettiamo che sinao presentate prima di darne informazioni.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  31. Ciao Francesco,

    due domande:1) avendo la d 7000 il motore AF incorporato, ci sono degli obiettivi che si possono acquistare senza AF-S e quindi sfruttare quello della macchina, portando anche a risparmiare qualcosa senza compromettere la qualità ?

    2) ritieni che se dovesse uscire la nuova d 7000 con 24 mpx porterà a degli effettivi miglioramenti tali da giustificarne l’acquisto, o invece chi ha il modello precedente tutto sommato farà bene ad investire in obiettivi di buona qualità?

    Mi piace

    1. Giacomo,
      gli obiettivi senza motore AF-D sono obiettivi della vecchia serie Nikon che man mano sono sostituiti dai nuovi AF-S con motore. Non necessariamente poi gli obiettivi senza motore costano meno di quelli con motore, infatti questo non è certo il componente principale di costo di un obiettivo.
      La D7000 e le reflex di categoria superiore hanno il motore incorporato solo per mantenere la compatibilità con i vecchi obeittivi.
      Prima o poi Nikon sostituirà la D7000, ma questo non avverrà a brevissimo. Certamente il nuovo modello sarà migliore del precedente, ma per darne una valutazione è meglio aspettare di vederlo.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  32. Ciao Francesco,
    sono un felice possessore della d7000, ma ti scrivo con la speranza che tu possa risolvermi il mio problema:
    se sono in modalità M e, dopo aver fatto la dovuta esposizione (con tempi di scatto inferiori a 1/30), decido di attivare il live view per cercare di ottenere una composizione migliore, automaticamente il tempo di scatto mi si posiziona su 1/30 e non è possibile diminuirlo!! Se i tempi sono superiori a 1/30 questo non succede e anche in modalità A non succede!!ho cercato sul manuale per qualche spiegazione ma non sono riuscito a trovare nulla!! mi chiedo: è un problema della mia fotocamera oppure tutte le d7000 si comportano in questo modo?
    spero tu possa aiutarmi…
    Grazie

    Massimo Catena

    Mi piace

  33. Ciao Francesco, ho appena acquistato una Nikon D 7000, premetto che è la prima reflex digitale, sono possessore di una canon G1X con cui mi trovo benissimo. Mi sono deciso con mia moglie a fare un salto qualitativo, però dopo avere studiato bene il manuale e provato a fare foto, mi sono rimasti dei dubbi: mia moglie usa la fotocamera per fare foto ai bambini a scuola e logicamente se sono posizionati a distanze irregolari, ne risulta che alcuni vengano sfuocati. Con la G1X questo non succedeva, nel manuale d’istruzioni risulta che c’è la possibilità di attivare l’opzione “rilevamento visi”, tale funzione c’è però solo in scene in Live Wiew, vuol dire quindi che per mettere a fuoco tutti i visi dei bimbi bisogna ricorrere a tale opzione e non si può usare il mirino ?

    Mi piace

    1. Gianni,
      se i soggetti sono su piani diversi non è detto che tutti possano essere a fuoco. Per cercare di ottenere tutti i soggetti a fuoco è necessario aumentare il più possibile la profondità di campo. Questo si fa chiudendo il diaframma su valori alti f/11, f/16, agendo o sul programma di scatto, con la ghiera posteriore, per ottenere un diaframma più chiuso, oppure usando la priorità dei diaframmi A e impostandolo direttamente. E’ necessario però controllare il tempo di scatto e se del caso aumentare la sensibilità Iso, o usare quella automatica, per scattare con un tempo più breve che eviti il mosso.
      La Canon G1x ha un sensore più piccolo della Nikon D7000 e questo comporta una profondità di campo maggiore a tutti i diaframmi. Evidentemente poi ha delle impostazioni che la fanno scattare con diaframmi più chiusi.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  34. Ti ringrazio per la risposta, in effetti essendo abituato ad una compatta, devo fare mente locale e abituarmi con la nuova fotocamera, comunque sono contento dell’acquisto, avevo letto con attenzione la tua recensione e mi aveva spinto ad optare per questo modello.
    Grazie di nuovo e ciao
    Gianni

    Mi piace

    1. Ciao Francesco,
      seguo con estremo interesse ed ho letto molti articoli e recensioni del tuo blog da qualche mese e mi sento in dovere di farti i complimenti per la qualità e professionalità che si rscontra leggendoti.

      Da profano, ho una questione per la quale ti chiedo un consiglio professionale che mi aiuti a fare la scelta migliore.
      Non sono esperto di fotografia ma mi sto appassionando non poco a questo mondo e, volendo approfondire, sto per fare il salto di qualità:
      Ho l’opportunità di portarmi a casa a pari prezzo una delle seguenti due opzioni:
      Nikon D5200+18/200VR2 oppure Nikon D7000+16/85VR
      (in alternativa potrei optare per la D5200+16/85 risparmiando circa 200euro)

      Considera che sarà la mia prima reflex e che in prevalenza farò street foto, panoramiche, musei e chiese dentro e fuori.
      I video sono comodi ma secondari.

      Un po’ mi inibisce il fattore peso/ingombro, pertanto avevo considerato in alternativa la Panasonic G5 + 14-140 ma sono stato sconsigliato per una presunta significativa differenza di resa qualitativa degli scatti soprattutto con scarsa luminosità.
      Non avendo esperienza, non ho modo di confutare o meno dette considerazioni.

      Apprezzerò qualunque suggerimento che mi possa aiutare a prendere una decisione saggia.

      Grazie,
      Davide.

      Mi piace

      1. Davide,
        la scelta fra le opzioni che proponi non è facile.
        La Nikon D5200 è un’ottima reflex con un sensore da 24 Mpx all’avanguardia per risoluzione e rumore e un autofocus di alto livello (lo stesso della D7000). La qualità d’immagine è quindi elevata ed anche leggermente migliore di quella della D7000. Questa però ha un corpo macchina molto migliore, costruito in metallo e protetto da polvere ed acqua. Anche il mirino è migliore, più grande e luminoso, e i comandi sono tutti esterni e diretti per poter modificare tutte le impostazioni anche con l’occhio al mirino, mentre con la D5200 si deve ricorrere spesso ai menu ed allo schermo posteriore. Per il mio modo di fotografare quindi la D7000 è preferibile. Inoltre ha anche il motore autofocus incorporato che consente di montare anche i vecchi obiettivi Nikon AF-D, che si trovano facilmente sul mercato dell’usato, mantenendo la messa a fuoco automatica, cosa che la D5200, senza motore AF, non può fare.
        Per il tipo di foto che vuoi fare lo zoom 16-85 va sicuramente bene.
        La Panasonic G5 può essere una buona alternativa economica, se per te non sono un problema la velocità dell’autofocus adatta solo per soggetti statici ed il mirino elettronico. La differenza di qualità d’immagine fra le ultime mirrorless Micro 4/3 come la G5 e le reflex APS si è ormai molto ridotta e anche queste possono produrre immagini di qualità.
        Ciao, Francesco

        Mi piace

        1. Grazie infinite per la risposta.
          Sulla base delle tue considerazioni, dopo attenta valutazione e toccando con mano in negozio, lasciandomi anche consigliare da un amico decisamente più esperto di me nel settore fotografico, ho optato per la Nikon D5200 con 18-200VR2.
          Presa venerdì e provata nel week-end, di primo impatto credo di aver fatto la scelta più giusta per me.
          Vorrei chiederti però, se possibile, un piccolo aiuto:
          In qualsiasi condizione scatti, le foto risultano leggermente morbide, anche con buona illuminazione, a ISO 100 o 200, velocità otturatore rapide (tipo 1/500) e la fotocamera fermamente poggiata sul tavolo (non ho ancora il cavalletto).
          Ho letto su vari forum che dipende, in genere volutamente, dalle impostazioni di fabbrica della fotocamera e che si possono facilmente migliorare contrasto e definizione modificando le impostazioni, ma non ho trovato come…
          Sapresti darmi qualche indicazione utile in merito?

          Grazie mille in anticipo per la cortesia.

          Davide.

          Mi piace

          1. Davide,
            hai fatto un’ottima scelta.
            E’ vero che le impostazioni di base della fotocamera sono abbastanza sul morbido e che sono facilmente modificabili.
            Prima di tutto però leggi il manuale d’uso della macchina. Con la D5200 credo che sia fornito solo un manuale sintetico stampato, mentre quello completo è sul CD allegato, oppure lo puoi scaricare da http://www.nikonsupport.eu/europe/Manuals/d5200/d5200rm_it_02.pdf
            Se salvi le foto direttamente in jpeg devi usare i Picture Control, eventualmente modificandone uno o creandone uno nuovo con una maggiore nitidezza. Da pag. 86 è spiegato come scegliere, modificare e creare i Picture Control.
            Se salvi in raw puoi ottenere lo stesso effetto impostando un picture control o creandone o modificandone uno con il software Nikon View NX disponibile sempre sul CD.
            Ciao, Francesco

            Mi piace

  35. Ciao Francesco ho appena acquistato una D7000 con obbiettivo sigma 3,5 10-20 cosa pensi di questi prodotti e ???
    Aspetto con ansia la tua risposta. CIAO.

    Mi piace

    1. Tommaso,
      la D7000 è ottima indipendentemente dal fatto che ora ci sono reflex Nikon con 24 Mpx. Ha un ottimo corpo e i comandi sono ergonomicamente ben disposti e tutti esterni e diretti in modo che si può regolare la amcchina senza staccare l’occhio dal mirino. La qualità d’immagine è elevata. Il Sigma 10-20/3,5 è ugualmente ottimo ed uno dei migliori grandangoli zoom per il formato DX.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  36. Ciao Francesco ti ho già scritto precedentemente, ho acquistato a febbraio una Nikon D7000 e mi è capitato una cosa strana, ti scrivo per sapere se anche tu non hai mai avuto occasione di avere notizia di questo problema. L’abbiamo utilizzata sia io che mia moglie per fare foto in condizioni più che normali, e ci siamo accorti adesso che i tasti:RIPRODUZIONE, ISO e QUAL è scomparsa parte della grafica, nel caso del tasto SCORRIMENTO è scomparsa del tutto. Abbiamo provveduto tramite il punto di vendita dove l’abbiamo acquistata all’invio alla NITAL di Torino ( trovo strano che l’assistenza sia solo a Torino, noi abitiamo a Milano) ci hanno detto che bisognerà attendere minimo 1 mese ma che però probabilmente i tempi saranno molto superiori perché alcuni prodotti inviati a febbraio non sono ancora arrivati. Cosa pensi di questo difetto su un corpo macchina semi-tropicalizzato accaduto dopo così poco tempo ? Mi devo aspettare che in seguito mi scompariranno anche dagli altri tasti ? Inoltre è possibile che un marchio come NIKON abbia solo un punto di assistenza in tutta Italia e che i tempi siano così lunghi ?
    Scusa se ti chiedo una cosa che esula un po’ dalla parte prettamente di tecnica fotografica, ma so che anche tu hai una D 7000 e inoltre avendo avuto modo di venire a contatto con altre fotocamere vorrei sapere se il problema esiste o è solo stata una mia sfortuna.
    Grazie e come sempre ti seguo con attenzione.
    Gianni

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...