Sony RX10 : impressioni

RX10_rightIn occasione del Sony day dello scorso dicembre presso il negozio romano La Placa ho potuto provare oltre alle nuove mirrorless fullframe A7 e A7R anche la nuova ed interessantissina bridge RX10. La RX10 una bridge di alta classe con un sensore da 1″ retroilluminato CMOS Exmor R da 20,2 Mpx, uguale a quello della RX100 II. Notevole è anche l’obiettivo Carl Zeiss Vario Sonnar T* 24-200 mm equivalente f/2,8 costante. La Rx10 dispone poi di un mirino OLED con 1.440.000 pixel, di un nuovo elaboratore d’immagine BIONZ X. L’autofocus, a rilevamento di contrasto, dispone di funzione Lock-on per seguire i soggetti in movimento e i modalità “occhi” per mettere a fuoco i volti. La ripresa video è Full HD 50p (AVCHD progressivo) e 35p. Sono presenti le connessioni Wi-FI e NFC per collegare la fotocamera a smartphone, tablet e computer.
Questa è una fotocamera molto importante ed innovativa. Con questo modello Sony finalmente, per prima, introduce un nuovo concetto di bridge che invece di puntare su obiettivi con estensione focale enorme, da fare concorrenza ai telescopi, propone una fotocamera che punta di più sulla qualità d’immagine con un sensore di dimensioni più grandi di quelle che sono state fino ad oggi lo standard delle bridge (1/2,3″, tranne la Fujifilm X-S1) e uno zoom dall’escursione focale non esagerata, ma di alta qualità e buona luminosità.

Ricordo le principali caratteristiche della RX10:

– sensore da 1″ (13,2×8,8 mm) da 20 Mpx retroilluminato
– elaboratore d’immagine BIONZ X
– obiettivo Carl Zeiss 8,8-73,3 mm f/2,8 equivalente ad un 24-200 mm
– autofocus a rilevamento di contrasto
– mirino elettronico con 1,44 Mpx copertura del 100 % e ingrandimento 0,7x
– schermo da 3″ con 1,29 Mpx
– sensibilità da 125 a 12800 Iso
– otturatore con tempi da 30 secondi ad 1/3200
– ripresa video Full HD 1920×1080 pixel 60p, 60i, 24p AVCHD o MPEG-4
– uscita HDMI 4K per visualizzare le foto su TV 4K
– connessione Wi-Fi e NFC
– dimensioni 129x88x102 mm
– peso 813 grammi

La RX10 costa 1199 € sul Sony Store.

La fotocamera si presenta abbastanza grande e massiccia, almeno a confronto con le A7, con un design abbastanza squadrato. L’obiettivo, di grande diametro, a riposo non è eccessivamente sporgente, ma si allunga nell’uso.
A confronto con una diretta concorrente, la Olympus Stilus 1 con uno zoom 28-300/2,8 equivalente, che però ha un sensore più piccolo si vede nella vista dall’alto quanto la RX10 sia più grande.

RX10_Stylus1-f

RX10_Stylus1-t
Le sue dimensioni sono paragonabili a quelle di una reflex APS compatta, la Canon EOS 100D co un obiettivo 18-135, equivalente ad un 27-216, gamma di focali simili a quella della RX10.

RX10_100D

RX10_100D-18-135

La costruzione è di buona qualità ed i comandi facili ed intuitivi. Il mirino elettronico è ottimo e restituisce un’immagine nitida e brillante con la possibilità di valutare direttamente le correzioni di esposizione e di bilanciamento del bianco e di visualizzare tutti i menu.

Ho potuto effettuare alcuni scatti con la rx10 nello studio di posa della La Placa Academy. Come al solito ho provato a scattare a quasi tutte le sensibilità a partire dalla minima che le condizioni di luce consentivano, 200 Iso grazie alla luminosità dello zoom, per valutare anche la qualità delle foto e quelle più elevate.
Il mirino consente un’ottima inquadratura senza far rimpiangere i mirini ottici ed anzi aiuta anche a valutare gli effetti delle correzioni di esposizione e di bilanciamento del bianco, anche se non ce ne si può fidare totalmente. La messa a fuoco può funzionare con la scelta automatica dei punti AF, ma in questo caso ho scelto quella fissa sul punto centrale per mettere a fuoco con precisione gli occhi della modella. In questa situazione la messa a fuoco si rivela veloce e precisa, ma naturalmente va verificata la sua efficacia con soggetti in movimento.
Per l’esposizione ho usato la misurazione valutativa con una correzione variabile, dato lo sfondo scuro, a secondo dell’illuminazione da 0,7 a 1,3 Stop. Il bilanciamento del bianco automatico si è impostato su un valore un po’ troppo basso, con foto jpeg un po’ fredde, ma anche questo è stato corretto nella conversione impostandolo sul giusto valore. Non è un problema preoccupante, quasi tutte le fotocamere non riescono ad impostare automaticamente il giusto valore di bilanciamento in luce artificiale, quindi o si scatta in raw o si imposta il WB personalizzato per la luce presente.
La conversione è stata effettuata con Lightroon 5.3 RC, con la riduzione di rumore azzerata.

Le foto si presentano estremamente nitide e dettagliate, perfettamente a fuoco, con un’ottima gamma dinamica e resa dei colori dell’incarnato. La qualità globale mi è sembrata migliore per la resa dei colori del volto e per il dettaglio a quella dell’A7 e A7r, almeno fino alle medie sensibilità. Il rumore comincia ad essere percepibile nelle zone più scure a 1600 Iso, ma a questa sensibilità la nitidezza è ancora ottima. A 3200 il rumore è maggiormente percepibile, anche nelle zone illuminate, ma la nitidezza non ne risente. A 6400 è invece abbastanza alto e invade anche le zone illuminate con perdita di dettagli mentre a 12800 le foto sono pervase dal rumore e veramente poco usabili.

Per avere un riferimento pubblico anche alcune foto scattate nello stesso studio, ma con un’altra modella, con una fotocamera nella stessa fascia di prezzo, la Fujifilm X-E2 su cui in questa occasione era montato il Fujinon 60/2,4 Macro. Le foto della RX10 sono state ridotte a 16 Mpx per un confronto omogeneo
Come si può vedere le foto Fujifilm sono migliori per il contenimento del rumore a partire da 1600 Iso. La nitidezza invece è simile e la Sony si difende bene cedendo solo a 6400 Iso a causa del rumore troppo elevato.
In complesso quindi la qualità d’immagine della RX10 è molto buona alle sensibilità basse medie, mentre a quelle più alte cede qualcosa a fotocamere di prezzo analogo, ma con sensori più grandi. Se si considerano però solo le bridge è di gran lunga la migliore, anche se la più cara. Il sensore da 1″ di Sony retroilluminato conferma quindi anche qui la sua grande qualità e così fa anche lo zoom Zeiss.

La RX10 è quindi una fotocamera adatta a chi vuole fare foto di qualità in tutte le condizioni, ma non vuole porsi il problema di scegliere ed acquistre nuovi obiettivi e poi di portarseli dietro. Il prezzo è alto per una bridge, ma la RX10 per la sua qualità va confrontata non con queste, ma con le mirrorless e le reflex di fascia amatoriale.

RX10

RX10 – X-E2

Advertisements

29 pensieri su “Sony RX10 : impressioni”

  1. Cedere così poco al miglior sensore APS-C in circolazione è risultato eccellente e quasi incredibile, tuttavia il prezzo è anche questo, purtroppo, molto alto… Con la cifra richiesta per questa RX10 si può acquistare una reflex come la Canon EOS600D con un valido teleobiettivo zoom di qualità, più o meno stesse dimensioni ma versatilità data dalla possibilità pressoché illimitata di espandere il proprio corredo fotografico e creatività riguardo alla profondità di campo possibile, grazie al sensore molto più grande, per valori f inferiori a 4,8 , oltre a probabili migliori performance autofocus negli scatti o con poca luce o con soggetti in movimento, fanno, opinione personale, optare senza dubbio per un sistema reflex. A meno che si riesca a trovare questa Sony, come minimo, alla metà del prezzo… Vero che la qualità si paga, ma in questo caso il gioco, per me, non vale la candela.

    Mi piace

  2. Non sono un esperto di fotografia, ma mi pare che, ingrandendo le foto delle due modelle, già a 800 ISO la RX10 in fatto di rumore (si dice così?) perda tantissimo rispetto alla E2; sono due macchine dal costo simile ma completamente diverse e per nulla paragonabili. Sono d’accordo con il commento di Diego : non vale quello che costa e penso che Sony abbia fatto molto di meglio con altre macchine ed in altre nicchie di mercato.

    Mi piace

  3. Io invece non la penso come voi e vi spiego perchè: ad oggi non esiste un apparecchio compatto con ottica fissa di qualita che permetta di fare tutto.
    Abbiamo il 4/3 ma se compri una 4/3 con ottiche intercambiabili dopo è normale che si comprino anche le ottiche.
    Abbiamo la mini reflex canon eos 100, ma le ottiche devi comprare.

    Con la RX 10 sony apre ad una nuova fascia di mercato di cui io sono il portabandiera da tempo: un apparecchio di qualita, con il qualse si possano fare sia foto che video, senza alambicchi dietro di vario genere, inoltre girano gia video in merito alla precisione dell’AF che, anche se a contrasto, è molto reattivo, preciso, silenzioso e senza aggiustamenti visibili.

    Somy ha capito questa esigenza, ovvio che il prezzo è alto, ma in genere i prodotti sony si svalutano piu degli altri, almeno un 40%, il che vul dire che entro circa 1 anno potrebbe costare 700 euro…..che li vale tutti.

    Ad oggi un apparecchio con ottica fissa e con questo livello di qualità non esiste, se volete la stessa qualita o migliore dovete comperare un apparecchio con ottiche intercambiabili e se poi non comperate il corredo…….beh è come comperarsi una moto da enduro ed andarci in centro città

    Mi piace

    1. Considerato che questa Sony è grande quanto la Canon e che per averla appresso serve una borsa apposita dato che certo non è tascabile, non credo che aver con se un altro obiettivo sia un fardello insostenibile… Oltre al prezzo c’è pure da tener conto che con una reflex (o mirrorless) se si ha esigenza di una focale particolare basta acquistare un obiettivo che costa poche centaia di € e non dover pensare: “e ora? Vorrei uno sfocato più evidente e ho bisogno di un obiettivo più luminoso e con questa Sony non posso farlo… Vorrei un 300mm e con questa RX10 non è possibile” . Ok, si potrebbe pure passarci sopra ed adeguarsi a ciò che la macchina offre sfruttandolo al meglio, ma ora come ora 1200€ son davvero troppi… e non confiderei molto neppure sull’eccessiva svalutazione (salvo modello nuovo), ad esempio la NEX 6 mica è scesa del 40% nonostante sia sul mercato da oltre un anno, ha perso circa 100-150€ dai circa 900 che costava inizialmente.

      Mi piace

      1. Infatti.
        Con una Canon, puoi mettere un Tamron 18-270 che arriva a ben più di 200mm equivalenti della Sony.
        Il tutto ad un prezzo ben inferiore alla Sony, quindi questa Sony non ne vale proprio al pena!

        Mi piace

      2. Un piccolo dettaglio: tra un 300 mm ed un 200 mm equivalente la differenza è molto meno importante di quanto non si creda in quanto l’angolo di campo varia veramente poco, Inoltre il tutto si puo risolvere con un semplice mini ingrandimento in fase di stampa visto i 20 mpx che la sony offre.

        Sulla intercambiabilita degli obiettivi avrei da evidenziare alcuni piccoli punti: spesso il cambio di obiettivo porta a sporcare il sensore, senza pensare che se perdi l’attimo fuggente addio foto e resti li impalato con l’obiettivo da montare o appena montato.

        Sottolineo inoltre che sony in questa macchina ha messo un 24-200 e non il solito 28-200, è posso assicurare che il 24mm è il limite grandangolo per deformazione ai bordi, oltre diventa un problema e visto che con il digitale esiste la funzione foto panoramica (per non parlare di adobe che ti permette di fare tutto a livello di effetti speciali) non vedo l’incombente necessita di focali particolari.

        Forse il punto è un altro: molti fotografi in erba pensano che avendo un corredo fotografico completo lo stesso gli permettera di affrontare tutte le situazioni possibili e quindi anche di fare delle foto fantastiche, peccato che gente come Mc Curry e Capa hanno fatto la storia con della compatte e non con dei borsoni pieni di alambicchi.

        A volte quando leggo certi commenti mi sembra di parlare con coloro che comprano il fuoristrada per andare in centro.

        PS: parlo cosi perche con la fotografica analogica ho avuto la fortuna di fare esperinza in camera oscura BN e Colore, oltre avere un corredo molto fornito tra ottiche e corpi macchina, ma se prima il corredo era necessario per fotografare ad un certo livello, oggi con il digitale un corredo puo essere opportuno ma non insindacabile, pertanto la Sony RX 10 la ritengo una grande opportunita per fare delle bellissime foto al livello generico che poi è il livello del 99% dei fotoamatori.

        Mi piace

        1. Carlo,
          condivido quanto scrivi. La RX10 è una fotocamera adattissima per tutti coloro che vogliono una macchina in grado di fare foto di qualità senza doversi porre il problema di quali obiettivi acquistare e poi di quali portarsi dietro quando escono per fotografare.
          Aggiungerei che è convinzione di molti, di solito non molto esperti, che per poter fare belle foto sia necessario avere un corredo di obiettivi che copra ogni mm di focale fra 15 e 1000 mm e che poi sia necessario portarseli tutti quando si fotografa. Il fotografo esperto ed il professionista sanno bene invece che si devono avere solo l’obiettivo o gli obiettivi (massimo 2) adatti alla situazione fotografica che si vuole affrontare.
          La RX10 quindi risolve per molti questo problema offrendo tutte le focali veramente necessarie per un uso amatoriale ed una qualità adeguata.
          Ciao, Francesco

          Mi piace

          1. Certamente fotografi piů esperti di me sanno meglio valutare le varie cose, tuttavia io una macchina con sensore da 1 pollice la ho e per ciò che è la mia esperienza una differenza di focale tra 200 e 300mm conta, specie quando si vanno a seguire eventi sportivi ai quali si è distanti (autodromi, stadi) e la luce non è abbondant3; col sensore da 1″ gli alti ISO son ancora più da evitare e ritagliare una foto fatta a quei valori la fà un pò decadere come qualità. Questa Sony ha una resa eccezionale fino ad 800 ISO, oltre i 1600 invece degrada parecchio quindi l’impossibilità di aggiungere un qualcosa a questa macchina potrebbe ( per me lo è) essere un limite in talune circostanze, senza contare che un valore di f2,8 su un sensore da 1″ non fa certo lo stesso effetto del medesimo valore già su APS-C, una cosa bellissima per me è lavorare molto con la ristretta profondità di campo ed alle volte già trovo un pò laborioso ottenere il risultato voluto con il mio 32mm f1,2 (Nikkor 1) dunque lo Zeiss della RX10 potrebbe esser un pò limitante anche in tal senso. Intendiamoci, la macchina è un gran bell’oggettino ma non si può non considerare il suo prezzo prima di definirla completamente così valida… Inoltre, fattore personale, a me acquistare un’ottica dà una vera emozione, è un pò riscoprire il proprio “giocattolo” preferito, è farlo crescere e poter insieme scoprire nuove prospettive e nuove sfide ed anche questo questa Sony non potrebbe trasmettermelo. PS: mi son divertito a riveder tutte le fotografie ritrattistiche fatte da Francesco con macchine con sensore da 1″ e, rimanendo in casa Sony la RX100 agli alti ISO a me sembra superiore alla RX10, così come la Nikon 1V1 (che agli alti valori a me sembra offrire la performance migliore in termini di nitidezza e minor perdita di qualità complessiva), che forse lo zoom abbastanza esteso della RX10 contribuisca ad offrire il fianco a questo difetto?

            Mi piace

              1. Ma no Francesco, non mi ritengo certo un esperto, ciò che scrivo lo baso sulla mia limitata esperienza; il fatto è che l’appetito viene mangiando e quando uno si trova tra le mani una pur bella macchina come questa Sony farà poi tutto sommato presto a finire le cibarie e magari rendersi ben conto che aver speso 1200€ su questa fotocamera non è stata forse scelta azzeccata… Dicevo che scrivo basandomi sulla mia limitata esperienza che mi ha comunque portato, specie dopo aver acquistato pure una Canon EOS 600D, ad avvicinarmi ai limiti della mia Nikon 1V1, che però ha degli assi nella manica sempre imbattibili quali AF iperveloce e raffica con AF attivo a valori impressionanti, oltre a dimensioni ch mi rendono molto difficile non portarmela appresso, mentre invece leggendo le specifiche e vedendo le dimensioni della novità Sony qua discussa questi assi non mi sembrano esserci e, secondo me, troppo presto ci si potrà avvicinare ai suoi limiti senza aver poi qualcosa che ce la faccia riscoprire (un nuovo obiettivo con caratteristiche diverse) e far riapparire come una interessante novità con cui riprovare nuove emozioni. Ripeto, costasse la metà del prezzo ufficiale, allora le mie perplessità avrebbero una valida ragione per essere accantonate, o perlomeno molto più accettate… dopotutto quando uscirà (spero) un equivalente 70-200 f2,8 per le Nikon 1 (magari anche un poco più luminoso vista la destinazione) non credo costerà meno di 7-800€, prezzo elevato ugualmente compensato però dal fatto che gli obiettivi sono il più grande valore (che poi si mantiene nel tempo) di un corredo… una fotocamera quando poi esce il modello nuovo (oramai in troppo poco tempo…) perde quasi tutto il suo valore. Ciao Francesco, scusa (scusate) la lunghezza dei miei discorsi. 🙂

                Mi piace

    1. Camillo,
      uno zoom 24x o 30x su un sensore da 1″ (13,2×8,8 mm) avrebbe comportato un costo e delle dimensioni esorbitanti, ammesso che lo si possa costruire. Le fotocamere con zoom 30x e più hanno tutte sensori molto piccoli, da 1/2,3 (6,17×4,55 mm). L’unica con un sensore più grande, la Fujifim X-S1 con sensore da 2/3″ (8,8×6,6 mm, la metà di quello da 1″) con uno zoom 26x 24-624 equivalente è più grande di molte reflex.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  4. Certamente fotografi piů esperti di me sanno meglio valutare le varie cose, tuttavia io una macchina con sensore da 1 pollice la ho e per ciò che è la mia esperienza una differenza di focale tra 200 e 300mm conta, specie quando si vanno a seguire eventi sportivi ai quali si è distanti (autodromi, stadi) e la luce non è abbondant3; col sensore da 1″ gli alti ISO son ancora più da evitare e ritagliare una foto fatta a quei valori la fà un pò decadere come qualità. Questa Sony ha una resa eccezionale fino ad 800 ISO, oltre i 1600 invece degrada parecchio quindi l’impossibilità di aggiungere un qualcosa a questa macchina potrebbe ( per me lo è) essere un limite in talune circostanze, senza contare che un valore di f2,8 su un sensore da 1″ non fa certo lo stesso effetto del medesimo valore già su APS-C, una cosa bellissima per me è lavorare molto con la ristretta profondità di campo ed alle volte già trovo un pò laborioso ottenere il risultato voluto con il mio 32mm f1,2 (Nikkor 1) dunque lo Zeiss della RX10 potrebbe esser un pò limitante anche in tal senso. Intendiamoci, la macchina è un gran bell’oggettino ma non si può non considerare il suo prezzo prima di definirla completamente così valida… Inoltre, fattore personale, a me acquistare un’ottica dà una vera emozione, è un pò riscoprire il proprio “giocattolo” preferito, è farlo crescere e poter insieme scoprire nuove prospettive e nuove sfide ed anche questo questa Sony non potrebbe trasmettermelo. PS: mi son divertito a riveder tutte le fotografie ritrattistiche fatte da Francesco con macchine con sensore da 1″ e, rimanendo in casa Sony la RX100 agli alti ISO a me sembra superiore alla RX10, così come la Nikon 1V1 (che agli alti valori a me sembra offrire la performance migliore in termini di nitidezza e minor perdita di qualità complessiva), che forse lo zoom abbastanza esteso della RX10 contribuisca ad offrire il fianco a questo difetto?

    Mi piace

  5. Diciamola tutta allora: non esiste la macchina fotografica perfetta ma la macchina piu adatta alle varie esigenze, ne piu ne meno come un abito o una autovettura.
    Io ho fotografato molti eventi sportivi (corse, atletica, nautica), ho fatto macro, botanica, architettura, notturno e subaquea……..insomma mi sono tolto delle belle soddisfazioni con l’analogico……..eppura la soddisfazione che ti da il ritratto o l’essere umano è impagabile.
    Congelare l’espressione di un volto solcato dal tempo o le altre innumerevoli emozioni che puo offrire una persona durante un momento di gioia o di dolore non ha eguali, non c’è tramonto o animale che tenga. Ora mi concentro su questo e con questo apparecchio pronto all’uso credo si possano ottenere degli ottimi risultati, sopratutto per me che sono un fautore della videofotografia………..montare un video con foto, scene, musica e spezzoni vari è molto divertente ed emozionante.
    E’ ovvio che tutto questo necessita di prontezza nel cogliere l’attimo e non si puo dare molto spazio all’attrezzatura ma si deve dare spazio al soggetto.
    Se invece si vogliono coprire spazi piu ampi (che io ho gia percorso a sufficienza) aloora il corredo è d’obbligo.
    Buone foto a tutti

    Mi piace

  6. Io ho una canon D30 e ho sempre il 18/55, volevo chiedere se a qualità di immagine con la RX 10 miglioravo o non vale la pena. Prezzo a parte grazie

    Mi piace

    1. Francesco,
      a parità di dimensioni di visualizzazione (stampe delle stesse dimensioni o visualizzazione su schermo alle stesse dimensioni) la qualità d’immagine della Sony RX10 è sicuramente migliore di quella della Canon 30D. La Sony ha un sensore più piccolo, ma molto più evoluto e moderno, con 20 Mpx e quindi offre un maggiore dettaglio rispetto alla Canon, in particolare alle basse sensibilità. A quelle più alte la differenza dovrebbe essere minore a causa del maggiore rumore che caratterizza i sensori più piccoli, ma considerando che la 30D arriva al massimo a 3200 Iso ccon la sensibilità estesa, mentre la RX10 arriva fino a 12800 e a 3200 Iso mantiene ancora una buona qualità direi che anche in questo caso si dimostra superiore, avvantaggiata anche dal suo obiettivo f/2,8 più luminoso del 18-55 e a luminosità costante per tutta l’estensione focale.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  7. Possiedo già una reflex Sony con sensore formato APS-C con ottica 16-55 f 2.8 che utilizzo prevalentemente per riprese.
    Devo dire che la RX10 ha un’ottima reputazione in campo video probabilmente dovuta in buona parte dalla scelta di Sony di equipaggiare la sua bridge con un ottica di buona qualità.
    Inoltre con il recente aggiornamento firmware la macchina può girare a 720p con 120 fotogrammi al secondo (frequenza che ti garantisce slow motion difficilmente ottenibile anche con videoreflex di alta gamma).
    Pensavo di completare la mia attuale attrezzatura sino al 200 mm con secondo zoom f 2.8 ma a questo punto, mi sono chiesto, chi me lo fa fare?
    Preferisco avere allo stesso prezzo una seconda macchina tuttofare relativamente leggera e molto versatile.
    Perché è vero che avere un bel corredo di ottiche luminose e di qualità è il sogno di ogni fotografo ma poi le devi portare con te e cambiarle con il rischio che l’attimo fuggente sia passato.
    Condivido pienamente il pensiero lucido ed equilibrato di Carlo, e direi che non sono il solo.
    Guardando il trend del mercato mondiale infatti, che vede in flessione le DSLR ed in aumento la vendita delle mirrorless, penso che i gusti dei videofotografi stanno un po’ cambiando. Forse in campo video il merito è di Panasonic con l’innovativa GH4 ma penso che le recenti novità Sony stanno sicuramente contribuendo al cambiamento.
    Tu Francesco cosa ne pensi?

    Mi piace

    1. Davide,
      sono d’accordo anche io che il mercato e le richieste dei fotografi stanno cambiando.
      Non ho gli ultimi dati aggiornati, ma guardando in giro non mi sembra che le reflex siano in ribasso per il momento, forse in futuro. Alla Photokina si vedevano quasi esclusivamente quelle e io ero uno dei pochi con una mirrorless. Invece nei luoghi turistici si vedono molti smartphone e anche tante reflex, quelle che sembrano sparite sono le “compattine”. Evidentemente chi si accontenta usa lo smartphone e chi vuole di più va su fotocamere di qualità. Le mirrorless ancora non hanno una grande diffusione da noi, forse anche per i prezzi un po’ alti, ma cresceranno, mentre i giapponesi (o orientali in genere) le usano di più.
      Certo che con le ultime offerte mirrorless di Fujifilm, Olympus, Panasonic, Samsung e Sony le reflex APS avranno vita dura e anche le fullframe non è detto che se la passeranno bene.
      Le “nuove bridge” o “superbridge”, Panasonic FZ1000 e Sony RX10, segnano un nuovo corso per questo genere di fotocamere, superata la corsa a chi ha lo zoom più lungo. Di fatto hanno creato una nuova categoria che può interessare a molti che vogliono una macchina di buona qualità senza però dover pensare anche ad obiettivi alternativi. Lo stesso risultato però si può ottenere anche con una reflex o mirrorless e uno zoom ad ampia escursione, ma non è una scelta immediata, ci si deve pensare, mentre la scelta di una “superbridge” è più facile ed immediata.
      Nel tuo caso la RX10 può essere una buona scelta, sicuramente meno pesante e costosa di un 70-200/2,8, anche se non puoi aspettarti esattamente gli stessi risultati alle alte sensibilità.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

    1. Fabio,
      con la RX10 sarebbe teoricamente possibile fare una cosa del genere, ma mi sembra molto difficile in quanto lo zoom è elettrico e coassiale al pulsante di scatto quindi difficile da azionare contemporaneamente. Inoltre credo che sia difficile regolare la velocità dello zoom.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  8. Ciao Francesco,Grazie per il blog.Il mio non e’ uncommento all’articolo ma una richiesta d’aiuto.Ti scrivo dalla Colombia e qui non c’e molto da scegliere:rebel t3i d90 usata o d5100.Pero circola la voce che la rebel t3i si scalda rapido e si spegne.Cosi pure quando sta in live view,che tiene el archivo pesado ecc.Per favore mi sai dire se corrisponde a verita’.Che mi consigli fra le tre?Sono un novato e ho sempre scattato con compatte.Grazie infinite

    Mi piace

    1. Camillo,
      non mi risulta che la Canon Rebel T3i (o 600D) abbia un difetto per cui si scaldi rapidamente.
      Tutte le fotocamere però scaldano un po’ il sensore quando si fanno riprese video. Io comunque sono riuscito spesso a fare anche ripese lunghe, di parecchi minuti senza interruzioni e non ho avuto problemi.
      Fra le tre reflex che hai indicato ti consiglio comunque la Nikon D5100, a meno che non trovi una D90 usata in veramente buone condizioni. La D90 pur essendo una fotocamera di diversi anni fa ha un corpo macchina molto ben costruito, solido e ben finito e un’ergonomia dei comandi migliore della D5100. Inoltre può usare tutti gli obiettivi Nikon autofocus, a differenza della D5100 che può usare solo gli AF-S con motore incorporato.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

      1. Ciao Francesco, vorrei utilizzare questa sony per fare video e foto. Vorrei uno strumento capace di fare entrambe le cose.

        Attualmente ho una 1200 con obbiettivo stardard 18-55 e non mi lamento per le foto…..ma dal lato video ho comprato una videocamera la canon hf g25 ma non mi ha “stupito”.

        Tu cosa consigli? grazie

        Mi piace

  9. Francesco grazie mille. Le tue recensioni mi hanno aiutato molto. Ho quasi chiuso il cerchio della scelta, ma permane un dubbio atroce. La faccio breve. RX10 (ad ora 840euri)o Mirrorless/reflex? Vorrei avere un solo obiettivo. Nel caso quale migliore combo in alternativa alla RX?
    Di nuovo grazie

    Mi piace

    1. Con la versione ii che supera i 1000€ e che ha il medesimo obiettivo ed AF, caratteristica ancora unica e non replicata da altri concorrenti, non è un prezzo troppo fuori luogo. La versione iii è altra cosa con il suo tele fino ai 600mm ma inferiore luminosità.

      Mi piace

    2. Giacomo,
      la Sony RX10 ha un prezzo adeguato ed allineato alla sua concorrente Panasonic FZ1000. I nuovi modelli offrono caratteristiche diverse: la II un sensore molto migliore che, insieme all’obiettivo f/2,8 a luminosità costante, la rende competitiva con le mirrorless Micro 4/3 e la III oltre a questo sensore anche uno zoom con maggiore escursione ed ancora abbastanza luminoso.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...