Canon PowerShot G16 e S120

PS_G16_creative_FSR_BEAUTYPS_S120_BLK_02_slim_BEAUTYCanon ha presentato oggi due nuove compatte PowerShot, la G16 che prosegue la nota serie G e la S120 anche questa nuovo modello della serie S supercompatta. Entrambe condividono il sensore CMOS da 1/1,7″ e 12 Mpx, l’elaboratore d’immagine Digic 6 e la connettività Wi-Fi. La G16 ha uno zoom 5x 28-140 mm equivalente f/1,8-2,8 e dispone anche di un piccolo mirino ottico. La S120 prosegue la linea di corpi supercompatti delle precedenti S e dispone di un obiettivo zoom 5x 24-120 equivalente f/1,8-5,7 con un leggero incremento di luminosità sulla precedente S110.
La G16 continua quindi la linea della fortunata serie di fotocamere G, compatte di classe elevata con sensori di dimensioni superiori alla media ed obiettivi di qualità, migliorandone le caratteristiche con la migliore qualità d’immagine del processore Digic 6 e una migliore velocità di messa a fuoco, oltre all’aggiunta della connettività Wi-Fi.
Sarà disponibile dalla fine di settembre al prezzo di 604 €.

La S120 migliora la precedente S110, che disponeva già della connettività Wi-Fi, con la migliore qualità del processore Digic 6 e un leggero incremento di luminosità dell’obiettivo che diventa un f/1,8-5,7 invece che f/2,0-5,9 del precedente modello.
Sarà disponibile da settembre al prezzo di 494 €.
Riporto il comunicato stampa Canon

__________________________________________________________________________________

Velocità e reattività eccezionali per le nuove Canon PowerShot G16 e PowerShot S120

Canon consolida la sua fortunata serie PowerShot con l’introduzione di PowerShot G16 e PowerShot S120, due nuove fotocamere compatte che dimostrano l’esperienza esclusiva di Canon nell’elaborazione delle immagini e nel progetto ottico
Costruiti per offrire un nuovo ed entusiasmante livello di qualità delle immagini e di prestazioni nella gamma delle compatte prosumer Canon, entrambi i modelli vantano un’impressionante velocità e reattività. Il loro cuore è costituito dal nuovo processore d’immagine Canon DIGIC 6, una potente unità di elaborazione che permette di ottenere immagini eccezionali. La potenza pura del processore DIGIC 6 consente di ampliare l’esperienza fotografica e scattare immagini mozzafiato in una grande varietà di situazioni complesse. HS System di Canon combina il processore DIGIC 6 e un sensore CMOS tipo 1/1.7 da 12,1 Megapixel ad alta sensibilità, per offrire immagini con una più ampia gamma dinamica, basso rumore ed elevato livello di dettaglio anche in condizioni di luce scarsa, grazie a una sensibilità fino a 12.800 ISO.
Offrendo maggiori velocità e prestazioni, entrambe le fotocamere sono dotate di scatto e funzionamento veloce e reattivo, con una raffica di scatto continuo fino a circa 9 fps1. I fotografi possono inoltre usufruire di un efficace miglioramento della velocità autofocus: PowerShot G16 è ora il 41% più veloce rispetto al suo predecessore, PowerShot G15, mentre la velocità AF di PowerShot S120 è il 50% più veloce rispetto al modello precedente, PowerShot S110. Dato sorprendente in quanto PowerShot G15 e S110 erano già notevolmente più veloci rispetto ai rispettivi modelli S e G precedenti.

PowerShot G16

PowerShot G16 è dotata di un obiettivo Canon super luminoso (f/1,8-2,8), sviluppato utilizzando vetro ad alta rifrazione e dotato di un rivestimento antiriflesso multiplo esclusivo, progettato per gestire specifiche lunghezze d’onda della luce su scala nanometrica. Il suo zoom ottico 5x offre un’incredibile versatilità, con un’apertura di f/1,8 alla focale grandangolare di 28 mm e un’apertura di f/2,8 alla massima focale di 140 millimetri. Ciò offre ai fotografi la libertà di riprendere in condizioni di scarsa illuminazione, impiegando tempi di posa veloci per congelare i movimenti anche quando si utilizza lo zoom ottico alla massima focale.
Caratterizzata dal tipico stile PowerShot serie G, G16 offre una serie di controlli manuali e un’eccellente maneggevolezza per l’uso quotidiano; il suo corpo in alluminio leggero e robusto la rende il complemento ideale ad una fotocamera reflex. Progettata per essere utilizzata rapidamente con una sola mano, la fotocamera ha una ghiera di controllo a due livelli, un pulsante video dedicato, una ghiera personalizzabile anteriore, una ghiera posteriore e un tasto di scelta rapida, che rende veloce e semplice l’accesso e la regolazione delle impostazioni della fotocamera tra uno scatto e l’altro. Inoltre, G16 è il primo modello PowerShot serie G a essere dotato di connettività wireless.
Le fotocamere PowerShot serie G sono spesso scelte dai fotografi esperti. Un recente sondaggio condotto sul sito Canon Professional Network2 ha rivelato che chi possiede una fotocamera della serie G, per l’83% la utilizza per fotografie personali e il 53% anche per scopi professionali. Questo risultato evidenzia la fiducia che i fotografi professionisti ripongono nella serie G, utilizzandola come fotocamera ausiliaria nel loro lavoro quotidiano, ma anche per catturare i loro momenti privati.

PowerShot S120

PowerShot S120 è la fotocamera più sottile al mondo e il primo modello della serie S a montare un obiettivo f/1,83. Lo zoom ottico 5x ultra-wide 24mm f/1,8 fornisce la flessibilità per acquisire una gran varietà di soggetti. L’obiettivo offre immagini nitide anche in condizioni di scarsa illuminazione, grazie alla sua ampia apertura. L’ultra-grandangolare da 24 millimetri è ideale per catturare vasti panorami, mentre la versatilità dello zoom 5x rende più facile avvicinare i soggetti, e in combinazione con la gamma di diaframmi, consente di scattare in tutte le condizioni di luce.
S120 prevede una serie di controlli manuali, dimostrando il perfetto equilibrio tra dimensioni e qualità d’immagine straordinaria. Le immagini possono essere condivise direttamente su dispositivi portatili e social network tramite il Wi-Fi e le impostazioni principali possono essere regolate in diversi modi, attraverso i tasti di controllo dedicati, il monitor LCD touchscreen da 7,5 cm (3,0”) o mediante l’anello di controllo sull’obiettivo, tipico della serie S. Tutto questo garantisce il pieno controllo da parte del fotografo.
Flessibilità creativa con il controllo manuale
Offrendo livelli di controllo simili alle reflex Canon EOS, entrambi i modelli sono stati progettati per consentire il pieno controllo manuale delle principali impostazioni di esposizione. Le fotocamere offrono anche lo scatto multi-aspect e il formato RAW per la massima libertà di composizione e di post-produzione.
Lo sviluppo di due nuovi filtri creativi – Star e Sfocatura Sfondo – così come le migliorate capacità HDR, incoraggeranno la creatività durante le riprese. In accoppiamento alla superba prestazione ISO in luce scarsa, la modalità Star, con tre diverse preselezioni – Star Nightscape, Star Trails e Star Film Time-lapse – permette agli utenti di fotografare un vivace cielo stellato. La nuova modalità Sfocatura Sfondo crea istantaneamente l’effetto di una profondità di campo ridotta sfocando automaticamente lo sfondo, mentre una migliorata modalità HDR garantisce la massima libertà potendo scattare a mano libera in modalità HDR.
Chiarezza d’immagine con stabilizzatore Intelligent IS
La celebre tecnologia Canon di stabilizzazione ottica dell’immagine, contrasta le vibrazioni della fotocamera sopprimendo l’effetto mosso nelle fotografie e l’instabilità nei video. Intelligent IS rileva automaticamente la situazione di scatto e applica la modalità di stabilizzazione d’immagine più appropriata scegliendo tra sette variabili preimpostate. Entrambi i modelli dispongono inoltre di una modalità avanzata Dynamic IS che opera su cinque assi riducendo il movimento tipico della fotocamera che in genere si verifica quando i filmati sono registrati mentre si cammina o ci si trova su un veicolo in movimento.
Sempre connesso
Il funzionamento Wi-Fi Canon disponibile su entrambi i modelli fa sì che le immagini possano essere condivise caricandole in modalità wireless direttamente sui social network quando si è connessi a Internet, o attraverso dispositivi portatili come smartphone e tablet. Le fotocamere supportano anche la codifica GPS tramite dispositivo mobile, consentendo di aggiungere agli scatti i dati relativi all’ubicazione, utilizzando l’applicazione dedicata di Canon per smartphone o tablet. La nuova funzione Image Sync salvaguarda comodamente le immagini più preziose. Gli utenti possono selezionare e inviare le immagini via Wi-Fi utilizzando Image Sync, che determina in modo intelligente il miglior metodo di backup dell’immagine, sia attraverso il cloud storage online4 sia su un PC registrato, per poi sincronizzarli automaticamente.
Filmati Full HD
PowerShot G16 e PowerShot S120 supportano il formato Full HD (1920 x 1080) 60p per la registrazione video con audio stereo, ideale per catturare video creativi di alta qualità. Con entrambe le fotocamere, lo zoom ottico può essere utilizzato durante la ripresa, mentre l’AF continuo garantisce soggetti sempre a fuoco. PowerShot G16 dispone di elaborazione Fine Detail Movie e riduzione del rumore avanzata a 60p, per la ripresa di filmati anche in condizioni di illuminazione difficili. Gli utenti possono anche mettere a fuoco manualmente prima della ripresa con la messa a fuoco manuale Focus Peaking che evidenzia le zone ad alto contrasto e facilitare una messa a fuoco di precisione. Per una maggiore compatibilità con smartphone e tablet, PowerShot S120 e PowerShot G16 registrano in formato MP4 e i filmati possono essere facilmente transcodificati in-camera, comprimendo la dimensione del filmato (fino al 88% in meno) per una condivisione semplice e veloce.
PowerShot G16 e PowerShot S120 saranno in vendita da fine settembre 2013 rispettivamente al prezzo indicativo suggerito al pubblico di 604 euro per PowerShot G16 e 494 euro per PowerShot S120.

1 PowerShot G16 può scattare con la funzione di scatto continuo a 12,2 fps per i primi 5 fotogrammi e poi 9.3 fps per ca. 522 fotogrammi. PowerShot S120 può scattare a 12,1 fps per i primi 5 fotogrammi e poi 9,4 fps per ca. 635 immagini. Per entrambi i modelli il numero totale di fotogrammi catturati varia a seconda del soggetto ripreso. È necessaria una scheda di memoria compatibile SDHC / SDXC UHS Speed Class 1.
2 Canon Professional Network è un sito web di Canon che offre ispirazione, educazione, informazioni sui prodotti e aggiornamenti Canon per fotografi e operatori video professionisti, oltre che per gli appassionati. 2919 utenti hanno risposto al sondaggio nel luglio 2013.
3 La fotocamera più sottile al mondo con un obiettivo f/1,8. Secondo uno studio Canon, alla data del 28 giugno 2013.
4 Compatibile con Flickr e CANON iMAGE GATEWAY. È necessario un account utente.

Caratteristiche principali PowerShot G16
o Luminoso zoom 5x grandangolare da 28 mm, f/1,8-2,8
o HS System: CMOS da 12,1 MP, DIGIC 6
o Intelligent IS con stabilizzazione video su 5 assi
o Scatti fino a 9,3 fps
o LCD da 7,5 cm (3,0 “); Mirino ottico
o Ghiera frontale, e controlli manuale, formato RAW
o Full HD (60fps)
o Wi-Fi, GPS via cellulare
o Modalità Star e Sfocatura Sfondo
o Vasta gamma di accessori
o Disponibile da fine settembre 2013 al prezzo indicativo suggerito al pubblico di 604 euro Iva inclusa

Caratteristiche principali PowerShot S120
o Obiettivo zoom 5x 24mm, f/1,8
o HS System: CMOS da 12,1 MP, DIGIC 6
o Intelligent IS con stabilizzazione video su 5 assi
o Scatti fino a 9,4 fps
o Touch Screen da 7,5 cm (3,0”)
o Anello di controllo sull’obiettivo, settaggi manuali e formato RAW
o Full HD (60fps)
o Wi-Fi, GPS via Cellulare
o Modalità Star e Sfocatura Sfondo
o Custodia impermeabile 40m opzionale
o Disponibile da fine settembre 2013 al prezzo indicativo suggerito al pubblico di 494 euro Iva inclusa

______________________________________________________________________________

 

G16

PS_G16_creative_FSR_BEAUTY

PS_G16_lens_sensor_digic_Perspective_TECHNICAL

PS_G16_BLACK_04_BACK_LCD_BEAUTY

PS_G16_BLK_01_size_BEAUTY

PS_G16_BLK_02_dial_BEAUTY

PS_G16_BLK_03_lens_BEAUTY

 

S120

PS_S120_BLK_02_slim_BEAUTY

PS_S120_BLK_01_top_LCD_BEAUTY

PS_S120_BLK_03_ring_BEAUTY

Annunci

3 pensieri su “Canon PowerShot G16 e S120”

  1. ciao Francesco,

    non credi che il mondo digitale in ambito di macchine fotografiche stia sempre piu orientandosi verso migliorie delle compatte che ovviamente salgono di prezzo e di qualità( si spera) e che le reflex tutto sommmato rimangano ferme li, con solo leggere migliorie tra un modello e l’altro anche dopo anni?

    è una strategia delle grandi marche o è la difficoltà di riuscire a migliorare la tecnologia che sta alla base delle reflex ( che ormai hanno raggiunto alti livelli), mentre le compatte essendo piuttosto scadenti fino a 2 anni fa hanno maggiori margini di crescita?

    angelo

    Mi piace

    1. Angelo,
      indubbiamente le compatte, piuttosto scadenti fino a pochi anni fa, hanno molta più possibilità di crescita anche perchè quelle economiche sentono molto la concorrenza degli smartphone (e tablet) che vengono ormai usati da molti per fotografare. L’unica strada che hanno per continuare a vendere è migliorare la qualità d’immagine, le funzionalità e l’ergonomia per differenziarsi. Per fare questo saranno dotate sempre di più di sensori di dimensioni più grandi e di obiettivi di qualità, anche se con zoom con estensione focale minore di quelle attuali, e di possibilità di regolazione e di funzionamento complete.
      Le reflex sentono la concorrenza delle mirrorless, ma solo per quanto riguarda peso e dimensioni, non certo per il prezzo, però i maggiori produttori, Canon e Nikon, sono molto condizionati da tutto quanto hanno prodotto fino ad ora, in particolare dei sistemi di obiettivi, che in buona parte sono dimensionati per le fullframe in quanto derivano dai precedenti sistemi a pellicola. L’avere voluto mantenere lo stesso innesto e buona parte del corredo obiettivi anche per le reflex APS ne ha condizionato le dimensioni ed il peso che oggi appare sproporzionato alle caratteristiche ed alla qualità ottenibile, in particolare in confronto alle migliori mirrorless. Mantengono però il vantaggio della velocità operativa e soprattutto di autofocus, anche se gli ultimi sviluppi dei sensori con pixel sdoppiati che consentono la messa a fuoco veloce a rilevamento di fase direttamente sul sensore potrebbero annullare questo vantaggio. Per ora il sistema è stato adottato parzialmente su alcune mirrorless Nikon di piccole dimensioni e, strano a dirsi, su una reflex Canon, la 70D, su cui serve per migliorare la velocità di messa a fuoco durante le riprese video. In futuro applicato sulle mirrorless più performanti potrebbe renderle concorrenziali con le reflex. Rimane a queste il vantaggio del mirino ottico, decisamente migliore di quello elettronico, specialmente nelle fullframe dove è più grande.
      Probabilmente i produttori di reflex sono in un momento di dubbio,. Infatti sulla reflex tradizionale c’è poco da migliorare, è già perfetta così dal punto di vista funzionale, in particolare nel caso delle fullframe. L’unica cosa su cui si potrebbe lavorare è sulle dimensioni e peso, condizionate però come detto dagli obiettivi, almeno per le APS. E’ difficile che i produttori riprogettino un sistema di obiettivi per le reflex APS con innesto diverso e dimensioni più ridotte nel momento in cui le mirrorless si stanno sviluppando grandemente. E’ più probabile che presentino anche loro delle macchine di questo tipo che garantiscono maggiori guadagni in quanto vendibili a prezzo uguale o superiore alle reflex, anche se costano meno, e che consentono di accontentare i clienti che richiedono minore peso e dimensioni, sostituendo pian piano le reflex APS. Le reflex sicuramente rimarranno per lungo tempo come fullframe, magari anche con modelli meno costosi di quelli attuali, per chi cerca la massima qualità, anche se le voci di mirrorless fullframe si fanno sempre più insistenti. Sarà difficile però per il futuro prossimo che siano disponibili mirrorless fullframe con corredi di obiettivi pari a quelli delle attuali reflex.
      Certo che se qualcuno riuscisse a produrre una reflex fullframe con le dimensioni di alcune reflex a pellicola del passato (che erano ovviamente fullframe) otterrebbe un grande risultato e farebbe contenti tanti appassionati come me che ancora le rimpiangono.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  2. Secondo me, un miglioramento di questa serie (G), la Canon lo farebbe, se reintroducesse lo schermo orientabile, avesse un obiettivo che come grandangolare partisse dal 24mm (sempre mantenendo la stessa luminosità), sensore da 16 megapixel, e soprattutto un sensore che come grandezza non sia il solito 1/1,7″, ma bensì un 2/3 come usa la Fuji sulle sue compatte premium.
    Così allora ci sarebbe il salto di qualità su questo tipo di macchina, ma così attualmente, mi pare che i modelli presentati di anno in anno, non introducano molte novità dal precendente.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...