Nikon V1 e J1

Nikon ha presentato oggi il suo nuovo sistema fotografico “1” comprendente due nuove fotocamere mirrorless e quattro nuovi oviettivi. Sono le Nikon V1 e Nikon J1. Entrambe adottano un nuovo sensore CMOS delle dimensioni di 13,2×8,8 mm, formato denominato CX da Nikon, con 10 Mpx e fattore moltiplicativo 2,7x. La V1 ha il corpo in lega di magnesio e il mirino elettronico. La J1, più economica e compatta non ha il mirino ma ha il flash incorporato. Entrambe dispongono di un sistema autofocus ibrido a rilevamento di fase e di contrasto, possono riprendere video full HD 1092×1080 pixel e fotogrammi in sequenza con una raffica di 10 fg/s con AF in funzione e di 60 fg/s bloccando l’AF. Inoltre possono riprendere video ad alta velocità, fino a 1200 fg/s per una visione rallentata.

Le caratteristiche principali delle due fotocamere, riprese dal sito Nital  www.nital.it sono.

V1

Tipo di fotocamera Fotocamera digitale con obiettivi intercambiabili
Innesto dell’obiettivo Baionetta 1-Mount Nikon
Angolo di campo effettivo Circa 2,7 x lunghezza focale dell’obiettivo (formato CX Nikon)
Pixel effettivi 10,1 milioni
Sensore di immagine Sensore CMOS 13,2 x 8,8 mm
Sistema di riduzione della polvere Vetro per sistema antipolvere
Dimensione dell’immagine (pixel) Immagini fisse (modo immagine fissa e Smart Photo Selector, proporzioni 3: 2) • 3.872 × 2.592 • 2.896 × 1.944 • 1.936 × 1.296 Immagini fisse (modo filmato, proporzioni 16: 9) • 3.840 × 2.160 (1080/60i) • 1.920 × 1.080 (1080/30p) • 1.280 × 720 (720/60p) Immagini fisse (modo Motion Snapshot, proporzioni 16:9) • 3.840 x 2.160
Formato file • NEF (RAW): 12 bit, compresso • JPEG: linea di base JPEG conforme a compressione Fine (circa 1: 4), Normal (circa 1: otto) o Basic (circa 1: 16) • NEF (RAW) + JPEG: singola foto registrata in entrambi i formati NEF (RAW) e JPEG
Sistema Picture Control Standard, Neutro, Vivace, Monocromatico, Ritratto, Paesaggio; modifica dei Picture Control selezionati; memorizzazione dei Picture Control personalizzati
Supporti di memorizzazione Card di memoria SD (Secure Digital), SDHC e SDXC
File system DCF (Design Rule for Camera File System) 2.0, DPOF (Digital Print Order Format), Exif (Exchangeable Image File Format for Digital Still Cameras) 2.3, PictBridge
Mirino elettronico mirino LCD TFT a colori da 0,47 pollici e circa 1440 k punti con controllo delle diottrie e regolazione della luminosità
Copertura dell’inquadratura Circa il 100% in orizzontale e in verticale
Distanza di accomodamento 15,7 mm (–1,0 m–1; dalla superficie centrale dell’obiettivo oculare del mirino)
Regolazione diottrica Da -3 a +1 m-1
Apertura diaframma A comando elettronico
Sensore di spegnimento monitor La fotocamera passa al display del mirino quando rileva che è in uso quest’ultimo
Modi di ripresa immagine fissa (3: 2), Smart Photo Selector (3 : 2), filmato (HD 16: 9, rallentatore 8: 3), Motion Snapshot (16 : 9)
Obiettivi compatibili Obiettivi 1 NIKKOR per baionetta 1-Mount
Tipo di otturatore Otturatore meccanico sul piano focale con scorrimento verticale e comando elettronico; otturatore elettronico
Tempo di posa • Otturatore meccanico: Da 1/4.000 a 30 sec. in step di 1/3 EV; posa B; posa T (richiede il comando a distanza ML-L3 opzionale) • Otturatore elettronico: Da 1/16.000 a 30 sec. con incrementi da 1/3; posa B, posa T (richiede il comando a distanza ML-L3 opzionale)
Tempo sincro flash • Otturatore meccanico: sincronizzato con otturatore su X=1/250 sec. o su un tempo più lungo • Otturatore elettronico: sincronizzato con otturatore su X=1/60 sec. o su un tempo più lungo
Modo di scatto • Fotogramma singolo, in sequenza • Meccanico, elettronico, elettronico (Hi) • Autoscatto, comando a distanza ritardato, comando a distanza rapido, riprese intervallate
Velocità di avanzamento dei fotogrammi • Elettronico (Hi): 10, 30 o 60 fps circa • Altri modi: fino a 5 fps (AF singolo o messa a fuoco manuale, esposizione auto a priorità di tempi (S) o manuale (M), tempo di posa di 1/250 di secondo o superiore; altre impostazioni ai valori predefiniti)
Autoscatto 2, 5 o 10 sec.
Modi comando a distanza Comando a distanza ritardato (2 sec.); comando a distanza rapido
Misurazione esposimetrica Misurazione esposimetrica TTL con sensore di immagine
Metodo di misurazione esposimetrica • Matrix • Ponderata centrale: misurazione effettuata in un cerchio di 4,5 mm al centro del fotogramma • Spot: misurazione effettuata in un cerchio di 2 mm sull’area di messa a fuoco selezionata
Modo Auto programmato con programma flessibile; auto a priorità di tempi, auto a priorità diaframmi, manuale, selezione automatica scene
Compensazione dell’esposizione Da -3 a +3 EV in incrementi di 1/3 EV
Blocco esposizione Luminosità bloccata al valore misurato tramite pulsante A (AE-L/AF-L)
Sensibilità ISO (indice di esposizione consigliato) ISO 100 – 3200 in step di 1/3 EV. Può anche essere impostata su circa 1 EV sopra ISO 3200 (equivalente a ISO 6400), disponibile il controllo automatico ISO (ISO da 100 a 3200, da 100 a 800, da 100 a 400)
D-Lighting attivo On, off
Autofocus Autofocus ibrido (AF a rilevazione di fase/a contrasto di fase); illuminatore ausiliario AF
Motore di messa a fuoco • Autofocus (AF): AF singolo (AF-S); AF continuo (AF-C); selezione automatica AF-S/AF-C (AF-A); AF permanente (AF-F) • Messa a fuoco manuale (MF)
Modo area AF AF a punto singolo, area AF auto, inseguimento del soggetto
Area di messa a fuoco • AF a punto singolo: 135 aree di messa a fuoco • Area AF auto: 41 aree di messa a fuoco
Blocco della messa a fuoco La messa a fuoco può essere bloccata premendo il pulsante di scatto a metà corsa (AF singolo) o il pulsante A (AE-L/AF-L)
AF con priorità al volto On, off
Controllo flash Controllo flash i-TTL con sensore di immagine disponibile con unità flash SB-N5
Modo flash Fill flash, sincro su tempi lenti, riduzione occhi rossi, sincro su tempi lenti con riduzione occhi rossi, sincro sulla seconda tendina, seconda tendina con sincro su tempi lenti
Compensazione flash Da -3 a +1 EV in incrementi di 1/3 EV
Indicatore di pronto lampo Si accende quando il flash esterno è completamente carico.
Bilanciamento del bianco Auto, incandescenza, fluorescenza, luce del sole diretta, flash, nuvoloso, ombreggiato, manuale predefinito, tutti eccetto l’impostazione manuale predefinita con regolazione fine
Misurazione esposimetrica filmato Misurazione esposimetrica TTL con sensore di immagine
Metodo di misurazione esposimetrica • Matrix • Ponderata centrale: misurazione effettuata in un cerchio di 4,5 mm al centro del fotogramma • Spot: misurazione effettuata in un cerchio di 2 mm sull’area di messa a fuoco selezionata
Dimensioni del fotogramma (pixel)/velocità di registrazione Filmati HD • 1.920 × 1.080/60i (59,94 campi/sec. *) • 1.920 × 1.080/30p (29,97 fps) • 1.280 × 720/60p (59,94 fps) Filmati a rallentatore • 640 × 240/400 fps (riproduzione a 30p/29,97 fps) • 320 × 120/1.200 fps (riproduzione a 30p/29.97 fps) Filmati registrati in modo immagine fissa 1.072 X 720/60p (59,94 fps) (riproduzione a 24p/23,976 fps) Motion Snapshot 1.920 X 1.080/60p (59,94 fps) (riproduzione a 24p/23,976fps)
Tempo massimo di registrazione 1080/60i (20 minuti), 1080/30p (20 minuti), 720/60p (29 minuti)
Formato file MOV
Compressione video Codifica video avanzata H.264/MPEG-4
Formato di registrazione audio AAC
Dispositivo di registrazione audio Microfono stereo incorporato o esterno opzionale ME-1; sensibilità regolabile
Monitor 7,5 cm (3 pollici), 921 k punti circa, LCD TFT con regolazione della luminosità
Funzioni di riproduzione Riproduzione a pieno formato e miniature (4, 9 o 72 immagini o calendario) con zoom in riproduzione, riproduzione filmato, slide show, visualizzazione degli istogrammi, rotazione automatica immagine e opzione di classificazione
USB USB ad alta velocità
Uscita video NTSC, PAL
Uscita HDMI Connettore HDMI mini-pin di tipo C
Slitta accessori Utilizzato per accessori determinati
Ingresso audio Jack stereo di tipo mini-pin (diametro di 3,5 mm)
25 lingue supportate Arabo, cinese (semplificato e tradizionale), ceco, danese, olandese, inglese, finlandese, francese, tedesco, greco, ungherese, indonesiano, italiano, giapponese, coreano, norvegese, polacco, portoghese, rumeno, russo, spagnolo, svedese, thailandese, turco, ucraino
Batteria Una batteria ricaricabile Li-ion EN-EL15
Adattatore CA Adattatore CA EH-5b; richiede il connettore di alimentazione EP-5B (acquistabile separatamente)
Attacco treppiedi (ISO 1222)
Dimensioni (L× A × P) Circa 113 × 76 × 43,5 mm, sporgenze escluse; spessore del corpo macchina (dall’innesto al monitor) pari a 36 mm
Peso Circa 383 g con batteria e card di memoria ma senza tappo corpo macchina; circa 294 g (solo corpo macchina)
Temperatura Temperatura: da 0 a 40 °C Umidità: inferiore all’85% (senza condensa)
Accessori in dotazione (possono variare per Paese o area geografica) Batteria ricaricabile Li-ion EN-EL15, caricabatteria MH-25, cavo USB UC-E6, cavo audio/video EG-CP14, cinghia AN-N1000, tappo corpo BF-N1000, copertura per slitta accessori BS-N1000, CD ViewNX 2/Short Movie Creator
Immagini fisse Circa 400, oppure 350 con SB-N5
Filmati Circa 120 minuti di sequenza HD a 1080/60i

Sarà disponibile in ottobre. Il prezzo con lo zoom 10-30 (27-81 equivalente) è di 899 $ in USA

J1

Tipo di fotocamera Fotocamera digitale con obiettivi intercambiabili
Innesto dell’obiettivo Baionetta 1-Mount Nikon
Angolo di campo effettivo Circa 2,7 x lunghezza focale dell’obiettivo (formato CX Nikon)
Pixel effettivi 10,1 milioni
Sensore di immagine Sensore CMOS 13,2 x 8,8 mm
Sistema di riduzione della polvere Vetro per sistema antipolvere
Dimensione dell’immagine (pixel) Immagini fisse (modo immagine fissa e Smart Photo Selector, proporzioni 3: 2) • 3.872 × 2.592 • 2.896 × 1.944 • 1.936 × 1.296 Immagini fisse (modo filmato, proporzioni 16: 9) • 3.840 × 2.160 (1080/60i) • 1.920 × 1.080 (1080/30p) • 1.280 × 720 (720/60p) Immagini fisse (modo iMotion Snapshot 16:9) • 3.840 x 2.160
Formato file • NEF (RAW): 12 bit, compresso • JPEG: linea di base JPEG conforme a compressione Fine (circa 1: 4), Normal (circa 1: otto) o Basic (circa 1: 16) • NEF (RAW) + JPEG: singola foto registrata in entrambi i formati NEF (RAW) e JPEG
Sistema Picture Control Standard, Neutro, Vivace, Monocromatico, Ritratto, Paesaggio; modifica dei Picture Control selezionati; memorizzazione dei Picture Control personalizzati
Supporti di memorizzazione Card di memoria SD (Secure Digital), SDHC e SDXC
File system DCF (Design Rule for Camera File System) 2.0, DPOF (Digital Print Order Format), Exif (Exchangeable Image File Format for Digital Still Cameras) 2.3, PictBridge
Modi di ripresa immagine fissa (3: 2), Smart Photo Selector (3 : 2), filmato (HD 16: 9, rallentatore 8: 3), Motion Snapshot (16 : 9)
Obiettivi compatibili Obiettivi 1 NIKKOR per baionetta 1-Mount
Tipo di otturatore Otturatore elettronico
Tempo di posa Da 1/16.000 a 30 sec. in step da 1/3 EV; posa B, posa T (necessario comando a distanza opzionale ML-L3)
Tempo sincro flash sincronizzato con l’otturatore su X=1/60 di sec. o su un tempo più lungo
Modo di scatto •Fotogramma singolo, in sequenza, Elettronico (Hi) •Autoscatto, comando a distanza ritardato, comando a distanza rapido, riprese intervallate
Velocità di avanzamento dei fotogrammi • Elettronico (Hi): 10, 30 o 60 fps circa • Altri modi: fino a 5 fps (AF singolo o messa a fuoco manuale, esposizione auto a priorità di tempi (S) o manuale (M), tempo di posa di 1/250 di secondo o superiore; altre impostazioni ai valori predefiniti)
Autoscatto 2, 5 o 10 sec.
Modi comando a distanza Comando a distanza ritardato (2 sec.); comando a distanza rapido
Misurazione esposimetrica Misurazione esposimetrica TTL con sensore di immagine
Metodo di misurazione esposimetrica • Matrix • Ponderata centrale: misurazione effettuata in un cerchio di 4,5 mm al centro del fotogramma • Spot: misurazione effettuata in un cerchio di 2 mm sull’area di messa a fuoco selezionata
Modo Auto programmato con programma flessibile; auto a priorità di tempi, auto a priorità diaframmi, manuale, selezione automatica scene
Compensazione dell’esposizione Da -3 a +3 EV in incrementi di 1/3 EV
Blocco esposizione Luminosità bloccata al valore misurato tramite pulsante A (AE-L/AF-L)
Sensibilità ISO (indice di esposizione consigliato) ISO 100 – 3200 in step di 1/3 EV. Può anche essere impostata su circa 1 EV sopra ISO 3200 (equivalente a ISO 6400), disponibile il controllo automatico ISO (ISO da 100 a 3200, da 100 a 800, da 100 a 400)
D-Lighting attivo On, off
Autofocus Autofocus ibrido (AF a rilevazione di fase/a contrasto di fase); illuminatore ausiliario AF
Motore di messa a fuoco • Autofocus (AF): AF singolo (AF-S); AF continuo (AF-C); selezione automatica AF-S/AF-C (AF-A); AF permanente (AF-F) • Messa a fuoco manuale (MF)”
Modo area AF AF a punto singolo, area AF auto, inseguimento del soggetto
Area di messa a fuoco • AF a punto singolo: 135 aree di messa a fuoco • Area AF auto: 41 aree di messa a fuoco
Blocco della messa a fuoco La messa a fuoco può essere bloccata premendo il pulsante di scatto a metà corsa (AF singolo) o il pulsante A (AE-L/AF-L)
AF con priorità al volto On, off
Flash incorporato Flash incorporato:aperto facendo scorrere il pulsante di espulsione del flash
Numero guida Circa 5 (m, ISO 100, 20°C)
Controllo flash Controllo flash i-TTL con sensore di immagine disponibile
Modo flash Fill flash, sincro su tempi lenti, riduzione occhi rossi, sincro su tempi lenti con riduzione occhi rossi, sincro sulla seconda tendina, seconda tendina con sincro su tempi lenti
Compensazione flash Da -3 a +1 EV in incrementi di 1/3 EV
Indicatore di pronto lampo Si accende quando il flash incorporato è completamente carico.
Bilanciamento del bianco Auto, incandescenza, fluorescenza, luce del sole diretta, flash, nuvoloso, ombreggiato, manuale predefinito, tutti eccetto l’impostazione manuale predefinita con regolazione fine
Misurazione esposimetrica filmato Misurazione esposimetrica TTL con sensore di immagine
Metodo di misurazione esposimetrica • Matrix • Ponderata centrale: misurazione effettuata in un cerchio di 4,5 mm al centro del fotogramma • Spot: misurazione effettuata in un cerchio di 2 mm sull’area di messa a fuoco selezionata
Dimensioni del fotogramma (pixel)/velocità di registrazione Filmati HD • 1.920 × 1.080/60i (59,94 campi/sec. *) • 1.920 × 1.080/30p (29,97 fps) • 1.280 × 720/60p (59,94 fps) Filmati a rallentatore • 640 × 240/400 fps (riproduzione a 30p/29,97 fps) • 320 × 120/1.200 fps (riproduzione a 30p/29.97 fps) Filmati registrati in modo immagine fissa 1.072 X 720/60p (59,94 fps) (riproduzione a 24p/23,976 fps) Motion Snapshot 1.920 X 1.080/60p (59,94 fps) (riproduzione a 24p/23,976fps)
Tempo massimo di registrazione 1080/60i (20 minuti)、1080/30p (20 minuti)、720/60p (29 minuti)
Formato file MOV
Compressione video Codifica video avanzata H.264/MPEG-4
Formato di registrazione audio AAC
Dispositivo di registrazione audio Microfono stereo incorporato; sensibilità regolabile
Monitor 7,5 cm (3 pollici), 460 k punti circa, LCD TFT con regolazione della luminosità
Funzioni di riproduzione Riproduzione a pieno formato e miniature (4, 9 o 72 immagini o calendario) con zoom in riproduzione, riproduzione filmato, slide show, visualizzazione degli istogrammi, rotazione automatica immagine e opzione di classificazione
USB USB ad alta velocità
Uscita HDMI Connettore HDMI mini-pin di tipo C
25 lingue supportate Arabo, cinese (semplificato e tradizionale), ceco, danese, olandese, inglese, finlandese, francese, tedesco, greco, ungherese, indonesiano, italiano, giapponese, coreano, norvegese, polacco, portoghese, rumeno, russo, spagnolo, svedese, thailandese, turco, ucraino
Batteria Una batteria ricaricabile Li-ion EN-EL20
Adattatore CA Adattatore CA EH-5b; richiede il connettore di alimentazione EP-5C (acquistabile separatamente)
Attacco treppiedi (ISO 1222)
Dimensioni (L x A x P) Circa 106 x 61 x 29,8 mm, sporgenze escluse
Peso Circa 277 g con batteria e card di memoria ma senza tappo corpo; circa 234 g (solo corpo macchina)
Temperatura Temperatura: da 0 a 40 °C/umidità: inferiore all’85% (senza condensa)
Accessori in dotazione (possono variare per Paese o area geografica) Batteria ricaricabile Li-ion EN-EL20, caricabatteria MH-27, cavo USB UC-E6, cavo audio/video EG-CP14, cinghia AN-N1000, tappo corpo BF-N1000, CD ViewNX 2/Short Movie Creator
Immagini fisse Circa 230
Filmati Circa 70 minuti di sequenza HD a 1080/60i

Sarà disponibile in ottobre. Il prezzo è con lo zoom 10-30 649 $ in USA.

I nuovi obiettivi con innesto “1” disponibili sono:

– 10-30 mm f/3,5-5,6 VR stabilizzato equivalente ad un 27-81

– 30-110 mm f/3,8-5,6 VR stabilizzato equivalente ad un 81-297, 249 $ in USA

– 10-100 mm f/4,5-5,6 VR Power Zoom stabilizzato equivalente ad un 27-270, adatto per il video, 749 $ in USA

– 10 mm f/2,8  “pancake”,  29 $ in USA

Sono inoltre disponibili:

– flash SB-N5 Speedlight adatto solo per la V1, 149 $ in USA

– ricevitore GPS GP-N100 GPS adatto solo per la V1, 149 $ in USA

Il nuovo sistema Nikon “1” e le due nuove V1 e J1 sono molto interessanti. Ci si può chiedere perchè Nikon abbia scelto un sensore abbastanza piccolo per la sua mirrorless. Ovviamente si possono solo fare supposizioni, ma c’è da considerare che a differenza dei produttori di elettronica, Panasonic, Samsung, Sony e anche di Olympus, Nikon ha un grosso mercato da difendere, quello delle reflex da cui proviene la maggior parte dei suoi guadagni. Le 1 si differenziano abbastanza dalle reflex anche come formato del sensore per non far pensare che Nikon voglia abbandonare lo sviluppo delle reflex. Inoltre costituiscono un ponte (bridge!) fra le reflex e le compatte, offrendo una qualità e flessibilità maggiore delle compatte, senza andare a sostituirsi alle reflex. Inoltre con questa mossa Nikon ha scompigliato un po’ il mercato che ora si trova con tre o quattro tipi diversi di formato per le mirrorless e questo va a suo vantaggio.

Le nuove V1 e J1 sembrano quindi molto interessanti per chi cerca una fotocamera leggera e compatta da affiancare alle reflex per usarla nelle occasioni in cui preferisce avere solo una fotocamera leggera e quasi tascabile. Sono però altrettanto interessant, specialmente la J1, per chi viene dalle compatte ma vuole migliorare la qualità delle sue foto, senza troppe complicazioni.

Sono molto interessato a provarle e spero di riuscirci presto, in particolare mi interessa l’autofocus ibrido e la funzione Motion Snapshot.  C’è anche da capire quanto incida nelle dimensioni e nella portabilità l’avere adottato un sensore più piccolo. A giudicare dalle dimensioni dichiarate c’è poca differenza con le Olympus E-PM1 e Panasonic GF3, mentre la differenza è molto maggiore con le Samsung NX200 e Sony NEX-7. Sarà anche importante verificare le differenze a livello di qualità d’immagine.
Anche queste fotocamere infine sono tascabili, in particolare la J1, solo con l’obiettivo pancake montato, altrimenti è necessario portarle in una borsa, seppure piccola.

V1

J1

Obiettivi

10 mm "Pancake"
10-30 VR
30-110 VR
10 100 VR Power Zoom

Flash

Annunci

45 pensieri su “Nikon V1 e J1”

  1. A quel prezzo meglio orientarsi su una reflex base per maggiore qualità sacrificando di poco la portabilità oppure sulla Olympus che rimane ad oggi il miglior compromesso dimensioni/prestazioni. A una manca il mirino elettronico, all’altra il flash, questa continua corsa agli accessori e all’esborso di ulteriore euro mi ha stancato. Per me scaffale.

    Mi piace

  2. non ci trovo nulla di orginale sul segmento evil, dopo le economiche versioni olympus e panasonic, direi che l’unico progetto interessante è quello della Pentax Q con sensore piccolo e retroilluminato e stabilizzazione in macchina, ergo dimensioni contenute sul corpo e anche sulle ottiche

    c’è da considerare che le evil mettono fine non allo sviluppo delle reflex ma delle ottiche tele estremi (da 600mm in su), accoppiando ad un 500mm a questo sensore si ottiene già un crop equivalente ad un 1300mm

    Mi piace

    1. christian

      io invece trovo che questa evil almeno 1 novità importante la introduce…. Ed é unica nel segmento evil.
      Il rilevamento di fase!

      Per il resto ha buone caratteristiche ma nemmeno a me piace: nemmeno un pò.
      Vabbé a parte il fatto che é brutta da morire e non poi così piccola, non mi piace la dimensione del sensore.
      Provenendo da una bridge ormai la grandezza del sensore che accetto come “taglio minimo” é l’aps-c di nikon ( già quello di canon mi piace meno xché più piccolo)

      come evil opterei per una nex…. Bella la nex-7 come corpo, ma la la nex 5n sta suscitando sgomento in quanto bontà nelle migliorie apportate al “vecchio” sensore da16 mpx.
      Molto compatte e carine le 4/3…. Ma non mi piace molto la foto semi squadrata.

      Insomma scegliere la evil giusta é un gran casino ahahahahaha
      bisogna scendere a compromessi e prendere quella che soddisfa le esigenze di chi scatta.
      Eviterei in ogni caso la pentax q come la peste.

      Pareri personali ovviamente

      Mi piace

      1. fai male, la pentax è la prima ad usare sensori retroilluminati così prestanti, guadagna 2 stop rispetto alle compatte con pari sensore, questa evil della nikon a naso mi sa che sarà inferiore di 1 stop in resa rispetto alla Q

        sul rilevatore ibrido stile “fase” l’avevo già sentito, era ora, da qualche parte lessi che al tempo delle analogiche già questa soluzione fu usata (in pratica è una matrice che lavora in contemporanea e serve per la messa a fuoco, non è proprio uguale al rilevatore di fase classico, ma molto migliore rispetto al rilevatore di contrasto)

        le nex-7 non sono evil compatte, le uniche evil compatte sono le olympus che forniscono dimensioni contenute, stabilizzazione sul sensore e quindi dimensioni compatte delle ottiche, in sostanza solo la pentax si è messa a cercare il segmento ulteriore rispetto le olympus… poi queste nikon possono avere anche chissà quale qualità, ma resto convinto che il successo delle olympus sia in questi fattori:
        a) corpo contenuto (quindi massimo sensore 4/3)
        b) ottiche di dimensioni contenute (quindi stabilizzazione sul corpo)
        c) prezzo contenuto (500 euro circa e ci siamo)

        Mi piace

  3. ottime cosiderazioni.
    Ma va ricordato che un sensore troppo piccolo offre molta, troppa, profondità di campo.
    Con la q la vedo dura fare dei bei ritratti o foto macro con sfondi sfocati.

    Le nex sono grossette lo so…. Ma vedi… è questione di esigenze e basta.
    Per la compattezza lascerei sempre montato il 16mm pancake e basta.
    E me la tengo in tasca. Il giorno che voglio andare a fare foto particolari prendo gli ongombranti obiettivi.

    Come dicevo ad ognuno la sua.

    A francesco piacciono le 4/3
    a me le nex e a te la q : )

    perlomeno con questo proliferare di sensori e formati c’è scelta ahahah

    Mi piace

    1. Alberto,
      a me piacerebbe una bella evil fullframe, con un 35/2,8 fisso o al massimo uno zoom 2x 35-70.
      Le 4/3 di Olympus mi attirano perchè potrei montarvi gli obiettivi OM che ho.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

      1. ehehehehe
        vero… Una evil full frame sarebbe il massimo.
        Certo a prezzi umani… Mica quelli della leica m9 : /
        secondo me sony ci sta pensando su parecchio.
        Recentemente ha aperto un sondaggio per sapere come i consumatori vogliono la prossima full frame.
        E si parla anche di una possibilità di una evil….. Ma se il sondaggio parte ora non credo che la vedremo prima di 2 annetti…

        Mi piace

        1. Alberto,
          si ma grande come un pacchetto di sigarette! Altrimenti come macchina tascabile continuerò ad usare il Samsung Galaxy S Ii che non va affatto male.
          Ciao, Francesco

          Mi piace

          1. rinunciando ai video, alla raffica e ad un monitor grande si potrebbe anche fare, del resto anche l’elettronica e lo spazio per non surriscaldare troppo il sensore sono fondamentali (allo stato attuale)…
            insomma una fotocamera “classica” contenuta con le funzioni “classiche” di una fotocamera (soltanto foto e una alla volta)

            Mi piace

    2. no, non sono un amante della Q, valutavo i posizionamenti… le critiche sui piani sono corrette, ma pensa che la maggiorparte dei consumatori pensa che il tutto a fuoco sia una gran bella foto e sono i gusti a farla da padrona, non la tecnica 🙂
      se poi pensi che esistono software che si inventano i piani da una foto piatta, il gioco è presto fatto e tracciato.
      trovo che le pen siano il prodotto giusto e il successo lo dimostra

      Mi piace

  4. Mi fa ombra il piacere che mi procura la Olympus Epl-1 che ora ho fornito di mirino VF-3 di cui magari parlerò in altra occasione.
    Noto che il sensore Nikon ha una superficie meno della metà del quattroterzi (116 mmq contro 243) ed anche il fatto che sembra abbiano preso un sensore 4/3 tagliato a metà (13,2 x 8,8 contro 18 x 13,5 consideriamo che non tutto il sensore viene attivato in ambo i casi). Vedremo come hanno risolto il problema del rumore. Noto la mancanza di stabilizzazione “a bordo” e questa è una mancanza grave perchè così decide nikon quali obiettivi stabilizzare e quali no ed anche che gli obiettivi sono sempre debordanti rispetto al corpo macchina; brutto vizio generalizzato che, visto che le nostre mani non sono riducibili, rendono questi oggetti sempre più inafferrabili. Avesse fatto anche Nikon un sensore stabilizzato ed uno zoom standard collassabile (quell’ultimo Panasonic è imperdibile) per l’appassionato sarebbe stato un piacere. Per adesso sono a posto, grazie, aspetto il prossimo giro.

    Mi piace

    1. quoto in pieno, come detto poi sopra, fotocamera inutile nel segmento senza stabilizzazione sul sensore, si venderà soltanto perché dietro ad ottiche performanti questa crea un crop equivalente di focale *2,7

      Mi piace

  5. Avuto riguardo a tutto quello che è stato scritto, ed a fattore di sintesi, dico che una compatta mirrorless che realizzi le nostre aspettative ancora non l’ha inventata nessuno: anche secondo me c’è sempre qualcosa che manca, che stona o che si poteva fare meglio. Stiamo a vedere.

    Mi piace

    1. Fabio,
      interessante però il confronto dovrebbe essere fatto fra la Nikon J1 e non la V1 e la Olympus E-PM1. Infatti la V1 ha il mirino, mentre la E-PM1 non ce l’ha, come la J1.
      Non dispongo delle fotografie delle due macchine affiancate, ma le misure sono:

      ==> J1 106x61x30 mm e 277 grammi
      ==> E-PM1 110x64x34 mm e 263 grammi

      Considerando che il sensore CX misura 13,2×8,8 mm e quello Micro 4/3 13×17,3 mm cioè ha una superfice circa doppia è evidente che il sensore più piccolo non ha portato nessun vantaggio nella riduzione delle dimensioni del corpo.
      Anche per gli obiettivi la differenza è molto poca:

      ==> Nikon 10-30 57,5×42 mm e 115 grammi
      ==> Olympus 14-42 56,5×50 mm e 112 grammi
      ==> Nikon 10/2,8 55,5×22 mm e 77 grammi
      ==> Olympus 17/2,8 57×22 mm e 71 grammi
      ==> Nikon 30-110 60×61 mm e 180 grammi
      ==> Olympus 40-150 63,5×83 mm e 190 grammi
      ==> Nikon 10-100 Power Zoom 77×95 mm e 530 grammi (!?)
      ==> Olympus 14-150 63,5×83 mm e 280 grammi (non è però uno zoom motorizzato)

      Anche per gli obiettivi quindi non si ha nessun vantaggio dal sensore dimezzato nella grandezza.
      Il motivo per cui Nikon ha adottato questa dimensione è quindi evidentemente perchè non poteva o non voleva aderire al formato Micro 4/3 e non voleva nemmeno costruire una mirrorless con sensore APS per le loro dimensioni maggiori e per non dare fastidio alle proprie reflex, visto anche che i prezzi di vendita sono allo stesso livello.
      C’è anche da considerare che le Olympus a differenza delle Nikon “1” incorporano lo stabilizzatore sul sensore, rendendo stabilizzati anche tutti gli altri obiettivi con innesto differente, come gli Olympus OM, che vi si possono montare.
      Indubbiamente a questo punto continuo a preferire le Olymus PEN, a meno che il sensore Nikon CX e soprattutto il sistema AF ibrido delle “1” non rivelino prestazioni inaspettate.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

      1. Senza ombra di dubbio il sistema Olympus è preferibile e bisognerebbe fare i complimenti agli ingegneri per il corpo davvero compatto se raffrontato al sistema nikon. Il confronto Delle ottiche Nikon è perso anche con le ottiche Lumix di Panasonic per non parlare della profondità di campo.
        Mi chiedo a chi è rivolta questa fotocamera visto che il fotografo evoluto sa di queste cose e non la prenderà mai in considerazione mentre il fotografo amatoriale non ha di certo l’intenzione di spendere cifre simili raffrontata a tutte le possibili e migliori alternative presenti sul mercato.
        Un’idea ce l’ho, il mercato Giapponese.

        Mi piace

        1. Aspetto le prime prove approfondite ma le premesse danno poca speranza, è stata data anche poca priorità alle modalità PSAM. Sarò io che non capisco ma per portarmi appresso una fotocamera del genere allora continuo a preferire la mia benamata reflex 😉 eh si perché i vantaggi continuo a non vederli.
          ciao

          Mi piace

        2. stessa filosofia della Pentax (anche se diciamocelo sulla carta sto sensore sembra peggio, ma vedremo i test e le misurazioni) ossia: “i tele non si vendono più, costano, ingombrano e non sono richiesti, quindi facciamo delle evil che moltiplicano, ci costano 300 euro, le vendiamo a 700, ci guadagnamo 400 euro, ne vendiamo 10mila che fa 4 milioni di euro e ci guadagnamo di più che vendere 10 tele da 600 o 1200 che si piazzano a fatica

          Mi piace

      2. Ciao Francesco,
        la dimensione e il peso degli obiettivi si avvicina anche a quelli per reflex APSC. Provo a dare una chiave di interpretazione.

        Lo zoom motorizzato 10-100 è evidentemente specifico per i video: al momento non esistono videocamere o macchine fotografiche con sensori di tali dimensioni e con zoom motorizzati per il video. Il numero di pixel delle due fotocamere è chiaramente pensato per le riprese fullHD: infatti a 1920×1080 ogni pixel corrisponde esattamente a quattro pixel del sensore. La possibilità di microfono esterno, le numerose modalità di registrazione video, l’alta velocità, la messa a fuoco ibrida.

        Tutto fa pensare ad un primo passo di Nikon per entrare nel mercato delle videocamere consumer creando un prodotto innovativo dotato di alcune qualità che attualmente non si trovano disponibili tutte insieme in alcun prodotto:

        – sensore di dimensioni maggiori rispetto alle videocamere consumer attuali, e messa a fuoco ibrida (in concorrenza con Sony, che però ha puntato sul formato APSC con stabilizzazione sul sensore)

        – zoom motorizzato non presente sulle videocamere con sensori di grandi dimensioni e sulle fotocamere APSC che consentono i video

        – ghiera della messa a fuoco manuale, che non è presente sulle videocamere prosumer (in genere sulle Canon e Sony top di gamma con sensore piccolo, che hanno il motore dello zoom, c’è una rotellina di messa a fuoco piuttosto scomoda)

        – microfono opzionale esterno

        Francamente non credo che Nikon intenda limitarsi ad entrare come inseguitore nel mercato Evil (gesto scontato e anche un poco patetico), ma che intenda rubare un po’ di quei clienti disposti a spendere fino a 1000 euro per una videocamera prosumer e non vogliono acquistare una reflex.

        Simone

        Mi piace

        1. secondo me sei troppo buono 🙂
          direi che
          a) non hanno messo la stabilizzazioni sul sensore per non entrare in contraddizioni con le scelte fatte sulle reflex;
          b) l’hanno specializzata sul video e ok, ma poi per fare foto si finirà per prendere altro
          c) è stata tagliata proprio per croppare, anche quella specie di rilevatore di fase serve proprio a renderla efficiente a questo scopo

          Mi piace

          1. Ciao Christian,
            io sono passato da poco dalla stabilizzazione sul sensore di una bridge (Finepix HS10) alla stabilizzazione sull’ottica del Tamron 18-270: la mia impressione è che la loro efficiacia non sia paragonabile.
            Non ho capito il punto C, è stata tagiata solo per croppare? Scusa, sono al primo caffè… 🙂

            Simone

            Mi piace

  6. Posso chiedervi un consiglio qui? vorrei regalare una mirror less come prima macchina “seria”. Come vi sembra la olympus epl1? A 320 euro con un obiettivo 14 42 vi sembra onesto come prezzo? Grazie a tutti in anticipo

    Mi piace

    1. Ciao Enrico,
      mi sembra un’ottima scelta e un buon prezzo per una macchina nuova. Poiché non parli degli eventuali requisiti, ti elenco brevemente vantaggi e svantaggi di questa macchina.

      Vantaggi:

      – corpo compatto ma sensore di dimensioni molto superiori alle compatte/bridge: il formato 4/3 è grande quasi quanto i sensori APSC delle reflex base, e ne guadagna la qualità di immagine e la facilità di utilizzo: se le dimensioni sono una priorità allora è la scelta giusta
      – flash integrato, che altre mirrorless non hanno
      – possibilità di montare un obiettivo pancake (17 f2.8) per ottenere un ingombro minimo, oppure uno zoom tuttofare 14-150, e l’ottimo mirino elettronico aggiuntivo VF-2

      Svantaggi:

      – messa a fuoco lenta rispetto alle reflex: se una macchina “seria” per l’utilizzo che prevedi deve offrire una messa a fuoco veloce e l’ingombro non è troppo importante, è meglio una reflex base
      – i comandi e l’ergonomia possono essere scomodi, ma questo limite è condiviso con altre mirrorless e reflex base
      – obiettivi e accessori sono costosi: raggiungono e talvolta superano i prezzi degli obiettivi delle reflex, e il mirino VF-2 costa intorno ai 200 €. In questo caso la reflex base potrebbe essere un investimento migliore perché offre maggiori possibilità di passare a corpi macchina migliori mantenendo il parco di obiettivi e accessori

      Quindi ti suggerisco di valutare se sono più importanti le dimensioni e il prezzo, oppure caratteristiche come la velocità di messa a fuoco, la flessibilità e la possibilità di passare a corpi migliori: in quest’ultimo caso potresti pensare ad una Nikon D3100 o Canon 1100d che si trovano in kit con obiettivo 18-55 ad un prezzo che oscilla tra i 400 e i 450 euro. Queste hanno il mirino ottico, messa a fuoco molto più rapida per le foto sportive e un vasto parco di obiettivi che condividono con le sorelle maggiori fino al livello semiprofessionale (limitando gli acquisti agli obiettivi specifici per APSC) o professionali (acquistando obiettivi per full-frame, che tuttavia sconsiglierei di acquistare soltanto in previsione di un eventuale passaggio a macchine professionali). Oltre a Nikon D3100 e Canon 1100d, allo stesso prezzo si possono trovare Pentax K-r e Sony SLT-A33 con obiettivo 18-55, che offrono vantaggi simili ma in questo momento vantano minore successo.

      Simone

      Mi piace

    2. Enrico,
      il prezzo mi sembra ottimo.
      I pregi e i difetti te li ha elencati molto bene Simone.
      Se preferisci una macchina piccola e portatile la Olympus è una buona scelta, i risultati fotografici buoni e la praticità ottima. Per sfruttarla almeglio sarebbe però necessario aggiungervi anche l’eccellente mirino elettronico V-F1 che ne esalta notevolmente i pregi ma che costa da solo circa 200 €. Questo la fa arrivare al prezzo delle reflex che ti sono state consigliate.
      Vedi tu cosa vuoi fare.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

    3. Siete stati tutti e tre molto esaustivi e tempestivi nella risposta, grazie di cuore. Quelli che io intendo per macchina “seria” (e l’ ho messo fra virgolette apposta) non è sicuramente quello che intendere voi. Io vorrei regalare la macchina per sostituire l’utilizzo di una compatta ed avere quelle che un profano considera belle foto….. Poi se la cosa diventasse interessante allora su cambierebbe macchina. Quello che intendo e che non mi serve una ferrari, vorrei una bella audi per sostituire la station wagon….

      Mi piace

      1. Ciao Enrico,
        ho visto da poco su pixmania in offerta a metà prezzo 400€ la Olympus EP2, molto meglio di quella che hai scelto (sarebbero 70 euro in più ma li vale tutti).
        Se non ti interessano gli obiettivi intercambiabili puoi prendere in considerazione sempre del marchio Olympus il modello XZ-1, la qualità c’è tutta.

        Mi piace

  7. Oppure la panasonic lx5, una compatta che mi ha fatto impressione riguardo alla qualità; si trova a meno di 400 Euro e difficilmente fa rimpiangere le Evil

    Mi piace

  8. ciao,scusate per la domanda da ignorante,ma con questa macchina ci sono i controlli manuali,a me piace fotografare molto i live dei concerti o fotografie notturne,quindi con regolazione dei tempi di scatto e apertura,si può fare?grazie

    Mi piace

    1. Marco,
      fra le caratteristiche è indicato:
      “Modo Auto programmato con programma flessibile; auto a priorità di tempi, auto a priorità diaframmi, manuale, selezione automatica scene”,
      quindi ci sono anche i comandi manuali, la priorità dei tempi e dei diaframmi e la modalità automatica.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

    2. Ciao Marco,
      sì, in teoria si può fare. Ma è meglio aspettare a vedere come si comportano questi sensori, di dimensioni inferiori ad APSC e 4/3 ma superiori alle compatte premium, nella gestione del rumore.

      Simone

      Mi piace

      1. grazie per le risposte…io ho una bridge,e vorrei qualcosa con più qualità,avendo i comandi pasm,riesco a far qualche foto carina,e non vedendoli sulla ghiera di questa nikon che per la sua portabilità m’interessa,le reflex per il peso non le prenderei,ma questi nuovi formati m’interessano,stavo pensando anche ad una sony nex…aspetterò le recensioni per capirne di più….

        Mi piace

        1. sinceramente trovo le reflex entry level davvero compatte, non ho preso la d5100 perché mi sembrava troppo piccola e io ho le mani piccole 🙂
          poi all’epoca costava anche 200 euro in più di adesso 😀 ad onor del vero

          le nex le trovo totalmente prive di ergonomia, certo la nex7 è un bell’esemplare
          l’unica evil che consiglierei sono quelle di oly: compatte e con il sensore stabilizzato, tuttavia ha il solo rilevatore di contrasto per la messa a fuoco e questo vuol dire faticare in condizioni di minima luce

          Mi piace

  9. perdonate la mia ignoranza in materia per un entry level come me che vorrebbe entrare nel mondo della fotografia mi consigliate questa j1 o qualcos altro? grazie

    Mi piace

    1. Walter,
      la Nikon J1 è ottima e va benissimo per iniziare. Ci sono anche alternative ma visto che già sei orientato su una delle migliori vai pure tranquillo su questa.
      ciao, Francesco

      Mi piace

    1. Filippo,
      il 10 mm f/2,8 per Nikon 1 non ha una copertura sufficiente per un sensore più grande come quello della D3100. Oltretutto il suo tiraggio (la distanza fra la flangia d’innesto e il sensore) è molto più ridotto di quello delle reflex e quindi, anche se fosse possibile realizzare un anello adattatore, l’obiettivo penetrerebbe nel corpo macchina interferendo con lo specchio.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...