Fuji HS30EXR : impressioni

La HS30EXR è la terza versione delle bridge della serie H di Fuji. E’ un bridge molto completa con numerose funzioni speciali. La sua caratteristica di spicco è lo zoom 30x equivalente ad un 24-720 mm con comando manuale per la zoomata e la messa a fuoco. Ha un sensore retroilluminato CMOS EXR da 16 Mpx. Il mirino elettronico ha 921.000 pixel, mentre lo schermo, da 3″ e orientabile, ne ha 460.000. La raffica può arrivare a 11 fg/s. riprende video Full HD a 1920×1080 pixel.

La Fuji HS30EXR è un’evoluzione delle precedenti HS10 ed HS20, ma con numerosi miglioramenti.
Primo il sensore, ora un BSI CMOS, retroilluminato, con la tecnologia EXR di Fuji, con una dimensione di 1/2″ (leggermente più grande della media) e 16 Mpx.
La tecnologia EXR è illustrata nelle impressioni della Fuji X10. In sintesi il sensore può funzionare in tre modalità:

Modalità HR
Nella maggior parte delle situazioni la HS30EXR usa l’impostazione HR, utilizzando tutta la risoluzione del sensore. Questo avviene sia quando il selettore delle modalità non è posizionato su EXR, sia quando in EXR c’è abbastanza luce per ottenere risultati di qualità.

Modalità SN
In situazioni di luce scarsa la macchina può usare questa modalità, combinando due pixel insieme. In questo modo si dovrebbe migliorare il rapporto segnale/rumore, ottenendo però una foto da 8 Mpx.

Modalità DR
Anche in questa modalita la HS30EXR combina insieme due pixel. L’elettronica però legge alternativamente le linee di pixel, dalla metà dei pixel intenzionalmente sottoesposti che quindi catturano completamente le informazioni delle alte luci e da quelli esposti correttamente per le ombre. In questo modo le due informazioni possono essere fuse insieme e aumentare la gamma dinamica registrata. Il risultato sarà una foto da 8 Mpx ad alta dinamica.

La scelta di queste modalità può essere automatica o manuale.
L’altra caratteristica importante della HS30EXR è l’obiettivo, uno zoom 30x di focale 4,2-126 mm, equivalente ad un 24-720 mm, f/2,8-5,6. E’ lo stesso delle precedenti HS10 e HS20 ed ha dimostrato buone prestazioni. La stabilizzazione è sul sensore. Il comando dello zoom e la messa a fuoco sono manuali. La fotocamera è poi dotata di un mirino elettronico con 921.000 pixel, un notevole miglioramento rispetto alla HS20, con copertura del 97 %. Lo schermo è da 3″ con 460.000 pixel, orientabile verso l’alto o il basso, per agevolare le foto da queste angolazioni e per i video. La sensibilità Iso parte da 100 ed è stata saggiamente limitata a 3200, visti i pessimi risultati della HS10 a 6400. Si possono raggiungere però i 12.800 Iso a risoluzione ridotta. La messa a fuoco è a rilevamento di contrasto e può arrivare fino ad 1 cm dalla lente frontale. La raffica è molto veloce, fino a 11 fg/s. Può riprendere video in modalità Full HD a 1920×1080 pixel e 30 fg/s in formato H.264 o Mpeg4 con audio stereo e messa a fuoco anche manuale, a differenza della HS20. Ha anche la possibilità di effettuare riprese ad alta velocità, 80 160 e 320 fg/s, in formato ridotto e senza audio. Sopra l’obiettivo è presente anche una staffa per flash esterni. La HS30EXR è dotata di numerose funzioni speciali: panorama,

Il corpo della HS30EXR assomiglia a quello di una reflex. E’ un po’ più piccolo di quello della X-S1, ma non di molto. E’ sostruito in plastica, ma con buone finiture e una sensazione di solidità. I comandi hanno una disposizione che ricorda molto quella delle reflex Canon e Nikon.
Sulla parte superiore troviamo il pulsante di scattoo con coassiale l’interruttore di accensione. Dietro il pulsante per la compensazione dell’esposizione e quello per impostare le modalità di scatto (singolo, continuo). Dietru una ghiera per regolare le impostazioni a secondo dei modi di funzionamento, tempi, diaframmi, ecc.. Più al centro la manopola per impostare i modi di funzionamento: EXR che sceglie automaticamente la modalità EXR più adatta alla scena, Program, S (priorità tempi), A (priorità diaframmi), Manuale, poi una modalità utente, Panorama, tre funzioni speciali e video.
Posteriormente sulla sinistra dello schermo ci sono cinque pulsanti per impostare Iso, misurazione esposizione, autofocus, area AF e bilanciamento del biando. A destra del mirino il pulsante di commutazione fra questo e lo schermo. Poi a destra dello schermo il pulsante per la ripresa video e sotto quello per il blocco esposizione/autofocus. Sotto il pad a quattro vie per il flash, l’autoscatto la ripresa macro e una funzione a scelta, con al centro il pulsante per i menu e per conferma. Infine in basso un pulsante per la scelta delle informazioni nel mirino7schermo e uno per la revisione delle foto. Lo zoom e la messa a fuoco manuale si comandano con anelli sull’obiettivo.

Il mirino della HS30EXR è buono, non al livello della X-S1, ma nella media. Impugnando la macchina sembra per il resto di avere a che fare con una reflez. tutti i comandi sono ottimamente posizionati e facili da usare. La messa a fuoco su soggetti statici è abbastanza veloce, non ho provato su quelli in movimento, ma penso che non possa essere altrettanto efficace.

Anche in questo caso ho scattato varie foto a tutte le sensibilità possibili, partendo da 400 Iso, il minimo con la luce disponibile, per arrivare a 3.200 Iso. Le altre impostazioni erano Program e bilanciamento del bianco automatico. Le foto sono state salvate in raw e jpeg. Per la conversione delle foto raw ho usato Fuji Raw File Converter EX Powered by Silkypix. Pubblico sia le foto convertite con le regolazioni standard e la riduzione di rumore azzerata, sia quelle con applicata una riduzione di rumore di default, sia infine le jpeg provenienti direttamente dalla macchina.

Nelle foto da raw senza riduzione di rumoregià a 400 Iso si nota del rumore sotto forma di puntini colorati. Quelle con riduzione default non hanno rumore, ma si ha una perdita di nitidezza, mentre le jpeg direttamente dalla macchina lasciano un leggero rumore, ma conservano una nitidezza accettabile. Evidentemente le impostazioni di default del software Fuji sono con una riduzione di rumore troppo elevata e quindi sarà bene cercare un compromesso fra questa ela totale assenza di riduzione per la conversione delle foto raw. A 800 Iso aumenta un po’ e la situazione non cambia, ma i jped dalla macchina cominciano ad assumere un aspetto leggermente artificioso, con i contorni troppo netti per l’aumento dello sharpening. A 1600 Iso il rumore è elevato. Con la riduzione non si riesce completamente ad eleiminare e la foto è recuperata solo parzialmente; la nitidezza scade di molto sia in raw che in jpeg, anche se nella foto jpeg il rumore è ridotto solo a puntini scuri. A 3200 Iso il rumore è troppo elevato e con la riduzione sul raw non si riesce ad eliminarlo completamente. Sul jpeg dalla macchina è eliminato quasi completamente però al prezzo di eliminare tutti i dettagli, è come mettere un velo sulla foto. In questo caso la foto da raw con riduzione di umore è leggermente migliore della jpeg. In pratica quindi la HS30EXR può essere usata senza problemi fino a 400 Iso e a 800 con riserva se non se ne può fare a meno. C’è un miglioramento rispetto alla precedente HS10 che già a 200 Iso aveva problemi, ma siamo lontani dalle migliori, per non parlare nemmeno della X-S1 che è su un altro livello.

In conclusione la Fuji HS30EXr è una macchina ben costruita, con tutte le funzioni necessarie, comandi completi e facili da usare, con lo zoom manuale, un buon mirino e lo schermo orientabil, ripresa video HD e tante funzioni speciali. Purtroppo però la qualità d’immagine non è all’altezza del resto ne delle concorrenti, nonostante i miglioramenti rispetto ai modelli precedenti.

_____________________________________________

Passando il cursore sulle miniature si può vedere la sensibilità, cliccando si possono ingrandire.

Annunci

38 pensieri su “Fuji HS30EXR : impressioni”

  1. A livello di bridge, quindi, se si dovesse fare un paragone tra le fotocamere di questo livello e di questa fascia di prezzo, escludendo la SX-1 che si distingue nettamente (per intendersi quindi Sony HX100V e HX200V, Canon SX40, Panasonic Lumix FZ150, Fujifilm HS30, Nikon P510), quale sarebbe da preferire tra le fotocamere citate tra parentesi?? Intendo per qualità d’immagine complessiva…
    Pierre

    Mi piace

    1. Pierre,
      le migliori sono in ordine la Panasonic FZ150 e la Canon SX40HS, ma non ti aspettare nulla di più della qualità di una compatta da entrambe.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

      1. Ciao Francesco,
        fammi capire, con questa fascia di prezzo (300-400 euro) la qualità di immagine non raggiunge nemmeno quella delle reflex base nikon-canon-sony? Mi sembra assurdo, allora uno cosa paga?
        Non è polemica la mia, te lo chiedo per togliermi gli ultimi dubbi, dato che ho toccato tutti i modelli con mano e sia per controlli che per funzioni reputo la Fujifilm HS30 la migliore (poi leggo te che scrivi panasonic e canon e comincio a dubitare…).
        Se puoi essere più chiaro per cortesia, prima di affrontare la spesa vorrei capire come investire al meglio il mio denaro.

        Grazie per l\’assistenza che mi darai e per tutte le informazioni che puntualmente leggo sul tuo blog, veramente ben fatto.

        Marco M.

        Mi piace

        1. Marco,
          tutte le bridge hanno una qualità d’immagine inferiore alle reflex ed alle mirrorless. Questo è dovuto alle dimensioni del sensore, molto più piccolo delle reflex, che ha un rapporto segnale/rumore inferiore a tutte le sensibilità e agli obiettivi che, sia per le escursioni focali spropositate (30-40x) sia perchè il piccolo sensore necessiterebbe di una risolvenza elevatissima che questi non possono avere, sia per motivi di costo che di ingombro, non raggiungono la qualità di quelli per reflex e mirrorless.
          Le bridge però hanno molta attrattiva presso il pubblico a causa proprio dell’enorme escursione focale degli zoom e della forma esterna, simile alle reflex professionali e che fa credere che abbiano una qualità d’immagine migliore delle compatte. In realtà non è così ed i loro vantaggi sono solo lo zoom, la presenza del mirino (quasi sempre) e le regolazioni a priorità o manuali che non tutte le compatte hanno.
          Le reflex base ormai sono un prodotto maturo e collaudato, con un costo, se corredato dell’obiettivo base 18-55, non elevato e paragonabile a quello delle bridge più costose, ma con una qualità, in tutti i sensi ed aspetti, molto migliore.
          Infine fra le bridge che ho provato la migliore è risultata la Fuji X-S1, poi la Panasonic FZ150 e le altre. La HS30EXR ha un corpo molto valido, con zoom a regolazione manuale e schermo orientabile, ma come qualità d’immagine è solo nella media.
          Ciao, Francesco

          Mi piace

          1. Beh quel che cerco al di la del corpo che apprezzo è una qualità non dico sostituibile alle reflex base ma che almeno ci si avvicini.
            Detto da te che l’hai testata a fondo prendo atto, in questo caso, che a questo punto farei un errato acquisto, mosso solamente dall’estetica del prodotto (giammai!).

            Non conoscendo affatto le bridge ero straconvinto, chissà perchè, che una Nikon D3100 e questa fuji HS30exr fossero molto simili.

            Mi hai evitato un esborso inutile di denaro, ciò che mi allettava era avere una macchina senza fronzoli ne manutenzione che facesse un buon lavoro come secondo o terzo corpo, al di sopra di una normale compatta, da portare con se tutti i giorni, ma se non c’è qualità non credo che il gioco valga la candela.

            Resta, a mio gusto personale, la bridge con il miglior corpo, esclusa ovviamente la X-S1.

            Il mio “programma” era di acquistare a breve una Nikon D90 con 18-105 come primo corpo, questa HS30exr senza troppi fronzoli e più in là una D3200 per il sensore da 24 di cui parlano ottimamente, mi potrebbe tornare utile per stampe grande formato.
            Cosa ne pensi? Prendo lo stesso la HS30exr o con i soldi risparmiati ci prendo un bel 55-300 vr Nikon? 😉

            Fammi sapere,
            grazie!

            Marco

            Mi piace

            1. Marco,
              se avere due corpi macchina da usare contemporaneamente non ti è indispensabile perchè non prendi una D7000. Il suo sensore da 16 Mpx è intermedio fra quello ormai superato da 12 della D90 e quello della D3200 da 24, ma attualmente è uno dei migliori disponibili. Altrimenti potresti aspettare la sostituta della D7000 che non dovrebbe tardare molto.
              Nel frattempo prendi la Fuji HS30EXR per non rimanere senza fotocamera, così potrai valutarne la qualità reale. Come corpo macchina è sicuramente ben fatta e valida, peccto che il suo piccolo sensore non le permetta una qualità d’immagine adeguata. La X-S1 ha un corpo ancora migliore ed una migliore qualità. La proverò a breve per verificarla.
              Ciao, Francesco

              Mi piace

              1. La D7000 non la prendo perchè non vorrei fare il passo più lungo della gamba, per un principiante mi sembra troppo evoluta, pensavo di orientarmi in una via di mezzo tipo la Nikon D5100 che ha lo stesso sensore della D7000, certo non c’è doppio display, doppia ghiera, pentaprisma e mille altre cose, per prima reflex penso sia il must have con tutto quel che serve.
                Mi sono accorto che i prezzi super competitivi trovati in rete erano per via della garanzia europa, a questo punto mi ridimensiono come corpo macchina, mi affido ad un buon negoziante che si occupa solo di fotografia (giammai i centri commerciali) e di sicuro dormirò sonni più tranquilli.
                Più in là potrei seguire il tuo consiglio e migliorare acquistando un signor corpo semi-pro come la D7000 o suo successore.

                Nel frattempo sono senza fotocamera è vero ahah, mi sto però dando allo studio, consiglio “Reflex per tutti” di Michael Freeman, veramente ben fatto.

                La HS30 credo la prenderò ugualmente, mi piace troppo quella fotocamera, la mia compagna ha la Fujifilm S4200 e già è un altro mondo rispetto alle normali compatte.

                Se hai qualche consiglio in merito a queste mie nuove scelte benvengano, altrimenti ti ringrazio per tutto ed in bocca al lupo con il tuo blog, che seguo sempre 😉

                Mi piace

                1. Marco,
                  ottima la scelta della D5100. Ha meno funzioni e caratteristiche professionali della D7000, ma la qualità d’immagine è la stessa.
                  Prendi anche la HS30EXR, può essere uan buona scelta per fare foto in esterni e per sperimentare le differenze fra le bridge e le rflex.
                  Ciao, Francesco

                  Mi piace

                  1. Prenderò subito la HS30EXR, più in là, una volta preso confidenza con il full manual mi orienterò verso il mio primo corpo, che sarà o D90 o D5100.
                    Intanto sfrutterò la HS30EXR, considera che la mia prima compatta fu la nikon coolpix e2100 classe 2003 ed ora ho una “misera” Kodak Easyshare M1063 tutta automatica da 10 megapixel (non male ma mi va molto stretta), già dopo queste due il passo è notevole, non credi?

                    Ciao e grazie ancora!

                    Mi piace

  2. caro francesco ,
    leggo tutte le tue recensioni e le trovo ottime. leggo anche quelle di tutti gli altri che si possono trovare su internet e mi sembra impossibile che nessuno abbia notato nelle prove pratiche (a questo punto mi domando se sono state fatte veramente) che i raf della
    fuji HS30 caricate su rafconverter by silkpix danno 3248×2430 (come se il sensore venisse usato a 10 megapixel circa) e non 4608×3456
    come fa giustamente con i jpg. io scatto al 99% foto in raw e ho pagato per avere 16 megapixel.
    nel menu non trovo nessuna possibilità . cosa succede ?????
    spero che tu mi possa chiarire e ti ringrazio anticipatamente.
    giuseppe lugheri

    Mi piace

    1. Giuseppe,
      probabilemente hai impostato da menu una dimensione ridotta per le foto. E’ capitato anche a me qualche volta nelle prove delle fuji di impostarla senza accorgermene. Verifica sulle impostazioni della macchina di avere impostato la dimensione massima.
      Se non è così vuol dire che hai usato la macchina in EXR Auto e questa automaticamente ha scelto l’impostazione a risoluzione ridotta per il contenimento del rumore o per le foto ad alta dinamica.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

      1. caro francesco,
        capisco benissimo che tu non abbia sottomano una hs30 a disposizione ma ti posso garantire che quando si sceglie il RAW non c’e alcuna opzione disponibile nel menu per poter diminuire la dimensione della foto e se
        quello che dici potrtebbere essere giusto quando si usa l’EXR Auto ti assicuro che io ho rilevato quello che ho
        denunciato con P S A M . quello che speravo da te e che tu contattassi la fuji e dall’alto della tua autorevolezza tu ti facessi dire come mai succede questa cosa. sarebbe veramente incredibile che la HS30
        scattasse i raf a soli 10 milioni di pixel . io ho già fatto una email a fuji presentanto il problema ma non si è
        degnata di una risposta facendomi perciò pensare che si tratti di un problema reale.
        scusa il disturbo e spero di leggerti ancora.
        giuseppe lugheri

        Mi piace

          1. caro francesco,
            ti ringrazio per il tuo interessamento ma non ho proprio nessuna idea di come farti avere via email un file di
            24 mega e comunque te hai rafconverter by silkpix ?
            saluti lugheri giuseppe
            p.s. io penso che la cosa migliore sarebbe che tu ottenessi una risposta in merito da fuji.
            provaci, per favore.

            Mi piace

          2. Simone,
            come potrai leggere nella mia risposta a Giuseppe il problema è un’indicazione errata di Raw File Converter EX.
            Ciao, Francesco

            Mi piace

        1. Giuseppe,
          non ho una Fuji HS30EXR disponibile al momento, ma ho numerose foto raw scattate con questa e con altre Fuji. La tua osservazione mi ha incuriosito e sono andato a controllarele.
          Inizialmente le ho aperte con Raw File Converter EX, la versione per Fuji di Silkypix Developper fornita con le fotocamere. Guardando i dati exif la grandezza risulta di 3248×2436 pixel, cioè 8 Mpx. Questo però non è compatibile ne con le dimensioni dei file, circa 24 Mb ciascuno, ne con le dimensioni delle foto jpeg,4608×3456 pixel, ottenute con le impostazioni di default del programma. Poichè la cosa si verificava anche con le foto provenienti dalla X-S1, dalla X-10 e dalla F770 mi è sembrata molto strana. Ho aperto allora i file raw con Lightroom 4.1 RC e questo mi ha indicato per i raw provenienti dalla HS30EXR la dimensione corretta di 4608×3456 pixel.
          La conclusione è che si tratta di un errore di Raw File Converter EX che indica delle dimensioni sbagliate per le foto. Questa è eventualmente la segnalazione che dovrebbe essere fatta a Fuji.
          Ciao, Francesco

          Mi piace

          1. ho scaricato la demo di lightroom 4 e ho visto che è proprio come dici te.
            è sicuramente un errore di programmazione di rawconverter by silkpix.
            ti ringrazio sentitamente e come speravo quando ti ho contattato sei stato all’altezza della fama.
            grazie !!!!!!
            p.s. sempre relativamente alla HS30 sai come si puo vedere quale firmware ho sull’apparecchio?
            ho visto che è uscito um nuovo firmware ma non so se la mia e’ da aggiornare.
            nel menu non c’è ne è traccia .
            grazie.

            Mi piace

    1. Nicol,
      le bridge sono tutte fotocamere ad obiettivo fisso, ma con un’escursione focale di 30x da 24 a 720 mm equivalente è difficile che ti serva qualche altra focale. Se fosse così però dovresti prendere una reflex o mirrorless che hanno gli obiettivi intercambiabili.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  3. Ciao Francesco, ti ringrazio per le informazioni utilissime. Sono in procinto di acquistare una bridge e secondo quanto finora avevo capito, il sensore EXR di fujifilm rende comunque superiore alla media (oltre che per dimensione leggermente più grande del sensore) la HS30 rispetto alle varie Panasonic FZ150 o Sony HX200V…. Ora però tu dici che qualità di immagini non è all’altezza delle concorrenti e che sono meglio queste…. non capisco più nulla! Fino ad ora i pareri che avevo sentito dicevano esattamente il contrario (tanto che ad oggi la mia scelta si stava limitando tra HS30 e SX-1 (di cui l’unica cosa che mi farebbe desistere è la pesantezza da portare in giro un giorno intero).
    Grazie ancora per le info. Ciao
    Francesca

    Mi piace

    1. Francesca,
      fra la Fuji X-S1 e la HS30EXR c’è una sensibile differenza in termini di qualità d’immagine a causa del sensore più grande della X-S1. In termini di dimensioni e peso invece le differenze sono minori in quanto nessuna delle due è un peso piuma. Hanno comunque alcuni vantaggi quali lo schermo orientabile e lo zoom a comando manuale.
      Fra le Bridge che ho provato la migliore globalmente è proprio la X.S1, seguita dalla Panasonic FZ150. La HS30EXR è un po’ inferiore alla Panasonic, anche se rispetto alle sue precedenti versioni, HS10 e 20, ha migliorato parecchio grazie al suo nuovo sensore EXR, presente però anche sulla X-S1 in dimensioni maggiori..
      La Sony tutto sommato mi sembra sullo stesso livello, ma un po’ inferiore alla Panasonic.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

    2. sono possessore di una HS30 dopo aver avuto la 10 e la 20 fortunatamente sostituite con una ottima valutazione dell’usato.
      ringrazio francesca per avermi dato l’opportunità di parlarne.
      io sono molto contento dei risultati che ottengo con raw P e 100 iso (chiarendo che in sede di sviluppo aumento leggermente le ombre e diminuisco
      leggermente le luci). io guardo i miei scatti su un monitor 32” ful hd , quindi vedo circa un 40×60 e ti posso assicurare che fino a quel punto la HS30 non ha da invidiare macchine più costose. E’ chiaro che se clicco nella foto e ottengo un ingrandimento di 3x l’immagine perde parecchio (io uso fastone image wiever 4.1 che consiglio assolutamente sia per la qualita visiva che per le possibilità di correzione. attenzione a non correggere i raw
      perche altrimenti li lavora a bassa risoluzione, ma va benissiomo con i jpg)(e tra le correzioni c’è anche ” luci e ombre” che si trovano solo in software come photoshop o lightroom) (attenzione che anche raf file converter by silckpick ha il difetto di visualizzare i raf in bassa risoluzione ,ma
      quando li trasforma in jpg li da in alta risuzione)
      purtroppo i tecnici fuji hanno rimpinzato la macchina di ottimi (sulla carta) software che in pratica sono inutilizzabili perche la macchina ricorre quasi sempre all’uso di 400 iso che nel mio 40×60 rovina l’immagine con un notevole rumore. l’unico che si salva e da notevoli risultati e lo scatto multiplo fuso in un solo fotogramma per combattere il rumore, ma si può usare solo per foto statiche come l’interno di una chiesa.
      e io uso luci e ombre proprio perchè HS30 ha l’aiuto dell’ampliamento della gamma dinamica solo quando può impostare almeno 400 iso.
      trovo assolutamente importantissima la regolazione dello zoom tramite la ghiera sull’obbiettivo che permette regolazioni precise e veloci nell’inquadratura a differenza delle levettina elettronica di tutte le altre compatte e superzoom con la quale o stringi troppo o allarghi troppo ed è difficilissimo trovare la posizione precisa. è molto buono anche il mirino elettronico (migliore di altre superzoom) e utilissimo quando c’è troppa luce ambiente mentre trovo assolutamente negativo lavorare con le compatte che ne sono generalmente prive.
      molto utile è anche il visore inclinabile in alto e in basso.
      anche io (e forse me ne sono un pò pentito) ho rinunciato alla X-S1 per il peso. ho pensato che a quel punto tanto valeva uscire con la reflex anche
      se lo zoom meraviglioso della fuji era un punto a suo favore.
      a proposito dello zoom non facendo io caccia fotografica trovo che nel 99% delle foto un bel 24 200 è più che sufficente . comunque proprio per prova ho fatto anche foto di particolri anche molto lontani e trovo che se c’è una discreta luminosità che ti permetta magari come minimo un 500millesimo i risultati in termini di nitidezza sono ottimi. e si parla di un 720 5.6.
      valutazione finale : POSITIVA
      vai con 100iso e program e sarai felice dei risultati.
      saluti
      giuseppelugheri@g.mail.com

      Mi piace

  4. rileggendo il mio ultimo intervento ho l’impressione che qualcuno penserà : ma guarda questo scemo che con una macchina zeppa di software usa P e 100iso . Ho 73 anni e sono fotoamatore da 45 anni. per quasi 40 anni ho usato l’analogico. il 90% delle mie foto le ho scattate con il favoloso Kodacrome 64 . quindi è nel mio dna di vecchio fotografo non esaltare gli alti iso. oggigiorno la prima caratteristica che deve avere una macchina e la resa agli alti iso. non sono contrario al progresso, ben venga il sensore che dia a 6400 iso la resa odierna di un 100 iso ma non dimentichiamoci che milioni di fotografi hanno scattato milioni di bellissime fotografie con il 100 iso (che tra l’altro oggi con lo stabilizzatore, anche volendo essere pessimisti che ti dia solo 2 stop di vantaggio, è come avere un 400iso.
    un sogno ai nostri tempi. anche allora c’era chi usava 800asa e 1600asa con tutta quella bella grana che si diceva Arte. a me faceva schifino! ) quello che mi dispiace nella hs30 (che non mi ricordo cosi invadente nella hs20) è il ricorso continuo agli alti iso in auto.
    con la mia reflex tengo auto 100 1600 ben certo che la macchina si stacca da 100 solo in condizioni estreme , solo quando proprio non puo farne a meno. considerando che lo scopo di una macchina deve essere quello di portare a casa buoni scatti non ritengo così infamante l’uso del 100iso con P (o anche A è molto utile anche se con il sensore piccolo c’è poca soddisfazione a giocare con il diaframma) rinunciando a tutti i bei giochini di cui i tecnici fuji hanno imbottito la macchina. a questo proposito sarebbe bellissima la funzione dei fotogrammi registrati prima e dopo lo scatto se non fosse che mentre aspetti che il gabbiano prenda il volo passati un certo numero di secondi la macchina scatta da sola .
    saluti

    Mi piace

    1. Ciao Giuseppe,
      a mio figlio ho passato la HS10 quando ho acquistato la D5100 (con Tamron 18-270 perché mi piace lo zoom, anche se non lo uso…). Ha imparato pian piano ad usare quasi tutte le impostazioni manuali e semi-manuali (ha 8 anni), stramaledicendo talvolta la lentezza, ma divertendosi moltissimo e scattando anche delle buone foto. Con il Raw e Silkypix o Rawtherapy dalla HS10 si tirano fuori immagini molto migliori di quelle generate in Jpeg: spesso occorre abbassare il contrasto, recuperare un poco le ombre e le luci (capisco che nel jpeg possa andare perduto uno stop, ma tre o quattro mi sembrano eccessivi!) e rendere meno invadente la riduzione del rumore. Questa è una disgrazia, perché per registrare una foto in Raw la macchina impiega fino a 4 secondi anche con le schede SD più veloci!
      A parte i limiti, e il fatto che le motivazioni mie e di mio figlio possano essere diverse dalle tue, mi è piaciuto leggere questa tua valutazione accurata della HS30 e riconoscere alcuni limiti e alcune soddisfazioni che abbiamo riscontrato anche io e mio figlio nella HS10. Grazie Giuseppe,

      Simone

      Mi piace

      1. ciao simone,
        mi ha fatto piacere che tu abbia letto la mia critica.
        ma se tu avessi letto bene nel mio primo commento ho detto chiaramente che io scatto in raw P e 100iso.
        ho mancato di dire che scatto esclusivamente in raw.
        e la hs30 è molto più reattiva (grazie anche ad una sdhc classe 10)
        invidio molto tuo figlio che a 8 anni scatta foto con una hs10. io ho cominciato a 27 anni con una comet bencini.
        come sono cambiati i tempi.!
        saluti.

        Mi piace

        1. Ciao Giuseppe,
          avevo capito che scatti in P a iso 100 e so che la HS30 è più reattiva. Non mi sono dilungato ma ho capito che quello poteva essere uno dei motivi per cui hai sostituito la HS10. Ho seguito il discorso sugli ottimi software inefficaci nella pratica.

          Credo che una Sony SLT con schermo inclinabile (come quello della serie HS) o una Canon o Nikon con schermo orientabile e obiettivo 18-135 o 18-200 sarebbero un’ottima alternativa alla X-S1.

          Una bridge come quelle della serie HS ha alcuni pregi: quando mio figlio ha iniziato a prenderla in mano aveva 6 anni e non mi sentivo di affidargli una reflex. Però ha gradito l’aspetto professionale, la possibilità di montare i filtri e il flash esterno. Il prezzo pagato allora era relativamente alto a 360 euro, ma immagino che una Comet Bencini costasse di più in rapporto allo stipendio, e con la fotografia elettronica i costi dello sviluppo sono quasi nulli. Altri tempi. Se ti può consolare, mio figlio non ha la televisione (quando è a casa del papà). In compenso ha l’iPad (quando è dalla mamma)…

          Simone

          Mi piace

  5. Salve a tutti…e grazie per le info che date a noi neofiti dello scatto! Sono in procinto di acquistare una bridge e finora ero convinto della Canon SX40, ieri andando in un centro ho trovato l’addetto al reparto fotografia che mi ha rinnovato il dilemma su quale macchina prendere!!! infatti mi ha consigliato la HS30 prima della SX40, la panasonic non l’ha menzionata anche se l’aveva li ed infine mi ha consigliato anche una samsung WB850…..qualcuno può darmi una mano nel decidere? Grazie Luciano.

    Mi piace

    1. Luciano,
      la migliore bridge attualmente disponibile, fra quelle che ho provato, è la Fuji X-S1. Poi c’è la Panasonic FZ150. La Canon SX40 e la Fuji HS30EXR sono leggermente inferiori. Attualmente poi Panasonic ha presentato la FZ200 con un obiettivo f/2,8 costante che ovvia ai problemi di scarsa luminosità degli zoom delle bridge alle massime focali. Non l’ho ancora provata, ma penso che possa essere una buona scelta come qualità d’immagine anche se non ha un sensore al livello della X-S1.
      Quindi Panasonic FZ150 o FZ200 oppure Fuji X-S1.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  6. Posseggo Canon Sx10 e questa macchina fa foto fantastiche peccato per la modalità video non hd,ma ha un suono stereo incomparabile,sono passato poi alla SX1 che è il Full HD ,fa video fantastici ma rispetto alla SX10 a partita di settaggi foto diverse (non posso dire piu brutte).Poi ho preso una FZ100 e devo dire che fa foto e video fantastici a dispetto del sensore piccolo.. il segreto fate foto in Raw + Jpg superfine.. la versione JPG viene meglio della versione nel settaggio solo jpg superfine.Poi per un vero affare in un outlet dell’elettronica 160 euro mi sono potuto permettere una Samsung EX1 che è un macchina che fa foto fantastiche ma ha dei limiti ottici.Preso da discorsi tra amicisono tra Pentax K30,Alpha 57 e Canon D600 ma non riesco ad abbandonare il superzoom e la praticita delle bridge(un mio amico ha una 550D con 9 mesi di vita e diversi obiettivi 18/70+50+anelli per macro ha gia pulito il sensore 4 volte e la maggior parte delle volte la lascia a casa perchè ingombrante anche se devo dire che un sensore cosi grande perdona ogni vaccata)..Sto seriamente pensando a XS1 fuji o HS30 perchè secondo me le bridge sono la miglior cosa…

    Mi piace

    1. Nunzio,
      non ho ancora provato approfonditamente la Panasonic FZ200 (è prevista per questo mese), ma viste le caratteristiche dei due modelli non esito a dirti che la Fujifilm X-S1 è migliore.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  7. Buongiorno, complimenti per il blog!
    Scusa l’ignoranza… ho scelto questa come prima mia fotocamera “leggermente” seria… mi piace avere molto zoom e non voglio spendere troppo in obiettivi e quant’altro… ho 2 domande per te, spero che cortesemente risponderai:
    1 – Ma le foto che hai postato come esempio sono pessime… cioè… scusa l’ESTREMA ignoranza, le hai fatte con un sistema che evidenzia “rumore” o roba del genere o cosa? (perchè se è così con il mio cell vengono fuori meglio -.-)
    2 – Su questa fascia di prezzo ( uguale/inferiore ad € 300,00) e parlando sempre di bridge ultrazoom… sbaglio o la fotocamera in questione è la migliore? Sia per sensore che per qualità dello zoom? (che devo ammettere mi piace molto il comando manuale dello zoom).
    Grazie mille, Simone!

    Mi piace

    1. Simene,
      le foto pubblicate non sono pessime! Quelle in buona luce, scattate alla minima sensibilità di 100 Iso sono buone, anche se ovviamente non paragonabili a quelle fatte con una reflex. Quelle fatte in poca luce sono quello che può dare una macchina con un sensore così piccolo: o scegli il rumore, scattando in raw, o scegli una foto poco definita ed acquarellosa scattando direttamente in jpeg. Meglio con queste bridge non si può fare.
      Ti confermo che in questa fascia di prezzo non c’è di meglio: la qualità d’immagine è simile o inferiore, e la HS30EXR ha almeno una ergonomia, costruzione e comandi molto validi e paragonabili alle reflex ed un discreto mirino.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...