Canon G1 X : impressioni

La G1X è l’ultima novità della serie di compatte PowerDhot G di Canon. Più che un’evoluzione della precedente G12 però è un nuovo modello. Il suo sensore infatti è molto più grande, di formato 1,5″, una via di mezzo tra quello delle Micro 473 e quello delle APS-C di Canon. Ha 14 Mpx ed una tecnologia simile a quello delle reflex 7D/60/600D. L’obiettivo è fisso, uno zoom 4x equivalente ad un 28-112 mm, lo schermo da 3″ e 920.000 pixel orientabile, ma in più ha anche un mirino ottico. Riprende video Full HD a 24 fg/s. Il corpo è simile alla G12, ma non uguale, costruito in metallo, e leggermente più grande.

Molti si aspettavano che Canon presentasse una sua mirrorless, come pocoo tempo fa ha fatto Nikon. Invece la casa giapponese non si è ancora decisa ad entrare in questo segmento di mercato ed ha preferito proporre una compatta con un sensore di grandi dimensioni, più o meno come le mirrorless, ma con obiettivo fisso.
le sue caratteristiche sono interessanti. Il sensore CMOS da 14 Mpx di formato 1,5″ misura 18,7×14 mm, qualcosa di più del Micro 4/3 (18×13,5), ma meno dell’APS-C di Canon (22,3×14,9). Questo dovrebbe consentire un rapporto segnale/rumore migliore alle alte sensibilità, un migliore controllo della profondità di campo e una qualità d’immagine migliore e più vicina a qualla delle reflex di quanto lo sia quella delle compatte, anche di buona qualità, della serie G. A ciò contribuisce anche il processore d’immagine Digic 5.
Al sensore è stato accoppiato un obiettivo zoom 4x di focale 15,1-60,4 mm, equivalente ad un 28-112, e luminosità f/2,8-5,8 stabilizzato. Per motivi di ingombro dell’obiettivo, richiesto dal sensore di maggiore dimensioni, la gamma di focali e la luminosità sono relativamente limitate.
Il corpo, che segue lo schema delle precedenti G, è costruito in metallo con un’ottima finitura ed ha dimensioni di qualche millimetro superiori alla G12, sopratutto per la leggera sporgenza dell’obiettivo.
Lo schema dei comandi è abbastanza simile a quello delle reflex Canon. Infatti, secondo Canon, questa macchina è destinata prevalentemente ai possessori di reflex tipo 7D o 5D che vogliano in alcune occasioni una macchinapiù piccola e leggera. In realtà la G1 x può interessare anche altri utenti.
Lo schermo da 32 e 920.000 pixel è orientabile in tutte le direzioni, molto comodo per riprese angolate e per il video. Il mirino ottico è piccolo e copre solo l’80 % del campo inquadrato, comunque è meglio che non averlo.
La ripresa video è Full HD a 1920×1080 pixel e 24 fg/s. Non molto veloce la raffica, solo 1,9 fg/s.
Il prezzo della G1 X è di circa 750 €.

I comandi sono quasi tutti molto ben disposti. In alto sulla destra della calotta ci sono due grosse ghiere coassiali, quella sopra per impostare le modalità di scatto (Auto, P, A, S, M, Scene, Video e Custom), quella sotto per modificare l’esposizione fino a +/- 3 stop. A fianco il pulsante di accensione e quello di scatto. Al centro c’è la slitta per flash esterni e sulla sinistra si può sollevare il piccolo flash incorporato.
Nella parte posteriore, in alto a destra, c’è il pulsante per le riprese video. Attorno al pad a quattro vie ci sono quattro pulsanti per il blocco dell’esposizione, la modalità di misurazione esposimetrica, la scelta dell’area di messa a fuoco e i menu. Il pad comanda l’impostazione Iso, la modalità di messa a fuoco e il flash. Il pulsante al centro serve per le impostazioni dei menu. La ghiera attorno comanda i tempi di scatto in manuale.
Frontalmente, sulla destra c’è la ghiera che comanda tempi o diaframmi nei rispettivi automatismi.

Impugnando la G1x, dopo avere usato una reflex, questa sembra abbastanza piccola e compatta anche se in realtà pesa più di 500 grammi e non è sicuramente tascabile se non in un giaccone. L’impressione è comunque di un’ottima costruzione e finitura.
Provo il mirino e mi accorgo che è piccolo e ci si vede poco. Oltretutto in posizione grandangolo l’obiettivo interferisce con l’inquadratura. Insomma è una soluzione di emergenza quando in esterni con forte luce sullo schermo si vede poco. Un po’ scomodo poi il cambio di sensibilità Iso che richiede di premere il pad e poi spostarsi sul relativo menu. Non certo a livello delle reflex e di molte mirrorless.
Non ho potuto fare prove particolari per la messa a fuoco. Nelle condizioni in cui ho scattato si è rivelata precisa anche se non particolarmente veloce.
Gli scatti di prova sono stati fatti, come al solito, davanti al bancone di prova con la luce disponibile nell’interno. Ho scattato varie foto a tutte le sensibilità possibili, partendo da 400 Iso, il minimo con la luce disponibile, per arrivare a 12.800 Iso. Le altre impostazioni erano Program e bilanciamento del bianco automatico. Le foto sono state salvate in raw. Per la conversione delle foto raw ho usato Canon DPP 3.11 con tutte le sue regolazioni standard, tranne la riduzione di rumore azzerata.

Esaminando le foto si nota che fino a 1600 Iso la nitidezza è buona ed il rumore praticamente non avvertibile se non con una trama molto fine nelle superfici uniformi. A 3200 Iso questa trama si fa un po più evidente, ma senza punti colorati, assomiglia un po’ alla grana della pellicola e non danneggia la nitidezza delle foto. A 6400 Iso il rumore aumenta, mantenedosi però nella forma precedente di punti netti anche se incomincia a vedersi qualche colorazione. La nitidezza però diminuisce un po’. A 12800 Iso c’è un ulteriore aumento, le foto sono innegabilmente rumorose con le macchie di colore più evidenti. La nitidezza comunque si mantiene buona con un ottimo risultato per questa sensibilità. In complesso un aottimo risultato con una qualità d’immagine elevata, vicina per il controllo del rumore a quella delle reflex Canon, anche se la nitidezza è un po’ inferiore.

In conclusione la G1 X è una compatta molto valida che mantiene le promesse del produttore. La qualità d’immagine è buona e può essere confrontata con quella delle reflex. Purtroppo però anche il prezzo è confrontabile. Il corpo è ben costruito ed i comandi comodi e facili. I difetti sono il mirino, praticamente poco utile e l’obiettivo che specialmente alla focale tele è poco luminoso, f/5,8. Questo in molte situazioni costringe ad aumentare la sensibilità Iso vanificando parte del guadagno in qualità d’immagine nei confronti di alcune compatte concorrenti con sensore più piccolo ma obiettivi molto più luminosi.
Infine non ultimo il prezzo un po’ elevato.

Advertisements

29 pensieri su “Canon G1 X : impressioni”

  1. Molto precisa e corrispondente la descrizione; anch’io che ho appena acquistato questa fotocamera, condivido pienamente quanto riportato. Il mirino ottico è praticamente inutilizzabile e il tele è poco luminoso e anche la messa a fuoco lenta. Tra le cose positive senz’altro la qualità dell’immagine, i colori riprodotti in modo naturale, il rumore contenuto, il buon display orientabile, la solidità del corpo macchina. Il prezzo, in effetti, è un po’ elevato

    Mi piace

  2. Anche io ho trovato parecchie incertezze riguardo alla messa a fuoco soprattutto (tra l’altro i minimi di messa a fuoco variano a seconda della lunghezza della focale, il che non dovrebbe essere) e nella scarsa luminosità dell’obbiettivo.

    Mi piace

    1. Tutte le fotocamere, specialmente in condizioni di poca luce, qualche volta hanno difficoltà a trovare la messa a fuoco. Se poi si lascia scegliere alla fotocamera il punto di messa a fuoco può succedere che questa non metta a fuoco il soggetto che ci interessa. In questo caso è opportuno scegliere la messa a fuoco sul punto centrale, mettere a fuoco il soggetto premendo a metà il pulsante di scatto e poi ricomporre, se necessario, l’inquadratura.
      Non mi pare che la G1-X si comporti peggio o diversamente di altre fotocamere.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  3. Caro Francesco, il problema è che la mia G1-X scatta anche se di fuoco non ce n’é proprio! Quello che mi dici tu é sacrosanto, ci deve però essere un punto di facalità; io allungo lo zoom, vado molto vicino al soggetto e la signorina scatta ugualmente regalandomi una foto senza nessun punto nitido.
    Questa volta temo che il problema sia proprio alla fonte! Sulle istruzioni non si parla neanche di distanze minime.
    Di fotocamere ne ho usate molte ma, questa cosa non mi é mai capitata.
    Ti ringrazio per avermi risposto e, se puoi continua il dialogo, sono curioso di sapere se sono io o se é Lei a fare i capricci!
    Per il resto é una compagna validissima; sfrutto molto anche il video, dal quale estrappolo delle immagini superbe.

    Ciao, viterbo

    Mi piace

    1. Ciao VR,
      la distanza minima di messa a fuoco è indicata alla pagina 36 del manuale utente in PDF, che puoi trovare qui: http://www.canon.it/Support/Consumer_Products/products/cameras/Digital_Compact/Powershot_G_series/PowerShot_G1_X.aspx?DLtcmuri=tcm:80-900743&page=1&type=download

      La distanza minima di messa a fuoco è di 20-85 cm (wide-tele) in modalità auto e macro, di 40cm o 1-1,3 m nelle altre modalità. Questa distanza minima è relativamente grande per una compatta, ma il limite è legato alle dimensioni del sensore e ai vincoli dell’ottica: tutte le fotocamere con sensore di dimensioni abbastanza grande hanno maggiori difficoltà a mettere a fuoco da vicino (le lenti dovrebbero fare i salti mortali). Esistono però delle lenti aggiuntive per mettere a fuoco da vicino: da una breve ricerca, non mi sembrano molto diffuse quelle per la G1x, e devi valutare se il prezzo è compatibile con le tue esigenze.

      A pagina 41 dello stesso manuale Canon raccomanda di premere sempre il pulsante a metà e di attendere la messa a fuoco prima di premere fino in fondo, altrimenti le foto potrebbero non essere a fuoco. Questo significa che non è possibile impostare nella G1x una priorità nello scatto, che avviene anche se il soggetto non è a fuoco. Di solito il modo di funzionamento della G1x viene indicato come “release priority” (lo scatto avviene immediatamente quando il pulsante di scatto viene premuto completamente), mentre l’altro modo è indicato come “focus priority” (lo scatto avviene soltanto se il soggetto è a fuoco).

      Simone

      Mi piace

        1. Potresti provare ad usare la messa a fuoco continua (p. 117) che consente alla fotocamera di mettere a fuoco continuamente fino a che non si preme a metà il pulsante di scatto. Non ovvia all’inconveniente della mancanza di priorità di fuoco, ma può aiutare a velocizzare la messa a fuoco.
          Ciao, Francesco

          Mi piace

          1. Grazie Francesco, grazie di cuore!
            Dall’inizio ero a conoscenza di tutto quello che mi dici ma, speravo ci fosse il modo di non farla scattare in posizione sfocata; ho 69 anni e la vista a volte fa i capricci!
            Ciao, viterbo

            Mi piace

  4. Molto interessante tutto. Ho acquistato anche io la G1X e in effetti esiste un problema di messa a fuoco su distanze relativamente ravvicinate. Quello che mi sembra meno “facile” è il reperimento di ottiche aggiuntive (indipendentemente dai prezzi. Io non ne ho trovata neppure una!

    Mi piace

    1. Felice,
      Canon G12 e G15 sono due macchine completamente diverse anche se esteriormente si assomigliano.
      La G12 ha un sensore CCD da 10 Mpx, la G15 un CMOS da 12. Il processore d’immagine è il Digic 4 per la G12, il Digic 5 più potente per la G15. L’obiettivo della G12 è uno zoom equivalente ad un 28-140 di luminosità f72,8-4,5, quello della G15 è diverso, molto più luminoso f/1,8-2,8 anche se con la stessa focale. La G12 ha uno schermo da 2,8″ articolato (è il suo solo vantaggio rispetto alla G15) con 460.000 pixel , la G15 lo ha fisso da 3″ con 921.000 pixel. La G12 riprende video HD a 1280×720 pixel, la G15 invece Full HD a 1920×1080 pixel. La G15 è anche leggermente più piccola e leggera della G12.
      Come vedi non si tratta della stessa macchina.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

      1. Ma adesso che la Canon ha fatto la G15 (quindi vera sostituta dalla G12), la serie GX1 e successiva, ci sarà ancora (visto che all’inizio sembrava essere quella la sostituta dalla G12), oppure la cosa si fermerà, dato che si è visto che la GX1, così com’è fatta ora (Peso, obiettivo, prezzo), faticava ad essere la vera sostituta?

        Mi piace

  5. Premesso che sono un neofita, nonostante l’età, ho acquistato una Canon G1X e mi ritengo soddisfatto. Logicamente ha alcune pecche, mirino ottico limitato, il tele è poco luminoso ma comunque supera il kit di ottica di base delle reflex, la messa a fuoco lenta. Tra le cose positive senz’altro la qualità dell’immagine, i colori riprodotti in modo naturale, il rumore contenuto, il buon display orientabile, le molteplici funzioni a disposizione, i comandi ben dislocati, la solidità del corpo macchina, l’ottima impugnatura. L’unica concorrente valida ad oggi mi sembra la nuova Sony nex 6, con l’ottica in dotazione compatta, non l’ho logicamente provata ma a quello che leggo, mi pare perfetta. Ho avuto solo occasione di impugnarla mi ha deluso però la qualità del corpo macchina, prevalentemente di plastica nonostante il prezzo elevato.

    Mi piace

  6. Ciao Francesco,
    Ti riscrivo la domanda fatta il 24 ottobre riguardo la Canon GX1, a cui non ho avuto risposta (sempre che tu possa avere qualche notizia in merito alla domanda):

    Ma adesso che la Canon ha fatto la G15 (quindi vera sostituta dalla G12), la serie GX1 e successiva, ci sarà ancora (visto che all’inizio sembrava essere quella la sostituta dalla G12), oppure la cosa si fermerà, dato che si è visto che la GX1, così com’è fatta ora (Peso, obiettivo, prezzo), faticava ad essere la vera sostituta?

    Mi piace

    1. Roberti,
      scusa ma la tua domanda mi era sfuggita.
      E’ difficile prevedere quali siano le intenzioni dei produttori. Secondo me la GX1 è una fotocamera di nicchia e non so quanto successo possa avere. Con la presentazione della nuova EOS-M, che in futuro avrà anche un modello con mirino elettronico, la GX1 perde un po’ di significato, visti gli ingombri, pesi e costi molto simili alla EOS-M. Quindi potrebbe darsi che non abbia un seguito, ma è una mia opinione. Sicuramente invece la linea G prosegue con l’attuale G15.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  7. G1X……Quando parli di alcune compatte concorrenti con sensore più piccolo ma obiettivi molto più luminosi ti riferisci alla Nikon p7100 oppure alle fuji x10 e x100? potresti consigliarmi una delle 4? oppure mi butto sulle mirrorless…. ma cosa me ne faccio di una mirror ? allora Reflex nikon d3200 …… sono nel pallone cmos oppure ccd?………………un suggerimento grazie.

    Mi piace

    1. Vincenzo,
      mi riferisco a tutte quelle compatte che hanno obiettivi di alta luminosità: Canon G15, Fujifilm x10 e X100, Nikon P7700, Olympus XZ-2, Panasonic LX-7, Sony RX100.
      Per scegliere la fotocamera devi prima capire cosa è per te la fotografia, che uso vuoi farne, quali sono i tuoi principali requisiti e quanto sei disposto a spendere. Altrimenti è impossibile darti qualsiasi consiglio.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  8. Francesco,
    voglio comprare sia una compatta che una reflex. Per la reflex la mia scelta è caduta sulla nikon d3200 18-105. ho invece tantissimi dubbi per le compatte nominate, ero orientato per la g1x ma volevo un consiglio mirato per le altre anche perchè solo la nikon p7100 costa sotto le 400 quindi alla fine la differenza non è tanta tranne per la X100.Un consiglio per acquistare una macchina ottima che gratifichi ogni scatto. grazie,

    Mi piace

  9. Francesco ciao….domanda secca….. 🙂 canon g15 o canon G1x?
    (tra le altre cose in alternativa in negozio pari prezzo mi hanno dato la olypus pen e-pl3 che mi dici??)

    Mi piace

    1. Leonardo,
      è difficile dare una risposta perchè ognuno ha i suoi criteri di valutazione in funzione delle sue esigenze e non c’è una fotocamera migliore in assoluto.
      Ti do alcune indicazioni.
      Se vuoi una fotocamera tascabile o quasi, da portare sempre con te per fare buone foto, ma senza pretendere che sia il massimo della qualità d’immagine, la scelta migliore è la Canon G15.
      Se vuoi una fotocamera con elevata qualità d’immagine e ti interessa solo fare belle foto, ma non sviluppare più di tanto l’hobby della fotografia, quindi escludendo in futuro l’uso di altri obiettivi, allora scegli la G1X
      Se invece questo è l’inizio di una passione per la fotografia e pensi che in futuro svilupperai per essa un sempre maggiore interesse, cercando cose nuove, diverse inquadrature, diversi generi di foto allora la Olympus E-PL3 ad obiettivi intercambiabili , e anch’essa con un’elevata qualità d’immagine,è la scelta migliore.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

      1. Francesco ciao…non so cm ringraziarti…finalmente una risposta che si puo chiamare risposta!! Mi hai davvero chiarito tante cose…grazie ancora

        Mi piace

  10. Ciao Francesco, mi piacciono molto le foto notturne,e mi è stata regalata la Canon G1x però quando la imposto in P lavorando in raw non riesco a fare foto… mentre con la G11 si…cosa sbaglio? mi vengono tutte mosse e sfocate
    mentre se le faccio in automatico vengono bene
    ciao e grazie Barbara

    Mi piace

    1. Barbara,
      dovresti essere più chiara.
      Provo comunque a darti un’ipotesi di spiegazione. La regolazione delle fotocamere si basa su tre parametri: tempo di scatto, apertura di diaframma e sensibilità. In automatismo totale (intelligente, verde, boh) la fotocamera regole tutti e tre questi valori di solito per ottenere foto ben esposte e non mosse, scegliendo un tempo di scatto abbastanza breve per la lunghezza focale dell’obiettivo. In AUTOMATISMO P invece vengono regolati solo il tempo di scatto e l’apertura di diaframma, ma non la sensibilità, a meno questa regolazione non sia impostata esplicitamente.
      Evidentemente hai scattato con un sensibilità troppo bassa e di conseguenza la fotocameraha dovuto impostare un tempo di scatto troppo lungo con il risultato di foto mosse (probabilmente è tutto mosso e non sfocato).
      In conclusione per scattare in P devi o impostare la sensibilità automatica, oppure verificare il tempo di scatto e, se troppo lungo, aunebtare la sensibilità.
      Nel manuale di istruzioni allegato alla macchina o su CD tutto questo dovrebbe essere apiegato.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...