Sony RX10 II: descrizione e uso

Descrizione e comandi

La RX10 II assomiglia esteticamente ad una reflex. Questo le da un’aria seria e professionale, da molti apprezzata. Il corpo esterno è in plastica opaca di buona qualità con una rivestitura zigrinata antiscivolo sull’impugnatura, i fianchi e la parte posteriore dove è situato un appoggio per il pollice. L’obiettivo a riposo rientra in parte nel corpo, riducendo le dimensioni della macchina. Quando la si accende fuoriesce di poco posizionandosi alla focale grandangolare. A quella massima tele invece sporge molto di più.

Inizio la descrizione dal frontale:

DSC05944

Sulla sinistra dell’obiettivo si vede  l’illuminatore a led di ausilio per l’autofocus che funziona anche come segnalatore dell’autoscatto. a destra dell’obiettivo in basso c’è un commutatore per le modalità di messa a fuoco, S singola, C continua, DMF autofocus con possibilità di correzione manuale e MF messa a fuoco manuale.

DSC05949

DSC05957

DSC05959

Sulla calotta superiore si vedono al centro la slitta portaaccessori e davanti flash incorporato sollevabile manualmente e le griglie dei due microfoni stereo. A sinistra una manopola che comanda le modalità di funzionamento della fotocamera. La manopola prevede le posizioni: Auto per il funzionamento totalmente automatico, P (program), A (priorità dei diaframmi), S (priorità dei tempi), M (manuale), MR (richiamo impostazioni memorizzate), Video,HFR (per le riprese video ad alta velocità), Panorama e SCN (scene. A destra della slitta per flash c’è il pannello LCD di controllo che riporta le principali impostazioni della fotocamera, illuminabile pon il pulsante a fianco sulla sinistra. L’altro pulsante più avanti serve per l’pertura del flash. Davanti, sull’impugnatura, il pulsante di scatto con coassiale davanti la leva di comando dello zoom e dietro l’interruttore di accensione, in posizione piuttosto comoda. Appena indietro sulla destra il pulsante personalizzabile C1 che per default serve per l’impostazione della sensibilità Iso. Infine all’estrema destra la ghiera di compensazione dell’esposizione entro +/- 3 stop. Attorno all’obiettivo la ghiera dei diaframmi, molto comoda, e quella per la regolazione dello zoom, in alternativa alla leva coassiale al pulsante di scatto, oppure la messa a fuoco in manuale.

DSC05947

DSC05952

DSC05946

DSC05960

Nella parte posteriore, in cui si vede lo schermo orientabile in alto o in basso, c’è sulla sinistra del mirino il pulsante per il richiamo dei menu. A sinistra del mirino si vede il sensore per rilevare l’occhio del fotografo ed eventualmente commutare la visione e a destra la rotella di regolazione diottrica. Proseguendo verso destra c’è il pulsante rosso per la ripresa video, la ghiera di regolazione superiore che serve a secondo delle modalità di funzionamento al program shift, a regolare i tempi o altro a secondo del contesto. Sotto il pulsante per il blocco dell’esposizione e poi un pulsante Fn personalizzabile che per default richiama il menu di scelta rapida navigabile con la ghiera posteriore visibile appena sotto che funge anche da pad a quattro vie. Le sue funzioni sono, dall’alto in senso orario, scelta delle informazioni visibili nello schermo o nel mirino, scelta dell’area di messa a fuoco, scelta della modalità di misura dell’eposizione e scelta delle modalità di scatto (singolo, raffica, ecc.). In basso infine il pulsante per la revisione delle foto e quello per la loro cancellazione che, in modalità di scatto, diventa un pulsante personalizzabile: io l’ho associato alla scelta dello stile foto.

DSC05945

DSC05961

Sul lato destro c’è l’alloggiamento della scheda SD, molto più comodo su questo lato che sul fondello se si usa la fotocamera su treppiedi. Sul fianco dell’obiettivo in basso quasi alla congiunzione con il corpo si intravede un cursore che serve a commutare il funzionamento dell’anello dei diaframmi da a scatti a continuo, modalità più adatta per le riprese video.DSC05963

Sul lato sinistro ci sono, protette da sportellini in gomma, in alto le prese per microfono e cuffia, in basso le prese HDMI e USB.

DSC05950

DSC05964

Nella parte inferiore troviamo l’innesto per il treppiedi in asse conl’obiettivo e uno sportello che protegge l’alloggiamento della batteria ricaricabile agli ioni di litio.

L’obiettivo è dotato di filettatura per filtri da 62 mm cosa non comune in questo genere di macchine.

DSC05956

Sopra il mirino è alloggiato un piccolo flash.

In dotazione, insieme alla macchina sono forniti:
– coperchio per l’obiettivo
– paraluce sagomato a tulipano
– batteria ricaricabile NP-FW50
– caricabatteria USB con cavo
– la cinghia a tracolla
– un manuale sintetico, quello completo è disponibile come pdf sul sito Sony
– il software per visualizzare le foto, PlayMemories Home, e quello per la conversione delle foto raw, Image Data Converter, va scaricato dal sito Sony. Sony inoltre offre l’opportunità di scaricare gratuitamente il software Capture One 9 for Sony registrandosi. Capture One 9 è uno dei migliori software per la conversione raw e non solo.

Come accessori sono disponibili:
– vari flash esterni Sony
– telecomando a filo
– microfono esterno
– adattatore per alimentazione da rete
– cavo HDMI
– filtro di protezione per obiettivo.

Uso in pratica

La RX10 II è differente dalle classiche bridge come si sono viste fino ad ora. Il suo sensore più grande e lo zoom con escursione non eccessiva e di buona luminosità la pongono in un’altra categoria in cui si confronta con le reflex e con alcune mirrorless.
Le sue dimensioni sono comparabili con quelle di alcune mirrorless M43 e APS, di pari categoria di prezzo, con zoom di analoga escursione focale, anche se l’obiettivo rientrante della RX10 II ne riduce le dimensioni a riposo. Confrontandola con alcune reflex APS, sempre della stessa categoria di prezzo, si vede che la RX10 II è decisamente più piccola, ed anche leggera. Si può portare in giro con una piccola borsa e non fa mai sentire particolarmente il suo peso.
Questo è uno dei notevoli vantaggi della RX10 II che consente di avere uno zoom equivalente ad un 24-200 mm f/2,8 non dico in tasca, ma quasi. Con le fotocamere a obiettivi intercambiabili sarebbero comunque necessari de obiettivi 24-70 e 70-200 f/2,8 o equivalenti con pesi e dimensioni abbastanza contenute per le M43, ma decisamente superiori per le APS. Se si vuole avere un solo obiettivo zoom di focale analoga a quello della RX10 II con una M43 o APS è necessario usare zoom a luminosità variabile, 14-140 o 18-135 che hanno aperture che partono da f/3,5 o f/4,0 per arrivare a f/5,6 alla focale massima. Si tratta di valori da 1 a 2 stop superiori a quello della RX10 II e questo si traduce, in condizioni di luce scarsa, in una sensibilità usabile con la Sony un mezzo o un quarto di quella necessaria con una mirrorless o reflex così equipaggiate. In pratica dove con una reflex o mirrorless si deve fotografare ad esempio a 1600 Iso con la rx10 si potrà fotografare a 400 o 800 Iso. E’ un buon vantaggio.
Sarà necessario però verificare che le prestazioni siano all’altezza e questo sarà discusso nell’apposita pagina.

La costruzione appare molto buona, in lega di magnesio, con una finitura accurata. Il corpo inoltre è protetto da polvere ed acqua. I comandi sono ben organizzati e abbastanza personalizzabili. Tutti si trovano rapidamente anche con l’occhio al mirino.

Lo schermo orientabile in alto e in basso da 3″ con 1.228.000 pixel ha una buona nitidezza, ma come tutti gli schermi non consente una visione ottimale in condizioni di forte illuminazione, specialmente in controluce. La sua possibilità di orientarlo in alto e in basso, è comoda e consente foto e riprese video anche da angolazioni inusuali ed impossibili col mirino.

Il mirino elettronico, che si può commutare automaticamente con lo schermo, è di eccellente qualità. Ha una copertura del 100 % e una risoluzione di 2.359.000 pixel con un ingrandimento reale 0,7x (come una reflex fullframe). La sua qualità è eccellente con una visione nitidissima e luminosa e regolabile. Non manifesta rumore inquadrando scene molto buie ne perdite di nitidezza o scie muovendo rapidamente l’inquadratura. In sostanza uno dei migliori mirini elettronici provati. Nel mirino si possono vedere le stesse informazioni visualizzate sullo schermo e questo rende molto comodo e facile regolare la macchina con l’occhio al mirino e senza perdite di tempo.

E’ molto facile infatti modificare i parametri di esposizione con le apposite ghiere, gli Iso, le modalità di scatto e di messa a fuoco con il menu rapido e l’apposita ghiera di comando con la mano destra.

La messa a fuoco è a rilevamento di contrasto, ma grazie all’uso di una scansione ad alta frequenza e di un motore ultrasonico SDM per l’obiettivo è sufficientemente veloce e può raggiungere un tempo di messa a fuoco di 0,09 sec. secondo quanto dichiara Sony.
Nell’uso l’autofocus della RX10 II si è rivelato veloce e preciso in condizioni normali per soggetti statici e in movimento lento. Per i soggetti in movimento veloce è abbastanza rapido riuscendo quasi sempre a mettere a fuoco le foto di un soggetto in movimento veloce in raffica, anche se in qualche caso il primo fotogramma non è completamente a fuoco. La sua sensibilità è elevata e mette a fuoco in condizioni di luce scarsissima, quasi al buio, anche senza l’aiuto dell’illuminatore ausiliario. Nelle riprese video mantiene bene la messa a fuoco anche con lo zoom e le rare volte che la perde è rapido nel recuperarla.
Può funzionare in modo singolo, continuo, automatico con correzione manuale e manuale, commutando l’apposito interruttore sul lato anteriore. La scelta dei punti AF può essere automatica, fissa a quello centrale, spot flessibile con la possibilità di posizionare l’area in qualsiasi punto dello schermo e modificarne le dimensioni, e ad inseguimento agganciato al soggetto.
La RX10 II dispone anche della funzione di rilevamento dei volti con anche la possibilità di memorizzarne alcuni.
Per la messa a fuoco manuale è possibile commutare il funzionamento con l’apposito comando. In questo caso quando si aziona la ghiera dello zoom, che in questo caso agisce come messa fuoco, l’immagine al centro dello schermo è ingrandita e si attiva l’evidenziazione dei contorni. La zona ingrandita può essere posizionata, tramite la ghiera che fa da pad, in qualunque posizione dello schermo.

L’otturatore della RX10 è doppio, meccanico ed elettronico con tempi di scatto da 30 secondi ad 1/32000. I tempi veloci possono essere molto utili per scattare alla massima apertura anche in condizioni di forte luce e limitare così la profondità di campo che però non potrà mai essere molto ristretta come in una fullframe a causa delle dimensioni più ridotte del sensore.

L’esposizione può essere totalmente automatica in Auto. In questo caso la fotocamera esegue tutto automaticamente compresa la selezione della scena. L’automatismo può essere “intelligente” che riconosce automaticamente le scene o “superiore” che interviene anche in caso di scene buie o in controluce effettuando se necessario anche più scatti che poi sovrappone. Le scene disponibili sono numerose e coprono tutte le esigenze: ritratto, bambino, ritratto notturno, scena notturna, ritratto in controluce, controluce, paesaggi, tramonto, macro, palcoscenico e luce bassa. In alcuni casi è suggerito l’uso di un treppiedi o uno spostamento.
In alternativa si può usare il programma P, eventualmente impostando la sensibilità Iso se non è su Auto, variare la compensazione dell’esposizione con l’apposito pulsante o la combinazione tempo/diaframma; le priorità ai tempi o diaframmi, regolandoli con la ghiera di comando e la ghiera sull’obiettivo o l’esposizione manuale nella quale si regolano i tempi e i diaframmi con le ghiere sopradette facendo riferimento ad una scala graduata, sul mirino o sullo schermo, che indica l’esposizione corretta e la sovra o sottoesposizione. La sovra o sottoesposizione in tutte le modalità è indicata da una scala graduata a 1/3 di EV fino a +/- 3 EV.
La sensibilità Iso può essere regolata automaticamente o manualmente, a passi di 1/3 EV, da 64 a 12800 Iso. In modalità Iso Auto la macchina regola il tempo minimo di scatto in funzione della lunghezza focale impostata sull’obiettivo per consentire di evitare foto mosse (per soggetti statici!). La sua velocità di variazione e di conseguenza il tempo di scatto impostato può essere regolata su 5 valori, da molto lenta a molto veloce. Questo può servire per tenere conto della stabilizzazione o della ripresa di soggetti in movimento; in pratica alla velocità minima si ha un tempo, oltre il quale viene aumentata la sensibilità, di 1/8 alla focale di 24 mm e di 1/50 a 200 mm, a quella massima di 1/125 a quella di 24 mm e 1/800 a quella di 200 mm. L’impostazione standard prevede 1/30 a 24 mm e 1/200 a 200 mm e per la maggior parte dei casi va bene. E’ disponibile anche un filtro ND (neutral density) per ridurre la quantità di luce che arriva al sensore in condizioni di forte illuminazione ed usare diaframmi aperti per ridurre la profondità di campo, in alternativa o in aggiunta all’uso dell’otturatore elettronico.
La lettura esposimetrica può essere valutativa, con prevalenza al centro o spot.
Come in tutte le altre Sony la RX10 II dispone di una funzione di ottimizzazione della gamma dinamica DRO che consente di recuperare le ombre senza bruciare le luci in situazioni di forte contrasto.
L’esposizione si è dimostrata sempre corretta con buona luce, mentre nelle foto notturne o in poca luce è stata necessaria una correzione in sottoesposizione di 2/3 o 1 stop se la scena era molto contrastata o particolarmente scura, ma questo è normale. Sapendolo è facile correggere e controllare sullo schermo o nel mirino che evidenziano i risultati delle regolazioni prima dello scatto.

Le foto possono essere salvate con vari profili colore: standard, vivace, neutro, trasparente, cupo, chiaro, ritratti, paesaggi, tramonto, scena notturna, foglie d’autunno, bianconero e seppia.

Sono disponibili anche dei filtri artistici che funzionano però solo se si salva in jpeg: fotocamera giocattolo, colore pop, posterizzazione, foto d’epoca, high key tenue, colore parziale, mono alto contrasto, lievemente sfocato, dipinto HDR, mono sfumature ricche, miniature, acquerello e illustrazione.

Il bilanciamento del bianco può essere automatico che da quasi sempre buoni risultati, oppure su nove valori prefissati. E’ possibile anche effettuare e memorizzare una taratura personalizzata con tre diverse memorizzazioni e regolare la temperatura di colore in gradi Kelvin.

La stabilizzazione si è dimostrata efficace consentendo di scattare foto nitide con tempi di 1/4 di secondo ed anche meno, con un vantaggio reale di almeno 3 stop, cosa molto utile specialmente alla massima focale dello zoom. Maggiori dettagli nella pagina delle prestazioni.

Molto comoda e utile la funzione Panorama che consente di effettuare molto facilmente riprese panoramiche in tutte le direzioni selezionando la direzione del movimento.

Le foto possono salvate in formato 3:2 (nativo del sensore), 4:3, 16:9 o 1:1 e in varie dimensioni, per il 3:2 a L 20 Mpx, M 10 Mpx e S 5 Mpx e possono essere salvate in Jpeg Standard, Fine e Extrafine, in raw (ARW) e in raw più jpeg.

Il flash incorporato deve essere aperto manualmente con il piccolo pulsante a lato del mirino. In P o priorità può scattare automaticamente o essere forzato. Dispone di sincronizzazione lenta per riprendere anche lo sfondo e sulla seconda tendina. La sua potenza è abbastanza buona e adatta ad illuminare anche un ambiente medio.

La RX10 II dispone di due velocità di raffica. Bassa a 6 fg/s con messa a fuoco ed esposizione fotogramma per fotogramma ed alta a 14 fg/s con messa a fuoco ed esposizione al primo scatto. Ci sono inoltre varie funzioni di bracketing per l’esposizione e il bilanciamento del bianco.

La ripresa video è uno dei punti forti della fotocamera. Consente la ripresa video 4K (UHD) a 3840×2160 pixel 25p a 25 fg/s in formato XAVC S a 100 o 60 Mbit/s. In alternativa è possibile registrare in Full HD 1920×1080 pixel 100p,50p e 25p da 100 a 60 o 50 Mbit/s sempre in formato XAVC S, oppure 50p/50i o 25p da 28 a 17 Mbit/s in formato AVCHD. Infine è disponibile la registrazione Full HD 50p o 25p e HD 1280×720 pixel 25p  in formato MP4. Si può usare la messa a fuoco continua o quella manuale e si possono usare tutte le modalità di esposizione, P/A/S/M compresi i filtri. Si possono regolare anche tutti gli altri parametri di ripresa, profili colore, bilanciamento del bianco, area di messa a fuoco, Iso auto o manuale, compensazione dell’esposizione ed ottimizzazione della gamma dinamica. L’audio è stereo e si può usare un microfono esterno. E’ possibile anche attivare una doppia registrazione video in modo da avere un filmato 4K ed un altro Full HD.
Durante la ripresa è possibile scattare foto senza alcuna interruzione del filmato. Le foto saranno jpeg in formato 16:9 e potranno avere dimensioni L 17 Mpx, M 7,5 Mpx e S 4,2 Mpx, con qualità Standard, Fine o Extrafine.
E’ infine disponibile un’interessante funzione di ripresa ad alta velocità per creare filmati con un effetto moviola rallentati fino a 40x. La funzione, definita HFR (High Frame Rate) consente di riprendere, per pochi secondi, filmati Full HD 50p o 25p a 250, 500 e 1000 fg/s con un effetto di rallentamento da 5 a 40x. La durata è di pochi secondi (una ripresa 25p a 1000 fg/s di circa 6 secondi occupa 1 Gb), ma la cosa più impressionante è che si tratta di riprese in formato Full HD 1920×1080 pixel e non come in molti altri casi a formato ridotto. La visualizzazione è quindi molto efficace e consente di analizzare agevolmente movimenti sportivi e fenomeni che si svolgono ad alta velocità.

Tutte queste funzioni video sono disponibili usando schede SD ad alta velocità, 95 Mb/s classe 10 USH-I U3. Con altre schede comprese anche le USH-I U1 da 30 Mb/s in scrittura sono disponibili solo i formati video AVCHD e MP4 con risoluzione Full HD. La funzione HFR non è nemmeno disponibile.

La RX10 II dispone di connessione Wi-Fi e NFC. Quando si attiva la connessione Wi-Fi questa crea una rete wireless e evidenzia sullo schermo SSID e password per potere collegare facilmente uno smartphone o un tablet. E’ possibile anche collegare la fotocamera ad una rete wi-fi disponibile.
Con la connessione wi-fi è possibile, con un’apposita App di Sony Play Memories, effettuare regolazioni, scattare foto e trasferirle sul dispositivo. E’ poi possibile visualizzare le foto su un televisore, inviarle ad una stampante o a un pc e in rete.

La RX10 II si è dimostrata una fotocamera molto valida e piacevole da usare. Il salto di qualità rispetto alle tradizionali bridge è notevole in tutti i sensi, ma non è solo questo che impressiona. Avere una fotocamera con una buona qualità d’immagine e un obiettivo f/2,8 da 24 a 200 mm trasportabile in una borsetta o che non pesa al collo è una sensazione unica. Se si pensa a quanto peserebbe un analogo corredo per APS o fullframe si rimane piacevolmente sorpresi. Questo me l’ha fatta spesso preferire ad altre fotocamere, reflex o mirrorless, che avevano però obiettivi meno luminosi, specialmente se dovevo scattare in condizioni di scarsa luce. Solo con una fullframe non avrei avuto dubbi. L’escursione focale dell’obiettivo è adeguata alla maggior parte delle riprese e consente di inquadrare anche dettagli distanti. Solo per riprese sportive e naturalistiche si potrebbe desiderare qualcosa di più.
I comandi e le regolazioni sono semplici e logiche ed è facile abituarsi e regolare la macchina come si preferisce.  Tutti sono comodi e facilmente raggiungibili, anche l’interruttore di accensione. L’accensione è abbastanza rapida anche se non veloce come in una reflex o mirrorless in quanto risente del tempo di estensione dello zoom. E’ un piacere solo guardare nel suo mirino veramente chiaro e nitido. La messa a fuoco è efficace e mi ha consentito di scattare immagini al volo anche di soggetti in movimento.
La ripresa video veramente eccellente e le funzioni di scatto mentre si riprende un filmato, di doppia registrazione e di ripresa ad alta velocità sono uniche e molto divertenti.
Le dimensioni ed il peso non sono eccessive e la RX10 non crea nessun problema anche portata in giro per lungo tempo.

Per tutte le foto di prova ho usato il formato 3:2 nativo del sensore.
Le foto sono suddivise in foto di test, scattate a tutte le sensibilità, da 64 a 12800 Iso, in luce naturale di giorno e di notte e in interni ed a vari diaframmi per valutare l’obiettivo, e foto di esempio, come turista, a varie sensibilità a secondo delle situazioni, anche se di giorno sono stati usati possibilmente i 100 Iso. Tutte le foto sono state salvate sia nel formato jpeg come salvato dalla macchina, sia nel jpeg convertito dal raw con il programma fornito da Sony, Capture One.

_________________________________________________________

Prestazioni
Galleria
Conclusioni
_________________________________________________________

<==   Precedente          Successiva   ==>

Annunci
Annunci

Foto digitale, classica, immagini

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: