Panasonic GH-2: obiettivi

La GH-2 ha l’innesto obiettivi Micro 4/3. Può quindi montare una vasta gamma di obiettivi. ricordo che il fattore moltiplicativo per le fotocamere Micro 4/3 è 2x e quindi, ai fini di determinare dell’angolo di campo inquadrato, le focali devono essere moltiplicate per 2.
Fra i Panasonic sono disponibili 15 obiettivi comprendenti alcuni focale fissa di qualità come il Leica Summilux 25 mm f/1,4 e il 20 mm f/1,7 pancacke e numerosi zoom a partire dal 7-14 mm f/4,0 a luminosità costante, il classico 14-42 fornito anche in kit, il “tuttofare2 14-140, gli zoom tele 45-150, 45-200 e 100-300, quelli rientranti e il 12-35/2,8 a luminosità costante di stampo professionale. C’è anche un fish-eye e un obiettivo per riprese 3D.
Oltre a questi obiettivi la GH-2 può montare tutti gli obiettivi con innesto Micro 4/3, Olympus, Sigma, Voigtlaender, fra cui i due luminosissimi 17 e 25 mm f/0,95 a messa a fuoco manuale, e altri.
Infine è possibile, usando appositi anelli adattatori, montare obiettivi di quasi tutte le reflex o telemetro. Panasonic ne fornisce per 4/3, con pieno supporto degli automatismi, per Leica M e R, ma sul mercato se ne possono trovare molti altri per praticamente tutte le marche.

Insieme con la GH-2 ho avuto a disposizione tre obiettivi: il 14-42 fornito in kit, il 14-140 e il Leica Summiluz 25/1,4.
Non ho molto usato il 14-42, la cui focale si sovrappone completamente a quella del 14-140. E’ un obiettivo molto leggero, data la sua costruzione in plastica, compreso l’innesto, dotato di stabilizzazione Mega OIS, con una buona qualità complessiva, ma più adatto a modelli più economici piuttosto che alla GH-2.

Per valutare la qualità delgli obiettivo in pratica ho effettuato una serie di scatti alla focale grandangolare ed a quella tele per gli zoom, anche in interni, a tutti i diaframmi disponibili.

Il Leica Summilux 25 mm f/1,4 si è dimostrato già buono, per nitidezza e contrasto, a f/1,4 che è un’apertura perfettamente usabile. Migliora poi progressivamente a f/2,0 e f/2,8 per raggiungere il massimo a f/4,0 e f/5,6. Poi c’è un calo leggero a f/8,0, apertura a cui si cominciano a sentire gli effetti della diffrazione, e più accentuato a f/11 e F/16 che sta sotto f/2,0. Il pregio maggiore di questo obiettivo è che consente di fotografare in scarse condizioni di luce e di notte a tutta apertura, evitando così di innalzare troppo la sensibilità Iso e di conseguenza il rumore, mantenendo però un ottima qualità. Anche la profondità di campo risulta accettabile perchè, a causa del sensore decisamente più piccolo del fullframe e più piccolo dell’APS, questa risulta come quella che si avrebbe col formato pieno a f/2,8. Ciò potrebbe penalizzare un po’ nel caso si voglia isolare il soggetto in primo piano dallo sfondo, ma è utilissimo in tutte le circostanze in cui si voglia usare la massima apertura e mantenere una discreta zona a fuoco. L’obiettivo non è stabilizzato, ma questo può essere un problema solo fotografando soggetti statici perchè se si fotografano soggetti in movimento, anche solo persone non in posa, la stabilizzazione non aiuta ad evitare il mosso. Considerando che uno zoom alla lunghezza focale di 25 mm ha un’apertura di f/4,0 questo obiettivo consente di guadagnare 3 stop. Infatti è quello che ho sempre usato per le foto notturne, salvo quando la sua lunghezza focale si è rivelata insufficiente, ed i risultati si vedono. Costa circa 600 €.

Il Lumix 14-140 Mega OIS stabilizzato si è rivelato un ottimo obiettivo tuttofare. La sua nitidezza a 14 mm è già buona a f/4,0, migliora un po’ a f/5,6 e poi cala prograssivamente per diventare assolutamente insufficiente a f/22. Alla focale tele di 140 mm la nitidezza è buona a f/5,8, si mantiene più o meno costante a f/8,0 per poi peggiorare progressivamente fino ad essere inaccettabile a f/22. La stabilizzazione Mega OIS si è dimostrata efficace consentendo di guadagnere in media 2 stop, con un po’ di fortuna 3, ma ovviamente solo per soggetti statici. Costa, se acquistato separatamente della macchina, circa 800 €.

Lo zoom 14-42 mm è invece un obiettivo discreto, con una nitidezza media sia alla focale grandangolo che quella tele che raggiunge i valori massimi fra f/5,6 e f/8,0 e poi cala fino a f/16. Anche in questo obiettivo la stabilizzazione consente di guadagnare almeno due stop.  Non mi sembra però al livello della GH-2. E’ più adatto a modelli più economici come le G3/5 e GF3/5.

____________________________________________________

< Precedente          Successiva >

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Foto digitale, classica, immagini

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: