Fujifilm X-T2: galleria

Le foto sono state scattate in giro per Roma, qualcuna nel museo auto Giannini. Prevalentemente ho usato la impostazione automatica della sensibilità che se la luce è sufficiente si imposta a 200 Iso, la minima,mentre per le foto in poca luce è arrivata fino a 4000 Iso.
I profili colore usati sono stati Velvia e Classic Chrome.

Queste impostazioni influiscono solo sulla versione jpeg delle foto; con il formato raw l’informazione è registrata, ma la conversione può essere effettuata con il profilo prescelto solo con Raw File Converter EX. Questo consente anche di modificarlo e di usare uno qualsiasi dei profili previsti da Fujifilm, applicandolo a posteriori dopo lo scatto. La possibilità è molto interessante e permette di adeguare il profilo al risultato voluto anche se non lo si era fatto in fase di scatto. Usando invece altri convertitori raw, come Adobe Lightroom o ACR, questo non è possibile.
Naturalmente è possibile impostare la X-T2 con parametri diversi ed ottenere foto più neutre direttamente in jpeg.
Le foto risultano tutte ben esposte, anche nelle situazioni critiche di controluce dove di solito devo apportare qualche correzione. I colori sono piacevoli e brillanti senza esagerazioni. Se si vogliono più vivaci si può aumentare la saturazione in macchina per i jpeg o durante la conversione per i raw, o scegliere il profilo Velvia più vivace. La risoluzione e la nitidezza sono molto alte. Ottime in particolare le foto notturne o in poca luce, che reggono il confronto per qualità con quelle fatte con alcune fullframe.

_________________________________________________________

Descrizione & uso
Prestazioni
Conclusioni
_________________________________________________________

<==   Precedente          Successiva   ==>

Advertisements
Advertisements

Foto digitale, classica, immagini

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: