Nikon D5000

d5000_ambience_1_crNikon ha presentato oggi la nuova reflex D5000 che si inserisce fra le D40/D60 e la D90.
LA D5000 si presenta con il sensore CMOS da 12 Mpx usato anche da D300 e D90, in un corpo dalle dimensioni simili alla D40. Inoltre offre la funzione live view, la possibilità di riprendere video HD in qualità 720p (1280×720 pixel) e molto importante ed innovativo per Nikon e per questa classe di reflex lo schermo di visione orientabile. La D5000 offre inoltre una elevata semplicità d’uso per i principianti con ben 19 modalità scene, la funzione di riconoscimento dei volti e le possibilità di compensazione della luminosità e di ritocco direttamente in macchina, ma nel contempo è una fotocamera di qualità con ampia flessibilità e tutto quello che serve per realizzare immagini di qualità

Le caratteristiche principali della Nikon D5000 sono:

– Sensore di immagine CMOS formato DX da 12,3 megapixel
– Corpo in plastica di dimensioni ridotte rispetto a D300 e D90
– Registrazione video in High Definition
– Connettività HDTV diretta tramite il connettore HDMI (High Definition Multimedia Interface) integrato
– Sensibilità ISO 200 – 3200, estendibile fino ad ISO 100 e 6400
– tempi da 30 sec fino a 1/4000
– Velocità di scatto in raffica di 4 fg/s
– Monitor LCD da 2,7 pollici ad angolazione variabile da 230.000 pixel (peccato che lo schermo sia orientabile solo verso il basso e non anche lateralmente come per esempio la Olympus E-620)
– mirino pentamirror con copertura del 95 % e ingrandimento 0,78x
– Sistema di elaborazione delle immagini Nikon Expeed
– Modalità di ripresa Live view
– 19 modalità scena
– Sistema di riconoscimento scena integrato con il sistema di rilevamento volti
– D-Lighting attivo
– Sistema AF a 11 punti con modulo autofocus Multi-CAM 1000
– non ha il motore di messa a fuoco incorporato (come D40 e D60)
– Sistema di controlli immagine (Picture Control)
– Fotoritocco “on-camera”
– Duplice sistema di riduzione della polvere
– Nuovo modo di scatto silenzioso che riduce il rumore dello specchio per scattare in silenzio
– Compatibilità totale con tutti gli obiettivi AF-S e AF-I NIKKOR e con il Sistema di illuminazione Creativa Nikon CLS
– Batteria di lunga durata
– Dimensioni 127x104x80 mm
– Peso 560 g senza batteria, scheda e coperchietti.

Sarà disponibile a maggio. Il prezzo non è ancora stato comunicato ufficialmente da Nital, ma in USA dovrebbe costare circa 730 $ solo corpo o 850 $ con l’obiettivo 18-55 VR in kit.

LA nuova Nikon D5000 è indubbiamente molto interessante in quanto garantisce la stessa qualità di immagine delle D90 e D300 ad un prezzo più basso e a fronte di ingombri e peso ridotti. Certamente non ha il corpo metallico di livello professionale della D300 e nemmeno il sofisticato sistema di messa a fuoco. Ha la possibilità di riprendere video della D90, ma non ha il motore di messa a fuoco per poter usare tutti gli obiettivi Nikon. Ma poichè si rivolge ad un pubblico diverso da quello dei professionisti e degli amatori evoluti, e cioè a chi fino ad adesso ha usato una compatta o una superzoom e vuole migliorare, le sue caratteristiche sono perfettamente adeguate. Può anche essere l’ideale secondo corpo per chi possiede una Nikon professionale e un corredo di obiettivi. E’ certamente la fotocamera ideale da portare con se in viaggio e in tutte le occasioni in cui si vuole uscire con un equipaggiamento leggero, magari insieme all’ottimo 18-200 VR. In questo modo si potrà avere una combinazione fotocamera-obiettivo ideale sia per chi, proveniendo da compatte o superzoom, inizia ad usare una reflex, sia per chi cerca la massima semplicità da portare sempre con se, con in più la possibilità di riprendere viedo portandosi dietro un solo apparecchio e relativi accessori.
La concorrente principale della nuova Nikon sarà sicuramente la nuova Canon 500D presentata due settimane fa, anche se questa offre 15 Mpx, 3 in più della Nikon, ma non lo schermo orientabile. Altra concorrente potrebbe essere la Olympus E-620, che offre il live view con schermo orientabile, ma non la possibilità di riprendere video. Un’altra concorrente a cui la Nikon sicuramente si contrappone è la nuova Panasonic GH1 in formato Micro 4/3, che si rivolge allo stesso pubblico di chi, proveniendo magari da una compatta o una superzoom, vuole una fotocamera piccola e leggera, ma di maggior qualità e che abbia anche la capacità di ripresa video. Certo la Panasonic è più leggera, ma non molto più piccola, la Nikon invece offre una scelta di obiettivi decisamente superiore.

Oltre alla D5000 Nikon ha presentato anche un nuovo zoom per le sue fotocamere APS (DX) e precisamente il Nikkor ASS-DX 10-24 mm f3,5/4,5 equivalente ad un 15-26 mm.

Questo è il link al sito ufficiale Nital  D5000

 

Nikon D5000

d5000_18_55_front34l

d5000_18_55_fronttop

 

d5000_18_55_top

d5000_18_55_left

 

d5000_back_1

 

d5000_back_2

 

d5000_lcd_3

d5000_lcd_4

d5000_8_l

Nikkor AF_S 10-24 mm

af-s_dx_nikkor_10-24_35-45g_ed_1_l

Annunci

414 pensieri su “Nikon D5000”

    1. Penso che tu parli di un illuminatore portatile a batteria. Di solito si usano per le videocamere, ma nulla impedisce di usarlo per le foto se uno ha voglia di portarselo dietro. Il problema però rimane: se esponi correttamente il primo piano lo sfondo rimane scuro.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  1. Carissimo Francesco, dopo parecchi anni con reflex 35 mm. sono passato al digitale con una Fuji S1500. Niente male come digitale “bridge”. In un centro commerciale della mia zona ho visto in questi giorni una Nikon D3000 con obiettivi 18/55 e 55/200 mm. entrambi Nikkor a € 549,00. Ci sarebbe anche una Canon Eos 1000D con obiettivo originale Canon 18/55 e un Tamron 55/200 mm. a € 499,00. . Preferisco fare foto di paesaggistica e qualche volta ritratti e macro. Arrivati a questo punto, quale delle 2 macchine mi consigli? Dimenticavo, ci sarebbe anche una Nikon D5000 con il 18/55 a € 599,00. In attesa di riceve quanto prima il tuo parere per fare l’acquisto, colgo l’occasione per porgerti cordiali saluti. Mario.

    Mi piace

    1. Mario fraa Canon 1000D e Nikon D3000 non ci sono grandi differenze funzionali e tecniche mentre la D5000 è superiore per il sensore CMOS da 12 Mpx, il live view, il video HD e lo schermo orientabile. L’ideale sarebbe quindi la D500o con i due obiettivi 18-55 VR e 22-300 VR, altrimenti fra le altre due scegli quella che più ti piace dal punto di vista ergonomico, di costruzione e di uso. In tutti i casi non puoi sbagliare e sono tutte delle macchine in grado di produrre ottime foto. Per gli obiettivi direi che per il ritratto ci vuole ut tele più lungo di 55 e quindi ritengo che prendere il solo 18-55 sarebbe limitativo, quindi è opportuno aggiungervi il 55-200 (o 250 nel caso di Canon). In alternativa per Nikon potresti prendere la macchina con il solo 18-105 VR, ottimo obiettivo. Per la macro però con questi obiettivi si può fare poco ed è necessario un vero obiettivo macro come i Nikon 60/2,8 o 85/3,5, oppure Sigma 70/2,8 o Tamron 60/2,0.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  2. E gia` che ci sono ti chiedo anche io un consiglio 😉 Io ho una D200 con cui scatto molto orgogliosamente e non ho manco un ottica con il motore interno (ma non mi importa tanto l’ AF). Ora sento l’esigenza di passare a sti benedetti CMOS per sfruttare il buon lavoro che fanno ad alti ISO… Il mio dubbio e`: tenere la D200, che a 100 ISO e` insuperabile in fatto di nitidezza e contrasto rispetto ai CMOS di ultima generazione, e affiancarci proprio la d5000; oppure vendere la mia D200 (che fra un po’ si svalutera` definitivamente) per prendermi la D300? Premetto che non faccio un grande uso di alte sensibilita`, e scatto soprattutto tra i 100 e i 400 ISO, range piu` che accettabile per la D200… La spesa e` piu` o meno la solita… 500 euro per la D5000 senza vendere la D200 oppure D200 (valutata 550 euro) + altri 550 euro per il solo corpo della D300… Inoltre c’e` da considerare un grande valore affettivo verso la D200; anche se la delusione per uno che proveniva dalla pellicola e` cmq immensa, lei (la D200) e` riuscita a limitarne i danni 😉 Infine devo aggiungere che sono in possesso di due ottiche AI che uso molto (55 3.5 micro e 180 2.8) le quali dovrei usare sulla D5000 senza esposimetro (non e` un grosso problema, ma e` pur sempre una limitazione); sulla D300 invece le userei proprio come sulla mia D200… Mi pare che la D5000 non abbia il controllo della profondita` di campo, cosa non da poco, mi confermi? Lo so che ci sarebbe la D90, che sta proprio nel mezzo ma non avrei grandi vantaggi e spenderei cmq 250 euro in piu` (specchio a pentaprisma, profondita` di campo e motore af interno secondo me non giustificano la differenza di prezzo… non mi parlate del corpo piu` resistente perche` e` una boiata, entrambe non sono tropicalizzate e cmq in casi estremi userei la mia D200 ) inoltre la D5000 e` piu` piccola e quindi piu` portabile…
    Insomma riusciresti a consigliarmi qualcosa??? Grazie! Ciao. Emi.

    Mi piace

  3. ciao francesco, complimenti sempre per il blog ormai punto di riferimento per noi, mi devi dare un consiglio, ho una D5000 con nikkor 18-105vr, però ieri al concerto di ligabue ho notato che lo zoom non va oltre un certa distate, vorrei chiederti cosa mi consiglio per poter fare foto a distanza come in quella occssione ma senza spendere 1000euro o di +, ho visto dei tamron o sigma fino a 300mm sui 300-500 euro che ne pensi?

    Mi piace

  4. ciao sempre per la d5000 con lo scopo di zoom vorrei sapere se è meglio il “55-200mm f/4-5.6G ED AF-S DX NIKKOR (Black)” oppure posso metterci il “AF-S VR 70-300/4.5-5.6 G IF-ED”

    grazie

    Mi piace

    1. Giuseppe rispondo qui a tutte e due le domande. Se puoi spendere i 500 € che costa il nikon 70-300 VR è il miglior tele zoom che puoi prendere, veramente eccezionale per risolvenza e velocità di mess a fuoco. Altrimenti una buona scelta è il Tamron 70-300 (non più di 150 €), che non è stabilizzato, ma ha una buona resa ottica anche se la sua velocità di messa a fuoco è inferiore al Nikon.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  5. ciao francesco grazie per la risposta, mi sono orientato sul 55-200 nikon vr , il 300mm nikon costavo sui 500 invece questo 180,00 che ne pensi? va pure bene per fare foto di un palco o eventi sportivi?

    Mi piace

    1. Giuseppe, il 55-200 VR è un buon obiettivo. Se va bene per fare foto di un palco ad un concerto o di eventi sportivi dipende dalla loro distanza e lo puoi valutare solo tu. In linea di massima direi di si, ma se ti sembra troppo corto puoi prendere un Tamron 70-300, ottimo otticamente, ma non stabilizzato, che costa sui 150 €.

      Mi piace

  6. Ciao Francesco, complimenti per il blog, ho bisogno di un consiglio, sono in procinto di acquistare la mia prima reflex digitale, la nikon D5000, però non saprei quale kit abbinare se quello con l’obiettivo 18-55 o con il 18-105 o addirittura il kit con i due obiettivi il 18-55 e il 55-200. Mi interessano le foto di paesaggi, di ritratti in ogni situazione, di monumenti e opere d’arte soprattutto nei musei o in ambienti con poca luce. Vorrei un obiettivo che mi permetta di fare qualsiasi tipo di foto. Inoltre conviene acquistare il tutto in negozio o in grandi centri come il mediaworld o anche su internet?
    Giulia

    Mi piace

    1. Giulia, per iniziare direi che la scelta del kit con 18-105 (ottimo obiettivo) sia la migliore.
      Per l’acquisto, se conosci un buon negozio è la scelta migliore, anche se spendi qualche decina di € in più. Per qualsiasi problema sai a chi rivolgerti. Altrimenti Sanmarinophoto e Pixmania su internet sono affidabili. I megastore di solito non sono competitivi come prezzo (almeno per i prodotti foto) e comunque non c’è un rapporto fra cliente e venditore diverso da quello su internet. L’unico vantaggio è che si vede il prodotto prima di acquistarlo.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  7. Ciao Francesco, complimenti per il blog…è molto interessante e utile!!!
    Sono un novellino alle prime armi.Ti chiedevo un consiglio su un futuro acquisto: ho intenzione di acquistare una nikon d5000 con abbinato un obiettivo nikon af-s 18-55mm. Pensavo anche di comprare un ulteriore obiettivo da 18-200mm. Valutavo tra il:
    1)NIKON AF-S DX 18-200mm oppure il 2)TAMRON AF 18-200mm.
    Quale dei 2 è meglio considerando anche il parametro prezzo-qualità? Il TAMRON è compatibile con la d5000, nel senso è dotato di autofocus…perché il corpo macchina da quel che ho capito non è motorizzato.
    Oppure mi consigli altri obiettivi in alternativa a questi?

    Grazie mille in anticipo
    Cristian

    Mi piace

    1. Cristian, se hai intenzione di prendere un 18-200, ottima scelta, il 18-55 è assolutamente inutile. Prendi la D5000 direttamente col 18-200. Il Nikon è sicuramente il migliore ma anche il più caro. Se vuoi risparmiare prendendo il Tamron non ti consiglio il 18-200 (non mi ricordo nemmeno se ha il motore, ma non è stabilizzato), ma il 18-270 VC, con motore, stabilizzato e con un’ottima resa ottica.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  8. Ciao Francesco, ti scrivo perchè ho appena acquistato una Nikon D5000 (la mia prima reflex) in kit con un obiettivo 18-105 ed essendo appassionata di fotografia macro (insetti, fiotri, particolari…) vorrei orientarmi da subito sull’acquisto di un obiettivo apposito. So che gli obiettivi Micro originali nikon costano parecchio e che ci sono marche che ne vendono di adattabili, ma non saprei come orientarmi e quanto effettivamente questi siano validi. Ovviamente essendo solo all’inizio non aspiro a una dotazione eccezionale, ma cerco comunque qualcosa di valido, che permetta di ottenere una qualità buona e soddisfacente che permetta di apprezzare a pieno le potenzialità della fotocamera. Avresti da darmi qualche consiglio? Personalmente non ho neanche idea di che “sigle” dovrei cercare perchè si tratti di un obiettivo macro…!
    Grazie sin da ora e complimenti per le tue utili e più che esaustive risposte.

    Michela

    Mi piace

    1. Michela, per cercare un obiettivo macro devi cercare “Macro”!
      Comunque in alternativa ai Nikon, che sono chiamati stranamente “Micro”, puoi prendere il Tamron 60/2,0 Macro o il Sigma 70/2,8 Macro. Entrambi costano sui 400 €.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  9. buon giorno,
    ho una fotocamera Nikon F65 a pellicola con diversi obbiettivi tra cui un tele nikon af nikkor 70-300mm 1:4-5.6 G e sto valutando la possibilità di acquistare una D5000. mi chiedo se è possibile riutilizzare i miei obbiettivi.

    ciao Claudio

    Mi piace

    1. Claudio, i tuoi obiettivi possono essere utilizzati sulla D5000, ma perderanno la messa a fuoco automatica perchè questa non ha un motore Af incorporato, Gli obiettivi con motore incorporato sono gli AF-S. Il 70-300 f/4,0-5,6 G non mi pare che lo sia.
      Sulla D90 o i modelli superiori invece potranno mettere a fuoco automaticamente grazie al motore AF incorporato nel corpo
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  10. Ciao Francesco,
    complimenti per il tuo blog carico di informazioni, soprattutto per chi, come me è alle prime armi con la fotografia!
    Siccome sono intenzionato a prendermi una reflex che faccia anche i video avevo optato per la Nikon D5000. Per partire che kit mi consigli tra quelli in commercio con obiettivi 18-55 o 18-105 o 18-55+55-200 ?
    Grazie mille
    ciao 🙂

    Mi piace

    1. Enrico, fra gli obiettivi che hai indicato la scelta migliore è il 18-105, abbastanza universale per essere il solo obiettivo per iniziare. Poi potrai affiancargli altri obiettivi, grandangoli o tele, secondo le tue esigenze.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

      1. Ho una nikon d5000 con obiettivo 18-105 da circa 6 mesi e ne sono felicissimo, va benisssimo e scatta foto magnifiche ma per quanto riguarda il video bisogna essere molto bravi per ottenere buoni risultati. Non ha la messa a fuoco continua, perciò credo che non sia la macchina più adatta per fare con semplicità dei video. Chiaramente si tratta di un mio parere, forse perchè non sono molto bravo io ad utilizzarla? Francesco potrà chiarire meglio questa mia opinione?

        ciao a presto

        Mi piace

  11. Grazie Francesco e Cosimo!
    mi interesserebbe approndire questa cosa del video, perchè altrimenti lìalternativa è prendere la D3000 e unavideocamera non troppo professional da 200 euro.
    Grazie

    Mi piace

    1. Enrico, se vuoi fare video con buoni risultati senza prendere due macchine, una soluzione è la nuova Nikon D3100 che ha l’AF anche durante la ripresa video perdipiù in Full HD 1920×1080. Non è stata ancora provata, ma sulla carta, con 14,2 Mpx, Expeed 2 e AF a 11 punti, è anche migliore della D5000. Non ha però lo schermo orientabile.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

      1. Grazie Francesco.
        Quindi al momento la Canon 500d sarebbe più adatta a me visto che come prodotto mi sembra abbastanza equivalente alla nikon d5000?

        Che mi consigli, considerando che avrei urgenza di una fotocamera/video di questo livello?

        Grazie

        Mi piace

        1. Enrico, la 500D mette a fuoco durante il video solo su richiesta quando si preme il pulsante AF-ON. La 550D sembrerebbe avere la messa a fuoco automatica attivando da menù l’opzione “AF during video”, ma è molto lenta (io però non l’ho provata). Fra le Nikon la D300s ha l’AF continuo durante il video.
          Vedi un po’ tu, magari facendo qualche prova in un negozio che sia disponibile.
          Ciao, Francesco

          Mi piace

      2. Scusate, ma secondo me la 550D non è affato equivalente alla 5000D! è molto più facile da usare ha una risoluzione superiore, ha i video in alta definizione. L’ho usata per il battesimo di mia nipote, ero l’unico fotografo… hanno scelto bene! 🙂 bellissime foto.

        Mi piace

  12. ciao francesco
    sono manuela, mi sto avvicnando ora alla fotografia e avrei scelto di acquistare una d5000. Ho letto un po’ il tuo blog e certi dubbi che avevo si sono risolti, solo se ne sono crati altri!
    Ho letto che la d5000 come la d60 e la d40 non ha il motore di messa a fuoco incorporato e che quindi si deve far attenzione a comprare obiettivi che abbiano il motore dell’autofocus. Però non capisco allora gli 11 punti di controllo della messa a fuoco del corpo macchina a cosa si riferiscono se in realtà non possiede nessun motore di autofocus!?
    Altra domanda, considerando che per quanto mi riguarda la messa a fuoco manuale è un po’ scomoda, sarei poi costretta a comprare sempre degli obiettivi con l’autofocus?
    è una caratteristica che hanno tutti gli obiettivi o no?
    e soprattutto c’è una grande differenza di prezzo fra con o senza?
    Scusa se le domanda possono sembrare banali, ma essendo alle prime armi sto ancora tentando di capire un po’ di cose!
    ti ringrazio anticipatamente!

    Mi piace

    1. Manuela, il funzionamento di un sistema autofocus non implica necessariamente che il motore che muove le lenti dell’obiettivo debba essere dentro il corpo macchina. Fu così il primo sistema, messo a punto 25 anni fa da Minolta, e tutti la seguirono tranne Canon. Il sistema Canon invece ha i sensori AF e l’elettronica di controllo nel corpo, ma il motore di attuazione per muovere le lenti è, ed è sempre stato, negli obiettivi. Nikon dopo un certo tempo (15 anni!) si è accorta che il motore negli obiettivi presentava vantaggi per la velocità di messa a fuoco, in particolare con obiettivi grandi e pesanti, ed ha cominciato a produrre obiettivi con motore incorporato, controllati dall’elettronica del corpo. Ultimamente nelle reflex economiche ha deciso, per motivi di costo, di peso e di ingombro, di eliminare il motore nel corpo macchina affidandosi solo a quello degli obiettivi. L’elettronica di controllo così come i sensori AF restano nel corpo e sono quelli che si vedono nel mirino.
      La D5000, come la D40, D40x, D60, D3000 e D3100 quindi sono autofocus, ma per questa funzione devono usare solo obiettivi con motore incorporato. Ormai la maggior parte degli obiettivi Nikon ha il motore incorporato, sono marcati AF-S, e solo quelli più vecchi, in particolare quelli a focale fissa, marcati AF-D, non ce l’hanno. Anche gli obiettivi universali hanno ormai quasi tutti il motore.
      La messa a fuoco manuale sarebbe necessaria quindi solo con obiettivi AF-D o con i vecchi non autofocus.
      Gli obiettivi non Af sono ormai praticamente scomparsi dal mercato, quindi se compri un obiettivo troverai solo AF e nella maggior parte dei casi col motore.
      ciao, Francesco

      Mi piace

      1. Scusami Francesco ma non sono pienamente daccordo… per esperienza, nel campo dell’usato, si trovano ancora molte ottiche senza motore interno (quindi NON AF-S) prendi come esempio il 80-200 2.8 o il 70-300 non stabilizzato, oppure tutte le ottiche super-luminose (35,50,85,…), ed ancora la stragrande maggioranza delle ottiche MACRO. Secondo me uno sceglie D5000 solo se e` consapevole che poi si dovra` “frugare” di piu` per poter acquistare ottiche perfettamente compatibili con la propria macchina oppure rinunciare all’autofocus. Io personalmente ho deciso di acquistare la D90 proprio per poter usare ancora ottiche NON AF-S le quali, oltre ad un ottima qualita` ottica, si trovano anche a prezzi piu` ragionevoli, sia nel nuovo che nell’usato. Inoltre ormai non c’e` tutta quella differenza di prezzo tra D5000 e D90 ed inoltre la D90 differisce anche per altre cose (pentaprisma invece che pentaspecchio, raffica piu` veloce,…) se il problema e` il monitor orientabile si puo` rimediare con un mirino a pozzetto per inquadrature altrimenti impossibili e cmq l’autofocus a contrasto fa schifo rispetto a quello a fase quindi alla fine e` poco usabile il monitor orientabile. Manuela il mio consiglio e` di valutare bene la scelta considerando soprattutto quali ottiche andrai ad usare di piu`, so che non e` facile ma probabilmente avrai gai` usato una macchina fotografica prima di comprare una reflex, quindi dovresti ripensare a cosa ti piace fotografare. Ti faccio un esempio, se ti piace molto la fotografia di ritratto, le ottiche ad OK per questo tipo di fotografia sono quelle fisse super luminose (35,50,85) che sulla D5000-D90 diventano rispettivamente 50, 75,120 ottime focali per un primo piano e per uno sfocato perfetto. Se invece ti piace il macro allora le ottiche saranno 60mm Micro 100mm Micro 150mm Micro e 180mm Micro; tutte queste ottiche sono AF ma senza motore (o almeno la maggioranza) e con prezzi decenti anche per un amatore. Poi se il tuo scopo e fare solo foto ricordo allora D5000 con il kit va piu` che bene. Non si puo` rispondere a priori ma si deve sapere cosa si vuol fare per non avere poi brutte sorprese e per cercare di spendere il meno possibile ma con cervello…

        Mi piace

        1. Emilio, le tue considerazioni sono giuste, ma devi anche valutare il target di riferimento della risposta. Mi sembra che Manuela sia agli inizi e ancora debba farsi esperienza, altrimenti non mi avrebbe fatto certe domande, e quindi non sia ancora al livello di fare certe scelte e considerazioni su ottiche particolari. Ogni cosa si deve incominciare ad imparare dalle cose più semplici.
          Ciao, Francesco

          Mi piace

      2. Ok! Ma te cosa intendi per piu` semplice, perche` a livello di utilizzo la D5000 e la D90 praticamente si eguagliano.
        Il vero consiglio che io avrei dato a Manuela era sicuramente di aspettare qualche mese, visto che la nikon sta aggiornando le sue reflex e sicuramente fra un pochino, quando uscira` la sostituta della D90, quest’ultima avra` ancora di piu` un calo di prezzo, intorno ai 600 euro piu` o meno…
        A conti fatti fra un paio di mesi con i soldi di oggi che bastano per una D5000 in Kit, si prendera` una D90 in Kit col 18-55 VR. Lo so che con questo discorso si rischia di non comprare mai niente, ma ormai siamo agli sgoccioli per nuove reflex visto il nuovo sensore della D3100 (CMOS a 14Mp) che dovra` essere obbligatoriamente impiegato anche in macchine consumer e pro, forse e` solo questione di settimane…
        Se invece Manuela non puo` aspettare allora gli avrei consigliato di prendersi il solo corpo della D90 (700 euro con garanzia europea, in rete anche meno) e come ottica un semplice 18-55 “senza vr” che costa meno di 100 euro. Da li incomincia per scoprire se le focali 28-70 (in 35mm) possono andarli bene e se sente la mancanza di un angolo di campo maggiore o uno zoom piu` potente comprera` l’ottica corrispondente ma senza doversi preoccupare del motore di messa a fuoco sull’ottica; essenzialmente nell’usato avra` sicuramente piu` scelte anche piu` economiche senza dover sacrificare la qualita`.
        Secondo me la D5000 sarebbe un’ottima reflex entry-level se avesse il prezzo da entry-level, ma 550 euro sono troppo soprattutto considerato che con 150 euro in piu` si prende una macchina, la D90, che come caratteristiche va piu` vicino ad una semipro` senza pero` levare nulla alla facilita` di utilizzo.
        Io consiglierei la D5000 solo a chi mi dice che i soldi non sono un suo problema ma che per iniziare vuole spendere poco giusto per capire se la fotografia e` davvero una sua passione o solo un passatempo… In quel caso avrebbe senso perche` una volta capito che e` la sua passione avra` i soldi per comprarsi tutte le ottiche AF-S (o HSM per Sigma) che vuole sensa doversi preoccupare dei soldi necessari, e non sono pochi…

        Mi piace

        1. Emilio, io ho solo spiegato a Manuela che il fatto che la D5000 non abbia il motore non significa che non abbia l’autofocus, come mi sembrava di capire dalle sue domande. Sono d’accordo che usare qualsiasi reflex, compresa la D3s, non fa nessuna differenza, tutte possono essere usate in completo automatismo o in manuale.
          Non mi è sembrato che si facessero considerazioni sull’acquisto di ottiche usate, cosa che di solito fa chi è esperto di fotografia, ma non chi domanda che senso hanno i punti Af nel mirino se la macchina non ha il motore AF incorporato.
          quanto ad aspettare si può sempre fare, ma non ci si deciderà mai a comprare nulla perchè all’orizzonte ci sarà sempre un nuovo modello.
          La D5000 resta sempre valida e lo è anche con la D3100 e anche quando uscirà la nuova D7000, sostituta della D90, che sarà un gradino sopra, per differnziare maggiormente l’offerta.
          Quanto agli obiettivi da scegliere non mi era stata fatta nessuna richiesta. I tuoi consigli sono validi, ma non i soli. Io consiglierei piuttosto di comprare la relex con il 18-105 Vr, ottimo otticamente ed economico. In ogni caso per le Nikon è MOLTO meglio avere la garanzia Nital italiana che agevola moltissimo la vendita dell’usato anche sullo stesso forum Nikon.
          Ciao, Francesco

          Mi piace

  13. Buongiorno Francesco.
    Mi sono comprata una Nikon D5000 con obiettivo 18-105. E’ la mia prima reflex, prima usavo una superzoom della Sony con obiettivo Zeiss. Con mio grande disappunto, le foto che scatto con la Nikon sono “spente”, grigie (anche rispetto a quelle scattate con la superzoom, negli stessi posti e con la stessa luce). C’è qualche parametro che posso regolare per evitarlo/migliorare la resa dei colori? Grazie.

    Mi piace

    1. Viola, le compatte esaltano esageratamente i colori per impressionare l’utente tipo. Le reflex, in particolare le Nikon, non gli esaltano, ma li riproducono in modo più naturale in quanto si rivolgono a fotoamatori esperti o professionisti.
      Se comunque ti piacciono i colori più vivi puoi modificare il comportamento della D5000. entra nei Menu –> Menu di ripresa — Imposta picture Control e scegli Vivid. Vedrai che i colori riprodotti saranno più vivi e brillanti.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

      1. Ciao Francesco… grazie per la dritta, proprio non lo sapevo! Quello che posso dirti è che una mia amica aveva un bellissimo maglione viola elettrico sabato, che la Nikon ha decisamente slavato…. proverò con il Vivid!

        Mi piace

  14. ciao Francesco, complimenti innanzitutto per il blog e per i tuoi articoli e infinite grazie per la tua disponibiltà. Sono un principiante felice possessore di una d5000. Vorrei proporti un quesito. Da quanto ho capito e provato, la d5000 dà la priorità di scatto all’autofocus quindi in modalità A selezionata sull’obiettivo la macchina non scatta finchè il soggetto non è a fuoco, salvo poi premere il tasto di blocco AF-L che permette di bloccare l’autofocus scattando anche se il soggetto si sposta e non è più a fuoco. Ovviamente in modalità M si può scattare in qualsiasi momento. La mia domanda è questa: utilizzando un obiettivo con autofocus a priorità manuale (cioè col selettore su A/M), premo a metà il pulsante di scatto, l’autofocus mette a fuoco il soggetto, poi, tenendo premuto a metà il pulsante di scatto, posso modificare la messa a fuoco ruotando la ghiera senza che l’autofocus ritenti continuamenete di rimettere a fuoco come vuole lui, oppure devo anche in questo caso bloccarlo con AF-L e poi modificare il fuoco con la ghiera? Non avendo a disposizione un obiettivo con autofocus a priorità manuale non ho potuto fare prove. Ti ringrazio! Ciao!

    Mi piace

    1. Enrico, per obiettivi a priorità manuale intendi quelli su cui si può agire sulla ghiera di messa a fuoco anche quando sono in posizione A/M?
      Con questi obiettivi se premi il pulsante di scatto a metà corsa e poi, tenendolo sempre premuto, agisci sulla ghiera puoi modificare la messa a fuoco come vuoi e l’AF non interviene più.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

      1. grazie Francesco, intendevo proprio questo.
        Già che ci sono ti chiedo anche un’altra curiosità.
        Ho letto su un articolo dell’esistenza di una funzione (che sulla d5000 non c’è) riguardo la possibilità di vedere sul mirino il variare dell’estensione della profondità di campo al modificare i parametri del diaframma. In pratica sulla d5000 vedo al mirino l’immagine a diaframma tutto aperto e solo al momento dello scatto si apre o si chiude come è stato impostato. Giusto? A mio parere si tratta di una funzione molto interessante quando si va cercare profondità di campo minime, ma tutto sommato trascurabile su un’entry level e a cui si può sopperire con un pò di esperienza e grazie al fatto che si possono fare tutti gli scatti di prova che si vogliono. Comunque ho sentito che macchine Canon più o meno equivalenti alla d5000, tipo 550d, 500d e anche 450d hanno questa funzione. Ti risulta? Ciao e grazie ancora!

        Mi piace

        1. Enrico, quello che dici è il pulsante per il controllo della profondità di campo che chiude il diaframma al valore impostato per visualizzarla nel mirino. Questo era già difficile nelle reflex a pellicola, con gli schermi smerigliati per la messa a fuoco e con i mirini ben più grandi di quelli delle APS. Con le APS la cosa è molto difficile.
          Comunque la Canon 550D ce l’ha e così credo anche la precedente 500D. La Nikon D5000 no, dalla D90 in su ce l’hanno tutte.
          Ciao, Francesco

          Mi piace

  15. Ciao francesco,
    salto i convenevoli e vado al punto.
    Posseggo una d5000 con un 18-105 versatile ma un po’ debole, vorrei acquistare, possibilmente a buon prezzo, uno zoom non esagerato.. ho trovato in rete un sigma 70-300 f4-5,6 DL macro super… potrei usarlo come tele? ha l’autofocus?….il prezzo? solo 99€ dimmi la tua!!!
    Con immensa stima leonardo

    Mi piace

    1. Leonardo, da quello che mi dici non riesco ad identificarlo. La mia impressione però è che sia un vecchio modello e che comunque non sia adatto alla D5000 perchè non dovrebbe avere il motore di messa a fuoco. Mandami un link preciso.
      Per la D5000 come tele economico potresti prendere il Tamron TAMRON AF 70-300mm f/4-5,6 Di LD MACRO che costa circa 130-140 €. L’ho avuto per un po’ di tempo ed è molto buono. Naturalmente ha il motore di messa a fuoco per la D5000.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  16. ciao francesco posseggo una nikon d5000 con ottiche 18-55 e 55-200 VR, vorrei comperare un flash ma sono indeciso su un NISSIN Di866, un METZ 50 AF-1 oppure un NIKON SB900, tu quale mi consigli?

    Con immensa stima dino.-

    Mi piace

    1. Dino, ti consiglio caldamente di comprare un Nikon per poter sfruttare tutte le funzioni di misurazione ed esposizione flash della D5000 e non avere problemi di compatibilità.
      L’SB400 è già ottimo ed adatto alla D5000 comunque se vuoi più potenza e flessibilità l’SB900 è il top.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

      1. Vero, meglio sempre Nikon per esperienza soprattutto 😦 Cmq almeno l’SB600 per la parabola orientabile e la modalità wireless essenziali per non sparaflesciare a dritto 😉 L’SB400 lo vedo invece come ottimo slave con fotocellula (almeno per me che tendo a risparmiare).

        Mi piace

        1. La parabola orientabile in verticale ce l’ha anche l’SB400 che però non può funzionare da slave in quanto non ha la fotocellula. Come slave si possono usare l’SB600, SB700 e SB900.
          Ciao, Francesco

          Mi piace

          1. Io intendevo proprio quella orizzontale 🙂 L’orientamento verticale molte volte un ci fai niente (soffitto non bianco, troppo alto, …) e cmq la cadenza di luce e` pur sempre frontale; invece metti un soggetto vicino al muro e giri il flash verso il muro e vedrai che il tuo soggetto sara` illuminato mooolto meglio 😉 Poi l’uso del SB400 era inteso con una fotocellula a parte che costa 10 euro e anche meno… Praticamente con una spesa di 300 euro ti fai un kit di due flash che in molte circostanze e` perfetto… Poi, Dino se puoi spendere 400 euro di SB900 buon per te 😉

            Mi piace

  17. Ciao Francesco,
    7 mesi fa mio marito mi ha regalato la Nikon D5000. E’ la mia prima reflex e non so ancora usarla benissimo…
    Tra 2 settimane partiamo per un safari e vorrei comprare un nuovo obiettivo perché io ho un 18-55 e penso che non sia adatto.
    Vorrei fare però un acquisto intelligente, che vada bene per fare il safari fotografico, ma che poi possa usare per qualsiasi altra occasione (noi viaggiamo molto, e anche se sono alle prime armi… adoro fare fotografie!).
    Ti ringrazio in anticipo e ti faccio i complimenti per il blog.

    Mi piace

    1. Lorena, l’obiettivo più indicato per le foto durante un safari è certamente il Nikon 70-300 VR di eccellente qualità, stabilizzato e velocissimo nella messa a fuoco. Come alternativa più economica c’è il Nikon 55-300 DX VR buono e stabilizzato anche se un po meno veloce.
      Buon viaggio e buone foto. Ciao, Francesco

      Mi piace

  18. Ciao Francesco,
    7 mesi fa mio marito mi ha regalato la Nikon D5000. E’ la mia prima reflex e non so ancora usarla benissimo…
    Tra 2 settimane partiamo per un safari e vorrei comprare un nuovo obiettivo perché io ho un 18-55 e penso che non sia adatto.
    Vorrei fare però un acquisto intelligente, che vada bene per fare il safari fotografico, ma che poi possa usare per qualsiasi altra occasione (noi viaggiamo molto e anche se sono alle prime armi… adoro fare fotografie!).
    Ti ringrazio in anticipo e ti faccio i complimenti per il blog.

    Mi piace

    1. Ah! che bello!!! hai intenzione di fotografare i leoni e altri animali pericolosi a un metro di distanza!? Hahaha mi sa che devi puntare decisamente su un obiettivo con uno zoom minimo 250mm! Francesco ora è in vacanza.. beato lui 🙂

      Mi piace

    1. Lorena, è un discreto obiettivo, ma non l’ho provato. In alternativa puoi considerare anche il Tamron 70-300, molto buono otticamente (l’ho usato per parecchio) e che costa anche meno (circa 120-150 €).
      Ciao, Francesco

      Mi piace

      1. Mannaggia! Mi spiace per tuo figlio…
        Grazie mille intanto per l’aiuto. Ti faccio un altro paio di domandine… Il Tamron 70-300 che mi hai consigliato non è stabilizzato, vero? Dici che può andar bene lo stesso per una principiante come me?
        In ogni caso…se dovessi prendere il tamron 70-300 o il Nikon 55-300, sono obiettivi che posso utilizzare anche per altre occasioni diverse dal safari? Grazie mille per la pazienza!

        Mi piace

        1. Lorena, la stabilizzazione non ha nulla a che fare con il fatto di essere un principiante o no.
          per scattare foto nitide, non affette da “mosso”, è necessario scattare con un tempo di scatto uguale almeno al reciproco della lunghezza focale EQUIVALENTE dell’obiettivo. Quindi con una focale di 300 mm su fotocamera APS equivalente a 450 mm è necessario scattare almeno con 1/500 di secondo. Questo è possibile in pieno sole, ma data la scarsa luminosità dei telezoom non è possibile in condizioni di luce inferiori. E’ quindi necessario aumentare la sensibilità o allungare il tempo di scatto. Lo stabilizzatore consente di allungare il tempo di scatto senza rischiare di fare foto mosse. In pratica con la focale di 300 mm si potrebbe arrivare almeno ad 1/125 e con un po’ di fortuna anche a 1/60. Naturalmente lo stabilizzatore non può fermare i soggetti in movimento e per fotografarli nitidamente l’unica soluzione è usare un tempo di scatto breve da 1/250 in su.
          Quindi se usi un obiettivo non stabilizzato o fotografi soggetti in movimento devi controllare il tempo di scatto. La soluzione migliore è impostare la macchina sulla priorità ai tempi S e impostare un tempo di sicurezza adeguato. Se non si riesce ad ottenere l’esposizione giusta pur aprendo al massimo il diaframma è necessario aumentare la sensibilità Iso.
          Per quanto riguarda gli obiettivi il mio consiglio, in ordine di preferenza è questo:
          1) Nikon 70-300 VR circa 520 € stabilizzato e adatto anche per fullframe
          2) Nikon 55-300 DX VR circa 330 € stabilizzato
          3) Tamron AF 70-300 Di circa 140 € non stabilizzato ma adatto anche per fullframe.
          Tutti e tre hanno un’ottima resa ottica anche se il Nikon 70-300 è indubbiamente il migliore.
          Ciao, Francesco

          Mi piace

  19. Grazie Francesco. Cercherò di “smanettare” un po per mettere in pratica i tuoi preziosi consigli. Spero di riuscirci perchè non ho ancora molta manualità… Volevo chiederti invece cosa ne pensavi di un SIGMA 18-200mm 3,5-6,3 DC OS(stabilizzato per Nikon), l’ho trovato su Amazon.it e mi sembrava una buona idea, più che altro per avere un unico obiettivo…
    Grazie ancora.

    Mi piace

    1. Lorena, il Sigma 18-200 è un buon obiettivo e può essere una buona soluzione come obiettivo unico tuttofare per la D5000.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  20. Ciao Francesco,ho deciso di acquistare la mia prima reflex e ho da subito pensato di diventare nikonista perche son partito così e poi, sia per una questione anatomica,sia per l’assemblaggio ed i materiali le preferisco.A me interessa fare di base foto di architettura e paesaggi ed una d5000 con obiettivo nikon 18-105 sembrava essere un giusto compromesso per iniziare.è da poco uscita la d3100 che,se pur con caratteristiche in linea di massima superiori alla d5000,viene lanciata a dei prezzi piu competitivi ma a me sembra troppo un giocattolino,considerate anche le sue dimensioni ridotte…non so la vedo troppo lontana ad un’utilizzo per chi come me non ha si molta esperienza,ma voglia di ”crescere”.Confermi? E poi c’è la notizia di questa d5100 che dovrebbe stare a momenti,secondo te ne vale la pena di pazientare altri 2 o 3 mesi per avere una macchina innovativa? I prezzi saranno piu alti rispetto all’attuale d5000?
    P.S. a me non interessa tanto fare video ma fare foto ed acquistare in futuro anche qualche bel grandangolare.
    _Situazione di grande indecisione!
    Colgo l’occasione per lasciare un saluto a te e tutti coloro che come me cercano un confronto nel tuo valido blog! grazie mille a presto

    Mi piace

    1. Francesco, la D5000 è un’ottima reflex, ma è appena uscita di produzione. La D3100 è ancora migliore per qualità d’immagine, ma non ha lo schermo orientabile. I due corpi macchina però sono molto simili e non vedo grandi differenze tra le due a parte lo schermo, non mi sembra quindi che la D3100 sia un “giocattolino”. Assolutamente non lo è e fa ottime foto come ho potuto vedere con quella di un mio amico. Ci puoi montare tutti gli obiettivi del corredo Nikon e di terzi muniti di motore AF, cioè gran parte di quelli in vendita attualmente dal supergrandangolo al supertele.
      La D5100 che si dice dovrebbe uscire fra poco sarà infatti sostanzialmente una D3100 con lo schermo orientabile e quindi non particolarmente innovativa perchè le innovazioni ci sono già state con la D3100. Il prezzo non è prevedibile ma sicuramente al momento del lancio di saranno delle differenze perchè le D5000 eventualmente rimaste saranno vendute a prezzi più bassi.
      Col digitale comunque ad aspettare si rischia di non comprare mai (e di non fare foto) perchè il ritmo delle novità è sempre elevato.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  21. ciao Francesco, che ne pensi del TAMRON 10-24 mm SP AF 3.5-4.5 Di II LD Aspherical IF NIKON come super grandangolo da abbinare a d5000? dovrebbe essere motorizzato, giusto? e a livello qualitativo è paragonabile ai supergrandangoli nikon 10-20 o 12-24?
    grazie! Ciao!

    Mi piace

    1. Enrico, il Tamron 10-24 purtroppo non è un buon obiettivo, a differenza di altri Tamron. Meglio i Sigma 10-20/3,5 o 10-20/4,5-5,6 entrambi motorizzati. Il Nikon 10-24 naturalmente è il massimo.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  22. Carissimo Francesco,
    mi è stata regalata una canon EOS 1000D. Sono appassionata ma decisamente neofita avevo una nikon coolpix prima…
    Sto imparando “facendo”. La mia domanda è questa: come posso scattare fotografie senza fare il minimo rumore? La coolpix aveva una modalità”museum”. Faccio fotografie di scena in teatro e se faccio rumore mi cacciano….
    Grazie ciao Betta

    Mi piace

  23. buongiorno Francesco,
    suppongo da una letta rapida che l’argomento sia trito e ritrito e mi scuso anticipatamente per il disturbo..
    comprerò la nikon d3100 la scelta è sul kit tra il 18-105 vr o il 18-55+55-300 (entrambi VR).
    Mi piace far foto in vacanza a persone, paesaggi, panorami, monumenti, animali ed anche a fiori ed insetti (diciamo un qualcosa che ricordi una macro, leggevo che con il 18-55 si può fare qualcosa..).

    ciao e grazie

    Mi piace

    1. Alessandro, ovviamente la scelta migliore sarebbe con il 18-200 VR o eventualmente il Tamron 18-270 PZD. Se non hai problemi a portarti dietro due obiettivi il kit 18-55 e 55-300 è indubbiamente più flessibile. In alternativa potresti prendere il 18-105 riservandoti di verificare in seguito con l’esperienza se un obiettivo tele più lungo potrebbe esserti utile. In questo caso avresti ampia scelta, dall’economico Tamron 70-300, ottimo ma non stabilizzato, al Nikon 55-300 VR o l’eccellente 70-300 VR.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

  24. Ciao Francesco, mi sto guardando attorno per l’acquisto di un grandangolo spinto usato. Seguento il tuo consiglio mi sono messo alla ricerca del sigma 10-20 f4 (meno costoso del f3,5). Sai se di questo sigma esiste anche una versione non motorizzata precedente al HSM? Non avendo abbandonato del tutto la pista tamron 10-24 per via del prezzo, ti faccio la stessa domanda anche riguardo a quest’obiettivo: ne esiste un ‘unica versione motorizzata o anche una versione non motorizzata? Grazie infinite! Ciao!

    Mi piace

    1. Enrico, vado a memoria perchè non è facile trovare queste informazioni.
      Del Sigma mi pare che esistesse una versione precedente non HSM, mentre del Tamron l’unica versione esistente è l’attuale.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

      1. Grazie Francesco, sono informazioni preziose per districarsi nel mercato dell’usato via web. Ti rubo ancora un minuto con un altro quesito. Premetto che ho d5000 con 18-55 vr e 55-200 vr. Fotografando spesso durante escursioni in montagna mi sono ben presto reso conto di quanto sarebbe comodo un unico obiettivo a lunga escursione per non dover sempre cambiare obiettivo e per risparmiare spazio nello zaino (per questo la compattezza e leggerezza della d5000 sono doti fantastiche). Secondo te vale la pena sostituire i due obiettivi che ho col tamron 18-270? In termini di praticità non ho dubbi, ma temo di perdere molto in termini di qualità d’immagine, qualità costruttive e velocità di autofocus. Il nikkor 18-200 costa un pò troppo di più per le mie tasche e i 270 mm del tamron potrebbero farmi passare la voglia del 70-300vr… che ne pensi? Grazie e ciao!!

        Mi piace

        1. Enrico, sostituire i tuoi due obiettivi con un Tamron 18-270 per la praticità di portarne uno solo e di non doverlo cambiare è un’ottima idea. Non ti preoccupare invece per la qualità d’immagine: il Tamron 18-270 è molto buono per la sua categoria e la differenza con i tuoi attuali obiettivi, entrambi di categoria economica, se anche ci fosse (cosa che non credo) sarebbe non percepibile nelle foto vere, ma solo in quelle di laboratorio. E poi di fronte ad una bella foto nessuno si accorgerà se l’hai fatta con uno Zeiss o con un Tamron,
          Indubbiamente poi con il 270 mm del Tamron potresti evitare di prendere il Nikon 70-300 VR. Nel caso però cerca di prendere la versione PZD: il 18-270 normale è giò sufficientemente veloce per la messa a fuoco, ma il PZD migliora questa prestazione ed è contemporaneamente più compatto e leggero
          Ciao, Francesco

          Mi piace

          1. Chi sa perchè la nikon e la canon non producono un 18-270 a buon prezzo come fa tamron, a questo punto producessero solo i corpi macchina! va beh cmq questo tamron 18-270 prima “versione” pesa ben 500 gr il che vuol dire che dopo pochissimo ti fa male il braccio se tieni la macchina che già pesa intorno ai 600 grammi.

            Mi piace

              1. la faccio già con le pale per fare le pizze 🙂 va beh cmq il problema con obiettivo tamron è nato volendo fare un filmato dal terrazzo sulla processione che passava sotto casa, su cavalletto, basta che vai su focale più corta e “casca” non si può tenere per mezz’ora con la mano! cmq ottima qualità. Ho ripreso anche i fuochi d’artificio, foto e video fantastici.

                Mi piace

        2. posso darti qualche “dritta” anche se non sono Francesco? 🙂 ho il tamron citato da un mese (prima versione), pesa un sacco! però non si deve cambiare spesso l’obiettivo, le foto sono identiche come qualità agli obiettivi 18-55 e il 55-250. Altra nota dolente è che se vuoi fare foto con angolo verso il basso l’obiettivo “casca” da solo, cioè non è stabile come gli obiettivi che hai, si allunga praticamente da solo sotto il suo peso! insomma tamron ha il blocco dell’obiettivo per portarlo in giro “appeso” ma ha dimenticato chi fa foto dall’alto derso il basso… ho fatto bene a tenermi il 18-55 perchè pesa pochissimo e potrebbe essere utile ancora.

          Mi piace

          1. Luca, anche i Nikon e Canon hanno solo il blocco per il trasporto e si possono allungare se puntati verso il basso a focali diverse dalla minima o quasi. E’ un problema comune a tutti gli zoom pesanti di costo non elevato. Ma basta impugnare la macchina correttamente con la mano sinistra sull’obiettivo, in particolare la ghiera dello zoom per evitare il problema.
            Ciao, Francesco

            Mi piace

            1. Grazie a tutti per i consigli. Mi preoccupa un pò il peso del tamron, ma mi avete rinfrancato circa la sua qualità. La versione Pzd è un ancora un pò in su col prezzo, e se, come mi sembra di capire, anche la “prima versione” non è inferiore al 55-200 in quanto a velocità di messa a fuoco, mi sa che mi orienterò su di questa. Anch’io penso che alla fine il 18-55 è meglio tenerlo: è ottimo e pratico e soprattutto, visto che la reflex la usa anche mia moglie, leggero e compatto. Un ultimo interrogativo: i tamron in questione sono IF e quindi si possono usare i polarizzatori senza problemi? grazie ancora! buona domenica a tutti!

              Mi piace

              1. Enrico, spesso quando leggo commenti sul “peso” di obiettivi che in realtà sono assolutamente normali e non particolarmente pesanti ed ingombranti, soprattutto in rapporto a quello che danno, mi cadono le braccia. Ma sono di fronte ad una popolazione di efebi, di ectoplasmi, che si spaventano per qualche etto di peso. Oggi è di moda pretendere tutto senza dare nulla. La fotocamera deve essere piccola, leggerissima, non si deve quasi vedere ed accorgersi di portarla. Però deve fare foto di altissima qualità, automaticamente in modo che non ci sia assolutamente bisogno di pensare, in tutte le condizioni di luce, senza nessun rumore, in tutte le condizioni climatiche, senza necessità di portarsi dietro e cambiare obiettivo, e anche costare poco.
                Questo in italiano vuol dire “volere la botte piena e la moglie ubriaca”, in inglese si dice invece “there is no free lunch in the world”.
                Se non volete impegnarvi nemmeno un po cambiate hobby, con i videigiochio tipo PS3 si può stare comodamente in poltrona.
                Enrico vorrei precisare che questo scritto non è indirizzato specificamente a te. Ho solo preso spunto dalla tua osservazione sul peso del Tamron per scrivere qualcosa che volevo direda tempo su questa tendenza.
                Ciao Francesco

                Mi piace

                1. Ciao Francesco, comprendo benissimo il piccolo “sfogo”…del resto ci deve volere un bel po’ di pazienza a leggere e a rispondere ai commenti di tanti principianti come me.
                  Comunque, nello specifico, la mia osservazione era semplicemente riferita al fatto che il tamron in questione pesa praticamente quanto il 18-55 e il 55-200 messi insieme. Quello che voglio dire è che questi super zoom sono pratici ma pesano in confronto a quanto io ho utilizzato fin ora e non ci vedo niente di ectoplasmatico nel riflettere se alla fine sia meglio perdere un po’ di tempo cambiando obiettivo che imbracciare qualche etto in più. Oltretutto in montagna, su impervie vie e in condizioni spesso molto scomode, meno ingombro si ha al collo meglio è. Nessuno vuole la botte piena e la moglie ubriaca… la vastità dell’offerta attuale permette di trovare a tutti il giusto compromesso…riflettevo solo se alla fine mi era più conveniente il kit che ho o il tamron.
                  Il peso del tamron in questione è perfettamente in linea con tutti gli altri super zoom economici e sono pienamente d’accordo che si possa considerare un meraviglioso compromesso fra qualità, peso, ingombro e prezzo. Se poi andiamo a vedere obiettivi di qualità superiore i pesi “lievitano” come normale che sia: per i miracoli le case costruttrici si devono ancora attrezzare. Anche il tanto amato 70-300vr pesa più di 700grammi…e per questo non lo ammiro certo di meno. Ma alla fine ho deciso, devo puntare molto anche sulla rapidità per immortalare i numerosi animali che incontro, e questi non aspettano che tolga il 18-55 e metta il 55-200…..vincerà la praticità di non dover cambiare spesso obiettivo sul peso: il tamron 18-270 sarà il mio prossimo compagno in montagna (e lo sarebbe stato anche se di grammi ne avesse pesato 1000…)
                  Buona giornata a tutti! E Grazie ancora per i consigli!!

                  Mi piace

                  1. bene, io per cercare di ridurre il prezzo del tamron ho venduto il 55-250 sul noto sito di aste online, poi ho cercato il tamron a buon prezzo. Mi raccomando ora con l’uscita della nuova versione il prezzo della prima sta scendendo, io l’ho pagato 370 euro nuovo versione attacco canon. Un negoziante mi chiedeva addirittura 530 euro…

                    Mi piace

                    1. si, seguirò anch’io lo stesso percorso. Come sempre in quanto a prezzi se ne vede in giro di tutti i colori, ma cercando bene si può riuscire, come hai fatto tu, a risparmiare un bel pò… Visto che tu il tamron in questione ce l’hai, che te ne pare della velocità dell’autofocus, hai sentito differenze con i tuoi precedenti obiettivi?
                      Grazie e Ciao!!

                      Mi piace

                  2. Enrico, nel tuo caso, la montagna, come nel mio turismo oppure mostre ed eventi, la possibilità di non dover cambiare obiettivo, con la conseguente perdita di tempo, vince di gran lunga sul resto.
                    Ciao, Francesco

                    Mi piace

  25. Ciao Francesco…vorrei chiederti un consiglio…io ho una nikkod5000 mi trovo benissimo ma vorrei aggiungere un flash… ho trovato un’offerta a 200 euro un sb600…che ne dici? ne vale la pena? e inoltre se lo stacco riesco a comandarlo con fotocellula a infrarossi anche con la mia macchina? non avrei la minima idea di come fare! gazie mille

    Mi piace

    1. Ciao Silvia,
      la D5000 non può comandare un flash remoto. Per questo potresti adottare una delle seguenti soluzioni:

      – montare sulla D5000 un flash sb800 o superiore, che può a sua volta comandare l’sb600, mantenendo valide le misurazioni TTL (quindi impostando automaticamente la potenza dei flash): è una soluzione molto costosa

      – montare un trigger wireless, che costerebbe meno ma ti costringerebbe a impostare manualmente il flash sb600

      – sostituire la D5000 con una D90 che ti permette di controllare remotamente il flash sb600

      Non so che ottiche hai, ma in alternativa al flash potresti pensare alle ottiche fisse con ampia apertura che ti permetterebbero di catturare meglio la luce ambiente: soprattutto il 50mm f1.8 che a circa 90 euro offre ottimi risultati a un prezzo molto contenuto, come grandangolo il 35mm f2.0 (circa 300 euro) e come medio-tele l’85mm f1.8 (circa 330 euro), più costosi.

      Dipende da cosa devi fare: se puoi muoverti molto per cambiare l’inquadratura, il 50mm f1.8 è la soluzione ideale. Se la luce stroboscopica è indispensabile, o se vuoi sperimentare, allora il passaggio alla D90 con il flash sb600 credo sia la soluzione più economica ed efficace.

      Simone

      Mi piace

  26. Ciao Francesco,

    mi sarei deciso a fare il passo da bridge a reflex, ma utilizzando la macchina fotografica principalmente nei miei viaggi in moto non posso avere più di un obiettivo,
    come corpo macchina avrei pensato a una canon 1100 e vorrei montare uno zoom polivalente ma non eccessivamente costoso tipo il Tamron AF 18-200, pensi sia una buona scelta o c’è dimeglio per il mio utilizzo.

    Mi piace

    1. Ciao Pino,
      sugli obiettivi tuttofare è vantaggioso avere la stabilizzazione, che il Tamron 18-200 non ha, oltre ad essere un’ottica di scarsa qualità. La stabilizzazione ti permette di evitare le foto mosse con tempi più lunghi o iso più basso, ed è utile soprattutto sulle focali più lunghe e di sera, con poca luce: ti risparmia di portare il cavalletto e migliora la qualità dei video.

      Gli obiettivi tuttofare stabilizzati per Canon sono:

      – i Canon 18-200: il vecchio IS a partire da 410 euro o il nuovo USM a partire da 450 euro, più veloce per la messa a fuoco e silenzioso per i video
      – i Tamron 18-270: il vecchio VC a partire da 420 euro o il nuovo PZD a partire da 450 euro, che è più veloce nella messa a fuoco e più silenzioso per i video, ed è il più compatto e leggero tra quelli elencati anche se la qualità delle immagini è un poco inferiore
      – i Sigma 18-200 OS a partire da 300 euro, o il 18-250 HSM a partire da 410 euro, con il motore di messa a fuoco più veloce e silenzioso
      – In alternativa potresti scegliere un compromesso tra costo, qualità dell’immagine e stabilizzazione prendendo il Canon 18-135 stabilizzato a partire da circa 270 euro.

      Ti consiglio di spendere un po’ di più per l’obiettivo e prendere uno di questi, risparmiando sull’estensione dello zoom piuttosto che sulla stabilizzazione e sulla velocità di messa a fuoco. Quindi in ordine dal più economico ai più costosi suggerisco: Canon 18-135 (270 euro), Sigma 18-250 (410 euro), Canon 18-200 o Tamron 18-270 (450 euro).

      Considera che solitamente si sostituisce più spesso il corpo macchina rispetto all’obiettivo, quindi ha senso spendere di più per l’obiettivo che per la macchina: tra due o tre anni potresti sostituire il corpo e conservare l’obiettivo.

      Concludo dicendo che sono passato di recente da una bridge (Fuji HS10) alla Nikon D5100 con Tamron 18-270 PZD, utilizzo la reflex come la bridge (ingombro e peso non sono molto superiori, spesso non porto il treppiedi nè altra attrezzatura) e mi trovo molto bene.

      Simone

      Mi piace

  27. ciao francesco,io ho una nikon d5000,solo che ho soltanto un obiettivo il 18,55(troppo piccolo) mi piacerebbe tanto acquistare un nuovo obiettivo ,per paesaggi piu’ che altro…non saprei …ma i soldi sono pochi eh eh eh…ho visto prezzi assurdi sapresti consigliarmi un buon obiettivo senza spendere troppo??!! grazie in anticipo!! un saluto marzia.

    Mi piace

    1. Marzia,
      per fotografare paesaggi di solito si usano grandangoli più o meno spinti, oppure “normali”, cioè obiettivi che hanno un campo di visione si mile a quello dell’occhio umano. Igrandangoli invece abbracciano un campo più ampio ed i tele uno più ristretto.
      Il tuo 18-55, equivalente in termini di pellicola o fullframe ad un 27-82 mm, parte dal grandangolo moderato 27 mm per arrivare al piccolo tele da ritratti 82 mm, passando per il normale, circa 50 mm. E’ quindi un obiettivo adattissimo alle foto di paesaggio.
      Dal fatto però che dici che è “troppo piccolo” (forse intendevi troppo corto?) mi sembra di capire che forse ti servirebbe un tele zoom. In questo caso uno degli obiettivi più economici, anche se otticamente valido, è il Tamron 70-300 Di Ld Macro. che costa sui 130 €. Questo obiettivo ha il motore di messa a fuoco incorporato e va benissim sulla Nikon D5000.
      Se invece cerchi un grandangolo più spinto devi prepararti a spendere molto di più: uno dei migliori e più economici è il Sigma 10-20/4,5-5,6 che costa 450-500 €.
      Ciao, Francesco

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...