Fotocamere consigliate – Per iniziare (compatte & bridge, ma non solo…)

Le fotocamere per iniziare a fotografare devono essere semplici e di facile uso. Si potrebbe pensare che una qualsiasi compatta da pochi euro possa andare bene, e per chi cerca uno strumento per fare solo qualche foto ricordo la cosa potrebbe essere anche giusta, anche se verrebbe da chiedesi perchè in questi casi non usare il cellulare, specialmente se è uno smartphone.
Ma ch si mette a cercare cosa scegliere in rete evidentemente vuole qualcosa di più., quindi non si accontenta di una compatta qualsiasi.
Indicherò quindi alcune compatte che si differenziano dallo standard medio per caratteristiche di qualità d’immagine e funzioni offerte, tralasciando le centinaia di compatte standard sul mercato.

Aggiunta Olympus E-PL1


Tutte queste macchine si contraddistinguono per una qualità d’immagine buona alla sensibilità di base di 100 Iso, che però si deteriora man mano che questa sale, a causa del rumore prodotto dal piccolo sensore e dell’intervento delle relative funzioni di soppressione. La velocità operativa è solo discreta con un ritardo di scatto più o meno sensibile dovuto prevalentemente all’autofocus; la velocità di AF non è alta e non adeguata a inseguire e mettere a fuoco soggetti in movimento.
Le macchine consigliate consentono, tranne la supercompatta Canon Ixus 310HS, la regolazione anche manuale dei parametri di scatto, tempi e diaframmi, in modo da poter imparare e sperimentare l’effetto di queste regolazioni. Ciò non perchè regolando la macchina manualmente si ottengano foto migliori, ma perchè è necessario sapere come queste regolazioni possano influire sulla foto per poterle eventualmente modificare a ragion veduta.

Canon PowerShot SX220HS

E’ una compatta superzoom con sensore da 1/2,3 CMOS retroilluminato (BSI-CMOS) da 12 Mpx e obiettivo zoom 14x equivalente ad un 28-384 mm con stabilizzazione ottica. E’ una delle poche della sua categoria ad offrire contemporaneamente sia la messa a fuoco manuale sia la regolazione dell’esposizione a priorità dei tempi, dei diaframmi e manuale, oltre che a quella automatica. Questo può consentire di imparare qual’è l’influenza della variazione di questi parametri sul risultato finale. La qualità fotografica è buona fino a 400 Iso con gli 800 ancora accettabili; i benefici del sensore retroilluminato si incominciano a sentire. La sensibilità massim arriva comunque fino a 3200 Iso. La ripresa video è Full HD a 1920×1080 pixel e 24 fg/s. Lo schermo è da 3″ con 461.000 pixel. Le dimensioni abbastanza compatte.
Il prezzo attuale è di circa 220 €, quindi piuttosto contenuto.
Esiste anche la versione SX230HS che si differenzia per la presenza del ricevitore GPS e costa circa 250 €.

Fuji FinePix F600 EXR

L’ultima novità di Fuji nel settore delle compatte superzoom sostituisce la precedente F550 EXR, ancora in vendita, con alcuni miglioramenti e nuove funzioni di ripresa come l’aumento della sensibilità Iso per le riprese di soggetti in movimento ed altre. Ha un sensore da 1/2 EXR CMOS da 16 Mpx specifico di Fuji, con pixel grandi e piccoli, che può funzionare in tre modalità automaticamente o con selezione manuale:
– HR (High Resolution) priority mode in cui vengono utilizzati tutti i 16 Mpx per la maggiore risoluzione
– DR (Dynamic Range) priority mode in cui vengono riprese due immagini, con i pixel grandi e quelli piccoli, per poi combinarle creando una foto da 8 Mpx con elevata dinamica
– SN (Signal to Noise) priority mode in cui i pixel sono combinati a due a due per ottenere un immagine da 8 Mpx con meno rumore alle alte sensibilità.
La stabilizzazione è sul sensore. Lo zoom è un 15x 24-360 mm equivalente; ha la possibilità di esposizione manuale e a priorità ma non la messa a fuoco manuale. E’ una delle poche compatte in grado di salvare le foto anche in formato raw e la segnalo quasi esclusivamente per questo. La qualità d’immagine è buona alle basse sensibilità ma da 400 Iso in su la soppressione del rumore interviene pesantemente facendo perdere dettagli e quindi non è adatta per foto in poca luce. La sensibilità massima arriva fino a 12.800 Iso a risoluzione ridotta (3200 Iso a risoluzione normale). Lo schermo è da 3″ con 460.000 pixel; la ripresa video è Full HD 1920×1080 pixel a 30 fg/s. Ha anche un ricevitore GPS integrato. Le dimensioni abbastanza compatte.
Il prezzo è di circa 290 €

Samsung WB750

Anche questo modello è appena stato presentato e sostituisce la precedente WB700 con poche differenze. E’ una macchina molto ben costruita con corpo in metallo ed obiettivo Schneider Kreuznac. Il sensore, di produzione Samsung, è un CMOS retroilluminato (BSI-CMOS) con 12,5 Mpx, l’obiettivo zoom 18x equivale ad un 24-432 mm e la stabilizzazione è ottica. E’ possibile la messa a fuoco manuale e l’esposizione manuale, a priorità ed automatica, utile per sperimentare l’effetto delle regolazioni manuali. La qualità d’immagine è buona fino a 400 Iso con il solito aumento di rumore oltre questa sensibilità, ma gli 800 Iso sono ancora accettabili. La sensibilità massima è di 3200 Iso. La ripresa video è Full HD a 1920×1080 pixel e 30 fg/s. Lo schermo è da 3″. Le dimensioni nella media.
Il prezzo è di circa 260 €

Sony HX9V

Questa compatta monta il nuovo sensore CMOS retroilluminato (BSI-CMOS) di Sony da 1/2,3 con 16 Mpx. Lo zoom è un 16x equivalente ad un 24-384 mm con stabilizzazione ottica. Ha la possibilità di messa a fuoco e di esposizione manuale, oltre che automatica, ma non l’esposizione a priorità. La qualità d’immagine è buona, con un’ottima resa dei colori, come al solito fino a 400 Iso con gli 800 ancora decenti grazie al sensore retroilluminato. La ripresa video è Full HD a 1920×1080 pixel e 60 fg/s. Lo schermo è da 3″ con 921.000 pixel. Le dimensioni nella media.
Il prezzo è di circa 290 €

Canon Ixus 310HS

Ha un sensore da 1/2,3 CMOS retroilluminato (BSI-CMOS) da 12 Mpx, come la SX220HS, e obiettivo zoom 4,4x equivalente ad un 24-105 mm con stabilizzazione ottica di alta luminosità f/2,0-5,8, almeno in posizione grandangolare. Non dispone di messa a fuoco manuale ne di esposizione manuale o a priorità. La qualità fotografica è buona fino a 400 Iso con gli 800 ancora accettabili; i benefici del sensore retroilluminato si incominciano a sentire. La sensibilità massim arriva comunque fino a 3200 Iso. La ripresa video è Full HD a 1920×1080 pixel e 24 fg/s. Lo schermo è da 3,2″ con 461.000 pixel e funzioni touch screen. Le dimensioni sono estremamente compatte ed il peso contenuto in modo da renderla veramente tascabile. L’obiettivo luminoso in posizione grandangolare la rende anche adatta a foto in interni.
Il prezzo è di circa 260 €.

Al prezzo di queste compatte o poco più è possibile trovare delle mirrorless, magari non l’ultima generazione come la Olympus E-PL1 ancora reperibile (15/10/2011), con una flessibilità d’uso ed una qualità d’immagine sicuramente molto superiori

Inserisco in questo gruppo anche alcune bridge. Queste sono viste da molti come un gradino più in alto rispetto alle compatte, ma in realtà le uniche differenze sono la forma simile a quella delle reflex, la presenza di un obiettivo con un’amplissima escursione focale e di un mirino elettronico. I sensori sono gli stessi delle compatte. La qualità d’immagine e la velocità operativa sono quindi uguali e cioè non particolarmente elevate.
Anche in questo caso al prezzo delle compatte più costose è possibile trovare mirrorless e reflex di con qualità d’immagine, flessibilità d’uso e velocità molto superiori. Basta convincersi che un tele equivalente a 700-800 mm in pratica serve a poco in fotografia passato il primo momento di curiosità ed interesse.

Canon PowerShot SX40HS

Questa nuova bridge della Canon ha un nuovo sensore CMOS retroilluminato (BSI-CMOS) da 12 Mpx, al posto del precedente CCD da 14 Mpx della SX30IS. Il minor numero di megapixel, ma soprattutto il sensore retroilluminato sono stati introdotti per migliorare la qualità d’immagine. Lo zoom è rimasto il 35x 24-840 equivalente con stabilizzazione ottica. Il mirino è elettronico. E’ possibile la messa a fuoco manuale e l’esposizione manuale ed a priorità, oltre che quella automatica per poter provare e sperimentare l’influenza delle regolazioni sulla foto. La qualità fotografica è buona fino a 400 Iso con gli 800 ancora accettabili; i benefici del sensore retroilluminato si incominciano a sentire. La sensibilità massim arriva comunque fino a 3200 Iso. La ripresa video è Full HD a 1920×1080 pixel e 24 fg/s. Lo schermo è da 2,7″, articolato con 230.000 pixel. Le dimensioni e peso poco inferiori a quelle di una reflex.
Il prezzo è di circa 400 €.

Fuji Finepix S3200

E’ una bridge molto economica e per questo interessante. Ha un sensore CCD da 14 Mpx e uno zoom 24x 24-576 mm equivalente con stabilizzazione sul sensore. Il mirino è elettronico. E’ possibile l’esposizione manuale ed a priorità, oltre che quella automatica per poter provare e sperimentare l’ifluenza delle regolazioni sulla foto, ma non la messa a fuoco manuale. La qualità fotografica è discreta alle basse sensibilità fino a 200 Iso poi il rumore incomincia a danneggiare l’immagine e le sensibilità di 1600 Iso e più consentite dalla macchina sono difficilmente usabili; la sensibilità massim arriva comunque fino a 6400 Iso. La ripresa video è HD a 1280×720 pixel e 30 fg/s. Lo schermo è da 3″ con 230.000 pixel. Le dimensioni e peso contenuti.
Il prezzo è di circa 170 € ed è il pregio maggiore di questa bridge che consente di sperimentare l’uso di questo tipo di macchine con un impegno ridotto.

Panasonic FZ150

Questa nuova bridge Panasonic ha un nuovo sensore CMOS retroilluminato (BSI-CMOS) da 12 Mpx, al posto del precedente CMOS da 14 Mpx della FZ100. Come Canon anche Panasonic ha ridotto il numero dei megapixel e soprattutto adottato il sensore retroilluminato per migliorare la qualità d’immagine. Lo zoom è rimasto il 24x 25-600 equivalente, marcato Leica, con stabilizzazione ottica. Il mirino è elettronico. E’ possibile la messa a fuoco manuale e l’esposizione manuale ed a priorità, oltre che quella automatica per poter provare e sperimentare l’ifluenza delle regolazioni sulla foto. La qualità fotografica è buona fino a 400 Iso con gli 800 ancora accettabili migliorando notevolmente rispetto alla già buona FZ100; i benefici del sensore retroilluminato si incominciano a sentire. La sensibilità massim arriva comunque fino a 3200 Iso. La ripresa video è Full HD a 1920×1080 pixel a 60 e 30 fg/s. Lo schermo è da 3″, articolato con 460.000 pixel. Le dimensioni e peso poco inferiori a quelle di una reflex. La FZ150 si conferma la migliore delle bridge, come l’anno scorso la FZ100.
Il prezzo è di circa 450 €, abbastanza elevato ed anche questo a livello di reflex.

Panasonic FZ48

E’ la sorella minore della FZ150. Come questa ha un nuovo sensore però CCD da 12 Mpx, al posto del precedente CCD da 14 Mpx della FZ38. Come Canon anche Panasonic ha ridotto il numero dei megapixel per cercare di migliorare la qualità d’immagine. Lo zoom è rimasto il 24x 25-600 equivalente, marcato Leica, con stabilizzazione ottica. Il mirino è elettronico. E’ possibile la messa a fuoco manuale e l’esposizione manuale ed a priorità, oltre che quella automatica per poter provare e sperimentare l’ifluenza delle regolazioni sulla foto. La qualità fotografica è buona alle basse sensibilità fino a 200 Iso ma a quelle più alte la differenza con la FZ150 diventa sensibile, mentre i risultati sono paragonabili a quelli della precedente FZ100. La sensibilità massim arriva comunque fino a 3200 Iso. La ripresa video è Full HD a 1920×1080 pixel a 60 e 30 fg/s. Lo schermo è da 3″ fiss con 460.000 pixel. Le dimensioni leggermente inferiori a quelli della FZ150.
Il prezzo è di circa 340 €, con un risparmio di almeno 100 € sulla FZ150 ma a prezzo della qualità..

Sony Cyber-Shot HX100V

Questa compatta monta il nuovo sensore CMOS retroilluminato (BSI-CMOS) di Sony da 1/2,3 con 16 Mpx. Il sensore retroilluminato è stato introdotto per migliorare la qualità d’immagine particolarmente alle alte sensibilità. Lo zoom è un 30x 27-810 equivalente, marcato Carl Zeiss, con stabilizzazione ottica. Il mirino è elettronico. E’ possibile la messa a fuoco manuale e l’esposizione manuale ed a priorità, oltre che quella automatica per poter provare e sperimentare l’influenza delle regolazioni sulla foto. La velocità di raffica arriva a 10 fg/s. E’ presente una funzione per creare foto panoramiche. La qualità fotografica è buona fino a 400 Iso con gli 800 ancora accettabili, anche se leggermente inferiore alla FZ150, considerando i 4 Mpx in più; i benefici del sensore retroilluminato si incominciano a sentire. La sensibilità massim arriva comunque fino a 3200 Iso. La ripresa video è Full HD a 1920×1080 pixel a 60 e 30 fg/s. Lo schermo è da 3″ orientabile con 921.000 pixel. Le dimensioni e peso poco inferiori a quelle di una reflex.
Il prezzo è di circa 400 €.

L’alternativa

Olympus PEN E-PL1

La PEN E-PL1 è una fotocamera mirrorless di standard Micro 4/3, quindi con sensore CMOS 4/3 da 17×13 mm, molto più grande di quello delle compatte e mirrorless, con 12 Mpx. Questo le consente di avere una qualità d’immagine molto superiore a qualsiasi compatta e bridge e vicina a quella delle reflex APS. Ha un corpo piccolo e leggero, poco più grande di quello di una compatta e gli obiettivi intercambiabli con innesto Micro 4/3. Il corpo è ben rifinito ed i comandi accessibili e facili. Con un obiettivo “pancake” montato diventa pure tascabile. Può funzionare in modo totalmente automatico o con le priorità ai tempi o ai diaframmi ed in manuale. Lo stabilizzatore è incorporato nel corpo e quindi consente di stabilizzare qualsiasi obiettivo. Con opportuni anelli adattatori vi si mossono montare obiettivi Olympus OM, Leica M e qualsiasi altro obiettivo per reflex, mantenendo l’automatismo di esposizione. Lo schermo è da 2,7″ con 230.000 pixel. Non c’è mirino ma è disponibile come optional un eccellente mirino elettronico V-F2 purtroppo abbastanza costoso.
La qualità d’immagine è ottima con ottima risolvenza, gamma dinamica e rapporto segnale rumore, molto superiore alle compatte ed alle bridge. Si può usare senza problemi fino a 1600 Iso ed in caso di necessità fino a 3200. Ovviamente c’è il live view e la ripresa video è HD 1280×720 pixel. Ha anche un flash incorporato e una slitta a contatto caldo per flash esterni.
La gamma di obiettivi comprende undici obiettivi, tutti di ottima qualità, dallo zoom grandangolare 9-18 mm fino allo zoom tele 75-300 mm, compresi un “pancake” 17/2,8, due macro e uno zoom 14-150 specifico per la ripresa video con un motore di messa a fuoco particolarmente silenzioso, ma poichè l’innesto è standard Micro 4/3 si possono montare anche gli obiettivi Panasonic per questo standard. Il fattore moltiplicativo è 2x.
Attualmente è venduta ad un prezzo particolarmente conveniente 260 € o poco più in kit con lo zoom 14-42 (equivalente ad un 28-84 mm). Per chi  non si fa attrarre dalle sirene dei superzoom da 800 mm equivalenti, divertenti per fotografare senza farsi veder, ma poco utili per le foto normali, è una scelta che consente di avere con la spesa di una compatta una macchina di caratteristiche molto superiori per iniziare la propria esperienza fotografica.
Non so fino a quando resterà in vendita perchè è un modello dello scorso anno e attualmente ci sono nel catalogo Olympus due modelli più nuovi, quindi chi è interessato dovrebbe accaparrarsela subito.

About these ads

409 pensieri su “Fotocamere consigliate – Per iniziare (compatte & bridge, ma non solo…)”

  1. sarei interessato alla pen e-pl1 con obiettivo 14-150 ma non la trovo ai prezzi da voi citati, potete gentilmente linkarmi dove posso trovarla attorno ai 400 euro??

  2. Ciao Francesco,
    sono un neofita della fotografia. Per introdurmi (seriamente) al mondo della fotografia ho pensato a due opzioni:
    – una bridge (cfr Sony DSC-HX 100 opp. 200; Canon SX 40 HS; Panasonic FZ 150; insomma tutte le fotocamere bridge di settore medio-alto); prezzo tra i 300 e i 400 euro.
    – la Canon Eos 1100d nel pacchetto con obiettivi 18-55 e 75-300 (entrambi non stabilizzati); prezzo: 480 euro (su internet).
    Vorrei sapere gentilmente se la seconda ipotesi varrebbe la spesa in più, e parlo dal punto di vista della qualità fotografica (sensibilità, esposizione, definizione, possibilità di personalizzazione della macchina). Insomma la Canon reflex della seconda ipotesi è meglio di qualsiasi bridge (N.B: ho volutamente parlato di quella offerta con obiettivi NON stabilizzati)? Ti chiedo questo perché un mio amico ha appena acquistato la Sony DSC-HX 100 a 300 euro ed è una buona macchina, mi chiedo se con la Canon 1100d supererei di slancio le prestazioni della Sony oppure non cambierebbe molto (a patto ovviamente che impari ad usarla, ripeto che sono un neofita della fotografia).
    Insomma il gioco vale la candela?
    Scusa la mia petulanza, e ti ringrazio in anticipo,
    Pierre

    1. Pierre,
      qualsiasi reflex, anche la più economica come la Canon 1100D, è migliore di qualsiasi bridge per qualità d’immagine, velocità di scatto e messa a fuoco, flessibilità e mirino. La bridge che più si avvicina alle prestazioni di una reflex base, anche se non le uguaglia, è la Fuji X-S1 che costa sui 650-700 €.
      L’offerta della 1100D con due obiettivi a 480 e è molto conveniente. La stabilizzazione è molto utile, ma non indispensabile. Va bene per foto a soggetti statici, come paesaggi e monumenti, ma per foto a persone (a meno che non siano immobili in posa) o a soggetti in movimento è inutile e si può farne benissimo a meno.
      Ciao, Francesco

  3. Ciao Francesco,
    leggendo i commenti sopra vedo che c’è molto interesse per le mirrorless.
    Sabato sono stata a Livigno e mi hanno proposto queste due soluzioni
    1) Olympus E-PL1 + obiettivo 14-150 mm a € 499
    2) Panasonix Lumix G3 + obiettivo 14-150 mm (sempre Olympus) a € 899 (mi darebbero anche il 14-42 mm a € 915)
    Ovviamente la prima soluzione è quella più “risparmiosa”, però da un lato sono tentata dalla Panasonic che ha pure il mirino e un display 3″.
    Secondo il tuo punto di vista ci stanno € 400 di differenza solo sul corpo macchina, visto che l’obiettivo è lo stesso? Ti premetto che ho sempre avuto macchine compatte e questa sarebbe la mia prima mirrorless, però non vorrei prendere una macchina già superata.
    Ti ringrazio in anticipo
    Rosanna

    1. Rosanna,
      la Olympus E-PL1 con 14-150 a 499 € è conveniente, anche se fino a poco tempo fa si trovava sui 400.
      La Panasonic G3 è ugualmente una buona macchina, con un sensore anche migliore. Il problema è che non ha la stabilizzazione incorporata (l’Olympus ce l’ha) e nemmeno lo zoom 14-150 Olympus è stabilizzato. Avresti quindi un insieme senza stabilizzazione. Dovresti invece vedere se è possibile avere la G3 con lo zoom Panasonic 14-140 che è stabilizzato. In questo caso, se il prezzo si mantiene quello che ti hanno proposto per la combinazione con l’Olympus, la soluzione potrebbe essere conveniente e preferibile alla E-PL1.
      Altrimenti puoi vedere se è possibile avere l’Olympus E-PM1, più aggiornata della E-PL1, che attualmente viene venduta a 50-80 € in più.
      Ciao, Francesco

      1. livigno non è più conveniente come una volta, a quel prezzo la trovi anche online e a volte in negozio e non corri il rischio di pagare multe salate alla dogana..

  4. ciao francesco, avrei bisogno di un tuo parere. sono in possesso di un panasonic 20mm acquistato usato settimana scorsa. l’ho montato sulla mia epl3, foto bellissime, mi piace molto come lente. però vorrei sapere se è normale quel ticchettìo che si sente non appena c’è più luce. non so se sono stata chiara. tipo poco fa ho provato a puntare un lume accesso e dalla posizione buia in cui era inizialmente a quella più luminosa ho sentito questo rumorino. si tratta di qualche problema? spero vivamente di no. aspetto una tua illuminante risposta
    saluti

    1. Lux,
      è ben difficile capire da distanza cosa fosse il rumorino senza nemmeno sentirlo. Forse era la messa a fuoco o più probabilmente il diaframma che si chiudeva.
      Ma la macchina funziona correttamente? In questo caso non preoccuparti.
      Ciao, francesco

      1. si si la macchina funziona correttamente. A ben vedere ho notato che avvicinandolo alla luce il diaframma si apre e si chiude ed è questo che fa un pò di rumore. Dici che è normale? grazie mille per la tua risposta

        1. francesco, scusa se disturbo ancora, ma mi farebbe piacere un tuo parere a riguardo.
          la macchina funziona correttamente. A ben vedere avvicinandolo alla luce il diaframma si apre e si chiude ed è questo che fa un pò di rumore. Dici che è normale?
          saluti, e scusami ancora

  5. ciao Francesco io dovrei acquistare una fotocamera per poter immotalare mia figlia durante le gare di ginnastica che disputa o in palazzetti o in palestre,essendo io sugli spalti perciò ad una quindicina di metri cosa mi consiglieresti? Mi ero orientato sulle bridge ma leggo che non c’è una ottima qualità.
    Io ora possiedo una vecchia coolpix 5200 da 5 mp con sensore ccd da 1/1.7 usando una bridge avrei la stessa qualità od inferiore essendoci il sensore più piccolo
    Grazie
    Sergio

  6. ciao, un consiglio per il mio nuovo acquisto di una bridge:
    ad oggi se puntassi sulla qualita’ dell’immagine e avessi l’esigenza di avere un buono zoom,
    tu cosa compreresti???
    ho guardato: sony hx200v—canon sx40—–panasonic fz150—-fuji xs1
    o mi consigli altro????

    grazie e mille complimenti……….meno male che ci sei tu!!!!!
    che ci dai ottimi consigli.

    ciao e buon lavoro
    cinzia

    1. Cinzia,
      senza alcun dubbio Fuji X-S1. E’ l’unica che ha una qualità d’immagine migliore della media di bridge e compatte e accettabile nella maggior parte dei casi, anche se non arriva a quella delle reflex o mirrorless migliori.
      Ciao, Francesco

  7. -ciao, se decido per la bridge sara’ sicuramente la xs1.
    se mi avessi convinto a fare il salto e passare ad una mirrorless cosa mi consiglieresti di comperare considerando:
    ho bisogno di dimensioni da compatta, zoom piu’ spinto dei kit in vendita perche’ fotografo spesso animali da riprendere da lontano, spesa attorno ai 600 euro.
    ancora grazie e buona giornata
    cinzia

    1. Cinzia,
      per rimanere nel tuo preventivo di spesa l’unica scelta è la Olympus PEN E-PM1 con in kit lo zoom 14-150, equivalente ad un 28-300 a circa 600 €.
      Tieni presente che il corpo macchina è piccolo come una compatta, ma l’obiettivo, per quanto piccolo e compatto, le aggiunge un ingombro che la rende non tascabile e richiede una borsa adatta per il trasporto. Complessivamente però le dimensioni sono inferiori a quelle della X-S1, ma la macchina non ha il mirino. E’ disponibile un ottimo mirino elettronico opzionale che però costa sui 200 €.
      Ciao, Francesco

  8. Grazie Francesco e scusami se sono cosi’ indecisa, mi sembra di aver capito che in fotografia come nella vita non si puo’ avere la botte piena e la moglie ubriaca!!!bisogna raggiungere dei compromessi e nel mio caso mi sembra che la scelta cada sulla fuji xs1, un buon compromesso mi sembra.
    ho letto che questa macchina e’ uscita pero’ con un difetto, se la compero adesso che tu sappia e’ gia’ stato risolto???
    se decidessi l’acquisto su internet, che sito mi consigli??
    grazie ancora
    ciao
    cinzia

  9. ciao vorrei farti i complimenti per la completezza dei tuoi commenti e l ottima semplicità delle tue spiegazioni vorrei chiederti un consiglio io volevo comprare una macchina fotografica e ho ristretto la scelta tra due macchine la fuji film sl240 e la fujifiilm s4200 tenendo conto della leggera differenza di prezzo quali sono le sostanziali differenze tra le due macchine?

    oppure tenendo conto del mio buget limitato e del fatto che uso la macchina fotografica solo per hobby e in ogni tipo di situzione avresti da suggerirmi n altra macchina?

    marco

    1. Marco,
      la Fuji SL240 ha in più, rispetto alla S4200, uno schermo con risoluzione maggiore, 460.000 invece di 230.000 pixe, la slitta per il montaggio di flash esterni e l’alimentazione con una batteria al litio invece che le batterie a stilo AA, oltre ad un corpo con una linea un po’ diversa. Nessuna di queste caratteristiche influisce sulla qualità d’immagine che è la stessa, non particolarmente elevata.
      Ciao, Francesco

  10. Ciao Francesco, ma dov’è finita la Fuji X-S1?
    Sulla recensione da te fatta, era risultata come la migliore Bridge presente al momento sul mercato.

    Ero indecisa tra questa Fuji e la Canon SX40 HS.
    Io non sono un’esperta però adoro fare foto e quindi mi chiedo se secondo te vale davvero la pena spendere 300 euro in più per la X-S1.
    Grazie

    1. Elly,
      ti confermo che per quello che ho potuto provare la Fuji X-S1 è la migliore tra le attuali bridge, per il sensore di dimensioni superiori alle altre, per l’obiettivo e per il mirino. Rispetto alla Canon SX40 inoltre consente di salvare le foto in raw per ottenere una migliore qualità.
      Forse è l’unica che possa essere usata al posto di una mirrorless o di una reflex base senza troppi rimpianti. Penso che valga il suo maggiore prezzo.
      Spero di poterla provare approfonditamente, se Fuji Italia me la metterà a disposizione.
      Ciao, Francesco

  11. Salve, innanzitutto grazie per la bisponibilità. Sono un principiante e sto per aquistare una macchina fotografica. Sono indeciso fra una Olympus pen epl1 (o altra 4:3 nella stessa fascia di prezzo che abbia l’innesto del flash esterno il mirino – anche se opzionale – e la possibilità di scattare foto in notturno a distanza con un telecomando o lo storico scatto flessibile ) e la fujifilm x-10. Come qualità d’immagini la differenza è abissale. L’obiettivo delle 4:3 è teoricamente più scuro di quello dell x-10, ma nella realtà lo è davvero? (voglio evitare di aumentare gli iso in ogni occasione per non incorrere nel classico rumore).
    Ciao, Maurizio

    1. Maurizio,
      la Olympus E_PL1 è sicuramente migliore per qualità d’immagine della Fuji X-10. Anche questa ha una buona qualità complessiva, ma con il suo sensore più piccolo non può arrivare al livello della Olympus. La considerazione sulla luminosità dell’obiettivo per non aumentare troppo la sensibilità è valida, ma si deve considerare che fra il sensore 2/3 della Fuji e il 4/3 dell’Olympus ci sono almeno due stop di differenza nel rapporto segnale rumore. Questo vuol dire che l’Olympus avrà lo stesso rapporto segnale7rumore della Fuji ad una sensibilità quattro volte superiore. In pratica i 100 Iso della Fuji equivarranno, più o meno, ai 400 della Olympus e i 400 della Fuji ai 1600 della Olympus. Vuol dire anche che se si scatta a f/2,0 e 400 Iso con la Fuji si potrà scattare a f/4,0 e 1600 Iso con l’Olympus con più o meno la stessa qualità. L’obiettivo in dotazione in kit con l’Olympus è un 14-42/3,5-5,6 che è meno luminoso di 1,5-2 stop rispetto a quello della Fuji, quindi alla fine si va circa in parità per la possibilità d’uso in poca luce. Il vantaggio dell’olympus è però che è possibile dotarla anche di obiettivi, a focale fissa, molto più luminosi, f/2,0, f/1,8 e f/1,4 che inoltre usufruiranno della sua stabilizzazione integrata, consentendo di fotografare meglio in condizioni di luce scarsa. Il loro acquisto potrà avvenire in un secondo tempo e comunque andranno bene anche per eventuali nuove macchine micro 4/3, saranno quindi un buon investimento. Anche il mirino elettronico, che costa dai 160 ai 200 €, potrà essere acquistato in un secondo tempo, ma è molto più utile del mirino ottico della Fuji X-10 che non serve a molto secondo me.
      Il vantaggio della Fuji è quello di fornire tutto quello che serve in un corpo unico, senza necessità di ulteriori accessori o acquisti e di poter riprendere video Full HD mentre la E-PL1 è limitata agli HD.
      Ciao, Francesco

      1. Francesco,
        la tua riaposta è puntuale e precisa e sembra dire molto di più di quanto tu abbia scritto e per questo ti ringrazio infinitamente. In particolare, a conti fatti, la Olympus non conviene da un punto di vista econonomico: metti il mirino (circa 180 euro), metti un flash degno di questo nome (altri 150/200 euro), metti un altro obiettivo 40-150 (circa 250/300 euro) e siamo a 750/800 euro, metti infine che se usi il mirino non usi il flash e la risposta è data. Una simile valutazione può essere fatta per la Panasonic G3 trovata a 500 euro con un 14-42, a cui andrebbe aggiunto il flash ed un altro obiettivo, con una qualità d’immagine inferiore ad una reflex. In alternativa penso convenga scegliere una nikon d3100 con un 18-105 (euro 600) più un flash e siamo a 750 euro, con una qualità differente ed un buono inizio, foss’altro per la disponibilità di obietttivi luminosi anche a focale fissa che permetterebbero un upgrade futuro. Certo rinuncio alla portabilità, ma in tal caso invece di spendere quelle cifre prenderei una compatta premium (sembra che così si dica) con l’attacco per il flash esterno. Se poi voglio dar di testa posso pensare ad una Canon 550d con un 18-135 (euro 700). A questo punto ti chiedo di consigliarmi: meglio la nikon d3100 con un 18-105 (o anche solo corpo abbinando un tamron 15-50 f/2,8 stabilizzato ed un altro obiettivo zoom a basso costo per iniziare – a proposito me ne indichi uno?) o una Canon 550d con obiettivo 18-135 e rinviare al futuro altri acquisti, quando ho fatto una certa esperienza sul campo? Il dubbio nasce anche dal fatto che non so se è meglio investire in una fotocamera di qualità inferiore per poi abbinare in futuro ottiche di maggiore qualità o viceversa e quanto un’ottica di scadente possa rappresentare un collo di bottiglia.
        Ti ringrazio anticipatamente per l’attenzione che riterrai opportuno dedicarmi e cordialmente ti saluto.
        Maurizio

  12. Caro Francesco, complimenti per il tuo lavoro e per l’accuratezza con cui gestisci questo blog. Come tanti prima di me, anch’io ho bisogno di un consiglio riguardo l’acquisto di una fotocamera e conto sulla tua gentilezza e disponibilità; sono una studentessa di storia dell’arte e cerco un apparecchio che mi offra una discreta qualità d’immagine a basse luminosità (interni, es: chiese), buono zoom per cogliere dettagli vicini e lontani, limitato “rumore”. La mia idea è quella di acquistare una bridge, e il mio budget massimo è di 360€ circa. Non intendo acquistare online, pertanto credo che l’unica possibilità sia orientarmi su macchine fotografiche ancora in produzione.
    Ti ringrazio in anticipo e ti saluto cordialmente.
    Veronica

    1. Veronica,
      una bridge ti darà uno zoom con gamma focale molto estesa, ma non ti darò mai una buona qualità d’immagine in situazioni di scarsa luce come interni di chiese o altro. Per avere questo serve una reflex o una mirrorless.
      Ti posso consigliare una Canon 1100D o una Nikon D3100 entrambe con lo zoom 18-55 in kit per circa 400 €. Poi potrai aggiungere se ti servirà un telezoom con focale maggiore un Tamron 70-300 Di LD Macro per circa 130 €.
      Ciao, Francesco

  13. ho una vecchia canon350d,ho un dubbio comprare amron18-270 o canon 18-135,oppure passare a fuji x1 s che posso prendere a euro 550 cosa mi con siglinsono veramente nel caos, dici che essendo abituato alla reflex sarebbe traumatico

    1. Marco,
      il cambio non sarebbe traumatico, ma presenta alcuni svantaggi insieme a qualche vantaggio.
      Gli svantaggi principali sono:
      – qualità d’immagine leggermente inferiore, però con una differenza non elevata a causa della evoluzione tecnologica dei sensori dai tempi della 350D che ha migliorato la resa di quelli più piccoli
      – velocità operativa inferiore nello scatto e nella messa a fuoco
      – mirino elettronico, inferiore a quello ottico, anche se molto buono
      – possibilità di scegliere l’obiettivo più adatto alle foto che si vogliono fare

      Fra i vantaggi ci sono:
      – fotocamera “tutto in uno” con uno zoom 24-624 equivalente che consente di affrontare quasi tutti i tipi di foto senza il problema di acquistare altri obiettivi
      – schermo orientabile per foto dall’alto o dal basso e per il video
      – ripresa video, assente nella 350D
      – funzioni speciali tipo HDR, panorama, ecc.

      Io piuttosto che prendere una X-S1 però preferirei prendere un nuovo corpo 1100D, usando per il momento l’obiettivo che hai e poi eventualmente prendere uno zoom tuttofare, Canon 18-200 IS o Tamron 18-270 PZD.
      Ciao, Francesco

  14. ciao Francesco!
    noto con molto piacere che dai degli ottimi consigli, quindi ti sottopongo anche la mia attuale “para” ;)
    Ho una compatta vecchia e un po’ schifida ma mi è sempre piaciuta la fotografia. QUest’anno finalmente inizio un corso per capirne di più (anche se youtube aiuta) però devo acquistare la macchina fotografica prima di iniziarlo (semplicemente perchè ho uno sconto che mi scade).
    Fino a 2 giorni fa ero convinta per una bridge Nikon P510…ma ora un sacco di persone mi dicono di comprare una reflex. Solo che temo che il peso …la questione obiettivi..etc etc mi portino a spendere tanto e poi a non usufruire molto della macchinetta. Solo che adesso tutti mi sconsigliano una bridge e mi dicono che me ne pentirò :/ hellllp meeee

    1. Elisa,
      per decidere se prendere una reflex o una bridge devi capire se la fotografia ti interessa e ti piace o meno. Nel primo caso vorrai continuare a fotografare e cercare di migliorare sempre di più e la scelta della reflex è quasi obbilcata. Se invece vuoi fotografare solo per avere qualche ricordo, fare vedere le foto agli amici e metterle su Facebook allora anche una bridge va bene.
      Le bridge hanno una qualità d’immagine inferiore alle reflex e una velocità operativa inferiore però consentono comunque di fare buone foto in esterni se non si pretende di riprendere soggetti in movimento veloce.
      Le reflex non sono necessariamente grandi e pesanti; molti sono impressionati da quelle usate dai professionisti di cronaca e foto sportiva, ma le reflex base sono molto più piccole e leggere. Ci sono alcune bridge, come ad esempio la Fuji X-S1, che sono più pesanti. Gli obiettivi non necessariamente costano molto, si possono trovare telezoom a poco più di 100 €. Inoltre hanno il vantaggio di durare nel tempo e si possono passare da una reflex ad un’altra seguendo l’evoluzione dei corpi macchina. Quindi nel tempo ci si può costruire un buon corredo.
      In conclusione però se non sei conventa dalla reflex prendi pure una bridge che può andare bene per iniziare. Se ti appassionerai alla fotografia ti accorgerai da sola dei suoi limiti.
      Ciao, Francesco

      1. Grazie Francesco!!! troppo gentile :) …ora medito (sono ancora un po’ in confusione) e colgo la proposta di un’amica che mi farà provare la sua reflex prima di scegliere. Poi ti faccio sapere :))) kiss

      2. Francesco se dovessi scegliere una bridge, ero orientata su nikon p510. Ho letto su qualche tuo post che c’era qualcosa che consideravi meglio ma non ricordo cosa. Cosa ne pensi della nikon p510?

  15. Ciao Francesco, ho passato in lungo e largo il tuo blog per acquisire maggiori informazioni possibili. Da una fotocamera compatta vorrei passare ad una bridge. Ho visto che parli bene delle fuji S4200 e SL240 con l’esclusione delle foto di soggetti in movimento (ciclismo e bambini in movimento): foto che mi riuscivano abbastanza bene con la mia vecchia canon ixus970. Con le suddette fuji avrò risultati peggiori? E cosa ne pensi circa un paragone con la nikon L810? Grazie e complimenti per la tua competenza. maurizio

    1. Maurizio,
      se ottenevi risultati per te soddisfacenti con una compatta ne otterai di analochi con una bridge economica come quelle che ti interessano.
      Ciao, Francesco

  16. Un mio amico diciamo “esperto” mi ha parlato della nuova Sony RX100 e mi ha detto che per essere una compatta e’ ai livelli di una mirrorless se non superiore e per avere risultati superiori è necessaria una reflex ma non qualsiasi, una reflex professionale. Mi ha parlato di sensore grandissimo e luminosità impressionante, ha detto che fino a ieri per ottenere risultati simili ci volevano 3000 euro e ha argomentato bene il tutto quindi diciamo che sembrerebbe rivoluzionaria? Qualcuno ne sa qualcosa? Costa sui 600 euro, non è poco …. le mirrorless mi spaventano soprattutto per il discorso “polvere sul sensore” mentre una reflex per me è troppo grande, inoltre pare che questa RX100 sia ottima anche per i video, spero di vedere al più presto una prova su questo blog visto che mi sembrate molto esperti !!

    1. Federico,
      per prima cosa puoi leggerti l’articolo di presentazione Sony DSC-RX100.
      Spero di provarla in futuro, sicuramente durante la Photokina a settembre.
      E’ una buona macchina, ma non ne esagererei le caratteristiche. Il suo sensore di circa 8×13 mm è circa la metà di quello delle Micro 4/3, un quarto delle reflex APS e meno di 1/8 delle reflex fullframe, quindi può garantire buoni risultati, ma una reflex, anche base da 350 € è sempre superiore.
      La polvere sul sensore per le mirrorless o per le reflex non è un problema a meno che tu cambi gli obiettivi nel deserto o in mezzo ad una spiaggia quando c’è vento.
      Le reflex base non sono poi così grandi, molti si impressionano vedendo in tv le reflex professionali adatte per la cronaca o le riprese sportive.
      Comunque la RX-100 è una compatta interessante perchè sicuramente offre dei risultati superiori alla media della sua categoria.
      Ciao, Francesco

      1. Innanzitutto ti ringrazio per la cortese e professionale risposta, in questo blog ho imparato molto sulla scelta della mia futura macchina, che deve essere piccola, tascabile ma al tempo stesso il meglio che si possa trovare in giro … le mirrorless a questo punto le escluderei a priori perchè richiedono più obiettivi e se per esempio sono in barca e vedo qualcosa di lontano non posso certo mettermi a cambiarli … maneggiando borsine e borsette di accessori (a parte il costo). La bridge la escludo perchè alla fine sono abbastanza grandi e non eccellono tra l’altro (mi pare di aver capito che questa RX-100 le superi quasi tutte), le reflex men che meno sono troppo professionali, grandi, con accessori … con circa 600 euro avrei un prodotto praticamente completo e soprattutto compatto, non mi sembra veramente di trovare di meglio ma aspetto una prova perchè a parte questo mio entusiastico cugino (che ha avuto diverse reflex tra l’altro) qui sul web non si trova gran che !!! Certo che frasi come “fino a ieri ci volevano 3000 euro di atrezzatura per fare foto simili” potrebbero essere sicuramente esagerate ! Grazie ancora e a risentirci !
        Federico.

      2. Accidenti adesso che guardo bene la Sony ha uno zoom di serie di 3,6x ero stranamente convinto che avesse un 20x ….. in tal caso è un po’ pochino, al pari di una mirrorless con obiettivo di base …. mi servirebbe una compatta ma con zoom un po’ più esteso ….

  17. Ho letto i post degli altri utenti e anche su altri siti..ma non riesco trovare risposta.
    L’altra sera sono stata presso un negozio di una nota catena e mi sono lasciata convincere che la Canon ps4000 fosse quello che cercavo. Una volta a casa però mi sono accorta con gran rammarico che era poco più di quello che avevo già. ( casio ex-z280).
    Ho le idee confuse…ho un budget di circa 250/300€ e vorrei che tra le varie cose fosse FULL HD per i video, che facesse le foto panoamiche, e che avesse la funzione 3D. Della Nikon ci sono i modelli S9300-S9200-S9100, mentre dell’olympus ci sono i modelli SP-810UZ e SP720uz.
    Vorrei un consiglio sincero..perchè nn mi capisco davvero più!
    Grazie infinite e complimenti sia per il sito che per i consigli che dai!

  18. Cerco una macchina fotografica che mi permetta di scattare foto decenti quando vado a vedere le mie band preferite.
    Di solito la luce è poca e con lo zoom le foto vengono una ciofeca se uso la mia compatta (una Nikon L11). Ma ad uno di questi concerti ho visto una ragazza che faceva senza problemi foto che facevano impallidire le mie con la sua bridge.
    Non sono un professionista, né un appassionato di fotografia, ma non mi dispiacerebbe diventarlo (questo per far comprendere la mia dimestichezza con la materia).
    Il budget è molto ristretto (il meno possibile). Per darvi un’idea ho trovato in rete queste macchine, così volevo sapere cosa ne pensate, se valgono la pena.
    Fujifilm S2980
    Kodak Z5010
    Fujifilm SL240

    1. Emmanuele,
      le foto che faceva la ragazza le hai viste sullo schermo della macchina o su un pc ingrandite al 100 %? Sul monitor delle macchine sembrano sempre bellissime, poi le vai a veder sullo schermo di un pc e fanno pena.
      Con le bridge in condizioni di poca luce non è possibile ottenere una buona qualità d’immagine.
      le riprese ai concerti poi pongono problemi perchè i soggetti, i cantanti e i suonatori, non stanno fermi, ma si muovono. Per questo si deve scattare con tempi abbastanza veloci, alte sensibilità e obiettivi luminosi.
      La scelta ideale sarebbe una reflex, anche base, con uno zoom luminoso 70-200/2,8.
      Frale tre bridge che hai elencato non conosco assolutamente la Kodak. La S2980 è una bridge molto basica anche se ha il pregio di avere conservato il mirino. La Sl240 è leggermente meglio, ma sta sempre nella fascia bassa delle bridge e quindi non ci si può aspettare una grande qualità d’immagine.
      ciao, Francesco

      1. Grazie per la risposta :)
        Viste sullo schermo della macchina. Il fatto è che le mie facevano già pena senza scaricarle sul pc! xD
        Tra la SL240 e la Canon 220 HS (a proposito, c’è differenza tra la SX e la IXUS?), tu quale mi consiglieresti per l’uso che vorrei farne?
        Altrimenti accantono del tutto l’acquisto e aspetto tempi migliori per prendermi una EOS 1100D oppure una D3100.

        1. Emanuele,
          la Olympus PEN E-PL1 può essere una buona soluzione, ma per le riprese ai conceri penso che dovresti dotarla anche di un tele. Può andare bene anche l’Olympus 40-150.
          Tieni presente comunque che la E-PL1 nuova si trova in kit con il 14-42 a circa 270-280 €.
          Ciao, Francesco

          1. In futuro vorrei poi dotarmi di una reflex (magari una 600D).
            Ho capito bene che esistono degli anelli adattatori che permettono di usare lenti da reflex sulla E-PL1?
            In questo modo mi porterei avanti con le lenti per la reflex (magari prendendo il tele).
            Grazie.

          2. Francesco l’acquisto l’ho fatto. Ho trovato un buon usato (E-PL1) con l’anello adattatore per lenti Canon incluso.
            Mi conviene prendere un tele Canon?

            1. Emanuele,
              direi di no. Con un tele Canon la messa a fuoco sarebbe manuale e l’esposizione solo a priorità dei diaframmi chiudendolo materialmente. Ti conviene prendere un tele Olympus come il 40-150.
              Ciao, Francesco

              1. Grazie dei tuoi preziosi consigli.
                Intanto ho preso un filtro UV per l’obiettivo in kit.
                Ora, un mio caro amico mi consigliava l’ottimo ed economico Canon 50mm f1.8 II.
                Tu che ne dici? Mi sarebbe utile la sua luminosità per le foto ai concerti (quasi tutti in notturna).
                L’unico inconveniente sarebbe il focus manuale (ma non mi dispiace).

                1. Emmanuele,
                  perchè la messa a fuoco manuale? Il Canon EF 50/1,8 II ha l’autofocus, se montato su una reflex Canon, ed è un ottimo obiettivo, soprattutto per il prezzo che costa.
                  Ciao, Francesco

  19. Ciao Francescox
    premetto che non capisco quasi niente di fotografia anche se l’adoro. uso da qualche anno una sony cybershot DSC w35 ma ora vorrei passare ad una migliore,che mi impegni un po di piu ,che sia piu manuale.non vorrei una reflex per via del peso . ho visto che tra un po uscira la Pentax x 5 ma temo che le foto siano poco luminose.tu cosa mi consigli? spesa max 350/ 400 euro

    1. Tiziana,
      la Pentax X-5 è una bridge con uno zoom 26x, dal grandangolo 23 mm al tele 580 mm equivalenti. Obiettivi di questo genere non possono avere una grande luminosità. Forse questo intendevi col dire “che le foto siano poco luminose”.
      le foto non saranno, con la X-5, “poco luminose” in quanto la macchina le esporrà correttamente. Semmai si deve dire che in situazioni di scarsa luce per sopperire alla scarsa luminosità dell’obiettivo si dovrà esporre con tempi più lunghi, rischiando il mosso, oppure aumentare la sensibilità Iso peggiorando la qualità delle foto. La qualità d’immagine delle bridge non è diversa poi da quella delle compatte, i loro unici vantaggi sono lo zoom più esteso, la presenza del mirino e le regolazioni manuali.
      Se vuoi una macchina migliore con un’elevata qualità d’immagine, la possibilità di uso manuale oltre che automatico e anche la possibilità, in futuro, di cambiare obiettivo, ti consiglio la Olympus E-PL1 che in kit con lo zoom 14-42 (equivalente ad un 28-84 mm) si trova a meno di 300 €. Se ti interessa anche il video Full HD puoi prendere la Olympus E-PM1 che sempre con lo stesso obiettivo sta sui 350.
      Ciao, Francesco

    2. Ciao Francesco,grazie al tuo consiglio staseraho acquistato la Epm1con obiettivo 14-42 che a quanto ho capito serce per il grandangolo.quale obiettivo mi consigli per le foto molto ravvicinate e per lo zoom? di quale marca , e il prezzo? grazie mille

  20. ciao Francesco,

    stavo pensando di comprare una macchina ” tascabile” da regalare alla mia fidanzata,ma da sfruttare anche io come grandangolo, in aggiunta mia alla reflex d 5100 con 18-105 che ho;

    mi chiedevo: la Olympus E-PL1 con lo zoom 14-42 è ” tascabile”?

    l’obiettivo 14-42 (equivalente ad un 28-84 mm) mi darebbe lo stesso angolo di campo che un 18mm su Dx mi da, ( anche qui ci sta il fattore crop, giusto?); in ogni caso la qualita che tale macchina mi da è equivalente ad un sigma 10-20 che potrei comprare per reflex?In pratica quale mi consigli?

    1. Antonello,
      la Olympus E-PL1 con lo zoom 14-42 non è assolutamente tascabil, anche se iù piccola della Nikon D5100. Valla a vedere in un negozio e te ne renderai conto personalmente.
      L’obiettivo 14-42, con fattore moltiplicativo 2x, equivale ad un 28-84, mentre il 18-105 Nikon, con fattore moltiplicativo 1,5x, equivale ad un 27-157 mm. Quindi l’Olympus non è più grandangolare del Nikon e non può essere assolutamente confrontato con un Sigma 10-20 sulla D5100 che equivale ad un 15-30, cioè ad un grandangolo spinto.
      Le compatte hanno un grandangolo che al minimo arriva all’equivalente di 24 mm, quindi non molto differente dal tuo 18-105.
      Se vuoi una compatta veramente tascabile ti consiglio la Panasonic FT20, veramente piccola e compatta oltre che impermeabile fino a 5 metri, che sta in qualsiasi tasca e costa sui 180 €. La sua qualità è buona per una compatta, è semplice da usare, ma completa. Ha uno zoom 4x da 25 a 100 mm equivalente ed un sensore da 16 Mpx.
      Se vuoi qualcosa di maggiore qualità puoi vedere la Canon S100, zoom 5x 24-120 f/2,0-4,9 e 12 Mpx circa 400 € con un sensore più grande della media per una qualità migliore, oppure la Panasonic LX-7, zoom Leica 3,6x 24-90 f/1,4-2,3 veramente eccellente, circa 500 € però un po’ più grande ed al limite della tascabilità.
      Ciao, Francesco

  21. Ciao Francesco
    io vorrei acquistare una macchina fotografica e spendere circa 350 € tu quali modelli mi consigli?
    io la uso principalmente a fare foto ai bambini, un fotografo mi ha sconsigliato le bridge con uno zoom superiore ai 12 mpx perchè se utilizzata in casa per fare foto ai bambini si accentua il problema degli occhi rossi, è vero?

    1. Laura,
      ti sconsiglio anche io le bridge, ma non certo per il problema degli occhi rossi che si eviatno con l’apposita funzione di prelampo disponibile in quasi tutte le fotocamere. Buffa la motivazione del tuo fotografo!
      La scelta migliore secondo me è una compatta con un obiettivo ad elevata luminosità, per poter fare foto anche in interni poco luminosi. La più economica è la Nikon P310 che costa sui 300 €. Attualmente però si dovrebbe poter trovare con qualche sconto anche la Panasonic LX-5, decisamente migliore, che prima costava sui 400 €, visto che sta per uscire sul mercato il nuovo modello LX-7.
      Ciao, Francesco

  22. Devo comprare una fotocamera vorrei dei consigli!?
    che vi pare di queste due fotocamere CANON POWERSHOT SX230 HS
    SONY – Cyber-shot DSC-W690 Black
    quale è la migliore (a me mi piace tenerla in tasca )

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...